VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Dopo Parma, il nostro calcio è morto. Solo Infront può salvare la barca. Juve, campionato finito. Catania, Cosentino ha distrutto tutto

Nato ad Avellino il 30-09-1983, si è trasferito a Milano per lavorare ad Eurosport e Sportitalia. Direttore di Tuttomercatoweb dal 2007 e di Sportitalia. Conduttore del Gran Galà del Calcio AIC 2011 e 2012, fondatore della società Micri Communicat
23.02.2015 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 59427 volte
© foto di Balti Touati/PhotoViews

Una partita rinviata per pioggia, perchè a Genova ancora non hanno capito come combattere il maltempo per salvaguardare il manto erboso di Marassi, una partita rinviata perchè una società sta fallendo a fine febbraio, in serie B la squadra-rivelazione è stata ripescata e dalla Lega di B non hanno neanche chiesto le garanzie bancarie giuste (ma dai sarà stata una dimenticanza), un anno fa il Bari fu protagonista di un fallimento pilotato, a Brescia è arrivata la svolta all'improvviso tramite le banche e il Presidente Laurenza del Varese è stato costretto a lasciare perchè i soldi sono finiti. Ma dove siamo? E soprattutto in che epoca siamo? Non c'è il minimo controllo, continuiamo ad abbaiare ma senza che nessuno ci ascolti. Si danno appuntamento in Lega Calcio e nessuno si pone il problema che la sedia del Parma sia fatta di paglia, parlano di diritti televisivi ad ogni assemblea, l'unica cosa che funziona nel nostro calcio, i diritti tv appunto. La Lega dorme perchè Beretta, secondo Lotito, conta zero. La Federazione non interviene e il Coni fa scorrere l'acqua sotto i ponti perchè mettere le mani nel calcio vuol significare sporcarsele e perdere del tempo. Non ne usciamo più. Siamo alla deriva. Non ci sono controlli e basta che arrivi il primo Manenti di turno e gli consentono di parlare in televisione, controllare i bilanci, prenderci tutti in giro con la storia dei bonifici e farsi pubblicità in giro per l'Italia. Vorrei chiedere a Pietro Leonardi che dice di aver visto i soldi, quali bonifici ha visionato per rilasciare tali dichiarazioni? Leonardi, insieme a Ghirardi, è il principale protagonista di questa sceneggiatura scritta male e recitata peggio. Aveva una carriera importante avanti a sè, lo avevano accostato prima alla Roma e poi al Milan. Di questo passo potrà solo tornare alla Cisco Roma, ad oggi Lupa Roma. Nel 2015, in Italia, è stata rinviata una partita perchè una società non arriva più alla fine della settimana. Facciamo ridere il Mondo. Guadagniamo un miliardo e passa dai diritti televisivi ma non ne valiamo neanche la metà. Un campionato falsato dal Parma, una stagione finita in anticipo perchè la Juventus ha già vinto lo scudetto e non deve neanche aspettare maggio per festeggiare, ormai la nostra serie A serve come allenamento ai campioni in carica per prepararsi alla Champions League. Le milanesi fuori dal grande giro da qualche annetto e la Roma che non sta più in piedi. Questo campionato, all'Estero, tra poco non lo guarderanno neanche più gli italiani in America. In altri Paesi sarebbe saltata la Lega Calcio e la Federazione, dopo l'ultima settimana trascorsa. Bisogna ripartire dalle certezze. Solo Infront Italy può salvare tutto il sistema. Ma va dato il potere totale, che piaccia o no. Infront non è l'advisor della Lega Calcio è semplicemente la pompa di benzina di serie A, serie B e Lega Pro. Tutti si riforniscono all'Eni del pallone. Le società indebitate vanno a piangere da Marco Bogarelli, le banche si fidano solo di Infront, le società che non guadagnano più una mazza dalle pubblicità vanno ad elemosinare qualche milioncino di euro da Infront. Vi spiego perchè solo l'advisor può salvare il calcio in Italia. A) Lì ci sono manager che sanno fare industria e non barzellette. B) Con l'avvento dei cinesi, Infront può coinvolgerli nella ristrutturazione e costruzione degli stadi più importanti del nostro Paese. C) Infront fa girare l'economia con i diritti tv e le pubblicità ed è l'unica parte in attivo di tutto il pallone made in Italy. Come sempre, chi vince e fa soldi sta sulle balle a qualcuno ma questo è un falso problema; oggi bisogna solo pensare al bene del nostro giochino.
La serie A, come dicevamo, è finita. La Juventus gioca da sola. La Roma ha perso tutto quello che di buono aveva fatto nell'ultimo anno e mezzo e non abbiamo bisogno che Sabatini reciti il mea culpa per capire che ha sbagliato tutto. E' sotto gli occhi di tutti. Garcia ha sbragato e si è fatto risucchiare dall'onda anomala del Tevere.
In serie B sono finite le attenuanti del Catania. Vogliamo parlare di Pablo Cosentino? I procuratori che si trasformano in Presidenti non vanno molto di moda. Caliendo a Modena e Cosentino a Catania stanno facendo più danni della grandine. Cosentino non è un cattivo ragazzo, ho avuto modo di conoscerlo ed è uno che di calcio ne sa'. Però sta giocando fuori ruolo. A Catania sta sbagliando tutto. Ha cambiato 50 calciatori, una decina di allenatori e la squadra è ancora a lottare per non retrocedere in lega Pro. Pulvirenti dov'è? Perchè non interviene? Se l'azienda è ancora sua al 100% perchè consente ad un "dipendente" di farla in frantumi portandola dalle soglie dell'Europa al baratro della serie C? Sembra tutto così strano ed avere una spiegazione è impossibile. Cosentino è ancora in tempo: può tornare a fare affari tra Miami, Milano e l'Argentina. Nel suo lavoro è un fenomeno. Anche il Catania è ancora in tempo: affidare la squadra ad un vero Direttore, pensare solo alla salvezza e programmare la risalita dal prossimo anno. Attenzione a non sottovalutare la zona retrocessione. Le squadre che non sono abituate a lottare per questi obiettivi sono le più a rischio.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La Champions non ci tira su, Malagò a piedi uniti e i giovani veramente giocano? 23.11 - Se il campionato ci aveva ritirato su il morale, riconsegnandoci la voglia di calcio, la Champions un po' ce ne toglie. Insigne, è vero, ci ha fatto vedere che sta arrivando a dei livelli internazionali (e questo fa aumentare il rammarico) Juve e Roma invece non riescono a utilizzare...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Rivoluzione? Invoco il Commissario… Juve, c’è un problema! Roma? Ha ragione Falcao… 22.11 - Sto ancora elaborando il lutto (l’esclusione dal Mondiale) ma mi sta anche salendo quella sana rabbia di chi pretende un cambiamento, non di facciata ma reale!!! Il popolo ha avuto il sangue che bramava: le teste di Ventura e Tavecchio sono rotolate sul selciato… Purtroppo, il resto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.