HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

Come in un film di Natale: De Laurentiis manda in scena la solita trama. Sarri vuole andare via, ma c'è un problema: costa più di quanto vale. Conte-Allegri, è sempre una questione economica

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Politica presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
06.05.2018 10:45 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 58875 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Giorgio se ne vò jì e 'o Vescovo ne 'o vò mannà. L'editoriale, almeno la prima parte dell'editoriale, potrebbe in teoria anche chiudersi qui. E' racchiuso in questo antico proverbio napoletano che meglio di tante parole può spiegare il rapporto che intercorre tra De Laurentiis e Sarri. Un rapporto in cui nessuno vuole e può fare il primo passo, pur avendo entrambi lo stesso desiderio (ma guai a dirlo in pubblico).
Però, qualche spiegazione in più va data per capire le motivazioni che hanno portato il presidente e l'allenatore del Napoli a questo punto. E per far chiarezza a chi non ha tanta dimestichezza o non conosce affatto il napoletano.
Nella giornata di ieri Aurelio De Laurentiis ha parlato. O meglio, s'è scelto la stampa con cui parlare escludendo l'editoria online che è ormai il principale veicolo di informazione ma che, evidentemente, è troppo avanti per un presidente che ha dimostrato negli anni di essere giovanile più che giovane, innovativo solo a parole. E l'ha fatto mettendo in piedi la solita trama. Ricordate l'addio di Mazzarri? O quello di Benitez? Ecco, quello di Sarri - se poi addio effettivo sarà - è stato apparecchiato nelle ultime 48 ore. Come i film di Natale che hanno caratterizzato parte della sua carriera da produttore cinematografico: cambia la location (in questo caso il tecnico), ma non la sostanza. Perché le dichiarazioni seguono grossomodo sempre lo stesso schema.

1) Se non abbiamo vinto è colpa dell'allenatore che ha commesso degli errori. (ADL: "Napoli spompato, altro che arbitri. A Firenze senza benzina, un errore aver fatto giocare sempre gli stessi").

2) Nonostante i suoi errori, io sono pronto a perdonarlo e a dargli ulteriore fiducia anche per i prossimi anni. (ADL: "Credo che con Sarri si possa fare ancora un grosso lavoro, perché è un genio con una riserva di miglioramento del 300%, non avete ancora visto quello che può rendere in futuro. È un uomo molto intelligente e sa fare tesoro delle sue esperienze").

3) Per me può restare fino a fine carriera. Se va via, non è per colpa mia. (ADL: "Se dovesse decidere di andare via, pur amandolo, perché lo adoro, non potrei obbligarlo a restare. Se qualcuno fosse pronto a pagare la clausola non potrei dire di no").

Nulla di nuovo sotto il sole. Dichiarazioni rilasciate con la consapevolezza che l'interlocutore - in questo caso Maurizio Sarri - quasi certamente dopo aver ascoltato il primo punto alzerà la cornetta per confermare al suo entourage di trovargli quanto prima una nuova squadra. Un ragionamento furbo e intelligente, imprenditorialmente ineccepibile. Perché questo schema è servito negli anni per far passare come dei 'tradimenti' le cessioni di Cavani e Higuain. Cessioni che invece erano necessarie per una società come il Napoli (per fatturato da quinto/sesto posto) per mantenersi stabilmente al secondo/terzo posto in Serie A. E' tutta una questione di comunicazione.
C'è però un altro dettaglio, tutt'altro che secondario. Perché guai a pensare che nel calcio ci siano i buoni e i cattivi, che De Laurentiis sia il diavolo e Sarri il santo. Cavani e Higuain con i loro addii hanno infatti fruttato circa 150 milioni di euro, mentre Sarri - bene che andrà - ne frutterà solo 8. Tanti per essere un allenatore, ma pochi per fare la differenza in un bilancio come quello del club partenopeo. Perché allora comportarsi così con Sarri? Perché sminuire il valore di un tecnico che magari non ha valorizzato tutti, ma ha valorizzato tantissimo i titolari? Perché sminuire una stagione in cui il Napoli, con una rosa nettamente inferiore, ha tenuto testa quasi fino alla fine alla Juventus ed è crollata sul traguardo per limiti mentali, ma anche per colpe non sue? Perché De Laurentiis pensa che il ciclo Sarri sia ormai esaurito. O perché, dopo i tanti incontri di questi mesi, ha capito che è Sarri a pensarlo. O ancora, perché sono entrambi a pensarlo ma nessuno dei due può dirlo. Bingo!
E qui torna in auge il proverbio in apertura, che ci apre anche le porte all'altra faccia della medaglia. Già, perché dall'altro lato c'è un allenatore che da mesi sta sondando il mercato europeo per capire se dopo questa straordinaria ma incompiuta cavalcata ci sarà la possibilità di strappare il contratto della vita. Ambizione legittima, che però si sta scontrando con risposte piuttosto timide soprattutto a causa di costi elevatissimi. Di suo, Sarri non chiede meno di 4 milioni di euro netti a stagione e da pagare al Napoli per annullare il contratto in essere fino al 2020 c'è una clausola da 8 milioni di euro. Insomma, tantissimi soldi: sono le cifre che servono per ingaggiare i migliori allenatori d'Europa. Quelli che, a differenza del tecnico nato a Bagnoli, sono riusciti ad andare oltre i complimenti e ad alzare al cielo anche i trofei.
Sarri resta un ottimo allenatore, e il suo Napoli la squadra più bella di questa Serie A, ma pensare di spendere 15-16 milioni di euro in un anno (considerando l'ingaggio lordo) per un allenatore che non ha vinto nulla è un azzardo per tutti. E un lusso che si possono concedere in pochi.

Alla fine, è tutta una questione di soldi, a Napoli ma anche altrove. Prendete ad esempio Antonio Conte, nemmeno a farlo apposta proprio il sogno di De Laurentiis per il dopo Sarri (ma destinato a restare tale). Da tempo il tecnico pugliese pensa che il suo ciclo al Chelsea sia finito. A più riprese in questa stagione ha provocato la società con le sue dichiarazioni, ma non ha alcuna intenzione di rinunciare al suo ricco contratto. E allora aspetta l'esonero ed è anche disposto a restare a spasso il prossimo anno se non arriverà un'offerta almeno pari al suo ingaggio attuale, oltre che una sfida altrettanto competitiva. Proprio come accaduto in questa stagione a Carlo Ancelotti che ha ancora due mesi scarsi di contratto col Bayern Monaco.
A proposito del tecnico di Reggiolo: Andrea Agnelli pensa proprio a lui in caso di divorzio da Massimiliano Allegri a fine stagione. E' l'obiettivo numero uno, ma molto dipenderà da cosa deciderà di fare l'attuale allenatore. Che non fa ragionamenti poi troppo diversi dai suoi colleghi: il suo ciclo alla Juventus è probabilmente finito, ma con altri due anni di contratto a sette milioni di euro netti a stagione serve un'offerta altrettanto importante per convincerlo a cambiare pagina. Capito, Arsenal?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Su Piatek il Milan accontenta il Genoa, ma su Higuain la colpa è anche di Gattuso. Juventus vicina a De Ligt! Non c’è l’offerta che il Napoli vuole per Allan. E il Barcellona adesso compra Doumbia? 23.01 - E’ andata come doveva andare. Esattamente 14 giorni fa vi avvisavamo che il triangolo Higuain-Morata-Piatek era impigliato intorno alla policy del Chelsea del non fare contratti pluriennali agli ultratrentenni, e che se Higuain si fosse incaponito su quell’aspetto, allora sarebbe...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan: l'esempio Gattuso contro i nemici del Diavolo (Higuain-Piatek e altre acrobazie). Inter: l'arma in più non arriva dal campo (e Barella...). Da Ancelotti a De Zerbi: finalmente c'è chi ha voglia di parlare di calcio 22.01 - Ieri era il compleanno di mio padre. Ne ha fatti 83, tipo mummia. È tifoso accanito del Milan. Ha visto la sua squadra vincere, ha mangiato la pizza alla diavola, ha bevuto una birra media, due fette di torta con su scritto "Auguri Celso", tre grappe Berta per le quali va matto e,...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, così non va. Da Gonzalo a Piatek, segnale di debolezza. Visto Muriel? Balata e una Lega B allo sfascio. Lecce, esempio di mercato. Si scrive Juve, si legge Stabia 21.01 - Se la scorsa estate Leonardo e Maldini avessero portato al Milan Piatek al posto di Higuain avrebbero preso 3 su tutte le pagelle del mondo. Arrivò Gonzalo e si sprecarono i 7 per il grande affare fatto con la Juventus, ridando indietro quel pacco vecchio di Bonucci prendendo il futuro...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Leonardo non conosceva Higuain? Il Milan ha sopravvalutato il Pipita. Troppa ipocrisia su Wanda Nara: l'unico errore sarebbe quello di non comportarsi come gli altri procuratori 20.01 - Gonzalo Higuain è stato il miglior centravanti visto in Italia dopo Zlatan Ibrahimovic. Ha riscritto la storia dei cannonieri della Serie A battendo nel 2016 il record di Nordhal che resisteva da 65 anni. Diciassette, poi 18, 36, 24 e 16 gol in cinque stagioni di Serie A, 111 in cinque...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain al Chelsea e Piatek al Milan ormai ci siamo. Nell’operazione anche il ritorno di  Bertolacci al Genoa. Su Barella per giugno l’Inter di nuovo in pole position. Napoli, Lozano se in estate parte uno tra Mertens e Callejon 19.01 - Higuain al Chelsea, Piatek al Milan, Morata all’Atletico Madrid, Il gioco è fatto. Tutti gli incastri al posto giusto per un grande valzer di attaccanti. E allora andiamo a ricostruire quello che accadrà a breve. Higuain presto volerà a Londra per le visite mediche e si metterà a...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve-Milan falsata, l’ultimo scandalo. Con questo VAR aumentano solo le polemiche e non si fa giustizia. Banti, che delusione. Higuain, che vergogna. Piatek al Milan, che rischio. Icardi rinnoverà 18.01 - Gli arbitri italiani stanno diventando dei piccoli Tafazzi: sono riusciti nell’impresa ciclopica di falsare perfino una gara tutto sommato non complicata come la Supercoppa italiana e farsi ancora una volta travolgere dalle polemiche. Autolesionismo puro, incredibile ma vero, come...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Higuain-Chelsea, ci siamo. Le alternative del Milan per sostituirlo: Piatek ma non solo... Iniziano a muoversi gli attaccanti... attenzione! 17.01 - Era sicuramente uno dei temi più intressanti da analizzare in questo mercato invernale. Dopo la giornata appena finita è diventata una vera e propria telenovela, con dei colpi di scena (più mediatici che reali) che starebbero bene in una sceneggiatura da soap opera. Higuain, è evidente,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510