VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Destro-El Shaarawy: Roma spinge, giocatori decisivi. Samp: Firenze deve sfoltire, Ilicic al posto di Gabbiadini. Inter: Mancini-Fassone, lingue diverse. Napoli, tutto il nervosismo di Higuain

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
20.12.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 28574 volte

Tra Roma e Milan non c'è stato nulla. A oggi per questa idea di scambio, lanciata dalle stesse colonne che pubblicarono per prime la notizia agostana di Balotelli al Liverpool, c'è maggiore gradimento dalle parti di Roma piuttosto che dalle parti di Milano. E' soprattutto l'ambiente giallorosso che spinge. In ogni caso, non a livello ufficiale. Fra i due Club, zero contatti. C'è chi sostiene, in ambiente mercato, che Galliani e Sabatini avessero già parlato di questo scambio a fine Agosto a Forte dei Marmi. Ma in quella sede si parlò in realtà solo del costo del cartellino di Destro, per il Milan che doveva sostituire proprio Balotelli. Quindi? Senza girarci troppo attorno, nulla di nulla. Lo scambio non è in programma e non è all'ordine del giorno. Se e solo se dovessero esserci richieste incrociate da parte dei giocatori, Destro alla Roma in direzione Milano e Stephan al Milan in chiave Roma, potrebbe sbloccarsi qualcosa. Ma lo scenario appare chiaramente, anche per come lo stiamo presentando a chi legge, sostanzialmente impossibile. Anche perché El Shaarawy in questo momento è molto più concentrato sulla sua risalita nelle gerarchie offensive rossonere che ad altro. E allora forza Stephan, il 2015, l'anno del Faraone, ti aspetta.

Non c'è solo il Milan in pole position nel mercato in uscita. C'è chi sta peggio, in quando a chiodo fisso. Se al Milan i giocatori sono 28, alla Fiorentina in questo momento sono 33. A Firenze devono sfoltire, tutti in città ne sono consci. Ci sono diversi atleti in esubero, i mancati introiti della mancata cessione di Cuadrado iniziano a farsi sentire. Finchè non libera giocatori, la società viola non può operare sul mercato di Gennaio. Primo indiziato e forse primo della lista, lui, Josip Ilicic. Potrebbe tornare al mare l'attaccante sloveno esploso nel Palermo. A Genova, il mare c'è. E la Sampdoria deve sostituire Gabbiadini. Non proprio stesse caratteristiche e stesso ruolo, ma nei progetti doriani questa sarebbe l'operazione ad hoc.

Roberto Mancini continua a chiedere rinforzi. In maniera importante e insistita. E al direttore generale Fassone spiace sempre molto dover rispondere che non si può. Che il debito è alto e i margini di manovra molto molto risicati. Anche qui la priorità sono le uscite. Vidic, ad esempio. Un giorno ci racconteranno. Molto difficile ma molto chiaro invece il primo obiettivo nerazzurro: Alessio Cerci. Non c'è nessun derby di mercato, su Cerci il desiderio è solo ed esclusivamente interista. Ma i costi appaiono quasi proibitivi. Le pressioni di Mancini in ogni caso ci sono e sono di quelle toste. Adesso sono più nitidi i contorni di quello che ha dichiarato Massimo Moratti a inizio settimana: "Mercato? Decisivo l'allenatore, bisogna ascoltare l'allenatore…". Del resto è stato proprio il presidente Moratti a intervenire in maniera chiara sulle motivazioni di Mancini al momento del suo arrivo al posto di Mazzarri, per cui il presidentissimo non si sottrae e non si nasconde dietro un dito. Ma i problemi sono tanti.

A San Siro domenica scorsa sono rimasti impressionati in molti, soprattutto a bordo campo, dal nervosismo di Higuain durante la partita. Irritabile, scontento. Reattivo più sul fronte del malcontento per il passaggio mancato o non gradito di questo o quel compagno di squadra, piuttosto che sul posto di guida dell'assalto al Milan. Il fortissimo numero nove del Napoli è un po' rimasto a Bilbao e si vede. Se la forma e gli episodi lo sorreggono, i gol arrivano. Ma appena la partita non è di quelle baciate in fronte in zona gol, ecco che quel sottofondo di frustrazione e di ambizioni inespresse da parte del Pipita emerge fragorosamente in superficie. Rafa Benitez sa benissimo che questo è il tema centrale del Napoli e vi ha fatto cenno nel post-partita di San Siro. Inutile quindi, è stato il senso dei giorni precedenti la vittoria sul Parma nel dialogo fra la Società e Castel Volturno, portare in ritiro tutti quando il problema è uno. Grosso, ma uno. Higuain era stato decisivo contro Roma e Fiorentina e a San Siro temevano il suo feeling con le grandi partite, il ritorno degli stimoli in certe occasioni dorate nel grande stadio contro la grande squadra. Ma abbiamo visto tutti come è andata. E' con la Juventus a Doha che Higuain deve venirne fuori. Se il Napoli riuscisse a togliersi la grande soddisfazione in Qatar, ecco che potrebbe tornare il sorriso sul volto del centravanti argentino. Ma se fosse la Juventus a cogliere e concretizzare i favori del pronostico che indubbiamente sono dalla sua parte in Supercoppa, ecco che il Gennaio di Gonzalo potrebbe essere lungo e accidentato.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.