HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi sarà il capocannoniere del Mondiale?
  Cristiano Ronaldo
  Lionel Messi
  Neymar
  Romelu Lukaku
  Harry Kane
  Antoine Griezmann
  Denis Cheryshev
  Sergio Aguero
  Gabriel Jesus
  Diego Costa
  Timo Werner
  Dries Mertens
  Luis Suarez
  Kylian Mbappé
  Artem Dzyuba
  Edinson Cavani
  Falcao
  Mario Mandzukic
  Thomas Muller
  Altro

Editoriale

Colpa di Allegri: la Juventus contro il Real Madrid ha raccolto quanto ha seminato nel 2018. Questo è il risultato di essersi accontentati del minimo

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
04.04.2018 07:34 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 58466 volte

Mi dispiace, ma dire “il Real Madrid è più forte e si sapeva” non è sufficiente. Non per la Juventus. E non valgono nemmeno le solite pappardelle sull’inferiorità del calcio italiano. Troppo facile rifugiarsi nelle scuse quando conviene, e poi esaltarsi nella vittoria.
Questa è la stessa Juventus che se la giocava alla pari con il Real Madrid di Ancelotti e il Bayern di Guardiola, e che aveva il carattere di mettere paura al Barcellona dei Fantastici Tre. Nessuno ha chiesto alla Juve di vincere per forza, nessuno è così pazzo, ma ancora una volta ha sbracato contro un avversario più scaltro, non solo più forte.
Ed è proprio questo il punto: se Cristiano è un alieno che i suoi gol se li va a prendere in cielo non ci puoi fare niente, ma se ti mettono sotto sul piano dell’intelligenza, della elasticità mentale, e allora è solo colpa tua.
Anche perché ti era già successo. Poco tempo fa. Con lo stesso avversario. E hai proclamato ai quattro venti che avevi appreso la lezione. Proprio come avevi sbagliato atteggiamento entrando nella finale. E la sublimazione è prendere un gol dopo 174 secondi, e prenderlo in quella maniera inerme, come di chi non si rendesse conto con chi aveva a che fare.

E c’è un colpevole su tutti, ed è Massimiliano Allegri. Perché Cardiff era stato un trauma a ciel sereno, un brusco risveglio, ma dopo un sogno di 4 mesi in cui Allegri stesso si era costruito le sue fortune con coraggio e intuizioni tattiche.
Tutto il contrario del 2018: Allegri da 3 mesi sta speculando sull’ovvia superiorità tecnica della Juventus, abbassando sempre di più l’asticella del gioco, una sorta di gioco al massacro dal titolo “Faccio il meno possibile e necessario per vincere”.
Una intollerabile asta al ribasso dell’offerta creativa che aveva raggiunto il suo punto più basso a Londra, dove solo la dabbenaggine difensiva del Tottenham aveva tenuto in vita una Juve inspiegabile.
Wembley doveva suonare come un campanello d’allarme, azionato dalla resilienza della Juventus, ma dove bisognava rendersi conto del grosso pericolo scampato. E invece fu salutato come il trionfo della saggezza, non ultimo dagli addetti ai lavori, troppo abituati a tirare le somme dal risultato per paura di innervosire l’uditorio.

E invece no. La corda del minimo è stata tesa da Allegri al massimo, e adesso si è spezzata.
Finora si è detto, anche a ragione per carità: “Come è possibile discutere un allenatore che ha vinto tre scudetti consecutivi, e forse vincerà il quarto?”.
Vero. Ma la domanda legittima è: tutto qui quello che riesce a dare la Juventus di Allegri, e con tutto quello che ha a disposizione? Campare di rendita sulla superiorità tecnica data dal lavoro della società? Perché da Cardiff la Juventus non è cresciuta di un centimetro, anzi si è rimpicciolita e di molto, e avrebbe dovuto avere una cattiveria dopo la finale persa tale da uscire dall’Europa solo dopo averci lasciato la vita.
Invece questo è tutto quello che ha potuto dare con Allegri. E per carità, è tantissimo in Italia. Ma in Europa non basta, e si badi non tanto per vincere, ma per evitare di uscire impotenti per la seconda volta. E questa Juve ha un livello tale da essere tutto, tranne che impotente.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Ecco come finirà il Milan: oggi la resa dei conti. Mancano 32 milioni. Elliott in agguato. Ma ecco il socio americano, è il proprietario dei Chicago Cubs. L’esclusione dall’Europa inaccettabile giudizio politico 22.06 - Oggi si può decidere il futuro del Milan. E’ lo snodo cruciale, quattordici mesi dopo il passaggio della società da Berlusconi a Yonghong Li, si potrebbe cominciare a capire davvero qualcosa di più e di diverso. E’ il d-day per tutti. Cerchiamo di ricapitolare. Entro le diciassette...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L’Inter fa sul serio, la Juve saluta Emre Can, Roma e Napoli non solo portieri. Il Milan in attesa: è un mercato mondiale 21.06 - Sono i giorni dell’Inter. Fra le cessioni per rientrare nei paletti del FFP e gli acquisti per dare a Spalletti una rosa di primo livello non si può non partire dai nerazzurri. Di Nainngolan sappiamo ormai quasi tutto. Non diciamo che bisogna solo scrivere ma quasi. La Roma ha individuato...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: perché da luglio niente sarà più come prima in Russia. E nel frattempo ecco i Premi del primo turno: Miglior Squadra Messico; Miglior Giocatore Cristiano Ronaldo, mentre per colpa di Khedira... 20.06 - Qui Radio Mosca, vi scrivo dal treno Sochi-Rostov, 12 ore di viaggio, dalla costa del Mar Nero risalendo la Circassia, dal confine con la Georgia fino ad arrivare a quello con l’Ucraina, quello sensibile, quello dove al di là della dogana c’è la distrutta Donbass Arena di Donetsk,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il giorno di Golovin e la mossa “in serbo”. Milan: le scelte di Fassone per l’udienza a Nyon e la mossa (in attacco) di Mirabelli. Inter: ecco i tempi di Nainggolan (per Icardi si va in “zona clausola”). E su Roma-Pastore… 19.06 - Son stato in Russia tre giorni. A Mosca. La prima cosa che ho capito appena sbarcato a Mosca è che dell’Italia del calcio se ne fottono. Pensavamo che senza di noi non ce l’avrebbero fatta e invece no, ce la fanno eccome. A Mosca era pieno di Fifa, l’organismo maximo del calcio Mondiale:...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, no allo scambio Higuain-Morata. Sì alla cessione secca. Frosinone in A: polemiche e controsensi. Seconde squadre e mercato, la nuova FIGC è già in confusione. C di Cosenza... non di Juve B 18.06 - Il mercato, quello vero, dovrebbe entrare nel vivo solo questa settimana. Saranno i giorni di Sarri al Chelsea, di Ancelotti che inizia a chiudere qualche affare per il Napoli e del Milan che saprà di che morte morire. E' un modo di dire, lo specifichiamo. La Juventus, come sempre,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Un mercato ancora senza rinforzi. Solo la Juve è migliorata, Inter a metà tra acquisti e mancati riscatti. Roma: i giovani basteranno per sostituire i grandi in uscita? Napoli, effetto Ancelotti ma ora i colpi 17.06 - Scrivere di calciomercato col Mondiale che scorre in sottofondo. Con la Francia che sfida l'Australia, con Marocco e Iran che corrono, sudano. Con l'Arabia Saudita che crolla, con le giocate di spagnoli, portoghesi, argentini. Mette una nostalgia dannata dei ricordi più belli perché...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Nainggolan all’Inter si farà. Alisson-Real pista caldissima. Napoli: Politano se esce Callejon. Cancelo e Darmian, la Juve prova il doppio colpo 16.06 - L’Inter è pronta a piazzare il colpo Nainggolan. I contatti con la Roma sono sempre più intensi e la sensazione è che alla fine l’operazione si farà. Con un anno di ritardo, Radja approderà alla corte di Spalletti. E questo è un grande acquisto, che permetterà al tecnico di Certaldo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, avanti su Golovin già star dei mondiali: il Cska alza il tiro. Offerto anche Pjaca. Sarri (e Zola) col Chelsea bloccano Higuain, Icardi, Savic e Rugani. Il Napoli vuole Courtois per liberare l’allenatore. Roma, via Allison e Nainggolan 15.06 - Se qualcuno avesse avuto ancora dei dubbi, la prima partita dei mondiali li ha spazzati via: la Juventus ha visto bene su Aleksandr Golovin, 22 anni, centrocampista del Cska Mosca. Due assist e mezzo, un gol, Golovin è stato il migliore in campo nel cinque a zero dei russi contro...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juve Cancelo e non solo, Inter incontra Dembele, il FFP e il nuovo socio rossonero 14.06 - Ha parlato Allegri, in casa Juve. E con la consueta leggerezza non ha fatto un dramma per eventuali partenze di big, Higuain in testa. “Il 9 luglio vedròsarà in ritiro: generalmente ho sempre avuto una buona squadra”. Chissà che non ci sia Cancelo visto che il Valencia è a Milano...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: perché è un Mondiale come non si vedeva da Argentina 78? Dalla Russia ecco cosa sta succedendo nel e attorno al Mondiale. Di cosa deve avere paura il Brasile, in cosa deve sperare l’Argentina 13.06 - Qui Radio Mosca: benvenuti in Russia. Da oggi e per il prossimo mese ogni mercoledì proverò a portarvi le sensazioni che si vivono qui al Mondiale, provando a dirvi quello che non si vede davanti alle telecamere o sulla carta stampata. Doverosa promessa: in questo spazio saranno banditi...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy