HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Inter, Sanchez ko: fiducia a Esposito o ritorno sul mercato?
  Avanti con Politano, Lukaku e Lautaro Martinez: sono più che sufficienti alle esigenze di Conte
  Occhi sul mercato, sia quello degli svincolati che invernale
  Fiducia al giovane Esposito: sarà lui a completare la batteria di attaccanti nerazzurri

La Giovane Italia
Editoriale

Contro Mourinho, evviva Mourinho. Si scatena un altro Juventus-Inter. Gli eccessi del tifo da condannare. Bocciato dagli inglesi. Da Mazzone in giù, ma che calcio vogliamo? Il Var in Champions, ora basta, cosa aspettate?

09.11.2018 06:57 di Enzo Bucchioni   articolo letto 23179 volte
© foto di Federico De Luca

Mourinho non è tipo da mezze misure, o lo odi o lo ami, ma questo lo sapevamo già. Il doppio confronto fra Juventus e Manchester è stata l’occasione per rimettere in moto cose antiche, rivalità mai sopite, sgarbi mai digeriti, gesti sopra le righe, un Triplete esagerato, pensieri e parole di gente che non si è mai amata e forse non si amerà mai.
Juventus-Manchester si è trasformata in una riedizione riveduta e corretta del derby che non finisce mai fra Juventus e Inter. Da una parte gli juventini contro Mou, dall’altra tutti gli altri anti-juventini a spalleggiare lo Special One. Non solo gli interisti che, tira via, difendono l’allenatore del loro storico trionfo, ma anche milanisti, romanisti, napoletani e altri che quel Triplete non l’hanno fatto, più meno come la Juve. E allora eccoci al sodo: chi ama Mou odia la Juve, chi ama la Juve odia Mou. Proprietà transitive.
Lo dico forte e chiaro, almeno credo: questo modo di pensare non mi appartiene e nel mio calcio ideale non dovrebbe appartenere a nessuno.
Non per fare il democristiano che non sono, ma non sto né con i tifosi né con Mourinho, so di stare dalla parte del calcio e dello sport. O almeno ci provo.
Comincio con Mourinho e parto con una domanda: ma vi pare normale che un allenatore faccia tutto quello che ha fatto Mou in carriera e continui a farlo a quasi sessant’anni?
Dalle manette in giù è stato un continuo. Non approvo niente di questi comportamenti semplicemente perché Mourinho di mestiere fa l’allenatore, ha un ruolo di grande responsabilità, non voglio dire la banalità che deve dare l’esempio, ma sicuramente il ruolo gli impone di avere un equilibrio superiore a quello dei tifosi e dei giocatori. Ti può capitare di perdere la testa una volta, a chi non è successo? Ma perderla in continuazione è inaccettabile.Ma pensate che Mourinho sia il solo allenatore a essere insultato o sbeffeggiato in tutti gli stadi del mondo? Allora avete la memoria corta. Purtroppo e sottolineo purtroppo, è un malcostume abbastanza diffuso. Bene. Chi si comporta come Mourinho? Ricordo una reazione passata alla storia del mitico Mazzone di una ventina d’anni fa, l’abbiamo ancora tutti bene in mente. Condannai anche quella con l’attenuante, appunto, di una sbroccata che ci può stare. Una tantum. Mourinho no. Mourinho è talmente furbo che con questi comportamenti ha costruito il suo personaggio.
La domanda del giorno è: ha fatto bene o ha fatto male a reagire ai tifosi della Juventus che lo insultavano?
Poi verrò anche ai tifosi, adesso la mia risposta è scontata: non avrebbe dovuto farlo. Ma chi fa finta di non capire e vuole comunque tirare sempre e comunque acqua al mulino del tifo e delle divisioni, può rispondere a questa domanda usando le parole dello stesso Mourinho che, conscio di averla fatta grossa, a fine gara ha detto: “A mente fredda non lo rifarei”. Lo sa benissimo di avere sbagliato.
Come lo sanno i giornali inglesi, quelli che secondo la logica tutta nostrana dovrebbero stare con il Manchester e contro la Juve e invece in nome e per conto del Sacro Far Play sono stati i primi a criticare Mou. Ha fatto vergognare il calcio inglese.
Noi no, noi non ci vergogniamo. Noi siamo ancora alla legge del taglione “occhio per occhio, dente per dente”. Noi siamo quelli del “uno, cento,mille Mazzone”.
Ma ci rendiamo conto che un calcio con le modalità di Mourinho salterebbe per aria tutte le domeniche in tutte le categorie? Vogliamo autorizzare o giustificare gli allenatori, ma ci metto anche i giocatori (mi viene in mente Cantona), che se la prendono con il pubblico, reagiscono alle offese e alle contestazioni? Ma che calcio volete, un calcio da barbari?
Ma riuscite a immaginare un attore in teatro che sentendo in platea uno che gli urla buffone, smette di recitare e gli risponde?
Il calcio è un grande spettacolo, nel bene nel male, con aspetti condannabili (calma, ora arrivo ai tifosi), e gli attori di questo spettacolo, dai dirigenti, agli allenatori ai giocatori, hanno siglato un patto tacito e non, devono rispondere a regole, guadagnano talmente bene (come nel caso di Mourinho) che sono pagati anche per sopportare le cose negative, le critiche e purtroppo anche gli insulti.
Mourinho ha sbagliato a mettersi la mano all’orecchio, non ho dubbi neppure a mente fredda. Il giorno dopo. E non voglio neppure tirare in ballo l’aspetto sociologico, i danni che fanno certi comportamenti a tutto il movimento calcio perché quando sei ad altissimo livello come Mou, milioni di occhi ti guardano e (purtroppo) in tanti adesso ti imiteranno in migliaia di situazioni analoghe sul pianeta.
Quelli che si dichiarano super partes (anche nella mia categoria) e poi stanno con Mourinho Ora vengo ai tifosi della Juventus che hanno sbagliato per primi e sono i primi a dover essere aspramente criticati. Lo avevano già fatto a Manchester, si sono ripetuti l’altra sera. E’ possibile che la più importante società italiana, quella che schiera uno dei migliori giocatori della storia del calcio non riesca a rieducare una tifoseria che in questo modo fa male all’immagine della Juventus stessa? Conosco le dinamiche da stadio. Un coro ci sta. Due anche. Nessuno è santo e le chiese sono posti diversi, per carità. Ho frequentato e letto McLuhan, ma dire che lo Stadium ha esagerato è dire poco. Si può urlare basta? Si può capire che offendere gli avversari è qualcosa di sgradevole, ma anche un boomerang? Spero che la Juve abbia la forza di dialogare con il corpo sano della tifoseria organizzata per far passare un messaggio diverso e contrario a questo.
Come fanno orrore agli inglesi, certi comportamenti dovrebbero far orrore anche a noi. E per chi non lo capisce o non lo capirà in futuro spero che la Uefa e la Federcalcio inseriscano norme più severe contro certi comportamenti verbali. La giustizia sportiva che sta per essere riformata dovrebbe prevedere sanzioni più severe per le discriminazioni razziali e territoriali, ma anche per certi tipi di offese personali inaccettabili. Urlate a Mourinho che è un fallito. Fate dell’ironia. Fate quello che volete restando nella professione e nel pianeta calcio. Ironia e sfottò sono il sale. Offese e attacchi alla persona vanno perseguiti duramente.
Sempre sul tema “un calcio migliore”, vorrei proiettare per una settimana intera in casa di Ceferin l’immagine di Sterling che inciampa in una zolla e l’arbitro gli fischia rigore. Non ricordo una roba simile in 45 anni di calcio. Cosa aspetta Ceferin a dare il via al Var in Champions? Fino a quando si vuole continuare a condizionare i risultati?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan, tutta colpa di Elliott. Il fondo deve vendere subito se vuole il bene del Club e non solo dei suoi conti. Boban e Maldini, che delusione. Inter tra Rakitic e Matic per gennaio. La Juve vuole Emerson Palmieri. Ranieri-Samp, ci siamo 11.10 - Con il Milan in pieno caos, dalla Cina arriva la notizia di un’inchiesta su mister Yonghong Li. I cinesi, a quanto pare, vogliono sapere come e dove il presunto magnate con gli occhi a mandorla, abbia fatto i soldi per comprare il Milan. Di riffe e di raffa circa un miliardo di euro....

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il Milan e i cambiamenti: un’altra ripartenza. La Samp e una scelta complicata 10.10 - Si è presentato Pioli, ma soprattutto hanno parlato nuovamente Gazidis, Maldini e Boban, nella conferenza stampa del loro nuovo allenatore. Le speranze di Pioli, i suoi buoni propositi, il suo modo di porsi e le idee che intende portare fanno sicuramente parte del suo mondo, del...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

La colpa del Milan è dei milanisti: è una squadra da sesto posto, accettatelo! Lasciare a Pioli il tempo non dato a Giampaolo. L’Inter non fa sconti: giusto non pagare 4.5 milioni per favorire Spalletti (e il Milan)? 09.10 - L’unica cosa positiva di tutta questa storia a tinte rossonere è che un galantuomo come Stefano Pioli avrà la possibilità di rifarsi. Dopo aver dato alla città di Firenze quello che nessun contratto avrebbe potuto prevedere - uno straordinario slancio umano per tenere la testa alta...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: 90 minuti semi-perfetti e un dato di fatto “pericoloso”. Inter: il mercato estivo, le prime critiche e la richiesta di Conte. Milan: Spalletti è il prescelto, Pioli l’alternativa (in grande ascesa), Giampaolo è già il passato 08.10 - Ciao. C’è la sosta: un grande classico ottombrino. Due belle settimane di rotture di balle e questa volta con una maglia verde in più, quella della Nazionale. Sapete cosa cambia la presenza della maglia verde rispetto alla noia mortale del “pausone”? Niente. Ma per annoiarci c’è gran...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510