VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Ecco i segreti di Osvaldo alla Juve, su Conte anche l'Arsenal. Hernanes-Inter, Lotito vuole 20 milioni. Thohir parla con le banche e vende Guarin. Nani...

31.01.2014 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 64677 volte
© foto di Federico De Luca

La Juventus doveva vendere e alla fine ha comprato. Pablo Osvaldo è un grande colpo, un giocatore ancora giovane, ma esperto, l'attaccante forte fisicamente, ma anche capace di fare molto movimento, che la Juventus inseguiva da tempo. Già dall'estate scorsa era nella lista di Conte, poi è stato difficile prenderlo dalla Roma e adesso arriva dal Southampton. Se volete è anche una scommessa.
L'unico neo di Osvaldo, e lo sappiamo, è il carattere non sempre docile. Conte, però, ha insistito per averlo sicuro che lo trasformerà in un professionista perfetto come ha fatto con Tevez. Il motto dell'allenatore bianconero è proprio questo, dare delle regole, farle rispettare e motivare i giocatori. Secondo lui funziona sempre.
Osvaldo diventa così il terzo titolare dopo Llorente e Tevez, così l'allenatore avrà anche la possibilità di giocare con un fantastico tridente Tevez, LLorente, Osvaldo che supportato da Vidal, Pirlo e Pogba, può garantire comunque equilibrio per la squadra. Osvaldo è l'alternativa che Conte voleva, un attaccante diverso da quelli che ha in rosa. Fra l'altro per il giocatore è un'opportunità in più per riconquistare maggiore attenzione da parte di Prandelli in vista del mondiale.
La Juventus, comunque, si è cautelata. Se Osvaldo non dovesse inserirsi, a giugno potrà tornare in Inghilterra. Ma i bianconeri hanno tutta l'intenzione di tenerlo e il prezzo del cartellino è stato fissato a 20 milioni di euro da pagare da giugno in poi, quindi nel prossimo bilancio.
Questa mossa va nella direzione chiesta da Conte, un rafforzamento della rosa che consenta di avere alternative valide in tutti i reparti, insomma una panchina con giocatori all'altezza di chi gioca, come hanno tutte le grandi in Europa.
Cosa significa tutto questo? Conte ha deciso di restare alla Juve? Non ancora, come vi abbiamo sempre detto, la trattativa per il rinnovo del contratto si farà solo da marzo in poi.
Qualcuno ha voluto leggere nelle parole di Conte dette l'altra sera "la Juve è casa mia", una decisione già presa, ma non è così. Conte doveva dire quelle cose per non turbare un ambiente già inquieto per le separazioni di Buffon e Pirlo che vi abbiamo anticipato la settimana scorsa e per la rimonta della Roma arrivata a -6. Conte sta attento a tutto, vuol rivincere il campionato e l'Europa League, non vuole sbagliare mosse.
A marzo la situazione sarà più chiara e la priorità è naturalmente per i bianconeri. Conte pensa davvero di poter diventare una sorta di Ferguson per la Juventus, ma si aspetta che il contratto vada esattamente in questa direzione. Soprattutto a Conte interessa un accordo di lungo periodo (cinque anni) che dia a lui più forza in società con la sicurezza di poter fare programmi veri. L'ingaggio è una conseguenza, ora guadagna tre milioni più i premi, si partirà da quattro con incentivi.
Però alla lista delle grandi squadre che vorrebbero Conte in panchina (Manchester United e Monaco) si è aggiunta anche l'Arsenal. Un abboccamento c'è già stato, Wenger vuole cambiare aria. Ma anche all'Arsenal è stato risposto ne parliamo a marzo dopo aver parlato con la Juve.
Sempre in tema di mercato, ora la Juventus si trova con sei attaccanti. Troppi. Vucinic non vuole più andar via. Quagliarella ha rifiutato il Cardiff e sarà difficile piazzarlo oggi ultima giornata di mercato. C'è anche Giovinco che potrebbe andare a Parma in uno scambio con Biabiany che ha rifiutato la Cina.
Certamente Marotta farà un ultimo tentativo per Guarin. E questa potrebbe essere la svolta. L'offerta è Guagliarella più soldi. E l'Inter ci pensa, ha troppe cose in ballo nelle ultime ore e sarà difficile dare delle priorità. Si aspettano gli incastri.
Hernanes è il primo della lista. Ieri sera è stato raggiuntoi l'accordo con i procuratori del giocatore: contratto di 4 anni a quasi tre milioni l'anno. Probabilmente stamani la trattativa si chiuderà, ma sono insorte notevoli difficoltà che potrebbero anche far saltare tutto. I contatti sono andati avanti tutta la notte con i procuratori del giocatore in sede a Milano: il problema è Lotito. Il presidente della Lazio vuole 20 milioni senza contropartite tecniche. Troppi per l'Inter. Inoltre la contestazioni dei tifosi a Formello (500 inferociti) ha fatto temere il precipitare della situazione e Lotito senza aver paura sta in guardia, non vuole fare mosse false. Tra l'altro se Hernanes dovesse fare un grande mondiale potrebbe valere di più. E Postiga, 31 anni, non può essere rivenduto al tifosi come un grande colpo. Situazione tesa, di difficile lettura.
Thohir vuole fare un grosso acquisto a tutti i costi per la piazza e per la dignità dell'Inter, ha capito che i tifosi sono tesi, inquieti, che la squadra ha grosse lacune, ma i soldi non ci sono. L'indonesiano ieri ha parlato anche con le banche per capire se c'è la possibilità di dilazionare le rate che deve ancora per l'acquisto dell'Inter. Parte dei soldi risparmiati sarebbero così destinati al mercato.
Nel frattempo però soci indonesiani si stanno tirando indietro: i problemi non mancano. La cessione di Ranocchia al Galatasaray potrebbe portare dieci milioni, c'è anche chi in società pensa di riproporre Guarin alla Juventus per poi pagare Hernanes.
Nel frattempo Branca sta trattando anche con Nani, esterno ideale per Mazzarri, ma fino a ieri sera il portoghese non era convinto di lasciare Manchester. Tra l'altro guadagna molto di più dei due milioni e mezzo che sono il tetto ingaggio dell'Inter.
Come si vede una situazione molto complicata con Moratti che starebbe per ricomprare delle quote che non saranno sottoscritte dagli amici di Thohir. Una vicenda non chiara che a noi, personalmente, non ci ha mai convinto.
Certo se arrivassero Hernanes e Nani, Mazzarri potrebbe dare una svolta alla stagione. Se invece l'Inter dovesse restare come oggi, con un Guarin separato in casa e Cambiasso che dovrà stare fuori più di un mese, diventerà difficile centrare anche l'Europa League. Oggi è una giornata cruciale, si saprà molto del futuro dell'Inter. Se il progetto di Thohir funziona, qualcosa dovrà necessariamente succedere, altrimenti preparatevi a un'Inter minore.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

100 milioni per Belotti ma Dani Alves è costato 0. L'Inter vuole Conte, il Milan doveva rinnovare per Donnarumma tre mesi fa. La stampa si merita i lettori che ha... e viceversa 14.05 - È stata una settimana molto piena. Il Milan incomincia a tirare fuori le cartucce e incontra mezzo mondo, l'Inter esonera Pioli mentre la Juventus va a Cardiff, il Torino non vorrebbe cedere Belotti ma Cairo incomincia a contare i soldi, la Roma saluta Totti con l'omaggio di San Siro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan-Inter: derby senza soste. Allegri il cannibale: è a Cardiff, ma pensa a Doha. Chelsea: Antonio Conte come Diego Costa. Inter: i casi Medel e Gagliardini 13.05 - Il Milan tira dritto in silenzio. Lavora di giorno sotto la luce dei riflettori di Casa Milan e di notte, senza luci e senza riflettori. E forse quando si tireranno le fila del mercato estivo rossonero, si scoprirà che si è trattato di notti produttive. Degna di nota, esattamente...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.