HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A: quale di questi attaccanti vi ha deluso di più?
  Giovanni Simeone
  Edin Dzeko
  Arkadiusz Milik
  Patrik Schick
  Marko Pjaca
  Paulo Dybala
  Duvan Zapata
  Keita Balde Diao
  Simone Zaza

La Giovane Italia
Editoriale

Contro Mourinho, evviva Mourinho. Si scatena un altro Juventus-Inter. Gli eccessi del tifo da condannare. Bocciato dagli inglesi. Da Mazzone in giù, ma che calcio vogliamo? Il Var in Champions, ora basta, cosa aspettate?

09.11.2018 06:57 di Enzo Bucchioni   articolo letto 22663 volte
© foto di Federico De Luca

Mourinho non è tipo da mezze misure, o lo odi o lo ami, ma questo lo sapevamo già. Il doppio confronto fra Juventus e Manchester è stata l’occasione per rimettere in moto cose antiche, rivalità mai sopite, sgarbi mai digeriti, gesti sopra le righe, un Triplete esagerato, pensieri e parole di gente che non si è mai amata e forse non si amerà mai.
Juventus-Manchester si è trasformata in una riedizione riveduta e corretta del derby che non finisce mai fra Juventus e Inter. Da una parte gli juventini contro Mou, dall’altra tutti gli altri anti-juventini a spalleggiare lo Special One. Non solo gli interisti che, tira via, difendono l’allenatore del loro storico trionfo, ma anche milanisti, romanisti, napoletani e altri che quel Triplete non l’hanno fatto, più meno come la Juve. E allora eccoci al sodo: chi ama Mou odia la Juve, chi ama la Juve odia Mou. Proprietà transitive.
Lo dico forte e chiaro, almeno credo: questo modo di pensare non mi appartiene e nel mio calcio ideale non dovrebbe appartenere a nessuno.
Non per fare il democristiano che non sono, ma non sto né con i tifosi né con Mourinho, so di stare dalla parte del calcio e dello sport. O almeno ci provo.
Comincio con Mourinho e parto con una domanda: ma vi pare normale che un allenatore faccia tutto quello che ha fatto Mou in carriera e continui a farlo a quasi sessant’anni?
Dalle manette in giù è stato un continuo. Non approvo niente di questi comportamenti semplicemente perché Mourinho di mestiere fa l’allenatore, ha un ruolo di grande responsabilità, non voglio dire la banalità che deve dare l’esempio, ma sicuramente il ruolo gli impone di avere un equilibrio superiore a quello dei tifosi e dei giocatori. Ti può capitare di perdere la testa una volta, a chi non è successo? Ma perderla in continuazione è inaccettabile.Ma pensate che Mourinho sia il solo allenatore a essere insultato o sbeffeggiato in tutti gli stadi del mondo? Allora avete la memoria corta. Purtroppo e sottolineo purtroppo, è un malcostume abbastanza diffuso. Bene. Chi si comporta come Mourinho? Ricordo una reazione passata alla storia del mitico Mazzone di una ventina d’anni fa, l’abbiamo ancora tutti bene in mente. Condannai anche quella con l’attenuante, appunto, di una sbroccata che ci può stare. Una tantum. Mourinho no. Mourinho è talmente furbo che con questi comportamenti ha costruito il suo personaggio.
La domanda del giorno è: ha fatto bene o ha fatto male a reagire ai tifosi della Juventus che lo insultavano?
Poi verrò anche ai tifosi, adesso la mia risposta è scontata: non avrebbe dovuto farlo. Ma chi fa finta di non capire e vuole comunque tirare sempre e comunque acqua al mulino del tifo e delle divisioni, può rispondere a questa domanda usando le parole dello stesso Mourinho che, conscio di averla fatta grossa, a fine gara ha detto: “A mente fredda non lo rifarei”. Lo sa benissimo di avere sbagliato.
Come lo sanno i giornali inglesi, quelli che secondo la logica tutta nostrana dovrebbero stare con il Manchester e contro la Juve e invece in nome e per conto del Sacro Far Play sono stati i primi a criticare Mou. Ha fatto vergognare il calcio inglese.
Noi no, noi non ci vergogniamo. Noi siamo ancora alla legge del taglione “occhio per occhio, dente per dente”. Noi siamo quelli del “uno, cento,mille Mazzone”.
Ma ci rendiamo conto che un calcio con le modalità di Mourinho salterebbe per aria tutte le domeniche in tutte le categorie? Vogliamo autorizzare o giustificare gli allenatori, ma ci metto anche i giocatori (mi viene in mente Cantona), che se la prendono con il pubblico, reagiscono alle offese e alle contestazioni? Ma che calcio volete, un calcio da barbari?
Ma riuscite a immaginare un attore in teatro che sentendo in platea uno che gli urla buffone, smette di recitare e gli risponde?
Il calcio è un grande spettacolo, nel bene nel male, con aspetti condannabili (calma, ora arrivo ai tifosi), e gli attori di questo spettacolo, dai dirigenti, agli allenatori ai giocatori, hanno siglato un patto tacito e non, devono rispondere a regole, guadagnano talmente bene (come nel caso di Mourinho) che sono pagati anche per sopportare le cose negative, le critiche e purtroppo anche gli insulti.
Mourinho ha sbagliato a mettersi la mano all’orecchio, non ho dubbi neppure a mente fredda. Il giorno dopo. E non voglio neppure tirare in ballo l’aspetto sociologico, i danni che fanno certi comportamenti a tutto il movimento calcio perché quando sei ad altissimo livello come Mou, milioni di occhi ti guardano e (purtroppo) in tanti adesso ti imiteranno in migliaia di situazioni analoghe sul pianeta.
Quelli che si dichiarano super partes (anche nella mia categoria) e poi stanno con Mourinho Ora vengo ai tifosi della Juventus che hanno sbagliato per primi e sono i primi a dover essere aspramente criticati. Lo avevano già fatto a Manchester, si sono ripetuti l’altra sera. E’ possibile che la più importante società italiana, quella che schiera uno dei migliori giocatori della storia del calcio non riesca a rieducare una tifoseria che in questo modo fa male all’immagine della Juventus stessa? Conosco le dinamiche da stadio. Un coro ci sta. Due anche. Nessuno è santo e le chiese sono posti diversi, per carità. Ho frequentato e letto McLuhan, ma dire che lo Stadium ha esagerato è dire poco. Si può urlare basta? Si può capire che offendere gli avversari è qualcosa di sgradevole, ma anche un boomerang? Spero che la Juve abbia la forza di dialogare con il corpo sano della tifoseria organizzata per far passare un messaggio diverso e contrario a questo.
Come fanno orrore agli inglesi, certi comportamenti dovrebbero far orrore anche a noi. E per chi non lo capisce o non lo capirà in futuro spero che la Uefa e la Federcalcio inseriscano norme più severe contro certi comportamenti verbali. La giustizia sportiva che sta per essere riformata dovrebbe prevedere sanzioni più severe per le discriminazioni razziali e territoriali, ma anche per certi tipi di offese personali inaccettabili. Urlate a Mourinho che è un fallito. Fate dell’ironia. Fate quello che volete restando nella professione e nel pianeta calcio. Ironia e sfottò sono il sale. Offese e attacchi alla persona vanno perseguiti duramente.
Sempre sul tema “un calcio migliore”, vorrei proiettare per una settimana intera in casa di Ceferin l’immagine di Sterling che inciampa in una zolla e l’arbitro gli fischia rigore. Non ricordo una roba simile in 45 anni di calcio. Cosa aspetta Ceferin a dare il via al Var in Champions? Fino a quando si vuole continuare a condizionare i risultati?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

I primi clamorosi ma non confermati spifferi sul Pallone d'Oro e il premio più incerto dell'ultima decade. Fenomeni contro Francesi ma può essere l'anno della rivoluzione di Modric 18.11 - Urne chiuse. Così la discussione è ufficialmente pronta per proseguire, adesso senza più chance d'influenzare il giudizio dei 173 giornalisti aventi diritto di voto per il Pallone d'Oro del 2018 che sarà assegnato il prossimo 3 dicembre a Parigi. La redazione di France Football nelle...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Il Milan tra Rodrigo Caio e Ibrahimovic. De Ligt primo nome per la difesa della Juventus. La Roma vuole blindare Manolas, che piace anche a Real e Barcellona. Napoli si continua a lavorare ai rinnovi di Zielinski e Hysaj 17.11 - Un mese e mezzo e si parte, anzi il mercato è già partito. E allora andiamo dritti all’obiettivo. In casa Milan è scattato l’allarme rosso. Gli infortuni di Musacchio e Caldara in difesa e di Biglia e Bonaventura a centrocampo hanno creato una situazione difficile. Insomma ci sono...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ecco tutti gli obiettivi di mercato di Juve, Milan, Inter, Roma e Napoli. Da Barella a Diawara, da Lazzari a Chiesa. Tornano Rafinha e Paredes. E Marotta va in Cina 16.11 - Questa sosta per la Nazionale è utile alle società, tutte stanno facendo un check per capire cosa serve sul mercato di gennaio, ma anche e soprattutto per gettare le basi e mettersi avanti per obiettivi e trattative future. La squadra più in difficoltà, con necessità immediate...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Pronti per gennaio: il Milan più attivo ecco i primi nomi. E poi attenzione: parametri zero pazzeschi! 15.11 - Il mercato si avvicina alla velocità della luce. Sarà più corto del previsto, visto che chiuderà il 18 gennaio, ma non per questo sarà meno intenso. Se dovessimo sbilanciarci potremmo dire che per il Milan potrebbe essere una sessione di primo livello. Nel senso che a gennaio Elliot,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Allegri cosa dici?! Hai cambiato idea rispetto a quando eri al Milan, e proprio prima di una partita con la Juve… Ibrahimovic in rossonero è possibile: ecco a che punto è la trattativa. Juventus su De Gea e James? C’è questo retroscena 14.11 - Massimilano Allegri è già l’allenatore che ha vinto più Panchine d’Oro nella storia, 4. Anche se ovviamente i suoi obiettivi sono altri. Il primo e ovvio è vincere la Champions (Allegri è anche il primo allenatore italiano a perdere entrambe le prime due finali di Champions a cui...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

C’è solo una cosa bella della Sosta per la Nazionale. No, non è vero, non c’è. Tra l’altro sarà la 2323esima quest’anno. Si sono moltiplicate. O forse è solo un’impressione. 13.11 - Juve: la panchina d’oro, i cervelli di ghisa. Inter: le scelte di Spalletti (e un segreto…). Milan: il (troppo) rigore di Higuain. Arbitri: l’esempio di IrraQuando c’è la Sosta per la Nazionale a nessuno frega nulla di qualunque cosa, si fa finta di appassionarsi a temi come “Balotelli...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, no a Ibra. Napoli, un salto nel fango. Spal, l'unica società che ha sfruttato il triplo salto. Liverani, oro di Lecce. Gravina, ecco il primo colpo: Brunelli dalla Lega 12.11 - Arriva la sosta, nel momento meno opportuno, e come sempre si tornerà a parlare di calciomercato. La Juventus cerca un centrocampista, l'Inter in teoria è a posto così, la Roma necessita di almeno due tasselli, mentre il Napoli potrebbe aver bisogno di un vice Milik che, a gennaio,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

En plein probabile, chi l'avrebbe mai detto: la Serie A è di nuovo la casa dei grandi difensori. De Laurentiis aveva ragione: Ancelotti vale un top player. Calo Juventus? Non c'è da fidarsi 11.11 - Kalidou Koulibaly, Milan Skriniar e Kostas Manolas. Poi la difesa della Juventus che può andare ad Harvard per dare lezioni sulla fase difensiva. Sono loro il miglior spot di una Serie A che quest'anno in Champions ha buone possibilità di portare tutte le squadre almeno agli ottavi...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Su Skriniar tutte le big d’Europa: City, United, Barcellona e Bayern Monaco, ma la sua volontà è rimanere all’Inter. Il Napoli in pressing su Tonali. Il Milan pensa a Paredes. Juventus, a San Siro prova verità 10.11 - L’Inter è al lavoro per blindare Skriniar. Il difensore slovacco cresce partita dopo partita e ormai è arrivato a un livello altissimo. Anche Spalletti dopo la gara con il Barcellona ha sottolineato che ormai è un giocatore top. Un vero leader della difesa, in grado di unire qualità...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Contro Mourinho, evviva Mourinho. Si scatena un altro Juventus-Inter. Gli eccessi del tifo da condannare. Bocciato dagli inglesi. Da Mazzone in giù, ma che calcio vogliamo? Il Var in Champions, ora basta, cosa aspettate? 09.11 - Mourinho non è tipo da mezze misure, o lo odi o lo ami, ma questo lo sapevamo già. Il doppio confronto fra Juventus e Manchester è stata l’occasione per rimettere in moto cose antiche, rivalità mai sopite, sgarbi mai digeriti, gesti sopra le righe, un Triplete esagerato, pensieri...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy