VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Da Sacchi e Capello a Seedorf, Inzaghi e Sinisa. Il Milan li brucia tutti. Allarme Procura Federale: il Catania ha pagato ma Pulvirenti barava da solo? Serie B, top & flop: Rastelli, Panucci, Tesser, Torrente e Juric...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
12.10.2015 18.39 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 109941 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

L'Italia di Conte neanche la commentiamo perché ci ha stufato ancor prima di nascere. Queste Qualificazioni sono soltanto un peso per i club, magari un giorno ci privassero di queste mezze amichevoli! La Juve perde Morata, i campionati partono poi si fermano, entrano nel vivo e poi si fermano di nuovo. Diciamo a Conte che ci porta solo l'Europeo. Se lo vincerà avrà vinto lui, se arriverà in semifinale non gli diremo nulla, se si fermerà prima gli faremo mille pernacchie e sarà libero di andare al Milan, che nel frattempo avrà bruciato l'ennesimo allenatore. La scuola Berlusconi è finita. Sono finiti i tempi d'oro che, però, sono durati 30 anni. E' finito il ciclo del club rossonero e non c'è più quella magia di Silvio che tutto quello che toccava diventava oro. Finiscono i cicli e le ere, finiscono le persone ma non finisce certo il mondo (il 2012 ormai è andato). Il Milan di Sacchi e Capello non c'è più. Il Milan di Galliani non esiste più e gli allenatori sono le vittime di un sistema che norn riesce più a regalare successi. Con questa estate è finita anche la storiella "non vinciamo perché sono finiti i soldi". 90 milioni sono stati investiti, male ma sono stati investiti. Mihajlovic ha una grande colpa: ha avallato il mercato di Galliani e si è schierato per avere alcuni calciatori, in primis Romagnoli che - sarà pure un giovane di talento - ma a quelle cifre ci aspettiamo di vedere un sicuro "futuro Thiago Silva". Sinisa ha più colpe di quelle che avevano Seedorf e Inzaghi. L'olandese è arrivato tardi e la sua media punti, comunque, è stata più che dignitosa. Seedorf ha pagato più per i comportamenti fuori dal campo che per quelli in campo. Si è messo contro Galliani e ha ragionato ancora da calciatore più che da allenatore. Inzaghi ha gestito male il gruppo e ha pagato, soprattutto, lo zerbinaggio nei confronti di Galliani e Berlusconi. La canzoncina "Il Presidente ha sempre ragione" e "Signor sì" ad Adriano Galliani hanno fatto sì che Pippo si bruciasse prima di diventare allenatore. Siamo contrari ai tecnici che saltano la gavetta; nel calcio come in qualsiasi campo, prima devi fare esperienza e poi puoi occupare certe posizioni. Se salti la fila, il tempo comunque ti inchioderà. Puoi essere un allenatore, un dirigente, un medico o un giornalista ma quando non fai la gavetta c'è qualcosa che non va. Un boomerang che, prima o poi, ti torna in dietro e ti prende dritto in fronte. Sinisa la gavetta l'ha fatta ed è arrivato al Milan nel momento giusto. Momento giusto per lui, non per il club. Seedorf e Inzaghi avrebbero dovuto fare un altro tipo di percorso. Quello che, ad esempio, sta facendo oggi il loro vecchio compagno di squadra Gennaro Gattuso. Rino ha sbagliato, non tanto ad accettare Palermo, perché un esonero con Zamparini è una stella al merito, ma a passare per la Grecia e non a ripartire dalla serie C italiana. Lo ha capito con due anni di ritardo e vedrete che a Pisa farà bene e nel giro di qualche anno spiccherà il volo. A Gattuso la gavetta servirà soprattutto per ragionare nello spogliatoio da allenatore e non da ex calciatore. Quest'anno sarebbe stato pronto già per una buona B ma, alla fine dei conti, passare per Pisa non gli ha fatto male. Tra gli ex milanisti si sta muovendo bene Crespo, a Modena, anche se gli manca la costanza di rendimento e farà una buona carriera Brocchi, oggi allenatore della Primavera rossonera ma già si capisce che ha l'intelligenza giusta per fare questo mestiere. Se mai dovesse chiamarlo Galliani per la prima squadra e Brocchi dovesse accettare, allora, ritireremmo l'aggettivo "intelligente".
-PULVIRENTI BALLAVA DA SOLO?-
Approfittiamo della sosta del campionato per ricordare. L'Italia è fatta così. Quando c'è lo scandalo gridiamo tutti alla vergogna. Passano pochi giorni, un servizio in meno alla televisione e addio prima pagina dei giornali e tutti dimentichiamo. La scorsa estate sembrava la svolta del nostro calcio. Abbiamo scoperto che il Catania comprava, o provava a farlo, le partite e da lì in poi avremmo guarito il cancro del calcio. Tutti in gabbia. Tutti squalificati, tutti radiati... Macché! Siamo ad ottobre e hanno pagato solo Catania e Teramo. Le frittate all'italiana ci hanno un po' stancati. Presto potrebbe arrivare un nuovo scandalo ma se prima non risolviamo quelli precedenti perde di credibilità tutto il sistema. La Giustizia Sportiva non funziona, lo sappiamo da anni. Tavecchio dovrebbe imporre il suo potere per chiudere, al più presto, il fascicolo "I Treni del gol". Dei treni è rimasta una sola carrozza. Catania ha pagato e continuerà a pagare, Pulvirenti prova a vendere ma nessuno può acquistare un club così allo stato attuale. La Procura Federale ancora non ci ha fatto capire, realmente, come si è mosso il Catania, se le partite erano truccate e quali. Non abbiamo più avuto notizie del coinvolgimento di Livorno, Ternana e Latina. I misteri sono ancora numerosi e siamo stanchi, ogni estate, di credere che qualcosa stia davvero cambiando e alla fine non cambia mai nulla.
-CAGLIARI REGINA, FLOP PERUGIA E SALERNO-
Anche se non c'era la serie A, ci siamo divertiti con la serie B. Il paradosso è che abbiamo più allenatori validi in B che in A. Massimo Rastelli si è ripreso la vetta con il Cagliari. E' stata la miglior prestazione da quando allena in Sardegna. Non diamo per scontato che una squadra forte debba per forza vincere o stravincere il campionato. Non è così, a maggior ragione in serie B. Campionato faticoso, lungo e strano. La stagione in B è eterna, sono due campionati in uno e il calendario va diviso in 4. I giudizi si possono dare ogni 10 giornate. Prima sarebbe delittuoso. Il Cagliari è, sulla carta, nettamente più forte delle altre e ha indovinato la scelta dell'allenatore. Anche quando la sua squadra non gioca bene fa punti e Rastelli ha una giusta filosofia: prendere il punto per muovere la classifica anche quando il pareggio sembra una sconfitta. La B è fatta così. Sta deludendo Bisoli a Perugia. Gli attaccanti con lui fanno sempre fatica, non trovi un bomber da 20 gol con Bisoli e il Perugia oggi paga soprattutto questo. C'è tempo ma la strada è lunga e tortuosa. La Salernitana è in fase calante. Fabiani ha costruito un ottimo gruppo ma ha sbagliato nettamente la scelta dell'allenatore, come vi abbiamo già detto a fine mercato. Torrente ci lasciava perplessi e oggi lo siamo ancor di più. Il Livorno era partito a mille ma appena infortunatisi gli attaccanti il giocattolo si è inceppato. Panucci, a volte, ragiona ancora con la testa calda da calciatore più che da uomo pragmatico di panchina. Il Livorno non gioca bene e Panucci dovrebbe riflettere sui continui errori dei suoi, anche perché sono quasi sempre gli stessi. Drago a Cesena farà bene, Juric a Crotone sta sorprendendo tutti ma abbiamo dubbi che continui a questi ritmi. L'Avellino ha raccolto molto meno di quello che meritava. Se Trotta inizia a segnare allora Tesser può sorridere, altrimenti saranno guai. Le responsabilità del mister sono inesistenti. La squadra gioca bene e ha carattere ma se perdi Ely, Pisacane, Kone e Castaldo rispetto all'anno prima devi tener conto che Tesser è l'uomo giusto al posto giusto ma non ha la bacchetta magica per trasformare la traversa di Bologna in una promozione in serie A.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Finalmente è finito uno dei campionati più brutti degli ultimi anni. Il pagellone semiserio da 10 a 0: tra il closing più lungo di una soap, il tatuaggio di Baccaglini, il Pallone d'Oro a Buffon, la carriera di Totti e un addio che ha stufato 28.05 - Finalmente uno dei campionati più brutti e scontati di cui abbia memoria è finito. Doveva vincere la Juventus e lo ha fatto. Dovevano retrocedere Pescara, Palermo e Crotone con l'Empoli a rischio e ci siamo quasi. Dovevano andare in Champions League il Napoli e la Roma e l'hanno fatto....
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Gigio guardalo, è il tuo Milan. L'inevitaible egoismo di Totti. Bonucci e United esempi veri 27.05 - Ci sono in giro due tentativi di contaminare il momento magico del Milan. Che non è il sesto posto, ma è il mercato di svolta fatto con intensità e coraggio, il buon senso che si legge in tante scelte e in tanti atteggiamenti, l'eccezionale stato di forma dei tifosi. Che non si sono...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.