VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
19.02.2017 10.18 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 67195 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico.
Venivamo da giorni in cui il numero uno del club azzurro, in tutti i modi, aveva pubblicamente promosso il lavoro del suo allenatore. Interviste su interviste per far sapere e ribadire che lui ha puntato su Sarri quando tutti erano diffidenti, che è il miglior tecnico per valorizzare la rosa e che apprezzava persino il suo look. "Finalmente un allenatore in tuta che non si veste con un damerino". E poi? Poi è bastata una sconfitta, un 3-1 sul campo dei campioni d'Europa e del Mondo in carica per cambiare registro. Per rovesciare critiche che non sono solo il frutto di una delusione perché appunti così dettagliati e precisi non li pensi un secondo prima. De Laurentiis, a torto o a ragione, li covava da tempo e ha aspettato la prima sconfitta dopo oltre tre mesi per buttar fuori ciò che non andava. Il momento peggiore e il modo peggiore per muovere delle critiche.
Ma torniamo alla domanda iniziale: cosa si aspettava De Laurentiis? Il Napoli ha giocato contro i campioni in carica. Contro una squadra che, per stessa ammissione di Zidane, ha giocato una delle gare migliori della stagione. Il Real Madrid ha dominato la sfida per quasi tutti i 90 minuti e ha campioni che quando girano come mercoledì scorso risultato alieni anche per squadre che la Champions la masticano tutti gli anni. Figurarsi per il Napoli.
Già, perché un conto è avere buoni/ottimi giocatori come Zielinski, Hamsik o Callejon. Un altro Modric, Kross e CR7, che sono tra i giocatori più pagati del mondo non per caso.
Il Napoli ha pagato con l'imprecisione il pressing asfissiante dei padroni di casa e con il timore l'autorevolezza di chi la Champions la conosce meglio di chiunque altro. Problemi che non aveva il Real, uno spettacolo per gli occhi grazie a campioni che non perdono mai il controllo e la lucidità anche quando si gioca a velocità doppia rispetto a una gara di campionato.
E allora va bene così. L'hanno capito i tifosi - esemplari e di sostegno per tutta la giornata a Madrid -, non l'ha capito De Laurentiis. Avesse segnato Mertens, il Napoli si sarebbe addirittura presentato al San Paolo con un 3-2. Ma sono state molto più alte le possibilità che gli azzurri prendessero un'imbarcata viste le tante occasioni fallite dai padroni di casa. Va bene così: se il Real al ritorno inciamperà in una serata storta, allora il Napoli avrà anche una piccola speranza di ribaltare il 3-1. Altrimenti andrà avanti il Real, perché da un lato c'è chi questa competizione l'ha solo assaporata dopo le sue annate migliori e dall'altro chi l'ha vinta due volte negli ultimi tre anni. Non una differenza da poco.

La Juventus in questa stagione ha dichiarato apertamente di puntare alla vittoria della Champions League. Non è ancora ai livelli delle primissime in Europa, di Real Madrid e Bayern Monaco, ma i bianconeri sono tra le quattro-cinque squadre più competitive in corsa e non c'è dubbio che possano riuscire nel loro intento. Pur non partendo da favoriti.
E' una premessa necessaria per parlare della forza di una rosa che in Europa ha davvero pochi eguali. Dalla scorsa estate, ma ancor più da un paio di mesi, i tifosi bianconeri hanno compreso l'importanza di avere in rosa Gonzalo Higuain, per Maurizio Sarri il migliore numero 9 al mondo. Per migliorare un attacco che era composto da centravanti come Morata e Mandzukic era necessario puntare solo sul meglio del meglio e per questo motivo Marotta e Paratici la scorsa estate decisero di pagare 90 milioni di euro per strappare il Pipita al Napoli. Si tratta di un prezzo folle? Si. Era una follia necessaria per migliorare la rosa? Altrettanto. Già, perché ormai una rosa fortissima come quella della Juventus si migliora solo così: con pochissimi innesti, ma tutti di primissimo livello. Non con i Rincon.
E' una lezione che non dovrà passare inosservata la prossima estate quando la dirigenza bianconera sarà chiamata a far fare un ulteriore salto di qualità al centrocampo.
Il discorso è molto simile: se in squadra hai già calciatori come Khedira, Marchisio e Pjanic sono pochissimi i giocatori che posso garantirti un netto miglioramento.
Tra questi c'è un italianissimo, c'è quel Marco Verratti che rappresenta al tempo stesso un rimpianto e un obiettivo. Venerdì sera Giuseppe Marotta, interrogato sulla questione, ha detto che per strappare il regista della Nazionale al PSG serve una follia. Ha ragione, perché per meno di 70-80 milioni l'ex Pescara difficilmente si muoverà. Ma ormai solo i colpi 'folli' possono realmente migliorare questa Juventus. E' una follia necessaria, proprio come Higuain l'estate scorsa.

Capitolo finale dedicato all'Inter. Ricordate la trattativa che nell'estate 2015 portò Ivan Perisic a Milano? Bene, in queste settimane, forse è meglio dire in questi mesi, la dirigenza nerazzurra sta portando avanti una trattativa simile, quasi identica. L'interlocutore è lo stesso, il Wolfsburg, ma l'obiettivo gioca qualche metro più indietro: è il laterale svizzero Ricardo Rodriguez. E' una trattativa lunga, estenuante. Le sensazioni sono positive, ma prima di arrivare alla fumata bianca definitiva servirà superare ancora diversi ostacoli.
Ci sarà innanzitutto da trattare sull'ingaggio. Perché Rodriguez ha un contratto col Wolfsburg stipulato qualche anno fa, quando la Volkswagen non aveva problemi col 'Diesel-gate' e puntava a contrastare il Bayern Monaco elargendo stipendi altissimi. Con Rodriguez, ad esempio, chiuse un accordo che bonus compresi permette al giocatore di guadagnare quasi cinque milioni di euro netti a stagione. Un'enormità. All'Inter, per intenderci, solo Icardi guadagna di più. Ecco perché ci sono ancora molti ragionamenti da fare: Rodriguez vuole l'Italia, vuole i nerazzurri. Ma da lì a dire che è pronto a decurtarsi l'ingaggio del 50% ce ne passa, anche perché Arsenal e PSG non sono certo alternative di basso livello.
Secondo punto: il cartellino. Rodriguez ha una clausola da 22 milioni di euro per liberarsi dal Wolfsburg. Tanti soldi che l'Inter non vorrebbe spendere forte anche di un contratto scadenza 2019 che il calciatore non vuole rinnovare. Dalla Germania però fanno sapere che per cifre inferiori a quelle presenti nel contratto il giocatore non si muove. Dichiarazioni che tradotte in calciomercatese vogliono dire: o con i bonus ci avviciniamo ai 22 milioni di euro o non se ne farà nulla.
Infine la tempistica. Ieri il Wolfsburg ha perso 3-0 sul campo del Borussia Dortmund e adesso ha soli tre punti di vantaggio sulla zona retrocessione. La situazione è preoccupante e il club della Volkswagen ha fatto sapere che, fino al matematico raggiungimento della salvezza, non si muoverà un dito. Tutti concentrati su un unico obiettivo, su una permanenza in Bundesliga che ad oggi è tutt'altro che scontata. Poi, solo dopo, si potranno aprire discorsi e chiudere trattative. Ma quel giorno, a giudicare dagli ultimi risultati, sembra ancora abbastanza lontano.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Oltre 900 milioni investiti tra la scorsa estate e gennaio per rinforzarsi: è tempo di bilanci per i 20 club di A. Paradosso Atalanta, capolavoro Samp. Inter, smarcati da Kia. Napoli esempio da seguire 30.04 - Fine aprile, pochi verdetti ancora in bilico e, adesso si, la certezza che non sarà questo finale di stagione a sovvertire i giudizi. Come è andata la stagione dei calciatori che la scorsa estate, o lo scorso gennaio, sono stati acquistati dai venti club di Serie A? Gli investimenti...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Mercato: gran fermento Milan. Ritiro misura mediatica: Pioli scivola. Juventus: il Monaco non è il Barcellona 29.04 - Il Milan ha perso contro l'Empoli, molle e male, e lo sa. Ma sgombriamo il campo dalla mozzarella sfatta del sesto posto che nessuno vuole. Il Milan che scende in campo a San Siro otto giorni dopo il derby, ha al primo minuto pronti-via la possibilità tutta piena e tutta aperta di...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Di Maria, De Sciglio, Verratti, Tolisso, Caldara, Spinazzola: tutti i nomi della nuova Juve. Milan su Dzeko. Inter, Simeone si complica 28.04 - Allegri resterà alla Juventus anche se dovesse essere triplete (tifosi della Signoira toccate ferro), non è Mourinho. La sua è un’altra storia. Vi abbiamo già anticipato la settimana scorsa che è stata raggiunta un’intesa di massima per prolungare il contratto fino al 2020 con un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ricostruzione Inter,  i rinnovi di Napoli e Milan. La Roma di Monchi 27.04 - Nessuno si sarebbe mai aspettato una situazione in casa Inter così complicata un mese fa. La dirigenza nerazzurra dà piena fiducia a Pioli, considerato in questo momento senza alcuna ipocrisia il migliore. Non il migliore in assoluto. Il migliore in questa situazione. Dichiarare fallito...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.