VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Conte sbotta? Ecco i temibili effetti collaterali: gli Agnelli hanno deciso che... L'intricata strategia di Seedorf per battere l'Atletico e... due avversari ancora più tosti. Mazzarri e le due punte: ora il dado è tratto

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista Rai
18.02.2014 00:00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 47333 volte
© foto di Federico De Luca

Non farò battute sul giovine Giovinco, perché ho molta molta molta paura. L'ira funesta di Antonio Conte potrebbe abbattersi su tutti noi, complici della campagna mediatica organizzata contro il suo attaccante prediletto. E allora lasciamo tranquillo il piccolo Sebastian, che già ha il suo bel daffare per portare in salvo la splendida cagnona Belle, lassù sulle Alpi. Forza Seba, siamo tutti con te e contro i cacciatori brutti e cattivi.
Ecco, il giovane (e bravo, lo dimostrerà...) Seba. Con lui Antonio s'è comportato assai bene, da vero "padre sportivo", salvo poi sbarellare nella conferenza post-partita. Per capirci: gran parte dei concetti espressi dal tecnico bianconero possono anche essere condivisibili, ma perdono di efficacia se esplodono uno sopra all'altro come bombe atomiche gettate accazzo su Hiroshima.
Antonio se la prende con i suoi tifosi per i fischi a Giovinco, ma poi attacca la stampa colpevole di un non meglio precisato accanimento nei confronti del suo giocatore. Poi risponde per le rime a Capello. E dice che l'anno prossimo iscriverà la squadra al campionato inglese. E sceglie di non parlare mai più nelle conferenze pre-gara (comprensibile ripicca per il "trattamento Scommessopoli"). E cita i "guri" (intesi come i "guru" al plurale). E mischia ironia e sarcasmo a reale incazzatura. E - utilizzando un giro di parole molto elegante - "pesta una merda" micidiale quando cita i due scudetti revocati a suo tempo. Poi si pente e chiarisce che i suddetti scudetti furono conquistati con pieno merito. E lo dice perché ci crede davvero e semplicemente poco prima si era lasciato prendere la mano in pieno delirio linguistico.
Per intenderci, uno che molti associano a Conte - l'Unto Josè from Setubal - da sempre le spara grosse, ma lo fa con tanto di abilissimo ufficio stampa alle spalle. A "casa Mou" nulla è improvvisato. E una volta attacca Lo Monaco di Tibet, e un'altra mister "zeru tituli" Ranieri, e un'altra ancora in conferenza stampa mostra a un giornalista assai sorpreso un vecchio articolo dove il tizio viene sputtanato pubblicamente, poi manda affanbrodo Wenger, infine tira in ballo nientemeno che l'Unicef. Un-bersaglio-studiato-alla-volta. Non cinque tutti assieme a creare una "jam session" avvelenata, dove per forza di cose ti scappa la minchiata.
E allora Conte (che con uno che si chiama Capello non può andar d'accordo per definizione) questa volta ben sa di averla fatta grossa. E - potete starne certi - rimedierà. Sul campo già a partire da giovedì, a parole un po' più avanti. Ma certo lo farà, perché ha cervello sufficientemente fino per capire che minare la convinzione del popolo juventino sui titoli 2005 e 2006 è qualcosa di molto pericoloso. Soprattutto se sei l'allenatore in carica della Signora. E tutto questo anche se è evidente che il tecnico è stato "strategicamente" travisato, in particolare da chi non vedeva l'ora di pescarlo con le mani nella marmellatona. In ogni caso crediamo che Conte abbia imparato la lezione che qui spieghiamo tramite sottile metafora: se a casa di Maxi Lopez parli di quando è buona la Wanda e di come è carina quando fa picci-picci con Maurito, poi non lamentarti se prendi due sganassoni.
Chiudiamo l'inghippo con la visione di casa Agnelli. A quanto risulta, in famiglia l'hanno presa bene nonostante un iniziale bruciore alle viscere. Fanno il tifo per il loro allenatore in carica ora come in passato. Chi dice che il divorzio tra Antonio e club sia questione di mesi è decisamente fuori strada.

Ma a conti fatti questa è la settimana dell'unica italiana ancora in Champions, la settimana del Milan e soprattutto di Seedorf. Anche il buon Clarence negli ultimi giorni ha fatto il mattacchione, ma il suo è stato più che altro uno sfogo strategico. Il tecnico conosce i media italiani come e meglio di Conte e finge di sorprendersi se la stampa lo attacca a proposito di presunti fastidi presidenziali. L'olandese sa perfettamente che sì, il Berlusca dopo le scoppole di Napoli s'è imbufalito come quella volta che ad Arcore è arrivato il conto dei fagiolini, ma sa anche che in campionato può sperimentare in abbondanza. Nessuno gli porterà via la panchina neanche se dovesse perdere tutte le partite da qui alla fine della stagione.

Neppure quel fenomeno di Inzaghi, che ieri al Viareggio ha portato a casa il suo primo "titulo" e ha uno sponsor del calibro di Galliani. Per intenderci: l'ad1 pur di vederlo sulla panca del Diavolo sarebbe disposto a passare la notte nel gabbiotto di Luxuria a Sochi, ma sa perfettamente che prima di realizzare il suo sogno deve aspettare la prossima era rossonera (Seedorf non si muove a prescindere, almeno fino a giugno 2015).
In mezzo a tanti match sperimentali, dicevamo, c'è quello con l'Atletico. Clarence è troppo intelligente per non sapere che - come lo giri lo giri - l'attuale 4-2-3-1 è un invito a nozze per i contropiedisti di Simeone. Non è un problema di tattica, ma di qualità dei giocatori. Seedorf tra le altre cose dovrebbe capire che al momento è un delitto tener fuori Pazzini e ostinarsi a schierare Balotelli come unica punta. Per dirne una: Mario ha spazzolato il Bologna con una magia proprio quando ha avuto la possibilità di agire da esterno nei tre.
Vedremo se il tecnico modificherà lo schema tattico già denominato "alla bersagliera", di sicuro sappiamo che al sito dell'Uefa ha ribadito un concetto carissimo a Silvio suo: "Non è solo importante vincere, ma anche come si vince". Paraculissimo. Per non rischiare di finire come quello che urlava "la piazza è mia" in "Nuovo Cinema Paradiso", meglio se per il momento fa suo un altro detto caro ai milanesi: "Piutost che nient l'è mei piutost".
Chiusura lampo sull'Inter. Fassone vola in Indonesia per mettere a posto la "questione banche", Thohir è atteso venerdì a Milano per parlare con Ausilio del mercato estivo, tutti son più sereni dopo la bella prestazione di Firenze. Piace in particolare l'umile presa di coscienza di mister Mazzarri, che dopo sabato ha capito almeno due cose. 1) E' giunto il momento di giocare sempre con due punte. 2) La "Wanda" nuoce solo a chi non ce l'ha. (twitter: FBiasin).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Rivoluzione? Invoco il Commissario… Juve, c’è un problema! Roma? Ha ragione Falcao… 22.11 - Sto ancora elaborando il lutto (l’esclusione dal Mondiale) ma mi sta anche salendo quella sana rabbia di chi pretende un cambiamento, non di facciata ma reale!!! Il popolo ha avuto il sangue che bramava: le teste di Ventura e Tavecchio sono rotolate sul selciato… Purtroppo, il resto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.