VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

De Laurentiis-Benitez, una decisione da prendere entro due mesi. Ora la vittoria con la Lazio deve diventare il manifesto del nuovo Napoli, più concreto per non farsi sfuggire la Champions

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
25.01.2015 00:00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 21876 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Non ci affideremo al macabro rituale di analizzare le viscere degli animali come da consolidata consuetudine degli aruspici romani per prevedere il futuro. Faremo affidamento all'esercizio molto più pratico di ispezionare le parole dei protagonisti per capire cosa accadrà alla fine di questa stagione. Il dubbio amletico è sempre lo stesso: essere o non essere ancora con Rafa Benitez? Le risposte accuratamente evasive di De Laurentiis e dell'allenatore non devono determinare infausti presagi, ma far emergere un accordo che sembrerebbe essere stato raggiunto dalle due parti. Se Benitez dice "del mio futuro ne riparleremo tra tre mesi" e se alla stessa affermazione il patron replica con tono non stizzito, ma conciliante "secondo me se ne andrà solo se tornerà dalla sua famiglia a Liverpool", non è complicato immaginare che il coach spagnolo avrà comunicato al suo datore di lavoro che sta monitorando la situazione dei Reds per capire se sarà possibile tornare lì dove è stata conquistata la più incredibile ed irripetibile Coppa dei Campioni. Rischiando pure di ritrovarsi senza panchina, qualora De Laurentiis nel frattempo trovi l'accordo con un altro trainer per non ritrovarsi nella stessa situazione di quando fu Mazzarri a tenere tutti sulla corda fino al termine del campionato. Aspettare Benitez si può, si deve, non tanto per quanto ottenuto finora con il Napoli, ma per il suo luminoso passato. E poi, interrompere un progetto costoso (120 milioni di euro investiti in cartellini negli ultimi due anni, oltre al monte ingaggi cresciuto del 30 per cento e nel quale lo staff di Benitez incide per una somma di 9 milioni) non avrebbe senso. Anzi, sarebbe un danno per il Napoli, perché De Laurentiis ha voluto che quella dell'allenatore fosse la voce più costosa a bilancio, perché intorno a lui andava costruita la squadra che nel giro di tre anni avrebbe dovuto conquistare lo scudetto. Il terzo anno sarà il prossimo, quello della verità soprattutto per Benitez che finora ha goduto di un credito enorme e giustificato dall'etichetta di essere uno dei migliori allenatori al mondo. De Laurentiis non aspetterà i tre mesi da lui richiesti, si garantirà il futuro bloccando un altro allenatore, poi da marzo ognuno avrà il diritto di prendere la propria strada. Per ora non c'è fretta ed è corretto pensare alla squadra, alla stagione che potrebbe riservare altre gustose sorprese. A cominciare dal campionato con quel terzo posto da blindare ed il secondo da tenere sempre nel mirino. Otto punti di distanza dalla Roma sono incolmabili se la formazione giallorossa dovesse riprendere l'antico passo imperioso che di recente sembra essere smarrito. Dovrà essere bravo il Napoli ad approfittare degli eventuali momenti di debolezza dei capitolini, riducendo il numero di punti sperperato contro le formazioni piccole. La vittoria dell'Olimpico contro la Lazio dovrebbe diventare il manifesto di quanto sia corretto speculare, avere un atteggiamento opportunistico al solo fine di conquistare i tre punti senza dover necessariamente divertire. Bravo Benitez a rivedere il suo ostinatissimo credo con il solo scopo di dare più punti al Napoli, ma adesso spetta a lui un altro compito fondamentale per ogni allenatore che si rispetti: recuperare i calciatori con il morale a terra. Jorginho ed Inler sono due di questi, geometri di un calcio che Gargano e David Lopez non riescono ad esprimere nonostante la loro encomiabile generosità. Se è vero che non è facile prendere a gennaio rinforzi migliori dei calciatori in organico, allora rilanciare Inler e Jorginho sarebbe molto più utile di un acquisto fatto giusto per dire di aver comprato.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, dal ruggito di Huarong al ruggito di Florentino. Belotti: tutte le carte in tavola. Napoli: uno Scudetto già vinto. 22.07 - Due anni di sarcasmo, di dileggio e di ironie sul Milan. Una montagna di sentenze e di previsioni nefaste che ha partorito un topolino dal numero 19. E' di questo che ci si è ridotti a discutere. Il Milan di Yonghong Li fa esageratamente quella campagna acquisti milionaria per la...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cairo dice no, ma Belotti ha l'accordo col Milan. Arriva Kalinic. Troppi dubbi su Montella. Juve: ok Berna, ma il centrocampista? Milinkovic Savic con Matic o Matuidi. Inter in difficoltà 21.07 - Cairo resiste, dice no al corteggiamento del Milan e alla cessione di Belotti, ma alla fine si farà. Servirà tempo, trattative giuste, pazienza, ma Belotti al Milan è nella logica delle cose e del mercato. Nonostante tutto. Una società come il Milan che sta spendendo più dell’impossibile,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L'Inter e i giovani di qualità, la Juve e le trattative ad oltranza, la rosa degli attaccanti del Milan. Roma: non solo Defrel 20.07 - Cominciano ad intrecciarsi le strade di Inter e Juve. Non poteva esser altrimenti, non possono rimanere lontane. E allora mentre si definiscono i dettagli per l'operazione di Vecino con la Fiorentina e il suo agente (la Fiorentina dovrebbe far sapere come preferisce che venga pagata...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Bonucci in due giorni, per Dalbert sono due mesi. Fassone e Mirabelli, scudetto al mercato ma in campo serve tempo. Branchini, c'era una volta il Re del mercato... E c'è ancora! 17.07 - I tifosi del Milan hanno lasciato, lo scorso maggio, San Siro delusi e stanchi dell'ennesimo campionato mediocre del diavolo. Si facevano due domande: "Il prossimo anno ci abboniamo? Ma questi cinesi che razza di cinesi sono?". Sembra passata una vita e, invece, sono solo due mesi....

EditorialeDI: Marco Conterio

Dalla Juventus al Milan, dall'Inter alla Roma e non solo: i retroscena sui colpi che preparano adesso le grandi d'Italia. E' anche il mercato dei procuratori: tutti gli affari già a segno 16.07 - E' una splendida estate. Inattesa. Il Milan s'è preso la copertina ma mica è finita. Già, perché adesso la premiata coppia Fassone-Mirabelli cerca la ciliegina in attacco e non è da escludere che per il centrocampo arrivi pure un altro colpo con Suso possibile partente. E' da Scudetto?...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri: da Pirlo a Bonucci. Donnarumma: nessuna reciprocità. Napoli: l'esperimento del non mercato 15.07 - Quando c'è una diaspora che scuote le pareti dello stomaco di una tifoseria, Massimiliano Allegri si trova nel mezzo. Andrea Pirlo nel Milan del 2012, Leonardo Bonucci nella Juventus del 2017. Max cozza senza volerlo con i caratteri di alcuni big: loro non si aspettano in un uomo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci capitano del Milan: tutti i retroscena sul divorzio dell'anno. Episodi inquietanti. Ha vinto Allegri. Epurazione, anche Cuadrado e Mandzukic in partenza. In arrivo Manolas. Viola, caos Kalinic 14.07 - Bonucci al Milan è il divorzio dell’anno e forse anche di più. Non siamo infatti solo davanti a un semplice trasferimento a sorpresa, questa vicenda racconta di una Juventus in ebollizione e trasformazione che sta cercando di porre fine a un evidente strappo di spogliatoio iniziato...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan grandi idee (Bonucci), Juve-Schick, Roma e gli attaccanti... 13.07 - L'idea è ambiziosa, esattamente come il Milan del nuovo corso. Finora nessun contatto, neanche ufficioso, fra le società. Ma i rossoneri pensano a Bonucci. Hanno cominciato a sondare il terreno, a parlare con il procuratore del ragazzo (l'altro ieri Lucci era a casa Milan anche per...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.