VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Donnarumma, ecco perché va via. Una storia scandalosa. Il Real lo aspetta, ma anche la Juve. Tornerà in Primavera o andrà in tribuna. Piace Neto. Inter, via Perisic. Nel mirino Bernardeschi e Borja Valero. Allegri aspetta Iniesta

16.06.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 88662 volte
Donnarumma, ecco perché va via. Una storia scandalosa. Il Real lo aspetta, ma anche la Juve. Tornerà in Primavera o andrà in tribuna. Piace Neto. Inter, via Perisic. Nel mirino Bernardeschi e Borja Valero. Allegri aspetta Iniesta

Donnarumma, una storia scandalosa. Una società investe sul settore giovanile, fa crescere un bambino, lo lancia in serie A, gli offre cinque milioni di ingaggio per cinque anni (una follia) e lui che fa? A diciotto anni dice no, vuole andar via per più soldi e forse più gloria.

Una brutta storia di business, di mercato e di mercanti, che fa sparire tutti quei valori che fanno del calcio uno sport amato e popolare da cent’anni, vale a dire l’amore per la maglia, il senso di appartenenza, il rispetto per chi ti ha fatto crescere, la gioia di giocare nel tuo paese, per i tuoi tifosi. Tutto cancellato in nome e per conto dell’unico Dio che venera Mino Raiola: il Denaro.

Tutto molto squallido. E molto triste. Fa male pensare e ricordare che proprio questo ragazzone che pochi mesi fa baciava la maglia del Milan, adesso la calpesti senza nessun rispetto.

Ma ha davvero capito cosa sta facendo? Sa che una carriera appena iniziata potrebbe avere un brusco stop? E’ conscio del fatto che al Real (se andrà lì) sarà un numero mentre al Milan era un ragazzo di famiglia da trattare con amore e far crescere con intelligenza?

Conosco bene il calcio di oggi, non casco dal pero e non penso di essere Alice nel paese delle meraviglie, ma con questa vicenda si è andato oltre ad ogni limite.

E’ logico pensare di guadagnare di più, di andare a giocare nelle più grandi squadre del mondo, tutto legittimo, per carità. Ma è giusto farlo a diciotto anni appena compiuti?

La mia brutta sensazione è che l’entourage del bambino (ho un figlio del ’99 come Donnarumma, sono ancora bambini) si sia preoccupato solo del giocatore e non della persona. E forse neppure del giocatore fino in fondo.

A diciotto anni hai ancora diritto di giocare al calcio divertendosi, hai ancora diritto di sbagliare, devi ancora crescere e devi farlo il più possibile in serenità. Questa è una storia che, se ci fosse, sarebbe da chiamare il telefono azzurro dei baby calciatori.

Se poi penso che il Milan aveva offerto la cifra assurda per un diciottenne di cinque milioni netti per cinque anni, questo no assume aspetti ancora più inquietanti.

Chi c’è dietro? Cosa nasconde Raiola? E’ una vendetta o uno sgarbo? C’entra ancora, in qualche modo, Galliani?

Domande che mi frullano in testa.

Raiola ha sempre pensato ai suoi interessi e a quelli dei suoi assistiti e dei club, questa volta il discorso torna poco.

Il bene di Donnarumma sarebbe stato accettare il prolungamento almeno fino a 22 anni, farlo crescere nel suo ambiente, farlo maturare come ragazzo, magari fargli imparare l’inglese e contemporaneamente imporre al Milan una clausola per avere la facoltà di liberarsi fra tre-quattro anni. Ci avrebbero guadagnato tutti, anche il Milan che vendendolo fra qualche tempo avrebbe potuto incassare non poco. Un po’ come successo con Pogba e la Juve, che Raiola ha fatto vendere nel momento migliore con una plusvalenza straordinaria. Perché non l’ha fatto con Donnarumma?

Ecco allora che torno alla stessa domanda: perché Raiola ha voluto lasciare il Milan con le mosche in mano visto che Donnarumma tra un anno potrà andar via a parametro zero?

Non credo siano problemi tecnici (la squadra sta nascendo bene) o economici (la proposta era straordinaria). Evidentemente Raiola ha un piano studiato con qualche altra società e deve fare un favore a qualcuno. Chi?

Il Real Madrid di sicuro è una società che ha messo nel mirino Donnarumma da tempo. Ma è anche vero che dei grandi portieri a Madrid hanno sempre fatto a meno, basta pensare a Navas. E allora il pensiero corre alla Juventus che fra un anno (guarda caso) dovrà sostituire Buffon. Chi meglio di Donnarumma potrebbe prenderne l’eredità? Forse a questo interrogativo ha risposto Marotta. E se è vero che i bianconeri hanno nel mirino Szczesny per mettere da subito dietro a Buffon, è altrettanto vero che tra un anno il portiere ex Roma potrebbe tornare sul mercato, non sarà un problema venderlo.

Ma adesso l’interrogativo sul futuro di Donnarumma investe anche il Milan. Sono disposti a venderlo per pochi spiccioli? C’è qualcuno pronto a pagare dieci-venti milioni ben sapendo che tra un anno questo ragazzo lo puoi prendere a zero? Dubito. E credo che il ragazzo rifiuterebbe tutti i possibili trasferimenti

Nel frattempo, è chiaro che da oggi i rossoneri dovranno anche cercare un portiere affidabile e altrettanto chiaro che Donnarumma non potrà rimanere in prima squadra per una questione di rapporti con la società, i compagni, ma anche con i tifosi. La soluzione potrebbe essere quella di rimandarlo a giocare in Primavera. Oppure aggregarlo alla prima squadra come terzo portiere e mandarlo sistematicamente in tribuna. Vedremo.

Qualsiasi decisione non sarà facile da prendere e non vorrei essere al posto di Fassone. E comunque, al di là di Raiola, forse non sarebbe successo niente lo stesso, ma anche il Milan ha sbagliato la tempistica, un giocatore così doveva essere costretto a firmare prima. Forse si sono fidati delle parole e dei gesti del ragazzo. Forse hanno pagato l’anno di transizione per il closing.

Al Milan serve subito un portiere affidabile. Neto è fermo da tre stagioni e si sta accordando con il Valencia. Perin è infortunato e sarà pronto (forse) a ottobre. E poi è in mano al Napoli, già opzionato nell’affare Pavoletti. Reina è sotto contratto e Adl non lo libera certo per il Milan. All’estero piace Leno del Bayer Leverkusen, ma costa 25 milioni. La soluzione giovane (Meret) nell’immediato non convince, troppi rischi. Un bel rebus e una spesa che non era prevista.

Sull’altra sponda milanese, l’Inter, il problema portiere non ce l’ha. Almeno quello. Il discorso ruota attorno a Perisic che vuole il Manchester United e ieri ha dato l’ultimo ok a Mourinho. Gli inglesi, però, non sono disposti a pagare i 55 milioni chiesti dall’Inter. In attesa, i nerazzurri tengono calda la pista fiorentina. Ausilio cercherà di prendere per cinquanta milioni la coppia Berna-Borja Valero. Si lavora in questa direzione anche se i viola difficilmente scenderanno sotto i 55.

Su Bernardeschi c’è anche la Juve che però cerca prima di portare a casa profili più alti come N’Zonzi (dieci milioni di distanza tra richiesta e offerta) e Di Maria. Ma sempre a proposito di Psg, Allegri aspetta di capire se davvero Verratti riuscirà a liberarsi per andare al Barcellona. In quel caso Iniesta diventerebbe il grande oggetto del desiderio bianconero. Desiderio realizzabile.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta 22.10 - C'è un momento per parlare di calcio giocato e un altro di politica del pallone. Credere che il secondo sia più importante del primo è, certamente, presunzione. Ma pensare che uno non influenzi direttamente l'altro è, davvero, un errore pacchiano. Abbiamo provato, nelle ultime settimane,...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.