VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Musacchio, Kessiè, Ricardo Rodriguez e André Silva. Quale nuovo acquisto del Milan vi piace di più?
  Mateo Musacchio
  Franck Yannick Kessié
  Ricardo Rodriguez
  André Silva

TMW Mob
Editoriale

È Lippi l'ultima idea del Milan: ecco i piani dei rossoneri e dell'Inter. Via Icardi. la lista di Mancini per il mercato. Pirlo che guaio. Mario Rui verso Firenze

Enzo Bucchioni, giornalista professionista e scrittore, editorialista del Quotidiano Sportivo che ha rifondato e diretto per cinque anni. Opinionista radio e tv. Twitter @EnzoBucchioni
27.02.2015 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 44144 volte
© foto di Federico De Luca

L'Inter, ma soprattutto il Milan, sono le squadre più deluse da questa stagione ed è logico che stiano già facendo i piani per il rinnovamento e il rafforzamento: l'anno prossimo dovranno tornare ad essere protagoniste.

L'Inter ha le idee più chiare e una linea precisa già tracciata nel momento in cui è stato assunto Mancini che ha preso in mano le redini e il progetto tecnico. L'allenatore vuole una squadra europea, in grado di giocare un calcio brillante e propositivo e per far questo ha bisogno di giocatori adatti. Nel mercato di gennaio sono stati fatti alcuni interventi positivi come Shaqiri, altri meno come Podolski, ma è arrivato soprattutto un giovane come Brozovic che ha già dimostrato grandi qualità.

L'opera di ricostruzione è iniziata, ma siccome non ci sono grandi risorse e soprattutto l'Uefa sta indagando sui conti dei nerazzurri, sarà difficile arrivare ai giocatori chiesti da Mancini senza un sacrificio economico.

Ecco quindi la decisione di mettere Icardi sul mercato per cederlo se capiterà l'offerta giusta.

La strategia è chiara. Al giovane attaccante argentino è stato proposto un rinnovo di contratto fino al 2019 con un ingaggio che supera i tre milioni e lo colloca tra i top player nerazzurri. Ausilio in accordo con Thohir non ha badato a spese per convincere l'attaccante a firmare e aver modo così di decidere con più calma il suo futuro.

Icardi è giovane (1993), ha margini di miglioramento, ma già una media-gol altissima e tutti i più grandi club europei lo stanno seguendo. Se a giugno arriverà qualcuno con una offerta irrinunciabile tipo quaranta milioni, l'Inter non dirà no. Su questo c'è il completo avvallo di Mancini al quale Icardi piace, ma non lo fa impazzire. L'argentino lavora poco per la squadra, il Mancio preferisce un attaccante più mobile, più in grado di partecipare alla manovra.

Quindi Ausilio cercherà di reinvestire il denaro in arrivo per Icardi cercando un attaccante con caratteristiche diverse, ma anche una quotazione diversa. Aubameyang del Borussia è un profilo che piace, ma nella lista di Mancini ci sono tanti nomi. Ma non solo attaccanti, serve un centrale difensivo in grado di guidare il reparto, cosa che non riesce a Jesus e Ranocchia, ma anche un esterno di difesa. Ricapitolando: Icardi è sul mercato per quaranta milioni, in cambio arriveranno un attaccante, un difensore e un esterno di difesa di grande affidabilità. In più, naturalmente, sarà riscattato Shaqiri mentre restano le perplessità su Podolski.

Il piano prevede anche la valorizzazione dei giovani nerazzurri, un patrimonio non sempre utilizzato. Mancini ha seguito con grande attenzione la squadra del Viareggio e secondo lui ci sono potenzialità interessanti da far crescere come seconde linee e far maturare all'ombra della squadra-base. Non è poi un caso che il Mancio abbia fatto i complimenti a Longo del Cagliari, un altro giovane in prestito.

Più complessa la situazione del Milan che ha una squadra più scarsa tecnicamente e con poco futuro e un allenatore ancora da scegliere. Anche qui, però, la strategia è stata delineata. Basta con i parametri zero e soprattutto con i vecchi che cercano l'ultimo ingaggio. Il Milan lascerà partire gli otto giocatori in scadenza, si libererà degli ultimi maxi-ingaggi e ripartirà praticamente da zero con un obiettivo: ringiovanire e abbassare il monte-ingaggi. Non si risparmierà, invece, sull'allenatore.

Berlusconi vuole un personaggio carismatico con esperienza e ancora giovane. Il primo della lista è sempre Montella, ma l'allenatore della Fiorentina non ha lasciato margini (almeno per ora) a una trattativa. Il termine ultimo per una decisione è fissato per aprile. Nella lista di Berlusconi è sottolineato in rosso anche Klopp del Borussia, mentre Spalletti sta veleggiando verso Napoli. Netto il no per Donadoni, il Milan non può permettersi altri esperimenti, deve andare sul sicuro e il sogno è sempre quello di prendere. Dipenderà molto da come andranno da qui a giugno i rapporti con l'ambiente azzurro e federale.

C'è anche chi ha suggerito a Berlusconi il nome di Marcello Lippi tornato definitivamente dalla Cina dove ha vinto tre scudetti e una Champions asiatica. Lippi era già praticamente allenatore del Milan nel 2007, poi le cose andarono diversamente ma al Berlusca l'ex Ct è sempre piaciuto.

Lippi dice di non voler più allenare una squadra di club, preferirebbe una nazionale, ma al fascino, all'organizzazione e al nome del Milan sarebbe difficile dire di no qualora la vicenda diventasse qualcosa più di un'idea o di un sondaggio. Vedremo.

Intanto l'obiettivo primario diventa un regista di centrocampo e il primo nome della lista è sempre il giovane Baselli dell'Atalanta. A Galliani, però, è venuta anche l'idea di prendere Valdifiori dell'Empoli, 28 anni e un campionato strepitoso. L'Empoli ha in prestito Saponara e Verdi, l'accordo potrebbe essere facile. Intanto è scoppiato il caso Cerci. Come abbiamo scritto subito dopo l'accordo con l'Atletico, Cerci non era l'uomo giusto per il Milan. Intanto perchè di esterni i rossoneri ne avevano anche troppi (poi si è fatto male El Shaarawy), poi perché l'ex romanista non è adatto in uno spogliatoio con poca serenità come quello del Milan. Ha fatto male o non bene ovunque sia stato (da Madrid a Firenze a Roma) e dove non aveva il posto fisso. Caratterialmente è difficile da gestire e l'unico che fino ad oggi c'è riuscito è Ventura. Ecco, questa potrebbe essere la soluzione: prendere Ventura comr allenatore.

Battute a parte, per l'anno prossimo saranno sicuramente confermati Diego Lopez, Destro, Bonaventura, De Sciglio, Poli, Antonelli, Mastour, Alex, El Shaarawy e forse Montolivo, Rami e Abate. Tutto il resto aria fresca e giovane con progetto a medio termine. Se poi dovesse arrivare qualcuno in grado di rifinanziare acquisendo il trenta per cento del Milan come vorrebbe Berlusconi il discorso potrebbe cambiare fermo restando che la squadra sarà ringiovanita e italianizzata.

La Juventus ha meno problemi tecnici, ma non troppo liquido da investire. Se non sarà ceduto Pogba alla cifra richiesta (90-100 milioni), in cassa c'è il tesoretto fatto con la metà di Gabbiadini, sicuramente sarà ceduto Llorente che pagato solo quattro milioni, consentirà una bella plusvalenza. Nel mirino c'è Zaza, ma l'attaccante del Sassuolo gioca ancora poco per la squadra, Allegri dovrà lavorarci molto. Punto fermo in attacco la coppia Morata-Tevez, in arrivo gli svincolati Pazzini e De Jong dal Milan. Come trequartista piace molto Mkhitaryan in rotta con il Borussia, mentre non sarà cercato un vice-Pirlo che in giro non c'è. In quel ruolo all'occorrenza giocherà Marchisio come sarà costretto a fare nelle prossime settimane con Pereyra trequartista o forse il debutto dell'ex genoano Sturaro. L'assenza di Pirlo con la Roma, la Fiorentina in coppa e forse con il Borussia non è un problema da poco: era il centrocampista più in forma.

In attesa, si sta scatenando la corsa a Mario Rui, esterno destro dell'Empoli, portoghese, 24 anni, che sta facendo un campionato strepitoso. Sulla sua pista la Fiorentina che in vantaggio per i numerosi affari in ballo con l'Empoli (Brillante e Vecino), ma anche il Napoli (ha Sepe in azzurro) e la Roma di Sabatini da sempre vicino alla società toscana. L'Empoli sforna tanti giocatori, ma di solito se li fa pagare bene.

Twitter @EnzoBucchioni


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, Bonucci non è incedibile. Se vuole può partire. Douglas Costa o Bernardeschi? Iniesta con Cuadrado al Barça. Agnelli rimane presidente. Milan, Donnarumma resta 23.06 - Dalla notte di Cardiff sta nascendo il mercato della Juventus e neppure le liti (presunte o vere), i lunghi coltelli (veri o presunti) dello spogliatoio, potranno far cambiare idea a Marotta e Paratici. Avanti con questo gruppo, anche se i ritocchi saranno pesanti. E se qualcuno pensa...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Gli incastri della Juve, le mosse dell'Inter, le attese del Milan. E tutte le trattative di giornata... 22.06 - La Juventus comincia a muoversi per sostituire Dani Alves. E per farlo deve stare attenta agli incastri. Perché i nomi su cui si è concentrata in queste ore sono Darmian (che per il Manchester non è più incedibile) e Danilo (che però è extracomunitario). E soprattutto i dirigenti...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan-Donnarumma, la soluzione c’è! Roma, le idee (giuste) di Monchi… Juve, ansia Alex Sandro! Ma Ibra? 21.06 - Ogni estate ha il suo tormentone calcistico… Il 2017 lo ricorderemo, a parte per il caldo asfissiante, per le “bizze” legate a Gigio Donnarumma. Neanche i sceneggiatori di Beautiful (soap opera che va in onda, in Italia, dal 1990) potevano creare un intrigo simile… Dal bacio alla...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: c’è un nome per sostituire D.Alves (ma fa a “pugni” con D.Costa…). Milan: attenti alla novità “per forza” su Donnarumma (e Conti…).  Inter: tutto quello che Spalletti ha chiesto dal mercato. Napoli: Raiola ci ha fatto un regalo 20.06 - Per iniziare salutiamo tutti assieme Luigi di Sciacca, filibustiere siciliano incontrato sabato sera a Como. “Ciao, tu scrivi chilometri di robe su tmw. Ti leggo per addormentarmi”. Gli ho offerto un birrone bello fresco perché mi sembrava un complimento. A mente fredda rivorrei...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Raiola non è una minaccia ma una condanna: Tavecchio vigili per il bene dei vivai. Juve, multa Dani Alves. Sabatini prepara i colpi. Serie C, final four "format" da rivedere 19.06 - Quello che in molti non capiscono, dirigenti e tifoserie lontane dai colori rossoneri, che la battaglia sul caso-Donnarumma non riguarda solo il Milan o solo Donnarumma. E' una battaglia di sistema. I tifosi, invece, la racchiudono frettolosamente nel colore sociale e si perdono nel...

EditorialeDI: Marco Conterio

E' il calciomercato più bello del nuovo millennio. Casi shock e trasferimenti record: la top ten dei tormentoni ma siamo solo all'inizio 18.06 - E' un'estate calda, ma questo non è certo una novità. Solo che quest'anno, sotto l'ombrellone, ci stiamo già godendo la più bella e divertente sessione di mercato da anni a questa parte. In ordine sparso: la bomba Cristiano Ronaldo con il Real Madrid. L'avvento dei cinesi del Milan...

EditorialeDI: Mauro Suma

Donnarumma: costi quel che costi. Suning tra ex juventini ed ex milanisti. Da Cardiff a Castellammare 17.06 - Non l'ha ordinato nessuno ai tifosi del Milan di innamorarsi di Donnarumma. Nemmeno ai bambini ai quali, come per Kakà, e torneremo su questa nemesi, è particolarmente difficile spiegare cos'è successo. Ma non è il tempo del pistolotto moralistico: solo analisi e solo dettagli. Era...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma, ecco perché va via. Una storia scandalosa. Il Real lo aspetta, ma anche la Juve. Tornerà in Primavera o andrà in tribuna. Piace Neto. Inter, via Perisic. Nel mirino Bernardeschi e Borja Valero. Allegri aspetta Iniesta 16.06 - Donnarumma, una storia scandalosa. Una società investe sul settore giovanile, fa crescere un bambino, lo lancia in serie A, gli offre cinque milioni di ingaggio per cinque anni (una follia) e lui che fa? A diciotto anni dice no, vuole andar via per più soldi e forse più gloria. Una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter colpo a centrocampo, Juve passi avanti per N'Zonzi (e non solo), Milan il giorno di Donnarumma 15.06 - Si presenta Spalletti e spiega la sua filosofia. E mentre si presenta i suoi direttori lavorano per consegnargli una squadra che possa ricalcare più possibile le sue idee. Ecco perché è partita l'offensiva per Borja Valero. Il giocatore era già in cima alla lista dei desideri di Spalletti...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan regina del mercato ma il prezzo lo fa la Juve… Chelsea-Insigne, mai nella vita! Inter, Perisic partirà. Ania, l’amica che tutti sognano… 14.06 - Ormai il caldo si è impossessato delle nostre giornate. Le temperature sono sempre più hot, così come il mercato. Si parla di milioni come se fossero noccioline… Sontuoso quanto sta facendo il Milan. Zittiti tutti coloro che dubitavano della solidità della nuova proprietà cinese....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.