VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Contestazione? No, i tifosi inneggiano a Silvio. Si riparte, il Milan vuole imitare Djokovic. Juve, parte Llorente per fare cassa. Inter, sarà vero closing?

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
07.06.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 34541 volte

Filippo Inzaghi, un uomo con il Giappone nel destino. Amatissimo a Tokyo e dintorni, era il più ricercato dai tifosi giapponesi, insieme a Pirlo, durante le trasferte mondiali del Milan. Ma c'è dell'altro, il Giappone accompagna Inzaghi ancora oggi. Nel senso dei giapponesi che non si sono ancora accorti che la guerra è finita. Insomma, che si rassegnino. Se c'è chi ha conti professionali da regolare con qualcuno, lo faccia in maniera anche meno patetica, non inventando contestazioni di pasta frolla che non arrivano mai e che servono solo a strumentalizzare inutilmente i tifosi. Se c'è chi ha comprensibilissimi, tenerissimi ma personalissimi mal di pancia, può curarli con un bel digestivo e non sulla pelle, ancora, dei tifosi in buona fede. La fame positiva di vittorie di Pippo sta contagiando tutti al Milan, a partire dal presidente Berlusconi, e sta compattando inesorabilmente ogni livello societario, molto di più della coesione quasi fortuita delle scorse settimane nata dalla visione comune delle vicende di Milanello. E Superpippo risanerà anche i pozzi cui si abbeverano i tifosi, avvelenati disordinatamente ma pur sempre avvelenati. I giapponesi fuori stagione ne prendano atto: ieri il presidente Berlusconi ha tratto grande carica da Casa Milan e al momento di parlare di passato e futuro la sua espressione è stata eloquente da uomo mai cattivo ma probabilmente deluso e forse tradito; Barbara Berlusconi è molto serena, gratificata dagli splendidi risultati di Casa Milan e convinta esattamente come il papà di guardare solo al futuro e non più al passato; Adriano Galliani è felice del rinnovato entusiasmo del presidente Berlusconi grazie anche alle iniezioni di energia positiva di Filippo Inzaghi e vive con serenità convinta i successi mediatici di Barbara Berlusconi. Esperimento difficile la governance a due teste, soprattutto all'inizio; ma adesso va sempre meglio e sarà sempre meglio. Spiace per loro, per i giapponesi delusi dalla piazza vuota di sabato 31 Maggio e dai cori pro-Silvio e pro-Barbara di ieri. Aizza oggi e aizza domani, le bolle di sapone e le mitomanie della foresta rimasta popolata a guerra finita rimangono a bocca asciutta. E già che ci siamo, lasciamola almeno una volta, asciutta, la bocca.

I tifosi rossoneri erano tutti per la non cessione di Cristante. E così sarà. Cristante, un giovane cresciuto nel Milan. Qualcosa funziona. Il Benfica ha fatto due offerte in settimana, una di 3 e una di 4 milioni, ma il Milan ha detto no. e spiegando il no al Benfica, ha motivato anche alla gentilissima Empoli il motivi per cui Bryan rimane rossonero. Il motivo è l'infortunio di Montolivo. Il Milan sa che non sarà semplice. Forza Monto, ma l'infortunio è lo stesso di Jankulovski nel 2005. Qualche mese, mese più piuttosto che mese meno, ci vuole. A proposito, il Milan trascorrerà la giornata di domani a tifare per il rossonerissimo Djokovic: se batte Nadal al Roland Garros, tornerà il numero uno del mondo. Nel suo sport, Nole è diventato grandissimo grazie all'alimentazione. Il libro di Nole che spiega come la sua svolta nutrizionista sia alla base dei suoi successi, viene letto con molto interesse. Lo farà anche il Milan della prossima stagione. Curare e migliorare i particolari, il Milan sta tornando. Senza alcun bisogno di introspezioni strampalate.

La notizia viene data per certa da ambienti torinesi. Llorente viene considerato la base per realizzare un'ottima plusvalenza in casa Juventus. Arrivato a parametro zero e protagonista di un'ottima stagione, il centravanti basco può portare soldi freschi e segni consistenti in bilancio dove l'ammortamento è a quota zero. Llorente piace sul mercato spagnolo. Potrebbe partire, con buona parte del ricavato reinvestita. Operazione da fare con attenzione da parte della Juventus: Vucinic, Quagliarella e Giovinco sono ai titoli di coda. L'attacco oggi è solo Tevez. E non basta. Ce ne vogliono almeno altri due, a questo punto.

C'è, la maggioranza che ci crede. Al closing. E c'è anche una minoranza che non ci crede. Non vogliamo fare i milanisti che non ci credono. Ma dal momento che la rivalità non riguarda la sopravvivenza e la funzionalità di un Club ma il campo, lo prendiamo per buono il closing. Bene. Che venga utilizzato come sanno gli uomini dell'economia nerazzurra e per rasserenare dipendenti e collaboratori. Ad esempio con una fissa dimora per il presidente Thohir. Bene i voli intercontinentali e i grandi alberghi, ma per un rapporto lungo, costruttivo e duraturo con una grande città come Milano, anche una casa in loco non guasterebbe. Piccole cose, ma prima del mercato, ci sono tantissime piccole cose che l'Inter è chiamata a risolvere dopo l'ultimo, difficilissimo, anno e mezzo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.