HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Icardi non è più il capitano: condividete la scelta dell'Inter?
  Si
  No

La Giovane Italia
Editoriale

Dybala, una super offerta del Bayern. Ecco, dopo Emre Can, cosa vuole Allegri per restare. L’Arsenal lo tenta. Il nodo Milinkovic Savic e l’idea Inzaghi. Sarri, difficile restare a Napoli, ma c’è Conte fra lui e Abramovich

04.05.2018 07:18 di Enzo Bucchioni   articolo letto 52331 volte
© foto di Federico De Luca

Allegri ha in tasca il quarto scudetto consecutivo e mercoledì prossimo potrebbe vincere anche la quarta coppa Italia con la Juve, ma la sua panchina non è serena. Lui non è più certo di restare, la Juve che vorrebbe tenerlo, guarda crescere il disamore del Popolo Bianconero verso il tecnico. Che succederà?
La Juventus sa che per tenere Allegri dovrà assecondare il suo piano di rilancio. E’ chiaro che questa è una squadra vecchia, sta faticando ad arrivare alla fine della stagione, ha tremato anche con l’Inter in undici contro dieci. E’ a galla grazie al grande carattere, all’abitudine a vincere, per sabato scorso anche per la serata-no di Orsato, ma andrà comunque rinnovata.
Nella lista di Allegri ci sono Morata o Martial per l’attacco, Milinkovic Savic oltre a Emre Can per il centrocampo, Bellerin per la difesa. Una lista degli acquisti non da poco, ma Allegri ha fatto capire che, come abbiamo già scritto, vuol ripartire senza alcuni giocatori come Dybala e Alex Sandro con i quali il rapporto non è più idilliaco. Che fare? La Juve riflette.
E nel frattempo è arrivata una possibile soluzione dal Bayern di Monaco, società amica. Ai tedeschi Dybala piace e molto.La Juve deve pagare oltre 40 milioni per riscattare Douglas Costa. Il Bayern valuta Dybala circa cento milioni, la Juventus vorrebbe Douglas più cento milioni. Su queste basi è difficile, ma ora Marotta e Paratici sanno che per accontentare Allegri una strada sulla quale lavorare c’è. Per Alex Sandro, invece, è pronta l’offerta del Manchester United.
Ma Allegri ha davvero voglia di restare? Chiusa la pista Psg (preso Tuchel) sull’allenatore livornese c’è l’Arsenal che fatica a trovare la soluzione ideale dopo l’addio a Wenger. Molte le anime societarie. Alcuni vorrebbero Ancelotti (che per qualcuno avrebbe già chiuso), altri Allegri o Luis Enrique, ma c’è chi pensa a Sarri con una maxi offerta e il pagamento della clausola. Anche la Juve, naturalmente, sa che deve pensare a un tecnico, non vuole farsi trovare impreparata. L’idea è quella di tornare a parlare con Lotito. I rapporti erano burrascosi, ora sono migliorati. Perché non provare l’accoppiata Milinkovic-Savic più Inzaghi per la panchina? Per il centrocampista servono più di cento milioni e allora per qualcuno forse è meglio cercare di riprendersi Pogba. Per capire bisogna aspettare la fine della stagione. L’ingresso in Champions o meno della Lazio potrebbe spostare molte cose. Come potrebbe spostare la doppia vittoria scudetto-coppa Italia nel percepito sul futuro di Allegri. La spia è accesa.
Anche Sarri è finito nel mirino delle squadre inglesi. Dell’Arsenal abbiamo detto, ma c’è anche il Chelsea. Abramovich è rimasto colpito dal gioco del Napoli, ha voglia di una squadra divertente. I suoi manager hanno provato a fare il colpo proponendo uno scambio alla pari, senza clausola, Sarri-Conte con l’ingaggio di quest’ultimo pagato dal magnate russo. Operazione morta prima di nascere. In caso di addio anticipato Conte ha una liberatoria da 20 milioni e non intende trattare. Come si vede la situazione è complicata anche per Abramovich. Per accontentare De Laurentiis quelli del Chelsea oltre che su Sarri hanno pensato di puntare anche su Koulibaly con una valutazione vicina ai cento milioni. I tabloid inglesi sono sicuri che l’operazione si farà, il telefono di Alessandro Pellegrini manager di Sarri è staccato, ma chiaramente all’estero a giudicare dalla risposta dell’operatrice. E’ a Londra? Di sicuro dopo il ko di Firenze la situazione nel Napoli è complicata. Sarri è rimasto sorpreso e deluso dal calo mentale del suo gruppo. Lo raccontano furioso, pare abbia ragionato sul futuro faticando a pensare a nuove motivazioni in queste condizioni. Se non ritrova energie sarebbe pronto anche a stare fermo se non dovesse chiudere con il Chelsea, ma queste sono cose che si pensano nei momenti di massima delusione. De Laurentiis, chiaramente, sa che questo gruppo potrebbe anche essere a fine ciclo. Reina va via, diversi trentenni, ci sono ancora gli stimoli? Di sicuro servono innesti, ma forse in questi casi è più utile cambiare il manico. Ecco così che torna il nome di un vecchio amore: Rafa Benitez.
De Laurentiis pensa che Benitez possa essere una calamita per giocatori importanti come successo con Higuain, Callejon e Albiol, aiuterebbe insomma a fare mercato. La soluzione più facile e meno onerosa è sempre Giampaolo che con l’Empoli nel dopo-Sarri riuscì a tenere assieme il gruppo e fare comunque ottimo calcio, potrebbe ripetersi a Napoli. L’idea Ancelotti è morta prima ancora di nascere, l’ex Real guadagna cifre lontane dal budget del Napoli. De Laurentiis, comunque, spera ancor di poter continuare con Sarri e ci proverà.
Ma nel calderone dei tecnici c’è anche Spalletti. Se l’Inter non dovesse centrare la Champions finirebbe comunque tutto liscio o potrebbe lasciare? Gli ultimi verdetti della stagione saranno decisivi per molti.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Icardi andrà via, ma ora l’Inter punta al rinnovo. Chi paga 110 milioni? Tutte le colpe di Wanda. Punito dalla società, scaricato dallo spogliatoio. I tifosi contro l’argentino. Avanti con Lautaro. Le idee di Marotta per l’attacco 15.02 - E adesso come finirà? E’ questa la domanda delle domande che ruota e rimbalza fra l’Inter, Icardi, Wanda Nara, i compagni e i tifosi. Dopo la decisione della società di togliergli la fascia, degradare Maurito, e per reazione il suo rifiuto di seguire la squadra a Vienna, si sta...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Capitani, fasce, rinnovi e cessioni: Icardi e Hamsik 14.02 - La notizia in casa Inter è di quelle che tengono l’attenzione alta per tutta la giornata, forse per tutta la stagione. Icardi non è più il capitano dell’Inter, Icardi non è convocato per la partita di Europa League contro il Rapid Vienna. Anzi di più: Icardi ha scelto di non andare...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Roma padrona, adesso le scuse a Di Francesco e Monchi. Quello che Paratici non dice: l’asse di scambio Isco-Dybala è più di una possibilità per la Juventus. Lo spogliatoio vuole Sarri fuori: Inter, Roma o Milan se lo prenderebbero? 13.02 - Roma padrona, in Champions non perdona. Visto che bisogna adeguarsi a chi c’è al governo, allora si può riattare uno slogan politico usato da quella parte nell’epoca Tangentopoli per fotografare i giallorossi in Europa. Tanto parlare, tanto condannare, e poi la Roma è stata una potenza...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Ramsey e non solo! Inter: Marotta e la rivoluzione di giugno (nomi e modalità). Milan: Gattuso non va celebrato oggi. E su Sanremo… 12.02 - Uè, ciao. Son tornato da Sanremo. Non potere capire, sembrava l’inferno. Cioè, noi pensiamo sempre che il mondo del calcio sia il più complicato e fetente in assoluto e invece c’è chi prova a competere. C’è stata questa cosa del vincitore Mahmood che ha scatenato il tutti contro tutti...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Sarri-Napoli, l'addio è stato un flop per tutti. Inter, su Icardi ha ragione Spalletti. Frosinone, la cura di Baroni. Roma, Faggiano l'uomo giusto per il dopo Monchi. Benevento, hai fatto bene a fidarti di Bucchi 11.02 - Dirlo dopo questo week end è troppo facile ma un passaggio lo avevamo già fatto. Il divorzio estivo tra il Napoli e Maurizio Sarri è stato un flop per tutti. Quando le cose vanno bene e un allenatore trova l'habitat ideale bisognerebbe fare di tutto per andare avanti il più possibile....

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La differenza tra Piatek e Hamsik: De Laurentiis e la lezione alla medio-alta borghesia del calcio italiano che troppo spesso non viene compresa 10.02 - Nel calcio per costruire un progetto importante saper cedere è molto più importante di saper acquistare. Saper resistere, contrattare e rifiutare quando da una cessione sembra possano arrivare solo vantaggi è fondamentale. E' la differenza tra chi fa impresa in modo lungimirante e...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus e Real quanti intrecci: Marcelo e Isco per Dybala, ecco l’ultima idea di mercato. Hamsik al Dalian. Saint Maximin è l’esterno che il Milan ha scelto per l’anno prossimo. Per il futuro di Spalletti decisivi i prossimi 2 mesi 09.02 - Il tempo non manca ma il quadro delle operazioni per giugno comincia a delinearsi. La Juventus è sempre molto attiva. In casa bianconera sono in atto alcune riflessioni. È chiaro che in estate il lavoro non mancherà. Paratic, che ha già preso Ramsey, vuole ulteriormente rafforzare...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter, c’è Mourinho e non Conte per il dopo-Spalletti. Milinkovic Savic al Milan, Chiesa e Barella nerazzurri, Isco alla Juve, Mancini alla Roma: tutti gli obiettivi del mercato estivo 08.02 - Dopo aver incontrato Conte che stava andando a comprare un divano sotto la sede dell’Inter, prima o poi qualcuno si imbatterà anche in Mourinho mentre passeggia gustandosi un gelato. Chissà…Miracoli, allucinazioni, miraggi e realtà del mercato. Sono d’accordo con Spalletti, certi...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Che mercato è stato? Lo dicono i numeri... dietrofront Napoli: Hamsik rimane qui 07.02 - Partiamo dall’ultima notizia che ha movimentato le redazioni di tutta Italia (e forse anche di tutta la Cina). Il Napoli ha comunicato con un tweet che ha deciso di “soprassedere” per questioni legate alle modalità di pagamento relative alla trattativa Hamsik. Può saltare un’operazione...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Allenatori sull’orlo di una crisi di nervi: Spalletti e quell’unica cosa che lo può salvare; Allegri e il caso Dybala; Di Francesco e una sentenza quasi scritta. Gattuso e Ancelotti ridono, protetti dalla società 06.02 - Come diceva Trapattoni, gli allenatori si dividono in due categorie: quelli che sono stati esonerati, e quelli che lo saranno. E febbraio è un buon momento per mettere a friggere un allenatore e il suo destino, visto che certe situazioni cominciano a non avere ritorno. Il problema...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510