VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

Credere che un uomo solo potesse internazionalizzare il Napoli, è stato un atto altamente provinciale

07.06.2015 00:00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 43102 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

La Juventus con Buffon, Bonucci, Barzagli, Chiellini, Pirlo, Marchisio, Sturaro, Padoin; la Lazio con Marchetti, Parolo, Cataldi, Mauri, Candreva; la Roma con De Sanctis, Astori, De Rossi, Florenzi, Totti. Non è un caso se l'ossatura delle prime tre squadre del campionato di serie A sia composta prevalentemente da calciatori italiani, quelli che hanno tenuto il gruppo solido nei momenti difficili e ne hanno guidato la riscossa quando si è trattato di schiacciare il piede sull'acceleratore. Probabilmente ragioni economiche legate alla consegna delle fideiussioni all'atto dell'acquisto hanno consigliato alcuni presidenti di prendere la strada estera, con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti. A cominciare dal Napoli: in un biennio 135 milioni spesi in cartellini, un monte ingaggi da 70 milioni (netti) a stagione, senza raggiungere la Champions che avrebbe portato 80 milioni di euro nelle casse del Napoli. La Coppa Italia e la Supercoppa non possono di certo bastare per considerare sufficiente la gestione Benitez, pesata sul bilancio del Napoli per un ammontare di 20 milioni nel biennio, compreso gli stipendi dei suoi collaboratori. L'idea di rendere grande il Napoli con l'ingaggio di un tecnico dal nome altisonante è stato un errore del quale De Laurentiis ha preso coscienza con colpevole ritardo e adesso lo costringe ad un'opera di ricostruzione con l'utilizzo di gente di sostanza piuttosto che da personaggi celebrati dai risultati ottenuti altrove. Pensare che il Napoli potesse essere internazionalizzato con l'arrivo di Benitez è stato un flop, anzi, un atto altamente provinciale e per nulla rispettoso di ciò che l'Italia ha sempre prodotto in termini di calcio, quello puro e non condizionato dalle ricchezze portate da sceicchi e zar. E poi, quali e quanti spagnoli hanno fatto la differenza in serie A? Si contano sulle dita di una mano e lo stesso Benitez ha dovuto abbandonare la nostra realtà rapidamente, per assenza di risultati concreti: le piccole squadre sono andate a nozze tutte le volte che dovevano sfidare il Napoli. Di contro, ci sono due tecnici italiani, Capello e Ancelotti, che hanno lasciato il segno nella Liga. A me non dispiace che Emery abbia rifiutato il ricco contratto propostogli da De Laurentiis, si rischiava un altro buco nell'acqua, con un altro coach che avrebbe chiesto tanto e, forse, ottenuto poco. Ora De Laurentiis ha voluto sparigliare tutto con l'arrivo di un allenatore poco avvezzo ai palcoscenici internazionali, ma con quella fame da lupo che serve adesso che bisogn muoversi sulle macerie lasciate dall'ultima gestione tecnica. Il desiderio di rivedere un Napoli combattivo, tenace, mai domo e con quella dote tecnica che caratterizza le squadre di Sarri, è forte, anche se azzardato. Sì, De Laurentiis sta correndo un rischio, in effetti calcolato, perché con l'organico attuale difficilmente si potrebbe fare peggio del quinto posto. Dipenderà anche dalla capacità dei tifosi nell'accettare il cambiamento e pensare che il passo indietro era stato fatto investendo ingenti risorse per un allenatore che in due anni le ha sperperate tutte. Il Napoli internazionale va creato con i calciatori italiani e non cercandola nello straniero che troppo spesso porta con sè il forziere, ma senza i gioielli al suo interno.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Marotta e Paratici, ha ragione Agnelli: serve un altro Higuain. Napoli, adesso o mai più. Sabatini: trattative diverse (e non va bene) rispetto a quanto annunciato 23.07 - Lucida follia. Un anno fa, quando la Juventus annunciò l'acquisto di Gonzalo Higuain dal Napoli grazie al pagamento della clausola da 90 milioni di euro, commentai così il trasferimento del Pipita. Un'operazione economicamente folle per i bianconeri per un calciatore...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, dal ruggito di Huarong al ruggito di Florentino. Belotti: tutte le carte in tavola. Napoli: uno Scudetto già vinto. 22.07 - Due anni di sarcasmo, di dileggio e di ironie sul Milan. Una montagna di sentenze e di previsioni nefaste che ha partorito un topolino dal numero 19. E' di questo che ci si è ridotti a discutere. Il Milan di Yonghong Li fa esageratamente quella campagna acquisti milionaria per la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cairo dice no, ma Belotti ha l'accordo col Milan. Arriva Kalinic. Troppi dubbi su Montella. Juve: ok Berna, ma il centrocampista? Milinkovic Savic con Matic o Matuidi. Inter in difficoltà 21.07 - Cairo resiste, dice no al corteggiamento del Milan e alla cessione di Belotti, ma alla fine si farà. Servirà tempo, trattative giuste, pazienza, ma Belotti al Milan è nella logica delle cose e del mercato. Nonostante tutto. Una società come il Milan che sta spendendo più dell’impossibile,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L'Inter e i giovani di qualità, la Juve e le trattative ad oltranza, la rosa degli attaccanti del Milan. Roma: non solo Defrel 20.07 - Cominciano ad intrecciarsi le strade di Inter e Juve. Non poteva esser altrimenti, non possono rimanere lontane. E allora mentre si definiscono i dettagli per l'operazione di Vecino con la Fiorentina e il suo agente (la Fiorentina dovrebbe far sapere come preferisce che venga pagata...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Bonucci in due giorni, per Dalbert sono due mesi. Fassone e Mirabelli, scudetto al mercato ma in campo serve tempo. Branchini, c'era una volta il Re del mercato... E c'è ancora! 17.07 - I tifosi del Milan hanno lasciato, lo scorso maggio, San Siro delusi e stanchi dell'ennesimo campionato mediocre del diavolo. Si facevano due domande: "Il prossimo anno ci abboniamo? Ma questi cinesi che razza di cinesi sono?". Sembra passata una vita e, invece, sono solo due mesi....

EditorialeDI: Marco Conterio

Dalla Juventus al Milan, dall'Inter alla Roma e non solo: i retroscena sui colpi che preparano adesso le grandi d'Italia. E' anche il mercato dei procuratori: tutti gli affari già a segno 16.07 - E' una splendida estate. Inattesa. Il Milan s'è preso la copertina ma mica è finita. Già, perché adesso la premiata coppia Fassone-Mirabelli cerca la ciliegina in attacco e non è da escludere che per il centrocampo arrivi pure un altro colpo con Suso possibile partente. E' da Scudetto?...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri: da Pirlo a Bonucci. Donnarumma: nessuna reciprocità. Napoli: l'esperimento del non mercato 15.07 - Quando c'è una diaspora che scuote le pareti dello stomaco di una tifoseria, Massimiliano Allegri si trova nel mezzo. Andrea Pirlo nel Milan del 2012, Leonardo Bonucci nella Juventus del 2017. Max cozza senza volerlo con i caratteri di alcuni big: loro non si aspettano in un uomo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci capitano del Milan: tutti i retroscena sul divorzio dell'anno. Episodi inquietanti. Ha vinto Allegri. Epurazione, anche Cuadrado e Mandzukic in partenza. In arrivo Manolas. Viola, caos Kalinic 14.07 - Bonucci al Milan è il divorzio dell’anno e forse anche di più. Non siamo infatti solo davanti a un semplice trasferimento a sorpresa, questa vicenda racconta di una Juventus in ebollizione e trasformazione che sta cercando di porre fine a un evidente strappo di spogliatoio iniziato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.