HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Il Napoli esonera Ancelotti e punta su Gattuso. Decisione giusta?
  Giusto cambiare, e Gattuso è la scelta giusta
  Giusto cambiarlo, ma Ancelotti non andava sostituito con Gattuso
  Sbagliata: bisognava andare avanti con Ancelotti

La Giovane Italia
Editoriale

Conte: cose da Terim. La multa solo per Allegri, Juve-Milan 1-2 (2-2 d.t.s)...ma ciao triplete de che? Champions dei giovani? Ma dai!

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
24.03.2012 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 25073 volte

Antonio Conte, dopo due settimi posti, eventi che in una grande piazza e in una grande squadra producono traumi e dissesti anche psicologici nemmeno lontanamente immaginabili altrove, ha rimesso in carreggiata la Juventus. Il suo non è un lavoro importante, di più. Anche perchè sta facendo rendere la squadra oltre i suoi valori. In altre parole, l'allenatore che aveva già fatto benissimo a Bari e Siena, ha portato qualche punto in più rispetto a quelli che di suo, giocando comunque una partita alla settimana, questa rosa avrebbe ottenuto. Per cui bravo, senza se e con un solo ma. Relativo agli atteggiamenti. In una grande squadra l'allenatore deve avere aplomb. Cos'è l'aplomb? E' l'alone. Cos'è l'alone? E' quello di Fabio Capello che, nella Finale di Coppa dei Campioni di Atene del 1994 contro lo strafavorito Barcellona di Cruyff, trova la forza di non esultare nemmeno sul 4-0, perchè non voleva prendere neanche un gol, perchè se lui avesse sbracato la squadra si sarebbe disunita. Ecco il corredo di un grande allenatore da ciclo in una grande squadra. Che non è quello esibito da Conte, nei momenti topici della Semifinale di Coppa Italia. Occhi lucidi, braccia aperte verso i tifosi per incitarli a cantare e altre amenità del genere. Al Milan queste cose le faceva Fatih Terim. Sì, proprio lui l'Imperatore da grande squadra turca e non italiana. C'era una volta un derby vinto 4-2 dai rossoneri contro l'Inter il 21 Ottobre 2001. Il giorno dopo chiesi a Cesare Maldini: visto Terim come trascinava i tifosi, sotto la Curva? Bello no? Risposta: "No, queste cose non sono da Milan". Manco a dirlo, quindici giorni dopo Terim non era più l'allenatore del Milan. I purosangue di una grande squadra vogliono gli occhi dell'allenatore puntati su di sè, vogliono sentire la fiducia del proprio allenatore, a lungo andare non gradiscono un allenatore troppo tifoso o troppo legato ai cori e agli umori dei tifosi.

Meno male che Milan e Juventus non devono più incontrarsi fra di loro questa stagione, così almeno a casa Milan si evitano multe, diffide e reprimende. Purtroppo i padiglioni auricolari non funzionano tutti bene e si sente solo quello che riguarda il Milan. San Siro, 25 Febbraio, Campionato, intervallo. Adriano Galliani e Antonio Conte si dicono cose, senza entrare nel merito, parlano e forse urlano entrambi. Entrambi! Risultato? Ammonizione con diffida solo per Galliani. Torino, 20 Marzo, Coppa Italia, fine partita. Massimiliano Allegri fa una battuta scherzosa all'arbitro Orsato, rientrando negli spogliatoi. Un dirigente juventino sente, si intromette e prende a male parole Allegri che risponde. Risultato? Multa solo per Allegri. Ma sentono solo il Milan laggiù negli spogliatoi?! Solo il Milan parla e gli altri sono mimi?! Mah!

Se il Milan avesse vinto a Torino 1-0 al 90' e non 2-1, non ci sarebbero stati i tempi supplementari, la Juventus avrebbe passato legittimamente il turno ma avrebbe perso l'imbattibilità. Invece, secondo qualche genio, il fatto che il Milan abbia vinto 2-1 e non 1-0, cambierebbe le cose. E allora come mai, argomento non citato da Adriano Galliani nella lettera alla Gazzetta dello Sport perchè non è elegante affrontare certi temi per un dirigente tesserato, le agenzie di scommesse hanno pagato il segno "2" al 90' con il 2-1 per il Milan? I supplementari sono necessari per il regolamento della competizione, ma non sono il gioco del calcio. Non ci possono essere dubbi: il gioco del calcio sono due tempi da 45 minuti ciascuno, e al termine dei due tempi il Milan ha vinto 2-1, esattamente come ha fatto la Juventus a San Siro. A Torino, spiacenti, è finita così: Juventus-Milan 1-2 (2-2 d.t.s).

Ne ha fatte di triplette il Milan (Coppa dei Campioni-Supercoppa Europea-Intercontinentale sia nell'anno solare 1989 che nell'anno solare 1990, Supercoppa Italiana-Scudetto-Coppa dei Campioni nella Stagione sportiva 1993-94, Coppa dei Campioni-Coppa Italia-Supercoppa Europea nell'anno solare 2003, Coppa dei Campioni-Supercoppa Europea-Mondiale per Club nell'anno solare 2007) che non c'è alcuna fame in questo senso. Anche perchè nessun tesserato Milan ha mai parlato di tripletta da conquistare in questa stagione, semmai di provare a essere competitivi su tutti e quattro i fronti (Supercoppa Italiana, Champions League, Campionato e Coppa Italia) su cui ha giocato e sta giocando la squadra rossonera nell'annata 2011-2012. Se non che, magicamente, dopo la semifinale di ritorno di Torino, ecco che spunta il ciao triplete. Ma de che? A parte il fatto che il Milan ha vinto la Supercoppa Italiana (8 Agosto, Pechino, Milan-Inter 2-1, già dimenticata?) ed è in corsa per Scudetto e Champions League...ma ciao triplete chi e dove...C'è qualche critico competente e lucido che arriva a pensare sul serio che con 10 infortunati a partita il Milan possa vincere su tutti e quattro i fronti?! C'è un regolamento ufficiale delle triplette che sancisce che la tripletta sia solo Champions League, Scudetto e Coppa Italia?! Ma non ci avevano detto e scritto che era triplete (mini, erano stati buoni...) anche quello della scorsa stagione con Supercoppa Italiana (finale con la Roma), Mondiale per Club (finale col Mazembe) e Coppa Italia (finale col Palermo)? Come mai la scorsa stagione la Supercoppa Italiana valeva, entrava nei conteggi, e quella di questa stagione no? Ci siamo persi qualcosa noi o qualcuno, a furia di perdere le sue partite, finisce per fare un po' di confusione anche sugli avversari? Se in sette anni è stato conteggiato di tutto, dalle coppe Italia vinte con la semifinale di Cagliari ai cartoni gentilmente concessi a fine luglio, una Supercoppa Italiana vinta dopo un derby a Pechino deve in qualche modo entrare nei bilanci stagionali. Nessuno la può dimenticare.

Sono tanti anni che l'Inter investe meritoriamente sul Settore Giovanile e le sue squadre giovanili sono da molte stagioni competitive. La stessa squadra Primavera nerazzurra di quest'anno è forte, sta facendo bene e gli sforzi dei ragazzi sul campo vanno apprezzati e incoraggiati. Ma non siamo d'accordo con certa propaganda. La NextGeneration Series non è la Champions League dei giovani. Non ha egida Uefa e per parteciparvi basta ricevere un invito, tanto è vero che la Roma campione d'Italia Primavera in carica e recentissima vincitrice della Primavera Tim Cup, non l'ha giocata. Un altro particolare illuminante: l'Ajax ha raggiunto la finale con l'Inter di questo importante torneo giovanile dopo aver eliminato il Liverpool in Semifinale. Ma il Liverpool si era qualificato per la Semifinale, solo a causa della rinuncia del Tottenham (che aveva vinto 1-0 contro i Reds nei Quarti) a disputare la Semifinale stessa. Ma ve le immaginate queste cose in una Uefa Champions League vera e propria dei giovani? Diciamo bravi ai ragazzi dell'Inter, ma lasciamo stare la Champions dei giovani. Anche la Champions Youth Cup del 2007 in Malesia, con schierate tutte le squadre del G14, era stata ribattezzata la Champions dei giovani ma non lo era e non si è confermata tale. Nessuno vuol togliere nulla agli sforzi che l'Inter ha profuso sul Settore Giovanile da molti anni a questa parte (il Milan ad esempio è competitivo in questo senso dal 1' Luglio 2009), ma pensare di distogliere l'attenzione dalle sconfitte di questa stagione contro Milan, Trebisonda, Marsiglia, Palermo, Novara due volte, Catania, Juventus, Napoli tre volte, Lecce, Roma e Bologna, con un importante torneo giovanile, sembra francamente un po' azzardato. O no?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Ancelotti esonerato! Date i braccioli a Gattuso, perché la società affonda. L’Inter non ha attenuanti, quello che manca (ancora) a Conte. Sarri nel sacco di Inzaghi, come sempre: la Juventus può aiutare l’allenatore? 11.12 - Nella maniera più cruda e crudele, il Napoli alle 23.39 annuncia l’esonero di Carlo Ancelotti. Lui non si sarebbe mai dimesso, anche se oltre che dal club era arrivata anche la sfiducia dell’intero spogliatoio, sentitosi abbandonato a torto o a ragione dalla notte dell’ammutinamento....

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: il processo a Sarri nasconde i veri responsabili (ma non chiamiamola crisi...). Inter, il giorno più importante: in ballo ottavi e il nome "grosso" per gennaio. Milan: due (inattesi) valori aggiunti. Ibra: occhio alle sorprese 10.12 - Oggi procediamo con dei pensierini a caso. 1)      Messi salta Inter-Barcellona. Ottima notizia per Conte e per l’Inter, ovvio. Quanto al resto dell'ampio turnover, occhio: fa più paura un rincalzo che ha bisogno di visibilità di un titolare in gita di piacere. 2)      Conte...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Sarri, l'Immacolata e il primo giro di boa. Insigne, tempo scaduto. Fiorentina a pezzi. Spal, il problema non è... Semplici 09.12 - Silenzio. Stai a vedere che quest'anno non consegniamo lo scudetto, alla Juventus, a marzo e forse forse ci divertiamo un po' anche per la lotta al titolo. Un primo dato è, quasi, certo. Aveva ragione Max Allegri che vince anche quando non gioca.... vincente! Lo spettacolo non conta...

Editoriale DI: Marco Conterio

Il preoccupante segnale Juve, crollata dopo l'uscita di Bentancur. La coperta corta dell'Inter che sogna a gennaio, il crollo del ciclo finito a Napoli. Fonseca e una nuova Roma, la Lazio che vuol fare il Leicester 08.12 - Sono stati due giorni densi di spunti di riflessione. L'apertura con l'Inter che patisce i freddi d'inverno con una coperta troppo corta per l'alta quota, o quanto meno per non andare in ipotermia da brame di gloria senza cadere. Fa bene Antonio Conte a chiedere, gli servono quantità...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, Cristiano Ronaldo resta almeno fino al 2021 e fissa gli obiettivi: Champions League e Pallone d’Oro. Per Demiral pronta l’offerta del Milan. Marotta e Paratici, che sfida per Tonali a giugno. Il Real Madrid su Koulibaly 07.12 - Ormai manca meno di un mese all’inizio del mercato e le strategie cominciano ad essere chiare. Parto dal futuro di Cristiano Ronaldo. Resterà sicuramene anche l’anno prossimo alla Juventus. Poi a fine 2021 farà le sue valutazioni, la Cina potrebbe essere un’ipotesi, ma ad oggi la...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Tonali alla Juventus, Kulusevski all’Inter a gennaio: patto di non aggressione. Conte e Sarri, ecco chi vincerà. Ibra al Milan, presto l’annuncio. Napoli, un compromesso per portare Ancelotti a fine stagione 06.12 - Il ricordo della vicenda Lukaku è ancora fresco e una volta di più Juventus e Inter si ritrovano sugli stessi obiettivi. Tonali piace all’Inter? Ma lo vuole anche la Juve. Kulusewski pronto per la Juve? Ma l’Inter non molla. Ovvio, quasi normale, che due grandi società e...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Gli intermediari, la FIFA e i soldi delle società 05.12 - Su 17896 trasferimenti internazionali in 3558 sono stati utilizzati intermediari (quasi il 20% del totale) per una spesa complessiva di 653,9 milioni di dollari in commissioni. Così recita il report Fifa, che prende in considerazione tutti i trasferimenti di tutto il mondo. Nella...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ibra-Milan: ecco cosa manca. Perché non si può criticare la mediocrità finora espressa da Sarri? Se la ride Allegri. Cristiano, ma perché? La Juve difende: la Champions val bene una messa Cristiana.Il miracolo di Conte all’Inter, chi disturba? 04.12 - Il passo Ibrahimovic l’ha fatto: la sua richiesta di 10 milioni netti per un anno e mezzo è stata in parte ridotta. Il Milan ha offerto 6 milioni netti per la metà stagione rimanente più la prossima, e 4 di bonus anche se si tratta di bonus complicati. Ibra ha deciso di controrichiedere...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: il problema (se c'è) non si chiama Sarri... Inter: la mossa di Conte è datata marzo 2019 (e a gennaio arrivano...). Milan: Ibra, un aiuto per Pioli. Cellino e DeLaurentiis: prendere esempio dal giovane Giulini. La lezione di Messi... 03.12 - Buonasera (se leggete di sera). Buongiorno (se leggete di giorno). Mortacci vostra (se non leggete, ma tanto non è il vostro caso, perché state leggendo). Siam qui a scrivere la consueta pappardella di fatti e fatterelli dal puro valore soggettivo. Del resto ognuno ha la sua idea...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

De Zerbi a scuola da Sarri... eh, scusate il contrario! Cambiare allenatore? In A e B (quasi sempre) un flop. Lo Monaco picchiato ma il calcio resta in silenzio 02.12 - Ci sono giorni che non sai cosa scrivere. Devi pensare mezz'ora prima di trovare qualche argomento interessante. Giorni, come questi, che devi tenere fuori mille argomenti e che vorresti toccare tutti. Ho scelto. Vorrei parlare di calcio ma non posso parlare solo di calcio. C'è una...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510