VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

De Laurentiis-Benitez, una decisione da prendere entro due mesi. Ora la vittoria con la Lazio deve diventare il manifesto del nuovo Napoli, più concreto per non farsi sfuggire la Champions

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
25.01.2015 00:00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 21880 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Non ci affideremo al macabro rituale di analizzare le viscere degli animali come da consolidata consuetudine degli aruspici romani per prevedere il futuro. Faremo affidamento all'esercizio molto più pratico di ispezionare le parole dei protagonisti per capire cosa accadrà alla fine di questa stagione. Il dubbio amletico è sempre lo stesso: essere o non essere ancora con Rafa Benitez? Le risposte accuratamente evasive di De Laurentiis e dell'allenatore non devono determinare infausti presagi, ma far emergere un accordo che sembrerebbe essere stato raggiunto dalle due parti. Se Benitez dice "del mio futuro ne riparleremo tra tre mesi" e se alla stessa affermazione il patron replica con tono non stizzito, ma conciliante "secondo me se ne andrà solo se tornerà dalla sua famiglia a Liverpool", non è complicato immaginare che il coach spagnolo avrà comunicato al suo datore di lavoro che sta monitorando la situazione dei Reds per capire se sarà possibile tornare lì dove è stata conquistata la più incredibile ed irripetibile Coppa dei Campioni. Rischiando pure di ritrovarsi senza panchina, qualora De Laurentiis nel frattempo trovi l'accordo con un altro trainer per non ritrovarsi nella stessa situazione di quando fu Mazzarri a tenere tutti sulla corda fino al termine del campionato. Aspettare Benitez si può, si deve, non tanto per quanto ottenuto finora con il Napoli, ma per il suo luminoso passato. E poi, interrompere un progetto costoso (120 milioni di euro investiti in cartellini negli ultimi due anni, oltre al monte ingaggi cresciuto del 30 per cento e nel quale lo staff di Benitez incide per una somma di 9 milioni) non avrebbe senso. Anzi, sarebbe un danno per il Napoli, perché De Laurentiis ha voluto che quella dell'allenatore fosse la voce più costosa a bilancio, perché intorno a lui andava costruita la squadra che nel giro di tre anni avrebbe dovuto conquistare lo scudetto. Il terzo anno sarà il prossimo, quello della verità soprattutto per Benitez che finora ha goduto di un credito enorme e giustificato dall'etichetta di essere uno dei migliori allenatori al mondo. De Laurentiis non aspetterà i tre mesi da lui richiesti, si garantirà il futuro bloccando un altro allenatore, poi da marzo ognuno avrà il diritto di prendere la propria strada. Per ora non c'è fretta ed è corretto pensare alla squadra, alla stagione che potrebbe riservare altre gustose sorprese. A cominciare dal campionato con quel terzo posto da blindare ed il secondo da tenere sempre nel mirino. Otto punti di distanza dalla Roma sono incolmabili se la formazione giallorossa dovesse riprendere l'antico passo imperioso che di recente sembra essere smarrito. Dovrà essere bravo il Napoli ad approfittare degli eventuali momenti di debolezza dei capitolini, riducendo il numero di punti sperperato contro le formazioni piccole. La vittoria dell'Olimpico contro la Lazio dovrebbe diventare il manifesto di quanto sia corretto speculare, avere un atteggiamento opportunistico al solo fine di conquistare i tre punti senza dover necessariamente divertire. Bravo Benitez a rivedere il suo ostinatissimo credo con il solo scopo di dare più punti al Napoli, ma adesso spetta a lui un altro compito fondamentale per ogni allenatore che si rispetti: recuperare i calciatori con il morale a terra. Jorginho ed Inler sono due di questi, geometri di un calcio che Gargano e David Lopez non riescono ad esprimere nonostante la loro encomiabile generosità. Se è vero che non è facile prendere a gennaio rinforzi migliori dei calciatori in organico, allora rilanciare Inler e Jorginho sarebbe molto più utile di un acquisto fatto giusto per dire di aver comprato.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter, mercato di gennaio intelligente: ecco cosa manca. Milan, si accende la luce di Rino e si spegne quella di Fassone. Verona assurdo: Pecchia e Fusco non da A. FIGC, Tommasi faccia un passo indietro... 22.01 - Difficile chiedere qualcosa di più, sul mercato, all'Inter. Senza soldi ma con molte idee. Suning tiene chiusa la borsa cinese e, prima o poi, dovrà spiegare anche cosa vorrà fare di questa Inter; affida a Sabatini l'arduo compito di rinforzare una squadra che senza Champions vedrebbe...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Verdi-Napoli: in estate scopriremo la verità. Milan, fidarsi di Mendes è stato un errore. Cosa fai Monchi? La Roma sta rischiando grosso 21.01 - Ma cosa passa nella testa di alcune persone? Me lo sono chiesto in questi giorni vedendo le reazioni e alcuni messaggi rivolti a Simone Verdi - e persino alla sua compagna - per la scelta di restare al Bologna. Offese personali, addirittura qualche minaccia di morte. Ma perché? Badate...

EditorialeDI: Mauro Suma

Balotelli: il Milan c'entra Buffon: come Rivera l'ultimo anno Thohir: Inter usata in chiave anti Milan? 20.01 - Cosa c'entra il Milan con Mario Balotelli? Niente. Anzi, parliamone. La prima sensazione infatti è che l'apertura di credito a quanto sta facendo Balo in Ligue 1 significa che i cannoni mediatici restano belli accesi e belli carichi proprio sul Milan in relazione a eventuali sviluppi...

EditorialeDI: Luca Serafini

Napoli, Inter, Roma: mercato pro-Juve, ma fanno notizia le ombre del Milan 19.01 - Non cadete nelle trappole propagandistiche. La politica italiana ha così pochi argomenti propositivi che l’unico esercizio remunerativo appare la distruzione verbale dell’avversario. Insulti, minacce, dubbi e sospetti, così l’operazione Berlusconi-Milan cinese è diventato (dopo il...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter avanti per Rafinha, ma spuntano le alternative, le mosse (segrete) del Napoli e quelle (clamorose) delle spagnole: da CR7 a Griezmann... 18.01 - Il primo incontro con il Barcellona ora deve maturare. L'Inter, con il suo direttore sportivo, ha allacciato ufficialmente i rapporti (fra società importanti come Inter e Barca è molto meglio, anche diplomaticamente, parlarne di persona) e ha "lanciato" l'ultima offerta. 35 milioni...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.