VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Duecento milioni ai procuratori nel 2016: così il calcio diventa più povero. Caso Donnarumma: al Milan (forse) la prima battaglia, ma con Raiola il destino è segnato. Vinicius ha tracciato la via: conviene sempre investire sui giovani?

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
02.07.2017 08:24 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 55037 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Ci ripetono da anni che noi comuni mortali non dobbiamo scandalizzarci per i lauti compensi ai calciatori. Guai a mostrarsi sorpresi, si verrebbe tacciati di non essere al passo con i tempi, di non conoscere la semplice regola della domanda-offerta e così via.
E' il mercato, bellezza. Non si transige e dobbiamo adeguarci, che ci piaccia o no. Un po' di polverone quando l'asticella ciclicamente viene spostata un po' più in là (l'ingaggio di Tevez in Cina o il trasferimento di Pogba), ma poi tutto rientra nella 'normalità' nel giro di pochi giorni. In fondo - ci viene detto - è la stessa logica che sottende gli altri sport che hanno avuto economicamente successo, come la NBA o MLB. Il football è uno sport che muove miliardi di dollari e i più in vista dei suoi protagonisti - grazie a talento, sudore e tenacia - meritano cifre che diventano sempre più alte con l'aumentare del giro di affari. Tutto etico? Tutto corretto? Chissà. Ma tanto non è questo che interessa a chi muove i fili del gioco.
C'è però un assunto di base, vero e sincero: il talento è democratico. I prescelti, i giocatori destinati a guadagnare di più, possono nascere in un barrio di Buenos Aires, ad Amsterdam o a Ciampino. Non fa differenza, la Dea Bendata decide senza una logica. I giocatori hanno solo avuto la fortuna di possedere il talento giusto nel momento storico giusto e quindi godono dei vantaggi di tutto ciò.

Adesso però, sempre a noi comuni mortali, dovranno spiegarci perché i procuratori - che sono nel mondo del calcio, ma non hanno alcun talento calcistico - possono contare su guadagni pari o a volte superiori a quelli delle loro star. La FIGC qualche settimana fa ha reso noti gli esborsi dei club di Serie A per i procuratori sportivi nell'anno 2016: gli agenti hanno incassato quasi 200 milioni di euro, per la precisione 193.3 milioni. Una enormità, che rende pochissime persone ricchissime e il sistema più povero. Anche perché, a differenza dei soldi che passano da un club calcistico all'altro, questi non vengono reimmessi sul mercato.
Tavecchio in settimana, punzecchiato sulla vicenda, ha parlato in modo generico di compensi immorali e di campo da regolamentare. Senza spiegare come, senza spiegare quando. La verità è che ormai i procuratori fanno ciò che vogliono, muovono il gioco senza che nessuno possa impedire loro di farlo e solo quando la FIFA deciderà di metterci realmente le mani potrà saltare il banco. Perché è giusto che un professionista venga pagato per il lavoro svolto, ma è assurdo che i procuratori più ricchi e furbi fatturino più di diversi club di Serie A.
Qui non c'entra la Dea bendata o il trovarsi col talento giusto nel momento storico giusto, forse c'entra il calcio ma nemmeno più di tanto. Siamo alla pura speculazione finanziaria: vince solo chi ha tanti soldi e tanto potere. Per gli altri le briciole o, forse, nemmeno quelle.

A proposito di procuratori, un accenno al più famoso di tutti: Mino Raiola. C'è da chiedersi se in questi anni abbia sempre fatto la fortuna dei suoi assistiti: economica sicuramente, calcistica chissà. Ibrahimovic e Pogba in questo senso hanno lanciato più di qualche indizio.
Al di là di ciò, Mino si sta apprestando a perdere la prima battaglia col nuovo Milan per il futuro di Gianluigi Donnarumma. Fosse dipeso da lui, dopo il no sbattuto in faccia a Fassone a 'Casa Milan', non ci sarebbe stato alcun passo indietro. Era pronto ad applicare la sua consueta exit-strategy: il club in un angolo e lui a condurre il gioco. Portando Donnarumma nel club che poteva garantire le migliori condizioni economiche. Al suo assistito e a se stesso.
Poi però il giovane portiere è tornato sui suoi passi. Su consiglio della famiglia ha scelto di allentare la morsa, ha capito che non poteva voltare le spalle in modo così indegno a un club che gli ha dato credito a 16 anni, che non sarebbe stato un bene nemmeno per la sua crescita professionale. E ha chiesto al suo procuratore di tornare a trattare, di favorire un rinnovo che dovrebbe permettere al Milan di poter contare sull'estremo difensore classe '99 anche per la prossima stagione.
Se però il Milan pensa di poter fare di Donnarumma la sua bandiera grazie a un rinnovo di contratto si sbaglia di grosso. Perché Raiola è procuratore che il suo lavoro lo sa fare benissimo e l'attività di logoramento nei confronti del calciatore è appena iniziata. Se non produrrà frutti questa estate lo farà la prossima. O quella dopo ancora.
Tutto lascia presagire (anche se in questa vicenda il condizionale è d'obbligo) che alla fine Donnarumma resterà: rinnovo con clausola. Ma tra un anno o al massimo due si sarà qui a discutere delle stesse cose. Raiola è procuratore che ha come obiettivo principale quello di perseguire obiettivi economici, per il suo assistito e sé stesso. E questo non fa rima con la parola bandiera. Solo un cambio netto di Donnarumma col passato e col presente potrebbe cambiare le carte in tavola, altrimenti questo scenario abbastanza prevedibile presto diventerà realtà. Raiola quando si gioca nel suo campo al massimo perde una battaglia, quasi mai la guerra.

Infine, da registrare una tendenza in merito alla valutazione dei giovani. Il trasferimento di Vinicius, classe 2000 costato al Real Madrid 45 milioni di euro che sbarcherà in Spagna solo nel 2019, ha tracciato una strada tutta da seguire. Un caso citato anche da Enrico Preziosi, dopo aver chiuso la doppia cessione Pellegri-Salcedo all'Inter per 20 milioni di euro più 40 di bonus. Si tratta di tre calciatori che il massimo campionato - brasiliano o italiano che sia - l'hanno solo annusato, in qualche caso nemmeno. Eppure già costano quanto calciatori affermati.
In generale, dando un'occhiata ad alcune operazioni chiuse nelle ultime settimane riguardanti giocatori Under 21, si notano valutazioni sempre più importanti per questi giovanissimi. Per un Tielemans valutato correttamente, ci sono calciatori come Kessié e Schick che si muovono per 30 milioni, poco più o poco meno, dopo un'unica stagione discreta/buona in Serie A. Giovanissimi calciatori al prezzo di top player: conviene ancora puntare su di loro?

Pietro Pellegri, classe 2001, dal Genoa all'Inter: 15 milioni di euro + 15 di bonus
Salcedo Mora, classe 2001, dal Genoa all'Inter: 5 milioni di euro + 25 di bonus
Rodrigo Bentancur, classe 1997, dal Boca Juniors alla Juventus: 9.5 milioni di euro più il 50% della futura rivendita
Patrick Schick, classe 1997, dalla Sampdoria alla Juventus: 30.5 milioni di euro
Youri Tielemans, classe 1997, dall'Anderlecht al Monaco: 25 milioni di euro
Federico Dimarco, classe 1997, dall'Inter al Sion: 4 milioni di euro
Vinicius, classe 2000, dal Flamengo al Real Madrid: 45 milioni di euro
Franck Kessié, classe 1997, dall'Atalanta al Milan: 28 milioni di euro


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.