VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

De Sanctis, quando il silenzio è d'oro. Seedorf, guarda questo Milan. Fiorentina, rimpianti estivi. Allarme Parma: sbagliare quest'anno potrebbe risultare fatale

Nato ad Avellino il 30-09-1983, vive e lavora a Milano. Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
20.10.2014 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 41384 volte
© foto di Federico De Luca

La premessa è un atto dovuto: in questo momento così triste per il calcio italiano, dove ci entusiasmiamo per un 2-2 tra Inter e Napoli, bisogna dire grazie alla Roma e al suo tecnico, Garcia: grazie per regalarci qualche emozione e per non aver già steso il tappeto rosso alla Juventus. Grazie per il bel gioco che mostra e grazie, da parte di tutti i giornalisti, per la possibilità di scrivere qualcosa. Pallotta aveva detto, dopo la gara con la Juventus, basta polemiche. Arriva il primo di turno, Morgan De Sanctis e spara a zero sul sistema e sulla Juventus, come se il suo datore di lavoro non avesse mai detto nulla. Per un calciatore, che da bambino sognava di vincere con la Juventus qualcosa, è un pò una miseria dover sparare contro qualcuno per finire in prima pagina. De Sanctis, come professionista, lo possono giudicare tutti: un buon portiere che in carriera ha vinto poco nulla e alla soglia dell'Inps spera in un pò di notorietà. Le dichiarazioni della settimana scorsa gli saranno servite per leggere il suo nome sul giornale e per sentirlo, un pò più spesso, alla tv. Oppure sarà fiero di andare in giro per Roma e sentirsi dire: "Grande Morgan, gliel'hai detto a quei 4 gobbi che sanno solo rubare". Invece De Sanctis ha fatto l'ennesima figura del rosicone perchè la Roma è vero che lo scorso anno avrebbe meritato lo scudetto ma è anche vero che c'è una squadra che negli ultimi 3 anni ha totalizzato 765 punti. De Sanctis lascia il vuoto attorno a sè, ovunque abbia giocato. Da Udine se ne andò con l'articolo 17; non c'è cosa più vile per un professionista. Scappare, dopo aver mangiato in una società che ti ha reso grande. Scrivemmo di De Sanctis dopo Udinese-Roma dello scorso anno. Insultò, uscendo dal campo, tutta la Tribuna del Friuli. Il ragazzo si risentì e prima chiamò un famoso Direttore Sportivo, amico in comune, e poi passò la palla al Tribunale. Ad Udine di De Sanctis dicono tutti la stessa cosa... Anche i raccattapalle. A Napoli bene fin quando è rimasto, poi sono usciti fuori tutti gli altarini. Oggi prepara il futuro, perchè il presente è agli sgoccioli. Morgan vorrebbe vincere qualcosa ma, probabilmente, nella sua vita resterà solo un buon portiere con una buona carriera alle spalle che tra dieci andrà a parlare in qualche tv come opinionista perché spara... a vento contro o a favore di qualcuno.
Complimenti a Inzaghi, per come ha lavorato durante questa sosta. A Verona è stato aiutato dalla fortuna che gli ha spalancato le porte ma anche la fortuna, nella vita, è una dote. L'attacco viaggia che è una meraviglia e Honda, da pippa nell'era Seedorf è diventato Pippo con Superpippo. Seedorf è il vero sconfitto, fin qui. Come un assegno post datato. Senza di lui a Milanello si ride, e questo è già tanto. Berlusconi si vede spesso a caricare la squadra, Galliani dà i suoi saggi consigli e Inzaghi ci mette il suo. Il Milan va! A gennaio non bisogna vendere ma rinforzare l'organico per tornare in Europa. La squadra ha carattere e, di questi tempi, è una virtù importante. A Verona era ben messa in campo e ha concretizzato tutto quello che c'era da concretizzare.
La delusione è la Fiorentina. Non Montella ma la società. Il tecnico viola non può fare miracoli, la dirigenza avrebbe dovuto fare ragionamenti diversi in estate. Qualcuno si doveva porre la domanda sulla condizione fisica di Gomez e Rossi, dopo l'esperienza dello scorso anno. Il problema è stato sottovalutato, bomber non ne sono arrivati e il giovane e forte Babacar da solo non può fare miracoli. Serve una punta che concretizzi. La Fiorentina ha gestito male, da giugno ad agosto, la fantomatica trattativa con il Barcellona per Cuadrado. Tra Pradè e la proprietà non c'è più l'intesa di una volta. Tutto questo complica i piani di crescita del club che, quest'anno, difficilmente potrà ripetere le imprese degli ultimi due campionati. I giovani di valore ci sono ma da soli non bastano.
Situazione estremamente delicata a Parma. La squadra non gira e quando c'è la tempesta un pilota come Donadoni non è il massimo per l'atterraggio d'emergenza. Tutto è sulle spalle del povero Leonardi, da quando il Presidente Ghirardi si è allontanato. La delusione della scorsa stagione, con lo scippo dell'Europa, non è stata digerita dalla proprietà. Se il Parma sarà il nuovo Catania, ci auguriamo di no, lo scopriremo con il passare delle giornate. Un dato è certo: il bilancio è più brutto della classifica. Bisogna salvare la categoria per dare un futuro al club.
In chiusura, pillole veloci e poco indigeste. Sulla B: complimenti a Stellone per come sta lavorando a Frosinone. Bravo anche al DS del Carpi, Giuntoli, per aver saputo friggere ancora una volta il pesce con l'acqua. A Modena, Antonio Caliendo, farebbe bene a fare un passo indietro. La sua gestione lascia morti e feriti sulla strada, il segreto è Novellino, perso lui finisce il giocattolino. Caliendo, come Cosentino, dovrebbero fare solo il loro mestiere. Bravo Mangia a Bari, la squadra risale e potrà fare un grande campionato; Caputo gran giocatore, Sciaudone è da serie A. In lega Pro è stata una delusione Benevento-Salernitana, mentre nel girone A il Bassano continua a dominare, Asta non si può più nascondere: la squadra deve puntare alla promozione in B. Bene il ritrovato Monza di Pea, il problema resta societario tra debiti e soldi che non si vedono. Il Direttore Ulizio dimostra zero spessore e non all'altezza del compito. Buona settimana a tutti.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Finalmente è finito uno dei campionati più brutti degli ultimi anni. Il pagellone semiserio da 10 a 0: tra il closing più lungo di una soap, il tatuaggio di Baccaglini, il Pallone d'Oro a Buffon, la carriera di Totti e un addio che ha stufato 28.05 - Finalmente uno dei campionati più brutti e scontati di cui abbia memoria è finito. Doveva vincere la Juventus e lo ha fatto. Dovevano retrocedere Pescara, Palermo e Crotone con l'Empoli a rischio e ci siamo quasi. Dovevano andare in Champions League il Napoli e la Roma e l'hanno fatto....
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Gigio guardalo, è il tuo Milan. L'inevitaible egoismo di Totti. Bonucci e United esempi veri 27.05 - Ci sono in giro due tentativi di contaminare il momento magico del Milan. Che non è il sesto posto, ma è il mercato di svolta fatto con intensità e coraggio, il buon senso che si legge in tante scelte e in tanti atteggiamenti, l'eccezionale stato di forma dei tifosi. Che non si sono...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.