VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

De Boer si salva e salva l'Inter, ma non per sempre. Ecco cosa succede ora in casa nerazzurra (e non solo)

27.10.2016 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 21983 volte
© foto di Federico De Luca

Dopo una partita folle che è sembrata la sintesi della natura nerazzurra in novanta minuti De Boer sorride.
Non ha scacciato tutte le nubi sulla sua testa, non avrà dissipato i dubbi che hanno covato per giorni nella testa dei dirigenti e dei tifosi nerazzurri. Ma ha dimostrato che questa Inter ha un'anima. E questa è la cosa più importante. Anima e gioco.
Si era complicata la vita, il solito pasticcio difensivo. E c'erano anche dei piccoli segnali che non lasciavano ben sperare. C'è più di un addetto ai lavori che ha sottolineato come al gol di Icardi nessuno sia andato ad abbracciare De Boer. Solo era stato dipinto, solo è rimasto anche nel momento in cui avrebbe potuto liberarsi, sfogarsi con i suoi pretoriani. E' rimasto davanti alla sua panchina. Il suo viso è rimasto impassibile. Forse sapeva che la sua difesa avrebbe ballato di nuovo con l'incontro scontro fra Murillo e Ansaldi. Forse sapeva che avrebbe sofferto come nessun'altro quando la sua squadra creava gioco, come piaceva a lui, ma non segnava neanche portando il pallone con le mani oltre Hart.
Ci è voluto un supergol di Icardi. Quello che non centrava la porta da 4 partite intere. Quello che aveva segnato senza tirare in porta il gol dell'1-0, con un rimpallo fortunoso sull'uscita del portiere inglese del Torino.
De Boer si è salvato. Poteva non bastare vincere. Ma vincere così, con una partita vibrante ha allungato la sua carriera in nerazzurro. Per quanto? Non per sempre. Lo sa per primo l'olandese: c'è la Samp all'orizzonte, c'è il Southampton ancor più pericoloso. L'Inter non solo deve vincere, deve soprattutto convincere. Deve dimostrare che ci sono dei segnali confortanti. Perché altrimenti si cambia.
Dove? La sensazione porta a un allenatore italiano. Uno che conosca e che capisca subito l'ambiente nerazzurro. Uno che sappia calarsi in una realtà, che se dovesse decidere di cambiare, sarebbe letteralmente esplosiva. L'Inter, è inutile nasconderlo, un giro di orizzonte lo ha fatto. Sarebbe stato da pazzi non farlo: se la situazione fosse precipitata contro il Torino non poteva fare la brutta figura di non essere pronta. E quindi dei segnali li aveva lanciati in giro: Pioli, Guidolin, Mandorlini. Da non sottovalutare le piste straniere ma con la conoscenza della lingua: Blanc e Leonardo. Studiati i profili. I dirigenti nerazzurri hanno anche cercato di capire chi sarebbe potuto essere il sostituto più efficace. Magari prendendo in considerazioni anche nuove strade, azzardate in questo momento come Marco Silva, che in passato avevano affascinato i nerazzurri.
Per ora De Boer rimane. Con il ticchettio della scadenza sempre in sottofondo, ma la minaccia l'ha respinta. Ha parlato, alle tv, di lavoro, di evitare passi indietro, di suo calcio e di personalità. Ha provato a riprendersi un terreno che avrebbe voluto (e dovuto) marcare meglio. L'allenatore dipende dai risultati e se i risultati non vanno a pagare tocca a lui. De Boer lo sa. Ma per rimanere su quella panchina deve vincere e soprattutto convincere. Altrimenti l'Inter non può non prendere in considerazione delle soluzioni drastiche.
Legare il futuro dell'allenatore a una partita è sempre sbagliato: il lavoro non si può giudicare soltanto in novanta minuti. Senza il gol di Icardi staremmo parlando di un finale completamente diverso. Ecco perché le idee rimangono e la dirigenza nerazzura (quella italiana e quella cinese) deve essere convinta anche con i fatti.
Un po' come è successo a Nicola a Crotone. Doveva andare via se avesse perso. Ha rischiato di vincere a Firenze e rimane lì. Sono i risultati che decidono, ma alle volte sembra destino.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il PSG e il fair play finanziario, sempre più aggirato. L'Inter imbrigliata, la Juventus parte in prima fila. Il Milan punta su altri mercati e modelli esteri, ma senza sponsor rischia di star dietro 10.09 - Il Paris Saint Germain, in settimana, ha presentato Kylian Mbappé. Sula carta uno degli investimenti più onerosi di sempre, secondo solo a quello per Neymar Jr. 180 milioni di euro che, però, sono ancora da investire, perché il Monaco lo ha ceduto in prestito con diritto di riscatto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan: soldi veri, soldi precisi. Come Verratti? Gigio e Lorenzo pensateci. Mercato: la Premier va capita, non scopiazzata 09.09 - Le cifre vanno e vengono. Una volta che entra in scena il campo, lasciano il tempo che trovano. Ma intanto "passano". Esattamente come due anni fa, estate 2015, insistevamo sul fatto che il calciomercato del Milan fosse stato di 80 milioni e non di 100, allo stesso modo, senza virgole...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.