HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Totopanchina Juve: chi sarà l'erede di Allegri?
  Simone Inzaghi
  Maurizio Sarri
  Pep Guardiola
  Sinisa Mihajlovic
  Didier Deschamps
  Mauricio Pochettino
  Josè Mourinho
  Antonio Conte

La Giovane Italia
Editoriale

Dai mecenati al FFP, dai crac alla noia. Così non va: come ripensare la Serie A? O si vara la Superlega o si cambiano le regole, guardando a modelli molto diversi come quello NBA

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Politica presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
02.12.2018 09:26 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 27110 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

È appena iniziato il mese di dicembre, non siamo ancora al giro di boa della Serie A e tra gli italiani che vivono di pane e pallone ci sono due correnti di pensiero. Ci sono coloro che considerano il discorso Scudetto già concluso, chi dice che raggiungere una Juventus che finora ha perso 2 punti in 14 giornate è utopia. E che in fondo il copione era già scritto in estate ed è in corso il suo naturale svolgimento. E ci sono i più speranzosi, come Carlo Ancelotti. Coloro che dicono di aspettare fine dicembre. Che la Juventus ha un calendario più difficile e che solo a fine girone d'andata si possono tirare le somme perché magari adesso comincia a rallentare e chi insegue ne può approfittare. Una speranza o una gufata, insomma. A seconda della vostra fede.

Qui però non si tratta né di sperare né di gufare. Si tratta di analizzare un campionato che da sette anni vede sempre la stessa squadra alzare lo Scudetto. Una Serie A che salvo colpi di scena clamorosi vedrà trionfare la Juventus anche quest'anno e chissà per quante altre stagioni.
È la serie più lunga tra i top campionati europei ed è una serie che non sembra destinata ad esaurirsi. Nelle ultime stagioni il Napoli è stato l'avversario più accreditato della Juventus, ma quando qualche giorno fa Mario Sconcerti, in risposta a Gianni Di Marzio che si lamentava del valore di alcuni giocatori partenopei, diceva di evitare qualsiasi paragone tra i due club centrava a pieno il punto: "Il Napoli non può comprare Cancelo o Cristiano Ronaldo, non può spendere 40 milioni di euro per Bernardeschi e fargli fare la riserva. Non si può pensare alla campagna acquisti del Napoli con i soldi della Juventus. E' un errore di venti anni fa...". Tenete a mente quest'ultima frase, perché merita di essere approfondita.

Tornando all'incipit del discorso, la questione è basilare. Si può considerare appassionante un campionato in cui la seconda in classifica ha mezzi di gran lunga inferiore alla prima? In cui se il Napoli può mediamente pagare un cartellino y e uno stipendio x la Juventus può pagare il cartellino y² e lo stipendio x²?
Ora, non me ne vogliate ma io le risposte già me le immagino. 'Sei un anti-juventino' o 'Ma cosa vuoi dalla Juve? Sei solo un giornalaio'. Oppure, la più civile: 'Ma la Juventus che colpa ne ha?'.
Ovviamente la Juve non ha alcuna colpa. E in questo testo non c'è alcun sotto-messaggio denigratorio nei confronti della Juventus, che è la società che s'è mossa meglio negli ultimi 10 anni. Ma che l'ha potuto fare anche perché il regime di Financial Fair Play agevola naturalmente le società più grandi, quelle con più tifosi.

E qui arrivo alla seconda parte della questione. Quando Sconcerti dice ai suoi interlocutori 'siete rimasti a un calcio di 20 anni fa' si riferisce al calcio dei mecenati, quello in cui gli imprenditori senza paletti potevano decidere le sorti della propria squadra. Potevano operare con follia e senza restrizioni. Vincere e fallire. O magari entrambe le cose nel giro di un paio d'anni.
Non era quello un modello sostenibile. Lo abbiamo visto anche quest'anno nelle nostre serie minori: servono regole e controllori. Ma l'impalcatura costruita 15 anni fa dall'UEFA con il FFP ha portato naturalmente ad agevolare le grandi società e quelle che giocano in un campionato ricco come la Premier League, che sono state brave ad assorbire prima le nuove norme dell'UEFA, ma sono anche favorite da una Lega che distribuisce i diritti tv a cifre che gli altri possono vedere solo col binocolo. Se ci pensate, proprio questo modello dell'UEFA è stato il principale promotore di quella Superlega che adesso l'ECA respinge, perché in questo momento i rapporti con l'UEFA sono tutti rose e fiori, ma che in futuro rappresenta l'unica via per porre la parola fine a campionati sempre più monocorde. In cui ad agosto già si sa chi vincerà a giugno.

Torniamo al nostro orticello, alla Serie A. La Juventus ha vinto e continua a vincere perché in regole che favoriscono i grandi club s'è mossa meglio. Molto meglio. Le uniche società che negli ultimi anni per bacino d'utenza potevano avvicinarsi erano Milan e Inter, ma per motivi diversi hanno commesso errori in successione. E ora che hanno intrapreso la retta via si trovano distanti. Più o meno distanti e con proprietà più o meno facoltose, ma entrambi alle prese con un inseguimento che, per quelle che sono le regole attuali, potrebbe non esaurirsi mai.
Per esser più chiari, Suning dall'oggi al domani non può spendere 200 milioni di euro per una campagna acquisti come faceva Moratti 20 anni fa e avvicinarsi d'un sol colpo alla Juventus. Se De Laurentiis, stufo di arrivare sempre secondo, decidesse di dare in estate 150 milioni di euro a Giuntoli per rinforzare la squadra senza mettere in bilancio cessioni banalmente l'anno successivo verrebbe escluso dalle coppe europee, oltre a ricevere una pesante multa dall'UEFA.
In questo modello, una Juventus che dal punto di vista dirigenziale è tra le migliori società d'Europa resta semplicemente irraggiungibile. E se anche le altre fanno dei passi in avanti Andrea Agnelli di certo non si ferma. E' come camminare sperando di toccare la linea dell'orizzonte.

Ribadisco adesso: è questo il campionato che vogliamo? Un campionato noioso più che preoccupante. Un calcio in cui non solo non sarà più possibile vedere alzare al cielo lo Scudetto alla Sampdoria di Mantovani o al Verona di Bagnoli, ma che trasformerà l'alternanza in una rarità. E se in futuro sarà alternanza, sarà ristretta a pochissimi (come in Spagna) senza possibilità di eccezioni.
A questo punto meglio la Superlega. Meglio inserire in un unico campionato tutte le squadre che 'ce l'hanno fatta' e lasciare anche agli altri la possibilità di gioire, seppure in leghe evidentemente più povere.
Oppure, bisogna ripensare il modello. Ma ripensarlo dalle fondamenta, guardando magari anche al paese più capitalista al mondo che però nello sport professionistico è molto più socialista della vecchia Europa. L'NBA, giusto per citare una lega, dà la possibilità a chi ha fatto peggio nella precedente stagione di avere accesso privilegiato al miglior giovane del basket universitario e, soprattutto, impone a tutti lo stesso tetto ingaggi. Vien da sé che lo spettacolo che ne emerge ogni anno è sempre avvincente e competitivo, ma anche variegato. Dà la possibilità a chi ha saputo seminare bene di restare sempre competitivo ad alti livelli, ma in contemporanea ha sempre una mano tesa verso chi ha commesso degli errori.
Ora, sia chiaro, anche nel sistema USA ci sono delle falle. Non è tutto oro quello che luccica in NBA, ma molto meglio che vedere una Juventus che ha un monte ingaggi che supera abbondantemente i 200 milioni di euro affrontare un Empoli che non arriva a 20 milioni.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juventus, Paratici al lavoro per il centrocampo: Milinkovic Savic, Ndombele e Rabiot i nomi forti. Per Chiesa è sempre più testa a testa con l’Inter. Valzer delle panchine: Gasp per la Roma, ma occhio anche a Giampaolo. Semplici idea per la Samp 25.05 - Fabio Paratici non si ferma un attimo. Il lavoro è tanto anche perchè la Juventus oltre alla difesa deve sistemare il centrocampo. Khedira potrebbe partire e anche il futuro di Pjanic è ancora tutto da decifrare. Nelle ultime ore è tornato di forte attualità il nome di Sergej Milinkovic...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Guardiola alla Juve, tutto vero. L’operazione è ancora in piedi. Si tratta con il Tottenham per Pochettino al City. Sarri proposto da Ramadani. Il Milan vira su Inzaghi. Fiorentina verso la cessione 24.05 - Guardiola e la Juve, è tutto vero. In questo momento nessuno può avere la certezza al mille per mille di come finiranno le cose, ma sicuramente a questa operazione si sta lavorando da tempo, ci sono state delle proposte accettate, degli accordi già presi e siamo alla stretta finale....

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve e la panchina, Inter e Milan e l’ultima curva Champions 23.05 - Non si parla d’altro. Da giorni. Ed è inevitabile che sia così: quando la panchina di una delle squadre più importanti in Europa è ancora da assegnare è ovvio che ci sia grande fermento, soprattutto fra la tifoseria. Che non si fa prendere dal panico: sa che la società è solida e...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Conte: firmato il precontratto! La Juventus sempre più avanti per Sarri. Cosa ci faceva Allegri a Londra il 7 maggio? Ecco chi c’era nello stesso albergo negli stessi giorni… 22.05 - Non c’è tempo per discettare e o poetare, il mercato allenatori è già sangue e sudore, e le notizie si accavallano. Partiamo dalla prima. Lo posso annunciare in anteprima: Antonio Conte ha firmato per l’Inter! Il segreto meno segreto del 2019, con l’accordo pendente da settimane,...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: per la panchina si sceglie tra Inzaghi e “il piano-Ronaldo” (due nomi). Inter: il contatto Marotta-Conte e l’orgoglio… a un passo dall’Abisso. Milan: il destino all’opposto di Gattuso. Allegri: il futuro non sarà al Bayern… 21.05 - Buondì. Diciamo alcune cose veloci. Facciamo una dozzina al massimo. 1) La serie A si ritrova con l’ultima giornata più bella da un sacco di tempo a questa parte e non sa nemmeno lei come ha fatto. Parliamoci chiaro: è più “colpa” che “merito” dei club coinvolti. 2) La Fiorentina...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Allegri: giusto l'addio. Alternative poche e confuse. Paratici-Inzaghi: ecco luogo e data dell'incontro. Caos serie B: vigliaccata al Palermo. Mercato, bravo Gravina. E Totti... 20.05 - Tra tre ore ho il volo per tornare a Milano. Vi scrivo da un Hotel di Londra, poche ore dopo aver visto il vero calcio. Ho pensato, nelle ultime ore, cento volte se davvero in Italia siamo convinti che quello nostro sia calcio. Sono stato a Wembley, sono stato ospite della finale...

Editoriale DI: Marco Conterio

Cosa c'è dietro l'addio di Allegri e nel futuro della panchina della Juventus. Anche se Zidane ha 'rovinato' i piani di Agnelli: tutto sui nuovi sogni e sui nomi della dirigenza 19.05 - Quel che è arrivato a parole ieri, ad Amsterdam, allo Stadium, non c'è stato nei fatti. L'appoggio costante a Massimiliano Allegri che negli ultimi giorni di vita bianconera sembrava un uomo solo al comando di una nave già in porto. Solo che la sua Juventus era un Titanic arrugginito,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli, Giuntoli insiste per Trippier e Lozano. Per la fascia sinistra occhio a Theo Hernandez, difficilissimo Grimaldo. Il Milan su Saint Maximin del Nizza. Sarri può lasciare il Chelsea, è il primo nome per il post Gattuso 18.05 - Il mercato del Napoli comincia a delinearsi. Saranno almeno 3 gli acquisti, uno per reparto. Un esterno difensivo, un centrocampista e una punta esterna. Ormai gli identikit cominciano ad essere abbastanza chiari. Per la difesa si continua a spingere per Trippier del Tottenham, ma...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non è convinto, ma la Juve non trova alternative forti. Il Milan ha le mani su Sarri. Gattuso alla Samp, Lampard al Chelsea. Gasp alla Roma, Inzaghi a Bergamo, De Zerbi alla Lazio. Montella già in discussione, si pensa a Giampaolo 17.05 - Il grande giro degli allenatori sta per cominciare, come in un grande puzzle i pezzi stanno andando al posto giusto. Cominciamo dalla Juve. Due giorni di confronto non sono bastati per prendere una decisione, Agnelli e Allegri si rivedranno oggi. Come andrà a finire? Allegri resta...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La cena di Allegri e la serata di Simone Inzaghi 16.05 - Una serata particolare: un occhio alla partita, la finale di coppa Italia, i sogni inseguiti dall’Atalanta e realizzati dalla Lazio. Un altro al telefonino per capire se e cosa succedeva fra Agnelli e Allegri in questo incontro pieno di cortine fumogene, per evitare addirittura che...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510