HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Lotta per l'Europa: Inter e Milan andranno in Champions?
  Sì, arriveranno entrambe in Champions League
  Solo l'Inter riuscirà nell'obiettivo
  Niente Inter: sarà solo il Milan a raggiungerla
  Nessuna delle due riuscirà ad andarci

La Giovane Italia
Editoriale

E’ già crisi Inter?! Calma… Ma ecco quello che inspiegabilmente Spalletti non sta ancora cambiando. Alla Juventus Dybala rischia il posto: perché Mandzukic deve giocare al centro, e allora a destra…

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
22.08.2018 00:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 42434 volte

A leggere le reazioni dopo la sconfitta con il Sassuolo, c’è da stupirsi che al martedì la rosa dell’Inter abbia trovato il centro sportivo di Appiano Gentile ancora in piedi. Crisi, collasso, apocalisse. Un attimo. Perché l’Inter è vero che non doveva proprio perdere a Reggio Emilia, e probabilmente non avrebbe perso se un rigore leggerino non fosse stato assegnato al Sassuolo e soprattutto se i due rigori ben più evidenti le fossero stati accordati. Ma come ha detto Spalletti - no, non le risibili proteste sullo stato del campo - come ha detto Spalletti è pur sempre una partita su 38. Però al netto delle giuste proteste arbitrali, al netto dell’una partita non fa uno stato di crisi, non può però passare inosservato che il Sassuolo abbia piallato l'Inter, la quale l'anno scorso ci mise fino a dicembre per perdere la prima partita.
Ed è dunque totalmente inaccettabile un approccio così molle, un atteggiamento così inspiegabile, una reazione così blanda.
Non siamo negli spogliatoi per sapere se è stato un inciampo qualsiasi, se è si è sopravvalutato le potenzialità, o se ci si è distratti a guardare la Juve verso l’alto dimenticandosi del Sassuolo in basso. Su quello il tempo dirà.

Ma quello su cui si può parlare sono sicuramente le scelte di Spalletti. E non è tanto una questione di uomini, ma di modulo: al 4-2-3-1 l’Inter ha sacrificato una stagione, e momenti vari, appesa alle scorribande di Perisic e ai cross di Candreva. Già l’anno scorsa era stata di là dall’essere l’opzione migliore, ma effettivamente tranne un commovente Eder non è che ci fosse granché altro in panchina. Quest’anno invece è stata comprata un’altra mezza squadra.
E allora la questione è semplice: perché Spalletti si sta impiccando con il 4-2-3-1?
Uno dei problemi principali la passata stagione fu la solitudine del centravanti, con Icardi costretto da solo in mezzo a 3 difensori a cavare il meglio da quel paio di palloni puliti che gli venivano serviti a partita.
Quest’anno l’Inter ha lavorato benissimo in tutti i reparti, e soprattutto ha pescato dal mazzo con un gran lavoro societario, e con il legame di sangue con Diego Milito, quel Lautaro che può non fare sentire Icardi da solo, che può squassare le difese. E cosa fai? Lo tieni lontano dall’area? Lo metti a fare il trequartista che non è? Eviti ai difensori centrali la preoccupazione di dover badare contemporaneamente a due tori argentini?
Si dirà: il problema è che in mediana non ci sono gli uomini per reggere un 4-3-1-2. Mica vera: abbiamo visto Perisic al Mondiale oscillare molto bene, senza starsene confinato avanti. Ma soprattutto: le maniere si trovano, si ruotano, quando la soluzione è avanti. E di questo sì che Spalletti è responsabile.

Nella Juve, e non poteva essere altrimenti, di questi problemi non ce ne sono. Maestro è Allegri come sempre nel risolvere in corsa, con una formazione che con Emre Can al posto di Khedira rischia di essere una delle Juventus più forti di sempre, forse seconda solo a quella 82-83 (e comunque, proprio Khedira è poi quello che la sblocca). Ma a dire il vero qualcosa di strano c’è. Per carità, niente di allarmante, e figuriamoci che con quel ben di Dio la Juve abbia di che preoccuparsi, anzi grazie per averci dato del pathos contro il Chievo fino all’ultimo minuto.
E però… e però se ne sono accorti tutti che quando Cristiano si è spostato a sinistra, e Mandzukic è entrato a fare il centravanti generoso come Benzema nel Real Madrid, le cose sono cambiate per tutti, per la Juve per prima e per Cristiano per secondo. E Douglas Costa ha lasciato la partita pur essendo stato tra i migliori in campo. E il 4-2-3-1 super offensivo forse Allegri lo adotterà solo contro formazioni nettamente inferiori come il Chievo (e pure così si è rischiato). Insomma tutta una serie di indicatori che puntano il dito verso la prestazione di Dybala, che da 10 dietro Cristiano ha fatto proprio il minimo sindacale, e poi nel rimescolamento di posizioni ha continuato a vivacchiare.

Adesso molte responsabilità e attenzione - quasi tutte diremmo - se le carica Cristiano, e Douglas Costa sa che nelle gerarchie viene dopo la Joya, qualunque sia il modulo. Però la concorrenza adesso è aumentata. E contro il Chievo si può aspettare, ma dopo…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Allegri non resterà. Agnelli punta tutto su Conte, l’unico grande motivatore. Arriverà un giocatore super per reparto. Il tentativo per Guardiola di due mesi fa. Napoli, fine del ciclo. Insigne un caso 19.04 - Andrea Agnelli ha confermato Allegri a caldo, subito dopo la bruciante eliminazione dalla Champions e sinceramente penso sia stata soltanto una mossa mediatica. Il tentativo, un classico in questi casi, e niente di più di cercare di deviare l’attenzione dal dramma sportivo per far...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, è Lukaku la prima scelta se parte Icardi. Dzeko e Zapata le altre ipotesi. Juventus, per il centrocampo si continua a monitorare Ndombele del Lione. Svolta Mertens, l’attaccante belga ora potrebbe rimanere. Giuntoli al lavoro per Callejon 13.04 - La fine del campionato è dietro l’angolo e una decisione deve essere presa per forza. La svolta tra l’Inter e Icardi sta per arrivare. L’addio resta l’ipotesi più probabile ma non scontata. Icardi è un grande bomber, ha 26 anni e ora più che mai è un’occasione di mercato per tante...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve, il Real vuole Kean. De Ligt, passi avanti. Conte, scatto della Roma. Un piano con Faggiano come ds. L’ombra del Qatar. Ma l’Inter vuole chiudere in fretta. Skriniar rinnova, Chiesa più lontano. Pioli-Fiorentina alle carte bollate 12.04 - La Juve deve fare in fretta a rinnovare il contratto di Moise Kean in scadenza fra un anno. Dopo la raffica di gol e le capacità tecniche e fisiche messe in mostra dal ragazzo del 2000, mezza Europa lo sta monitorando, ma in particolare è scattata l’attenzione del Real Madrid. Zidane...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la legge di CR7 e le panchine che cambiano in Serie A 11.04 - Tiene duro la Juventus, CR7 ci mette sempre la sua firma per un gol che fra una settimana potrebbe valere moltissimo. La Juve tocca con mano la freschezza dei giovani talenti olandesi, ma ha assolutamente imparato la lezione impartita al Real Madrid negli ottavi di finale. Non ha...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

L’assenza di Chiellini è più pesante di quella di Cristiano Ronaldo. Ma è la Champions della Juventus: anche così Allegri può vincere. Conte dentro, Icardi fuori: perché l’Inter deve decidersi, e presto 10.04 - Senza Chiellini contro l’Ajax non mancherà solo uno dei migliori tre difensori del mondo. Mancherà il condottiero, ancora prima che il capitano, quello che è capace di trascinare l’esercito fuori dal fuoco di fila. Si teme uno stop che possa includere anche il ritorno, ma il Chiello...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510