HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A: quale di questi attaccanti vi ha deluso di più?
  Giovanni Simeone
  Edin Dzeko
  Arkadiusz Milik
  Patrik Schick
  Marko Pjaca
  Paulo Dybala
  Duvan Zapata
  Keita Balde Diao
  Simone Zaza

La Giovane Italia
Editoriale

E’ già crisi Inter?! Calma… Ma ecco quello che inspiegabilmente Spalletti non sta ancora cambiando. Alla Juventus Dybala rischia il posto: perché Mandzukic deve giocare al centro, e allora a destra…

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
22.08.2018 00:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 42000 volte

A leggere le reazioni dopo la sconfitta con il Sassuolo, c’è da stupirsi che al martedì la rosa dell’Inter abbia trovato il centro sportivo di Appiano Gentile ancora in piedi. Crisi, collasso, apocalisse. Un attimo. Perché l’Inter è vero che non doveva proprio perdere a Reggio Emilia, e probabilmente non avrebbe perso se un rigore leggerino non fosse stato assegnato al Sassuolo e soprattutto se i due rigori ben più evidenti le fossero stati accordati. Ma come ha detto Spalletti - no, non le risibili proteste sullo stato del campo - come ha detto Spalletti è pur sempre una partita su 38. Però al netto delle giuste proteste arbitrali, al netto dell’una partita non fa uno stato di crisi, non può però passare inosservato che il Sassuolo abbia piallato l'Inter, la quale l'anno scorso ci mise fino a dicembre per perdere la prima partita.
Ed è dunque totalmente inaccettabile un approccio così molle, un atteggiamento così inspiegabile, una reazione così blanda.
Non siamo negli spogliatoi per sapere se è stato un inciampo qualsiasi, se è si è sopravvalutato le potenzialità, o se ci si è distratti a guardare la Juve verso l’alto dimenticandosi del Sassuolo in basso. Su quello il tempo dirà.

Ma quello su cui si può parlare sono sicuramente le scelte di Spalletti. E non è tanto una questione di uomini, ma di modulo: al 4-2-3-1 l’Inter ha sacrificato una stagione, e momenti vari, appesa alle scorribande di Perisic e ai cross di Candreva. Già l’anno scorsa era stata di là dall’essere l’opzione migliore, ma effettivamente tranne un commovente Eder non è che ci fosse granché altro in panchina. Quest’anno invece è stata comprata un’altra mezza squadra.
E allora la questione è semplice: perché Spalletti si sta impiccando con il 4-2-3-1?
Uno dei problemi principali la passata stagione fu la solitudine del centravanti, con Icardi costretto da solo in mezzo a 3 difensori a cavare il meglio da quel paio di palloni puliti che gli venivano serviti a partita.
Quest’anno l’Inter ha lavorato benissimo in tutti i reparti, e soprattutto ha pescato dal mazzo con un gran lavoro societario, e con il legame di sangue con Diego Milito, quel Lautaro che può non fare sentire Icardi da solo, che può squassare le difese. E cosa fai? Lo tieni lontano dall’area? Lo metti a fare il trequartista che non è? Eviti ai difensori centrali la preoccupazione di dover badare contemporaneamente a due tori argentini?
Si dirà: il problema è che in mediana non ci sono gli uomini per reggere un 4-3-1-2. Mica vera: abbiamo visto Perisic al Mondiale oscillare molto bene, senza starsene confinato avanti. Ma soprattutto: le maniere si trovano, si ruotano, quando la soluzione è avanti. E di questo sì che Spalletti è responsabile.

Nella Juve, e non poteva essere altrimenti, di questi problemi non ce ne sono. Maestro è Allegri come sempre nel risolvere in corsa, con una formazione che con Emre Can al posto di Khedira rischia di essere una delle Juventus più forti di sempre, forse seconda solo a quella 82-83 (e comunque, proprio Khedira è poi quello che la sblocca). Ma a dire il vero qualcosa di strano c’è. Per carità, niente di allarmante, e figuriamoci che con quel ben di Dio la Juve abbia di che preoccuparsi, anzi grazie per averci dato del pathos contro il Chievo fino all’ultimo minuto.
E però… e però se ne sono accorti tutti che quando Cristiano si è spostato a sinistra, e Mandzukic è entrato a fare il centravanti generoso come Benzema nel Real Madrid, le cose sono cambiate per tutti, per la Juve per prima e per Cristiano per secondo. E Douglas Costa ha lasciato la partita pur essendo stato tra i migliori in campo. E il 4-2-3-1 super offensivo forse Allegri lo adotterà solo contro formazioni nettamente inferiori come il Chievo (e pure così si è rischiato). Insomma tutta una serie di indicatori che puntano il dito verso la prestazione di Dybala, che da 10 dietro Cristiano ha fatto proprio il minimo sindacale, e poi nel rimescolamento di posizioni ha continuato a vivacchiare.

Adesso molte responsabilità e attenzione - quasi tutte diremmo - se le carica Cristiano, e Douglas Costa sa che nelle gerarchie viene dopo la Joya, qualunque sia il modulo. Però la concorrenza adesso è aumentata. E contro il Chievo si può aspettare, ma dopo…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Pronti per gennaio: il Milan più attivo ecco i primi nomi. E poi attenzione: parametri zero pazzeschi! 15.11 - Il mercato si avvicina alla velocità della luce. Sarà più corto del previsto, visto che chiuderà il 18 gennaio, ma non per questo sarà meno intenso. Se dovessimo sbilanciarci potremmo dire che per il Milan potrebbe essere una sessione di primo livello. Nel senso che a gennaio Elliot,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Allegri cosa dici?! Hai cambiato idea rispetto a quando eri al Milan, e proprio prima di una partita con la Juve… Ibrahimovic in rossonero è possibile: ecco a che punto è la trattativa. Juventus su De Gea e James? C’è questo retroscena 14.11 - Massimilano Allegri è già l’allenatore che ha vinto più Panchine d’Oro nella storia, 4. Anche se ovviamente i suoi obiettivi sono altri. Il primo e ovvio è vincere la Champions (Allegri è anche il primo allenatore italiano a perdere entrambe le prime due finali di Champions a cui...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

C’è solo una cosa bella della Sosta per la Nazionale. No, non è vero, non c’è. Tra l’altro sarà la 2323esima quest’anno. Si sono moltiplicate. O forse è solo un’impressione. 13.11 - Juve: la panchina d’oro, i cervelli di ghisa. Inter: le scelte di Spalletti (e un segreto…). Milan: il (troppo) rigore di Higuain. Arbitri: l’esempio di IrraQuando c’è la Sosta per la Nazionale a nessuno frega nulla di qualunque cosa, si fa finta di appassionarsi a temi come “Balotelli...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, no a Ibra. Napoli, un salto nel fango. Spal, l'unica società che ha sfruttato il triplo salto. Liverani, oro di Lecce. Gravina, ecco il primo colpo: Brunelli dalla Lega 12.11 - Arriva la sosta, nel momento meno opportuno, e come sempre si tornerà a parlare di calciomercato. La Juventus cerca un centrocampista, l'Inter in teoria è a posto così, la Roma necessita di almeno due tasselli, mentre il Napoli potrebbe aver bisogno di un vice Milik che, a gennaio,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

En plein probabile, chi l'avrebbe mai detto: la Serie A è di nuovo la casa dei grandi difensori. De Laurentiis aveva ragione: Ancelotti vale un top player. Calo Juventus? Non c'è da fidarsi 11.11 - Kalidou Koulibaly, Milan Skriniar e Kostas Manolas. Poi la difesa della Juventus che può andare ad Harvard per dare lezioni sulla fase difensiva. Sono loro il miglior spot di una Serie A che quest'anno in Champions ha buone possibilità di portare tutte le squadre almeno agli ottavi...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Su Skriniar tutte le big d’Europa: City, United, Barcellona e Bayern Monaco, ma la sua volontà è rimanere all’Inter. Il Napoli in pressing su Tonali. Il Milan pensa a Paredes. Juventus, a San Siro prova verità 10.11 - L’Inter è al lavoro per blindare Skriniar. Il difensore slovacco cresce partita dopo partita e ormai è arrivato a un livello altissimo. Anche Spalletti dopo la gara con il Barcellona ha sottolineato che ormai è un giocatore top. Un vero leader della difesa, in grado di unire qualità...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Contro Mourinho, evviva Mourinho. Si scatena un altro Juventus-Inter. Gli eccessi del tifo da condannare. Bocciato dagli inglesi. Da Mazzone in giù, ma che calcio vogliamo? Il Var in Champions, ora basta, cosa aspettate? 09.11 - Mourinho non è tipo da mezze misure, o lo odi o lo ami, ma questo lo sapevamo già. Il doppio confronto fra Juventus e Manchester è stata l’occasione per rimettere in moto cose antiche, rivalità mai sopite, sgarbi mai digeriti, gesti sopra le righe, un Triplete esagerato, pensieri...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Sorprese (e certezze) in Champions: Juve, CR7 e Pellegrini. E una foto - da non conservare - della nostra Serie A 08.11 - Bene: se la giornata di martedì ci aveva confermato che Napoli e Inter non solo hanno una propria posizione in Champions, ma che ce l'hanno anche Icardi e Insigne la sorpresa arriva dalle gare del mercoledì. Anzi le sorprese: una positiva e una negativa. Chiaramente quella negativa...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Inter, perché aspettare 150 minuti? Mentre a Napoli il confine è solo il cielo. Ecco perché alla Juventus la vittoria contro il Manchester United serve…contro l’Inter. Davvero Mosca ultima chiamata per la Roma e Di Francesco? 07.11 - Il calcio è questione di punti di vista, certamente. Dunque è sicuramente un punto di vista positivo per l’Inter aver rischiato di pareggiare all’83’ al Camp Nou. Così come è sicuramente un punto di vista positivo l’aver tenuto a San Siro il risultato fino al finale di partita. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i problemi di cui non si parla perché tanto... è la Juve. Milan: la zona Champions e le "indiscrezioni" su Wenger. Inter: il giorno del Barcellona. Napoli, vendicaci tutti 06.11 - Prima le cose importanti. Mi scrive Antonio Portaccio, lo trovate su messenger, ha una barba da competizione: “Ciao Fabrizio, io non ti ho scritto per i biglietti per il derby, inoltre ti leggo sempre. Se ci troviamo in giro ti offro un caffè, sono su Milano. Mo’ veniamo al favore,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy