VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Da Romagnoli a Grassi: alle big conviene puntare sugli italiani? Juve, hai alzato bandiera bianca troppo presto. Inter e Milan, che differenza rispetto a un anno fa

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
24.01.2016 11:29 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 67033 volte
Da Romagnoli a Grassi: alle big conviene puntare sugli italiani? Juve, hai alzato bandiera bianca troppo presto. Inter e Milan, che differenza rispetto a un anno fa

Ma conviene davvero puntare sui giovani italiani? E' la domanda che pongo a voi lettori di TMW per dare il via a questo editoriale. Vi anticipo la mia risposta: 'Si, conviene'. Ma i 'se' e i 'ma' sono tantissimi e le società che spesso, quasi sempre, rivolgono lo sguardo altrove hanno le loro buone motivazioni. Il problema è soprattutto economico, è evidente, ma per spiegarlo è necessario qualche passaggio. Un paio di premesse prima di giungere alla conclusione.
Il movimento calcistico italiano sta attraversando un momento particolarmente complesso e difficile. Arriveremo al prossimo Europeo dopo un Mondiale disastroso e con uno dei reparti avanzati meno talentuosi che l'Italia calcistica ricordi. Il ricambio generazionale tarda ad arrivare e la generazione d'oro che nel 2006 ci portò sul tetto del mondo è ancora alla ricerca di eredi. Cassano, Balotelli e Giuseppe Rossi, per motivi diversi, hanno fallito il loro appuntamento con la storia. Per il futuro si spera in giocatori come Insigne, Bernardeschi e Berardi, ma il presente è tutt'altro che roseo.
Un problema non da poco nemmeno per i club italiani. Soprattutto le società più importanti, quelle chiamate a ottenere risultati ogni stagione, negli ultimi anni hanno avuto sempre minore possibilità di scelta. Sono lontanissimi i tempi in cui nello stesso Torneo di Viareggio si potevano ammirare giocatori come Totti, Vieri o Del Piero. Adesso i giovani calciatori italiani forti, pronti già a 20 anni per le big, sono pochi, pochissimi. E quelli che ci sono vengono valutati con cifre fuori mercato.
Prendete l'esempio di Alessio Romagnoli. Il Milan ha sborsato 25 milioni di euro per acquistare il difensore classe '95 che aveva alle spalle una sola annata da titolare in Serie A. Valutazione ancora più alta quella data a Daniele Rugani, perché in questo caso la Juve i 25 mln offerti dal Napoli li ha rifiutati. L'ha dichiarato incedibile, anche se l'ex Empoli da quando è sbarcato allo Juventus Stadium non mette più piede (o quasi) in campo.
Cosa abbiano fatto questi giocatori per avere delle valutazioni così alte è davvero difficile da comprendere. Sono ottimi giovani, certo, ma quando si valuta Alberto Grassi dieci milioni di euro dopo 16 presenze in Serie A ci si può anche aspettare che altri club, che non hanno la disponibilità economica del Napoli, rivolgano il loro sguardo altrove. Potrebbe costare addirittura di più Rolando Mandragora alla Juventus, nonostante il centrocampista campano di gare in Serie A ne abbia disputate cinque: sei milioni più sei di bonus l'esborso economico per chiudere l'accordo col Genoa. Una cifra molto alta per un 18enne che promette benissimo, ma per ora s'è comportato bene solo in Serie B.
La vicenda è complessa e andrebbe analizzata in maniera ancora più diffusa. Perché se sei un club che può lavorare senza pressioni fai bene a comportarti come ogni anno fanno Empoli o Sassuolo, ma se punti a qualcosa di più di una salvezza tranquilla - e non hai un budget smisurato a disposizione - certe cifre preferisci spenderle in altro modo. Magari ti fiondi in Sud America o nell'Est Europa sfruttando i prezzi più concorrenziali.
Le attenuanti, insomma, non mancano. Chi investe all'estero ha le sue motivazioni, ma per il bene del movimento italiano è necessario che i direttori sportivi comincino a fare ragionamenti che vadano al di là delle prossime tre partite. La Juventus, stringendo accordi con club di rango minore, ha tracciato in questi anni la strada che dovrebbero seguire anche società come Milan, Inter e Roma. La strada giusta per far crescere i giovani italiani più talentuosi, produrre plusvalenze e ottenere risultati. Un percorso non privo di ostacoli perché necessita di una programmazione costante che non si improvvisa da un giorno all'altro, ma obbligatorio. Solo seguendo l'esempio dei campioni d'Italia si potrà aumentare il numero di calciatori italiani in Serie A ed evitare che quei pochi in grado di mettersi in evidenza anche solo per poche gare vengano poi valutati a peso d'oro.

Dai problemi del calcio italiano a quelli del calciomercato impossibile non notare come la tabella acquisti dei tre club più vincenti d'Italia sia vuota o quasi. La Juventus ha acquistato il solo Mandragora, ma per giugno. Il Milan s'è limitato a formalizzare l'ingaggio di Boateng, mentre l'Inter è ancora ferma al palo, in attesa che Guarin s'involi da Malpensa in direzione Cina. Jiangsu e Shanghai che sia.
Non perfetta la strategia di Giuseppe Marotta che era atteso al grande colpo, ma ben presto - forse troppo presto - ha alzato bandiera bianca. Max Allegri, che in estate aveva chiesto senza successo l'acquisto di un trequartista di caratura internazionale, ci ha riprovato con la richiesta di un centrocampista all'altezza dei titolari per il suo 3-5-2. Anche in questo caso, però, la società non l'ha accontentato. Con la differenza che, mentre ad agosto Marotta e Paratici ci hanno provato fino alla fine, a gennaio non sono mai entrati nel vivo delle trattative. Banega e Gundogan sono sfumati ancor prima di sedersi attorno a un tavolo, Moutinho e Witsel sono stati appena valutati, mentre Soriano e Fernando non sono stati considerati utili alla causa. Una resa incondizionata troppo rapida.
Discorso diverso per Milan e Inter, club probabilmente scottati da quanto accaduto dodici mesi fa. Di questi tempi, infatti, nel 2015 imperversavano sui giornali gli arrivi a Milano di giocatori come Destro, Shaqiri, Suso, Podolski e Cerci. Calciatori che avrebbero dovuto cambiare le sorti delle due squadre, ma che sono caduti nel dimenticatoio con la stessa rapidità con cui sono stati issati su un piedistallo. Le loro avventure a San Siro per motivi diversi si sono concluse malissimo, ma tutti questi fallimenti hanno avuto un minimo comune denominatore: l'assenza di punti fermi. Perché a gennaio puoi, magari, puntellare la rosa con un acquisto di spessore, ma non cambiare tre-quattro pedine nell'undici titolare. Una strategia rischiosa in estate, figurarsi nel bel mezzo della stagione calcistica.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella, questo Milan ha bisogno di identità. Verona, in "Pecchiata" verso il baratro. Baroni, è stato bello... Juve e Napoli, avanti così! 25.09 - Quest'ultima giornata di campionato ci consegna diverse cartoline. Una da Milano: una volta l'Inter queste partite non le avrebbe mai vinte, invece, anche se non indovina la domenica giusta Spalletti fa punti. Nel calcio si dice: sono segnali. Seconda cartolina da Torino: Mihajlovic...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic. 24.09 - I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.