VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

De Boer si salva e salva l'Inter, ma non per sempre. Ecco cosa succede ora in casa nerazzurra (e non solo)

27.10.2016 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 21952 volte
© foto di Federico De Luca

Dopo una partita folle che è sembrata la sintesi della natura nerazzurra in novanta minuti De Boer sorride.
Non ha scacciato tutte le nubi sulla sua testa, non avrà dissipato i dubbi che hanno covato per giorni nella testa dei dirigenti e dei tifosi nerazzurri. Ma ha dimostrato che questa Inter ha un'anima. E questa è la cosa più importante. Anima e gioco.
Si era complicata la vita, il solito pasticcio difensivo. E c'erano anche dei piccoli segnali che non lasciavano ben sperare. C'è più di un addetto ai lavori che ha sottolineato come al gol di Icardi nessuno sia andato ad abbracciare De Boer. Solo era stato dipinto, solo è rimasto anche nel momento in cui avrebbe potuto liberarsi, sfogarsi con i suoi pretoriani. E' rimasto davanti alla sua panchina. Il suo viso è rimasto impassibile. Forse sapeva che la sua difesa avrebbe ballato di nuovo con l'incontro scontro fra Murillo e Ansaldi. Forse sapeva che avrebbe sofferto come nessun'altro quando la sua squadra creava gioco, come piaceva a lui, ma non segnava neanche portando il pallone con le mani oltre Hart.
Ci è voluto un supergol di Icardi. Quello che non centrava la porta da 4 partite intere. Quello che aveva segnato senza tirare in porta il gol dell'1-0, con un rimpallo fortunoso sull'uscita del portiere inglese del Torino.
De Boer si è salvato. Poteva non bastare vincere. Ma vincere così, con una partita vibrante ha allungato la sua carriera in nerazzurro. Per quanto? Non per sempre. Lo sa per primo l'olandese: c'è la Samp all'orizzonte, c'è il Southampton ancor più pericoloso. L'Inter non solo deve vincere, deve soprattutto convincere. Deve dimostrare che ci sono dei segnali confortanti. Perché altrimenti si cambia.
Dove? La sensazione porta a un allenatore italiano. Uno che conosca e che capisca subito l'ambiente nerazzurro. Uno che sappia calarsi in una realtà, che se dovesse decidere di cambiare, sarebbe letteralmente esplosiva. L'Inter, è inutile nasconderlo, un giro di orizzonte lo ha fatto. Sarebbe stato da pazzi non farlo: se la situazione fosse precipitata contro il Torino non poteva fare la brutta figura di non essere pronta. E quindi dei segnali li aveva lanciati in giro: Pioli, Guidolin, Mandorlini. Da non sottovalutare le piste straniere ma con la conoscenza della lingua: Blanc e Leonardo. Studiati i profili. I dirigenti nerazzurri hanno anche cercato di capire chi sarebbe potuto essere il sostituto più efficace. Magari prendendo in considerazioni anche nuove strade, azzardate in questo momento come Marco Silva, che in passato avevano affascinato i nerazzurri.
Per ora De Boer rimane. Con il ticchettio della scadenza sempre in sottofondo, ma la minaccia l'ha respinta. Ha parlato, alle tv, di lavoro, di evitare passi indietro, di suo calcio e di personalità. Ha provato a riprendersi un terreno che avrebbe voluto (e dovuto) marcare meglio. L'allenatore dipende dai risultati e se i risultati non vanno a pagare tocca a lui. De Boer lo sa. Ma per rimanere su quella panchina deve vincere e soprattutto convincere. Altrimenti l'Inter non può non prendere in considerazione delle soluzioni drastiche.
Legare il futuro dell'allenatore a una partita è sempre sbagliato: il lavoro non si può giudicare soltanto in novanta minuti. Senza il gol di Icardi staremmo parlando di un finale completamente diverso. Ecco perché le idee rimangono e la dirigenza nerazzura (quella italiana e quella cinese) deve essere convinta anche con i fatti.
Un po' come è successo a Nicola a Crotone. Doveva andare via se avesse perso. Ha rischiato di vincere a Firenze e rimane lì. Sono i risultati che decidono, ma alle volte sembra destino.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.