VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Sedici squadre si giocano la Champions League: chi è la favorita?
  Barcellona
  Basilea
  Bayern Monaco
  Besiktas
  Chelsea
  Juventus
  Liverpool
  Manchester City
  Manchester United
  Paris Saint-Germain
  Porto
  Real Madrid
  Roma
  Siviglia
  Shakhtar Donetsk
  Tottenham

Editoriale

Cristiano Ronaldo agguanta Messi, il Real Madrid la dodicesima Champions. Chi ha visto Higuain e Dybala? Il braccino non è quello di Zidane

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
04.06.2017 14:53 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 63520 volte
Cristiano Ronaldo agguanta Messi, il Real Madrid la dodicesima Champions. Chi ha visto Higuain e Dybala? Il braccino non è quello di Zidane

Sarebbe bello e disonesto affermare che la differenza fra Real Madrid e Juventus sia tutta nei due autogol che hanno, di fatto, condannato i bianconeri. Il tiro di Cristiano Ronaldo avrebbe probabilmente incrociato di Buffon senza la deviazione di Bonucci, così come il fendente di Casemiro incrociato dalle gambe di Kroos. Così come sarebbe ingiusto sostenere che Zinedine Zidane, forse l'allenatore più fortunato di tutto il globo - almeno dai tempi del Bayern Monaco degli anni 70, con Dettmar Cramer in panchina - sia solo un buon gestore, una figura carismatica, aiutata da Cristiano Ronaldo come Arrigo Sacchi dal trio olandese. C'è verità, probabilmente, in entrambi i casi. Senza due autogol il Real Madrid non avrebbe mai sbloccato una partita che sembrava ben diretta verso la Juventus, così come ZZ qualche fortuna l'ha avuta, affidandosi al fenomeno di Madeira.

Ecco, Cristiano Ronaldo si è tolto, alla sua ennesima finale, l'etichetta del calciatore che non decideva. Strano per chi ha segnato quattro gol - con quelli di ieri - in finale di Champions, ma per due volte aveva steccato completamente il resto della partita, sbagliando rigori oppure essendo ectoplasmatico per i novanta minuti e oltre, oppure infortunandosi come nell'ultima gara dell'Europeo. Straordinario anche stavolta, Cristiano Ronaldo, più di un Buffon costretto a toccare il primo pallone al quarantesimo del primo tempo (con un cross abbastanza agevole) e davvero pochissimo altro. CR7 vincerà il suo quinto Pallone d'Oro, come Messi, e chissà che la sfida sia chiusa qui.

Dall'altra parte, invece, gli assenti non giustificati sono davvero tanti. Da una difesa che aveva preso due reti in questa edizione di Champions League (l'equivalente dei 120 secondi fra il tiro di Casemiro e l'inserimento di Cristiano Ronaldo) all'attacco degli argentini. Dybala praticamente inadatto a questi livelli, Higuain come il miglior cocktail dei peggiori bar di Caracas - Invisibile - e Mandzukic con molta corsa. Impossibile imputare troppe colpe all'allenatore, ma una sì: essere arrivato a giocare una finale di Champions snaturando l'idea di un Dani Alves molto offensivo sulla corsia, con Isco che si trovava di fronte Barzagli - sempre molto difensivo - e non la freccia brasiliana: la mancanza di fase difensiva dello spagnolo, dunque, veniva rintuzzata dall'inesistenza della fase offensiva dell'ex Palermo. Ok, certo, se fosse arrivata la vittoria Allegri sarebbe stato magnificato per la scelta, tanto più che Cuadrado nella sua mezz'ora di finale ha fatto più danni della grandine.

Dunque è un ritorno al 2015, con la Juventus che sfiorerà i 550 milioni di fatturato, ben lontana da Real Madrid e con 120 milioni (e passa) di Pogba che "truccheranno" il bilancio. Tutto molto semplice, da spettatore: centrocampo non all'altezza, attacco che poteva - e doveva - fare di più. Forse in una gara secca il Real Madrid è quasi imbattibile. O forse, ed è molto più probabile, alla Juventus è venuto il braccino. O meglio, qualcosa d'altro. Ma per essere fini è meglio non dire cosa.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Tra voluntary Milan e rating BB- Inter. Gigio, la prova del nove. ADL: Ounas? No, Donnarumma! 16.12 - Certo che al Milan non si fanno salti di gioia. Sul piano industriale presentato a Nyon e sulle successive integrazioni in base alle richieste di documentazione UEFA, il Club rossonero aveva puntato molto. In ogni caso il tono del comunicato europeo, come tutti hanno potuto verificare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Lo scandalo Donnarumma. Il portiere contro il suo procuratore Raiola: “Mai subito violenza psicologica”. Raiola contro Mirabelli: “E’ lui il male”. Mirabelli: “Tanto non lo cediamo”. Ma il Milan ora può solo vendere il giocatore 15.12 - Dopo due giorni di polemiche, striscioni e lacrime, ieri sera a tarda ora è arrivata la versione di Gigio Donnarumma: “Non ho mai scritto o detto di aver subito violenza morale da parte del Milan durante la firma del contratto”. Una presa di posizione netta, chiarissima, del giocatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Donnarumma, sempre Donnarumma, ancora Donnarumma 14.12 - Donnarumma torna al centro della polemica. E ancora una volta, una parte della tifoseria organizzata del Milan, esprime il proprio dissenso. Di sicuro il rapporto, ora, è di nuovo teso. Per via di quanto è successo nelle ultime settimane. Proviamo a fare allora un riassunto (naturalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Donnarumma-Raiola, che pasticcio! Il VAR va migliorato non demonizzato… Lazio, incubo Barcellona! 13.12 - Un mio vecchio amico mi ripete, alla noia, questa frase: “Ai miei tempi il calcio era un gioco semplice fatto da persone semplici”. Avendo superato la settantina, è evidente il suo riferimento ad un calcio, quello degli anni ’60 e 70’ che ben poco ha a che fare con il calcio d’oggi…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri e la "grana" Dybala. Inter: il senso delle parole di Spalletti. Milan: Gattuso non è solo "grinta". Occhio agli Euro-sorteggi... 12.12 - Ciao. Oggi c’è Inter-Pordenone di Coppa Italia. La Coppa Italia è molto considerata dai nostri capi del calcio: fanno giocare l’ottavo di finale in casa della più forte. Di martedì. Alle nove antelucane. Con -12 gradi e l’incubo “gelicidio”. Il gelicidio fa paura a tutti. Tutti ne...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, uno spot per poveri. Roma e Napoli, siamo alle solite. Crotone, con Nicola hai perso un patrimonio tecnico ed umano 11.12 - Quando aspetti una settimana intera un big match, lo carichi con titoloni e speciali e poi vedi (o meglio non vedi) una partita priva di emozioni, capisci che questo campionato è aperto ad ogni pronostico. L'Inter è la vera anti-Juve? Difficile pensarlo se ci ricordiamo da dove arriva...

EditorialeDI: Marco Conterio

Juventus-Inter: altro che partita perfetta e spot del calcio italiano. Nei bianconeri ci sono due casi ma molto diversi tra Allegri e Mourinho. Icardi, l'esame Mundial e la corte di Florentino Perez 10.12 - Zero a zero sarà pure la partita perfetta ma Juventus-Inter è stata la fotografia della noia. Un ben noto e ascoltato incipit della gara, spiegava che sarebbe dovuta essere lo spot per il calcio italiano. Purtroppo, lo è stata del calcio italiano. Dove contano tanto i giocatori di...

EditorialeDI: Mauro Suma

La Cavese e il Povero Diavolo. Il Milan 2012-2017. I doveri dei Club channels. Juve, vigilia violenta 09.12 - I giocatori del Milan devono capire, compatibilmente con il lavoro di carico atletico che stanno mettendo nelle gambe, che in questo momento hanno un dovere doppio. Non solo quello di giocare e fare punti. Sarebbe troppo banale. Ma anche e soprattutto di tenere il Milan come simbolo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Un giallo: il Milan accerchiato. Bocciato o no il piano finanziario, l’Uefa non si fida di Li Yonghong. E Montella non andava esonerato adesso. Napoli, resta solo lo scudetto: De Laurentiis investa a gennaio e fuori subito dall’Europa League 08.12 - E’ l’anno del Milan, l’anno nero intendo. Il nuovo corso cinese che doveva riportare i rossoneri al vertice del calcio mondiale, in realtà sta portando soltanto enormi problemi. In campo e fuori. “Aridatece il Berlusca”, urla il popolo milanista e chissà lui quanto starà godendo. L’ultimo...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e i problemi di novembre, un piccolo record italiano e una panchina per Nesta 07.12 - Al Napoli non è riuscita l'impresa. Non sarebbe dipeso solo dagli azzurri, serviva un aiutino (o aiutone, visto a posteriori) da parte del City. Invece il 2-0 maturato dopo mezz'ora ha fatto il resto. E il Napoli non ha neanche azzannato l'avversario. Per mille motivi, primo su tutti...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.