VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Dall'Inter al Milan, i cinesi non escludono l'effetto grandi ritorni: servono davvero? Dirigenze tra eredità pesanti e inattese figure. Controcorrente sulla Juve: Allegri, gestione da grande allenatore. Foggia, un altro tecnico top

Nato a Firenze il 05/05/1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker e conduttore per Radio Sportiva, oltre che editorialista di Firenzeviola.it e voce di TMW Radio.
02.10.2016 09:09 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 64731 volte
© foto di Image Sport

A volte ritornano. Massimo Moratti, magari pure Silvio Berlusconi già prima che ceda il passo. Entrambi, per Inter e Milan, hanno rappresentato la gloria, i successi. Un passato recente così bello che scrollarselo dalle spalle parrebbe sbagliato, a detta e impressione di molti. Anche e soprattutto dei cinesi, ma andiamo con ordine. L'idea, anzi la richiesta, di Zhang di rivedere Massimo Moratti presidente è decisamente particolare. Serve davvero? Il petto ed il cuore del tifoso, non può dire altrimenti. Ma serve, un'altra testa che decide, e che decisionista nel caso, all'Inter? Ha investitori dalla Cina, presidenza indonesiana e futura possibile guida italiana. Ha un agente iraniano, Kia Joorabchian, che è entrato così fortemente nelle vene di Suning da essere ascoltato alla stregua, se non oltre, Piero Ausilio. Che è pronto a rinnovare, forte dell'ottimo lavoro fatto in passato, ma si scordi l'autonomia che ne aveva sempre contraddistinto il lavoro. Un agente così forte è vantaggio ma anche fardello per un club e per un direttore sportivo che vorrebbe, e che pure dovrebbe, decidere.

Poi il Milan. Se l'Inter ha chiuso la cessione in pochi mesi, perché Suning è andata dritta al cuore della questione, ovvero quella economica, trattare con Silvio Berlusconi non è stato facile. Tra le postille dell'accordo, ci sarebbe anche quella di un Berlusconi presidente onorario ma come nel caso dell'Inter, sorge un dubbio: chi rappresenterà, in Italia e nel Mondo, il club una volta che Sino Europe Sports avrà acquisito il club? I cinesi sono, in entrambi i casi, azionisti. Imprenditori che investono col placet del governo ma che non gestiscono in nessuna parte del globo l'attività direttamente. Lo fanno per far crescere il brand Cina, per arrivare ai Mondiali del 2026 e per portare il Gigante Asiatico sempre più verso la guida del pianeta. Il 'rischio' di un vuoto di potere c'è. Il Milan adesso è stato Silvio Berlusconi e Adriano Galliani (sussurrano ancora di un futuro al Genoa, se non sarà come pare in rossonero). Con i grandi club europei i rapporti erano di Umberto Gandini, saggiamente pescato dalla Roma. La Juventus, in questo, insegna, è maestra: ognuno ha un suo compito, in ogni settore ci sono professionisti di primo livello. Marco Fassone e Massimiliano Mirabelli, futuri dg e ds del club, hanno le qualità ma non ancora lo spessore mediatico per rilevare il club dalle mani di Berlusconi, Galliani, Gandini, Maiorino. Servirà loro tempo, ma come abbiamo visto altrove, le proprietà cinesi non ne concedono troppo. Spendere significa vincere. Punto.

Spostiamoci in casa Juventus e vado controcorrente su quella che in molti considerano una patata bollente. Massimiliano Allegri sta gestendo nel migliore dei modi Gonzalo Higuain. Ma non solo per il Pipita, bensì perché nelle grandi squadre non ci sono soltanto undici giocatori. Contro l'Inter, Allegri ha deciso di buttare nella mischia Mandzukic. Col Palermo li ha schierati insieme. Oggi vedremo, ma il succo della questione è che così nessuno è scontento, sintomo che Allegri è capace di vedere al di là della singola partita. E' allenatore per il presente ma di progetto. Lo ha fatto lo scorso anno proteggendo Dybala e ora, che poteva riposare, lo ha messo in Champions per farlo sbloccare. Tanto di cappello, Allegri sta sbagliando pochissimi colpi e anche i tifosi della Juventus dovrebbero arrivare ad apprezzarne questa visione e grande qualità.

La chiosa su una bellissima storia, in Lega Pro stavolta. L'avvento di Giovanni Stroppa sulla panchina del Foggia non è stato dei più facili. Tira, molla, De Zerbi che viene richiamato, poi la presa di posizione del club e la saggia lettera dei giocatori che manda la sua solidarietà all'attuale tecnico del Palermo e dà il benvenuto a Stroppa. Il tipo di gioco è simile, forse anche più evoluto. Chi ci ha giocato, racconta Stroppa come uno dei più grandi talenti mai espressi fino in fondo del calcio italiano. Chi gioca per lui, chi lo segue dagli spalti, è invece soddisfatto. Velocità, rapidità. Intuizioni, risultati. Oggi ha un grande esame a Matera ma comunque vada (scongiuri concessi, mister, tifosi idem), a Foggia sta nascendo qualcosa di bello. Anzi, sta proseguendo. La proprietà ha capito i propri sbagli, quel che avrebbe potuto e dovuto fare. Con De Zerbi ha sbagliato la gestione, ma il direttore Di Bari ha avuto pure lui un'altra intuizione. Stroppa, altro maestro del 4-3-3. Un altro destinato a far carriera, ed una volta tanto viva le storie di gavetta e di sudore.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic. 24.09 - I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.