VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/18?
  Real Madrid
  Bayern Monaco
  Roma
  Liverpool

Editoriale

Diritti TV Serie A: pagano gli abbonati? Abramovich pretende Sarri! Spalletti, ci mancava la chiacchierata con i tifosi…

07.02.2018 00:00 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    articolo letto 20785 volte

Dopo averci tolto il sogno Mondiale, speriamo che non ci strappino anche il gusto della Serie A… Non accadrà ma, ne sono certo, qualcuno ci rimetterà dei quattrini. Il gruppo MediaPro, per poter gestire, a proprio piacimento, i diritti televisivi del massimo campionato italiano, ha sborsato un miliardo e 50 milioni di euro. Tanti, tantissimi soldi… Saranno loro a “trattare” con i clienti finali, ossia Sky, Mediaset e chiunque vorrà farsi avanti (Netflix, Fastweb e Amazon Prime, ad esempio). Sky sta provando un’azione di disturbo ma difficilmente riuscirà a spuntarla. E allora? Allora attenti cari abbonati, siate voi di Sky o Mediaset… Alla fine, guardare la Serie A, potrebbe venire a costare più del previsto. Chiaramente ci saranno altre opzioni e piattaforme ma, in un modo o nell’altro, MediaPro vorrà far fruttare il suo “pesante” investimento…
Già sarà dura guardare il Mondiale senza l’Italia, speriamo di non doverci sorbire brutte sorprese anche sul fronte “calcio nostrano”…
Parliamo d’altro: Sarri. Nonostante le parole di De Laurentiis, il mercato invernale è stato triste quanto un salice piangente senza foglie… Anche Younes, dopo aver, di fatto, scelto di giocare con il Napoli a gennaio, si è fatto da parte. In che senso? Nel senso che a giugno, salvo miracoli, non vestirà l’azzurro. Ora parla anche di rinnovo con l’Ajax… Insomma, pare impossibile, ma Giuntoli ha difficoltà a trovare giocatori per un top club come il Napoli. Meglio, quindi, non lasciarsi scappare quelli che sono già in rosa (attenzione a Koulibaly, sarà un’estate caldissima per il perno della difesa partenopea) e, soprattutto, il maestro d’orchestra, ossia Sarri. DeLa si sta affannando per rinnovare il contratto al suo allenatore, eliminando quella maledetta clausola rescissoria. Con “soli” otto milioni di euro, Sarry Potter, quest’anno, potrebbe andarsene da Napoli. Là fuori, ci sono tanti presidenti di club importanti che bussano alla porta del Napoli. Tra i tanti, ci sarebbe anche Abramovich. Il rapporto con Conte è ormai ai minimi storici. Diciamo che il feeling, quello vero, non è mai sbocciato. A Conte stanno “giroud” i cosiddetti e potrebbe anche salutare Londra prima del previsto. Dovesse “resistere” fino a giugno, sarà, anche per Antonio, un’estate complicata. Abramovich è un “presidente esteta”, uno che adora veder giocar bene la propria squadra. Con Sarri avrebbe il bel gioco. Ecco, caratterialmente sarebbe un’altra bella sfida ma il magnate russo è abituato a tecnici fumantini (Ancelotti a parte)… Insomma, DeLa potrebbe avere presto un bel problema sul fronte Sarri…
Problemi anche all’Inter. In campo la squadra è molle, con poche idee e pure confuse. A tutto questo aggiungete uno Spalletti che non riesce proprio a restarsene in silenzio. Non lo biasimo, non deve essere facile gestire tutta la rabbia che sta accumulando nel vedere la sua Inter sbandare a destra e sinistra, senza una rotta ben precisa. PS doveroso: quando l’ultimo arrivato (Rafinha in questo caso) viene indicato come il “salvatore della patria” non è mai un bel segnale… Andiamo avanti. Caro Luciano, perché rispondere proprio a tutti? La chiacchierata informale, pubblicata dal Corriere della Sera, tra Luciano e alcuni tifosi giallorossi, è una mazzata ulteriore al già teso ambiente nerazzurro. “Com’è la situazione qui? In società non vogliono spendere e l’ambiente è a un passo dalla follia, tipo Roma: sempre sul filo dell’equilibrio. A volte, è un ambiente depresso. Volete vincere? Non avete capito nulla e non l’hanno capito neanche qui a Milano: con questa Juve, che c’ha due squadre, non si vince una fava!”, le parole del malcapitato Luciano. Vero, i tifosi hanno registrato, a sua insaputa, la chiacchierata. Vero, il giornale poteva evitare di spiattellare tutto. Vero, ci sono tante verità nelle sue parole ma, mi chiedo io, è il momento di scatenare ulteriori polemiche? Secondo voi, uno come Allegri, cadrebbe mai in un tranello simile? Siamo in un mondo completamente “social network”. Nei film e telefilm americani, sentiamo spesso la frase “…Tutto quello che dirà, potrà essere usato contro di lei…”. Ecco, vale anche per i personaggi pubblici dell’amato calcio. Non c’è più privacy, tutto è condivisibile e condiviso, anche contro la propria volontà. E, allora, caro Luciano, meglio passare per maleducato e tirare dritto, senza rispondere a niente e nessuno, piuttosto che finire in prima pagina per parole dette magari dopo una buonissima cena in completo relax… Non ci si può fidare più di nessuno, neppure dei diritti TV…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: Allegri andrà via, ma guai a dare i bianconeri per “finiti”. Milan: la follia dei processi a Gattuso. Inter: l’operazione Champions spaventa solo i deboli. Napoli: occhio all’uragano Sarri. E forza Roma, ovvio 24.04 - Tra breve parleremo di calcio. Davvero. Ma prima l’Uomo-Ken. Ognuno nasce con uno scopo: alcuni diventano astronauti, altri benzinai, altri missionari, altri Uomo-Ken. L’Uomo-Ken è un tizio che ha come unica ragione di vita assomigliare a Ken, il noto bambolotto Anni ‘80. In questi...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allegri non pervenuto. Sarri, colpo Gobbo a Torino. Milan, che dolore il colpo della strega. Crisi Udinese, Oddo non pronto per questi livelli. De Canio e la bacchetta magica... 23.04 - Se la Juventus prepara una finale scudetto in questo modo, molto colpe sono del suo allenatore. Squadra scarica, zero tiri in porta, gente che passeggia in campo e neanche il 10% della carica agonistica che ti aspetti per chiudere i conti e ammazzare il tuo rivale. Juventus ai minimi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Napoli, solo un crollo verticale può salvare la A dalla monotonia. Roma può diventare come Londra, ma dipenderà dallo stadio. Che bella la lotta salvezza 22.04 - Questa sera andrà in scena la madre di tutte le partite. Almeno per una fetta, consistente anzichenò, del nostro calcio. Perché tutti coloro che non tifano Juventus proveranno a vedere, finalmente, la speranza di avere una nuova regina del calcio italiano. Il Napoli incarna Davide...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Morata-Juve per ora solo un’idea, ma il ritorno non è impossibile. Per Torreira il Napoli tenta l’affondo. Mancini CT, lo Zenit frena: i tempi potrebbero allungarsi 21.04 - La sfida scudetto di Torino è dietro l’angolo ma anche il mercato continua a regalare spunti interessanti e per certi versi clamorosi. Parto subito forte e vi dico che il ritorno di Morata alla Juventus non è impossibile. Al momento è solo un’idea, destinata a rimanere tale se la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Napoli, ecco come giocheranno. Sui bianconeri le maggiori pressioni. Dybala è il dubbio. Pjanic recupera. Milik in vantaggio su Mertens. Restare o andar via? Il futuro di Allegri e Sarri passa da questo scudetto. Italia, Mancini CT 20.04 - Hai nove punti di vantaggio, praticamente già vinto lo scudetto e pochi minuti dopo scopri che quei punti si riducono a quattro e ritorna tutto in discussione. Non deve essere simpatico. Non è un momento semplice per la Juve alla vigilia dello scontro diretto col Napoli, pochi giorni...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juventus-Napoli, sfida totale. Un finale di campionato elettrizzante… 19.04 - Un finale di campionato così è letteralmente da sogno. Per tutti i tifosi, di tutti i colori. Perché vivere un duello così bello, così intenso, con così tanti colpi di scena concentrati in pochi minuti o in poche giornate. Lo scontro diretto è ormai alle porte e viverlo con queste...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

I dolori del giovane Andrea Agnelli: se gli obiettivi futuri della Juventus valgono davvero questo danno d'immagine, per il club stesso, e per Gigi Buffon. Gravissima l'accusa di malafede a Collina 18.04 - È passato tutto in cavalleria. No, non di certo le parole di Buffon o di qualcun altro. Le uscite dei giocatori hanno fatto molto clamore, anche se qua in Italia si è trattato solo di rumore, mentre all'estero è stato disgusto e condanna, in un tragico giro del mondo che ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la corte a Marotta e il futuro di Allegri. Milan: il piano di Gattuso per la prossima stagione (e Donnarumma?). Inter: quanti processi senza senso. E a Buffon il 432esimo consiglio non richiesto 17.04 - A Milano è iniziata la Settimana del Mobile. Alla Settimana del Mobile è difficilissimo trovare dei mobili e la cosa, converrete, è molto curiosa. Molto più facile trovare gente di merda. Di quella sono piene le vie. Sembra che tutti vadano nelle feste esclusive, fanno a gara a dirtelo,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Ecco perché Buffon va assolto. Il suicidio della Lazio senza un perché. L'Inter senza Icardi ha un problema. Empoli verso la A: bastava esonerare Vivarini 16.04 - Ci siamo lasciati alle spalle la settimana europea più folle di sempre per il calcio italiano. Istanbul a parte, una roba del genere non l'avevamo mai vista. Nel bene (la Roma) e nel male (la Lazio). E la Juve è bene o male? Vi starete chiedendo. Assolutamente nel bene. La Juventus...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il problema non è il contatto Benatia-Vazquez, il problema è tutto il resto: Ceferin faccia subito un passo indietro. La UEFA ha due scuse, ma non bastano per giustificare questo atteggiamento: ha ragione Gattuso 15.04 - Andò peggio, molto peggio, un anno fa. Erano sempre i quarti di finale di Champions League, c'era sempre il Real Madrid, ma i blancos al Bernabeu non avevano di fronte la Juventus, bensì il Bayern Monaco, sconfitto 2-1 all'andata. I bavaresi, allora guidati da Carlo Ancelotti, nei...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.