VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

Duecento milioni ai procuratori nel 2016: così il calcio diventa più povero. Caso Donnarumma: al Milan (forse) la prima battaglia, ma con Raiola il destino è segnato. Vinicius ha tracciato la via: conviene sempre investire sui giovani?

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
02.07.2017 08:24 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 54745 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Ci ripetono da anni che noi comuni mortali non dobbiamo scandalizzarci per i lauti compensi ai calciatori. Guai a mostrarsi sorpresi, si verrebbe tacciati di non essere al passo con i tempi, di non conoscere la semplice regola della domanda-offerta e così via.
E' il mercato, bellezza. Non si transige e dobbiamo adeguarci, che ci piaccia o no. Un po' di polverone quando l'asticella ciclicamente viene spostata un po' più in là (l'ingaggio di Tevez in Cina o il trasferimento di Pogba), ma poi tutto rientra nella 'normalità' nel giro di pochi giorni. In fondo - ci viene detto - è la stessa logica che sottende gli altri sport che hanno avuto economicamente successo, come la NBA o MLB. Il football è uno sport che muove miliardi di dollari e i più in vista dei suoi protagonisti - grazie a talento, sudore e tenacia - meritano cifre che diventano sempre più alte con l'aumentare del giro di affari. Tutto etico? Tutto corretto? Chissà. Ma tanto non è questo che interessa a chi muove i fili del gioco.
C'è però un assunto di base, vero e sincero: il talento è democratico. I prescelti, i giocatori destinati a guadagnare di più, possono nascere in un barrio di Buenos Aires, ad Amsterdam o a Ciampino. Non fa differenza, la Dea Bendata decide senza una logica. I giocatori hanno solo avuto la fortuna di possedere il talento giusto nel momento storico giusto e quindi godono dei vantaggi di tutto ciò.

Adesso però, sempre a noi comuni mortali, dovranno spiegarci perché i procuratori - che sono nel mondo del calcio, ma non hanno alcun talento calcistico - possono contare su guadagni pari o a volte superiori a quelli delle loro star. La FIGC qualche settimana fa ha reso noti gli esborsi dei club di Serie A per i procuratori sportivi nell'anno 2016: gli agenti hanno incassato quasi 200 milioni di euro, per la precisione 193.3 milioni. Una enormità, che rende pochissime persone ricchissime e il sistema più povero. Anche perché, a differenza dei soldi che passano da un club calcistico all'altro, questi non vengono reimmessi sul mercato.
Tavecchio in settimana, punzecchiato sulla vicenda, ha parlato in modo generico di compensi immorali e di campo da regolamentare. Senza spiegare come, senza spiegare quando. La verità è che ormai i procuratori fanno ciò che vogliono, muovono il gioco senza che nessuno possa impedire loro di farlo e solo quando la FIFA deciderà di metterci realmente le mani potrà saltare il banco. Perché è giusto che un professionista venga pagato per il lavoro svolto, ma è assurdo che i procuratori più ricchi e furbi fatturino più di diversi club di Serie A.
Qui non c'entra la Dea bendata o il trovarsi col talento giusto nel momento storico giusto, forse c'entra il calcio ma nemmeno più di tanto. Siamo alla pura speculazione finanziaria: vince solo chi ha tanti soldi e tanto potere. Per gli altri le briciole o, forse, nemmeno quelle.

A proposito di procuratori, un accenno al più famoso di tutti: Mino Raiola. C'è da chiedersi se in questi anni abbia sempre fatto la fortuna dei suoi assistiti: economica sicuramente, calcistica chissà. Ibrahimovic e Pogba in questo senso hanno lanciato più di qualche indizio.
Al di là di ciò, Mino si sta apprestando a perdere la prima battaglia col nuovo Milan per il futuro di Gianluigi Donnarumma. Fosse dipeso da lui, dopo il no sbattuto in faccia a Fassone a 'Casa Milan', non ci sarebbe stato alcun passo indietro. Era pronto ad applicare la sua consueta exit-strategy: il club in un angolo e lui a condurre il gioco. Portando Donnarumma nel club che poteva garantire le migliori condizioni economiche. Al suo assistito e a se stesso.
Poi però il giovane portiere è tornato sui suoi passi. Su consiglio della famiglia ha scelto di allentare la morsa, ha capito che non poteva voltare le spalle in modo così indegno a un club che gli ha dato credito a 16 anni, che non sarebbe stato un bene nemmeno per la sua crescita professionale. E ha chiesto al suo procuratore di tornare a trattare, di favorire un rinnovo che dovrebbe permettere al Milan di poter contare sull'estremo difensore classe '99 anche per la prossima stagione.
Se però il Milan pensa di poter fare di Donnarumma la sua bandiera grazie a un rinnovo di contratto si sbaglia di grosso. Perché Raiola è procuratore che il suo lavoro lo sa fare benissimo e l'attività di logoramento nei confronti del calciatore è appena iniziata. Se non produrrà frutti questa estate lo farà la prossima. O quella dopo ancora.
Tutto lascia presagire (anche se in questa vicenda il condizionale è d'obbligo) che alla fine Donnarumma resterà: rinnovo con clausola. Ma tra un anno o al massimo due si sarà qui a discutere delle stesse cose. Raiola è procuratore che ha come obiettivo principale quello di perseguire obiettivi economici, per il suo assistito e sé stesso. E questo non fa rima con la parola bandiera. Solo un cambio netto di Donnarumma col passato e col presente potrebbe cambiare le carte in tavola, altrimenti questo scenario abbastanza prevedibile presto diventerà realtà. Raiola quando si gioca nel suo campo al massimo perde una battaglia, quasi mai la guerra.

Infine, da registrare una tendenza in merito alla valutazione dei giovani. Il trasferimento di Vinicius, classe 2000 costato al Real Madrid 45 milioni di euro che sbarcherà in Spagna solo nel 2019, ha tracciato una strada tutta da seguire. Un caso citato anche da Enrico Preziosi, dopo aver chiuso la doppia cessione Pellegri-Salcedo all'Inter per 20 milioni di euro più 40 di bonus. Si tratta di tre calciatori che il massimo campionato - brasiliano o italiano che sia - l'hanno solo annusato, in qualche caso nemmeno. Eppure già costano quanto calciatori affermati.
In generale, dando un'occhiata ad alcune operazioni chiuse nelle ultime settimane riguardanti giocatori Under 21, si notano valutazioni sempre più importanti per questi giovanissimi. Per un Tielemans valutato correttamente, ci sono calciatori come Kessié e Schick che si muovono per 30 milioni, poco più o poco meno, dopo un'unica stagione discreta/buona in Serie A. Giovanissimi calciatori al prezzo di top player: conviene ancora puntare su di loro?

Pietro Pellegri, classe 2001, dal Genoa all'Inter: 15 milioni di euro + 15 di bonus
Salcedo Mora, classe 2001, dal Genoa all'Inter: 5 milioni di euro + 25 di bonus
Rodrigo Bentancur, classe 1997, dal Boca Juniors alla Juventus: 9.5 milioni di euro più il 50% della futura rivendita
Patrick Schick, classe 1997, dalla Sampdoria alla Juventus: 30.5 milioni di euro
Youri Tielemans, classe 1997, dall'Anderlecht al Monaco: 25 milioni di euro
Federico Dimarco, classe 1997, dall'Inter al Sion: 4 milioni di euro
Vinicius, classe 2000, dal Flamengo al Real Madrid: 45 milioni di euro
Franck Kessié, classe 1997, dall'Atalanta al Milan: 28 milioni di euro


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il Milan e il colpo a sorpresa, la Juve punta su Matuidi (e Keita), l'Inter avanza piano. E l'estero si prepara a un estate bollente... 27.07 - Mancano solo 24 ore poi sarà esordio per il nuovo Milan. Non sarà tutto il nuovo Milan, ovvio. Ma l'entusiasmo è tangibile. Mancheranno gli ultimi due acquisti perché sono da perfezionare tecnicamente dei passaggi finanziari in Lega, ma soprattutto manca ancora il grande colpo in...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Cassano, amabili resti! Milan, ma Diego Costa? Neymar, ora si sta esagerando! Juve, la 10 non è uno scherzo… 26.07 - Tempo fa mi sono imbattuto nel film Amabili resti… Racconta la storia di Susie, una ragazzina che, dopo essere morta in circostanze tragiche, si ritrova sospesa in un limbo, esattamente a metà tra vita terrena e paradiso… Oltre alle copiose lacrime versate, ricordo la preoccupazione,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Bernardeschi c’è, ma il colpo da urlo deve ancora arrivare. Inter: la verità dietro al “no” per Vidal, il piano-Perisic e la volontà cinese sui “botti”. Milan: l’ultima tempesta e il fatto. Napoli: l'idea di Sarri 25.07 - Buon fine luglio a voi tutti. Prima le cose importanti. La prima: tale Alberto Carlon mi scrive su Twitter. “Ti posso chiedere di salutare Roberto Marketing e dirgli che mi manca molto Mattia?”. Chi sono io per non eseguire? Nessuno. La seconda: Cassano ha lasciato il calcio,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, se ci sei, batti un colpo! Verratti con Raiola umilia Di Campli. Mirabelli e il rimpianto nerazzurro. Suning, ora i fatti... 24.07 - I voti al mercato sono una cosa, il campo un'altra. Il Milan ad oggi merita 8,5 per come ha lavorato e per i suoi acquisti. Certamente senza soldi si poteva fare ben poco ma la società ha dimostrato di avere le idee chiare e massima concretezza. I tifosi apprezzano e sanno che, in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Marotta e Paratici, ha ragione Agnelli: serve un altro Higuain. Napoli, adesso o mai più. Sabatini: trattative diverse (e non va bene) rispetto a quanto annunciato 23.07 - Lucida follia. Un anno fa, quando la Juventus annunciò l'acquisto di Gonzalo Higuain dal Napoli grazie al pagamento della clausola da 90 milioni di euro, commentai così il trasferimento del Pipita. Un'operazione economicamente folle per i bianconeri per un calciatore...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, dal ruggito di Huarong al ruggito di Florentino. Belotti: tutte le carte in tavola. Napoli: uno Scudetto già vinto. 22.07 - Due anni di sarcasmo, di dileggio e di ironie sul Milan. Una montagna di sentenze e di previsioni nefaste che ha partorito un topolino dal numero 19. E' di questo che ci si è ridotti a discutere. Il Milan di Yonghong Li fa esageratamente quella campagna acquisti milionaria per la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cairo dice no, ma Belotti ha l'accordo col Milan. Arriva Kalinic. Troppi dubbi su Montella. Juve: ok Berna, ma il centrocampista? Milinkovic Savic con Matic o Matuidi. Inter in difficoltà 21.07 - Cairo resiste, dice no al corteggiamento del Milan e alla cessione di Belotti, ma alla fine si farà. Servirà tempo, trattative giuste, pazienza, ma Belotti al Milan è nella logica delle cose e del mercato. Nonostante tutto. Una società come il Milan che sta spendendo più dell’impossibile,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L'Inter e i giovani di qualità, la Juve e le trattative ad oltranza, la rosa degli attaccanti del Milan. Roma: non solo Defrel 20.07 - Cominciano ad intrecciarsi le strade di Inter e Juve. Non poteva esser altrimenti, non possono rimanere lontane. E allora mentre si definiscono i dettagli per l'operazione di Vecino con la Fiorentina e il suo agente (la Fiorentina dovrebbe far sapere come preferisce che venga pagata...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.