VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/18?
  Real Madrid
  Bayern Monaco
  Roma
  Liverpool

Editoriale

Colpa di Allegri: la Juventus contro il Real Madrid ha raccolto quanto ha seminato nel 2018. Questo è il risultato di essersi accontentati del minimo

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
04.04.2018 07:34 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 58366 volte

Mi dispiace, ma dire “il Real Madrid è più forte e si sapeva” non è sufficiente. Non per la Juventus. E non valgono nemmeno le solite pappardelle sull’inferiorità del calcio italiano. Troppo facile rifugiarsi nelle scuse quando conviene, e poi esaltarsi nella vittoria.
Questa è la stessa Juventus che se la giocava alla pari con il Real Madrid di Ancelotti e il Bayern di Guardiola, e che aveva il carattere di mettere paura al Barcellona dei Fantastici Tre. Nessuno ha chiesto alla Juve di vincere per forza, nessuno è così pazzo, ma ancora una volta ha sbracato contro un avversario più scaltro, non solo più forte.
Ed è proprio questo il punto: se Cristiano è un alieno che i suoi gol se li va a prendere in cielo non ci puoi fare niente, ma se ti mettono sotto sul piano dell’intelligenza, della elasticità mentale, e allora è solo colpa tua.
Anche perché ti era già successo. Poco tempo fa. Con lo stesso avversario. E hai proclamato ai quattro venti che avevi appreso la lezione. Proprio come avevi sbagliato atteggiamento entrando nella finale. E la sublimazione è prendere un gol dopo 174 secondi, e prenderlo in quella maniera inerme, come di chi non si rendesse conto con chi aveva a che fare.

E c’è un colpevole su tutti, ed è Massimiliano Allegri. Perché Cardiff era stato un trauma a ciel sereno, un brusco risveglio, ma dopo un sogno di 4 mesi in cui Allegri stesso si era costruito le sue fortune con coraggio e intuizioni tattiche.
Tutto il contrario del 2018: Allegri da 3 mesi sta speculando sull’ovvia superiorità tecnica della Juventus, abbassando sempre di più l’asticella del gioco, una sorta di gioco al massacro dal titolo “Faccio il meno possibile e necessario per vincere”.
Una intollerabile asta al ribasso dell’offerta creativa che aveva raggiunto il suo punto più basso a Londra, dove solo la dabbenaggine difensiva del Tottenham aveva tenuto in vita una Juve inspiegabile.
Wembley doveva suonare come un campanello d’allarme, azionato dalla resilienza della Juventus, ma dove bisognava rendersi conto del grosso pericolo scampato. E invece fu salutato come il trionfo della saggezza, non ultimo dagli addetti ai lavori, troppo abituati a tirare le somme dal risultato per paura di innervosire l’uditorio.

E invece no. La corda del minimo è stata tesa da Allegri al massimo, e adesso si è spezzata.
Finora si è detto, anche a ragione per carità: “Come è possibile discutere un allenatore che ha vinto tre scudetti consecutivi, e forse vincerà il quarto?”.
Vero. Ma la domanda legittima è: tutto qui quello che riesce a dare la Juventus di Allegri, e con tutto quello che ha a disposizione? Campare di rendita sulla superiorità tecnica data dal lavoro della società? Perché da Cardiff la Juventus non è cresciuta di un centimetro, anzi si è rimpicciolita e di molto, e avrebbe dovuto avere una cattiveria dopo la finale persa tale da uscire dall’Europa solo dopo averci lasciato la vita.
Invece questo è tutto quello che ha potuto dare con Allegri. E per carità, è tantissimo in Italia. Ma in Europa non basta, e si badi non tanto per vincere, ma per evitare di uscire impotenti per la seconda volta. E questa Juve ha un livello tale da essere tutto, tranne che impotente.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Allegri non pervenuto. Sarri, colpo Gobbo a Torino. Milan, che dolore il colpo della strega. Crisi Udinese, Oddo non pronto per questi livelli. De Canio e la bacchetta magica... 23.04 - Se la Juventus prepara una finale scudetto in questo modo, molto colpe sono del suo allenatore. Squadra scarica, zero tiri in porta, gente che passeggia in campo e neanche il 10% della carica agonistica che ti aspetti per chiudere i conti e ammazzare il tuo rivale. Juventus ai minimi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Napoli, solo un crollo verticale può salvare la A dalla monotonia. Roma può diventare come Londra, ma dipenderà dallo stadio. Che bella la lotta salvezza 22.04 - Questa sera andrà in scena la madre di tutte le partite. Almeno per una fetta, consistente anzichenò, del nostro calcio. Perché tutti coloro che non tifano Juventus proveranno a vedere, finalmente, la speranza di avere una nuova regina del calcio italiano. Il Napoli incarna Davide...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Morata-Juve per ora solo un’idea, ma il ritorno non è impossibile. Per Torreira il Napoli tenta l’affondo. Mancini CT, lo Zenit frena: i tempi potrebbero allungarsi 21.04 - La sfida scudetto di Torino è dietro l’angolo ma anche il mercato continua a regalare spunti interessanti e per certi versi clamorosi. Parto subito forte e vi dico che il ritorno di Morata alla Juventus non è impossibile. Al momento è solo un’idea, destinata a rimanere tale se la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Napoli, ecco come giocheranno. Sui bianconeri le maggiori pressioni. Dybala è il dubbio. Pjanic recupera. Milik in vantaggio su Mertens. Restare o andar via? Il futuro di Allegri e Sarri passa da questo scudetto. Italia, Mancini CT 20.04 - Hai nove punti di vantaggio, praticamente già vinto lo scudetto e pochi minuti dopo scopri che quei punti si riducono a quattro e ritorna tutto in discussione. Non deve essere simpatico. Non è un momento semplice per la Juve alla vigilia dello scontro diretto col Napoli, pochi giorni...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juventus-Napoli, sfida totale. Un finale di campionato elettrizzante… 19.04 - Un finale di campionato così è letteralmente da sogno. Per tutti i tifosi, di tutti i colori. Perché vivere un duello così bello, così intenso, con così tanti colpi di scena concentrati in pochi minuti o in poche giornate. Lo scontro diretto è ormai alle porte e viverlo con queste...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

I dolori del giovane Andrea Agnelli: se gli obiettivi futuri della Juventus valgono davvero questo danno d'immagine, per il club stesso, e per Gigi Buffon. Gravissima l'accusa di malafede a Collina 18.04 - È passato tutto in cavalleria. No, non di certo le parole di Buffon o di qualcun altro. Le uscite dei giocatori hanno fatto molto clamore, anche se qua in Italia si è trattato solo di rumore, mentre all'estero è stato disgusto e condanna, in un tragico giro del mondo che ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la corte a Marotta e il futuro di Allegri. Milan: il piano di Gattuso per la prossima stagione (e Donnarumma?). Inter: quanti processi senza senso. E a Buffon il 432esimo consiglio non richiesto 17.04 - A Milano è iniziata la Settimana del Mobile. Alla Settimana del Mobile è difficilissimo trovare dei mobili e la cosa, converrete, è molto curiosa. Molto più facile trovare gente di merda. Di quella sono piene le vie. Sembra che tutti vadano nelle feste esclusive, fanno a gara a dirtelo,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Ecco perché Buffon va assolto. Il suicidio della Lazio senza un perché. L'Inter senza Icardi ha un problema. Empoli verso la A: bastava esonerare Vivarini 16.04 - Ci siamo lasciati alle spalle la settimana europea più folle di sempre per il calcio italiano. Istanbul a parte, una roba del genere non l'avevamo mai vista. Nel bene (la Roma) e nel male (la Lazio). E la Juve è bene o male? Vi starete chiedendo. Assolutamente nel bene. La Juventus...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il problema non è il contatto Benatia-Vazquez, il problema è tutto il resto: Ceferin faccia subito un passo indietro. La UEFA ha due scuse, ma non bastano per giustificare questo atteggiamento: ha ragione Gattuso 15.04 - Andò peggio, molto peggio, un anno fa. Erano sempre i quarti di finale di Champions League, c'era sempre il Real Madrid, ma i blancos al Bernabeu non avevano di fronte la Juventus, bensì il Bayern Monaco, sconfitto 2-1 all'andata. I bavaresi, allora guidati da Carlo Ancelotti, nei...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Juve, il sogno è sempre Isco, c’è anche Bernat per la fascia sinistra. Sarri pensa solo al campionato, il futuro a fine aprile. Chelsea e Monaco alla finestra. L’Inter torna forte su Verdi 14.04 - L’eliminazione in Champions League non cambia i piani. Marotta è stato chiaro. La Juventus aumenterà la sua qualità con un mix tra giovani e giocatori più esperti. E anche qualche sogno. Uno di questi è Isco. Il corteggiamento parte da lontano. Sono due anni, che i bianconeri sondano...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.