VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Ecco la mia formazione del mercato! I più forti o più belli da raccontare?

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
22.10.2015 07:25 di Luca Marchetti   articolo letto 53125 volte
© foto di Federico De Luca

Archiviato un altro turno di Champions, stavolta senza acuti. L'otto volante Roma non ha trovato ancora la stabilità europea, la Juve dovrà aspettare ancora almeno altri 15 giorni per piazzare la zampata vincente. E allora rituffiamoci nel mercato. E (Champions o meno) ci sono almeno 11 giocatori che in questo avvio di stagione hanno cambiato la loro squadra. O per lo meno ci hanno provato. Sono gli acquisti azzeccati, quelli per cui non c'è neanche un pizzico di rammarico. Costi quel che costi. Sono gli acquisti azzeccati. E allora siccome di classifiche ne abbiamo i siti pieni, vi proponiamo una squadra. Come fosse Fantacalcio. Chiaro che con il senno di poi è facile costruire una squadra vincente. Ma questi colpi li hanno messi a segno quest'estate. Ci hanno visto lungo. Questa è la mia formazione. Siete d'accordo?
In porta Reina. Era andato via per respirare l'aria della grandissima aristocrazia europea, ma Napoli gli era rimasta nel cuore. Continuava a cinguettare con i suoi ex compagni, rigorosamente in napoletano. Ed è tornato come se non fosse passato neanche un minuto. E' tornato da leader, è tornato per riportare il Napoli in alto. Nella stagione della ricostruzione il primo tassello non si può sbagliare. E Reina ha un rendimento pauroso. Non sarà un caso se la difesa del Napoli è tornata solida. Sicuramente il lavoro di Sarri si sente: ma anche la sua esperienza porta tranquillità.
In difesa ne scegliamo 3. Perché il nostro sistema di gioco sarà un 3-4-3, magari offensivo, ma con un minimo di credibilità. Murillo su tutti. Perché lui e non Miranda (visto che all'Inter la solidità difensiva è tornata proprio grazie alla coppia)? Intanto perché lui è arrivato prima e poi perché Miranda era una colonna dell'Atletico ed era difficile ipotizzare che non potesse rendere. Murilllo (giova ricordarlo, un altro colpo messo a segno dalla famiglia Pozzo, stavolta in Spagna) è costato 10 milioni di euro, perché è più giovane e perché veniva da una squadra che si è salvata all'ultima giornata. E' stato uno dei pochi difensori che ha fermato Messi: ha confermato le sue qualità anche in Italia, senza problemi di ambientamento. Ricorda Cordoba? Fate voi.
Poi Astori. Rapporto qualità prezzo è sicuramente una delle note più liete di questo mercato. Lo avrebbe dovuto riscattare la Roma (e forse, nonostante una stagione non entusiasmante, avrebbe fatto comodo). Lo avrebbe voluto prendere il Napoli: è stato un tormentone estivo, probabilmente anche contro la sua volontà, per via dei diritti di immagine su cui non si è riusciti a trovare un accordo. Ne ha approfittato la Fiorentina prendendolo in prestito con obbligo di riscatto per 5 milioni di euro (più un milione di bonus). E' uno dei più utilizzati da Sousa che si fida ciecamente di lui.
Il terzo è Toloi. Sorpresa? In Italia c'era già stato, alla Roma, senza trovare spazio. Infatti i giallorossi non lo riscattano (fissato il prezzo a 5 milioni e mezzo) e torna al San Paolo dove di partite ne fa 40. L'Atalanta, quasi a sorpresa lo prende negli ultimi giorni di mercato. E lo prende (anche in questo caso) pagandolo in totale circa 4 milioni di euro. Titolarissimo e anche goleador.
Passiamo al centrocampo. Per la destra credo ci siano pochi dubbi: Cuadrado. Sembrava dovesse arrivare come un pacco dall'Inghilterra. Uno di quelli che non ce l'hanno fatta, con quei capelli poi, sembra "scoppiato". Invece a scoppiare sono sempre i suoi avversari. Il dribbling e la forza esplosiva non l'ha persa affatto. E l'esperienza al Chelsea evidentemente è andata male non certamente per le sue qualità tecniche. Era arrivato come "alternativa" al trequartista e i tifosi juventini non sembravano entusiasti. Lo avessero preso 12 mesi prima sarebbe stato il crac del mercato. Ma dopo 12 mesi l'opinione non può cambiare. La Juve lo ha preso in prestito, senza fissare il prezzo del riscatto. E ora si dovrà parlare con il Chelsea. In Inghilterra sono sicuri che a gennaio la Juve chiuderà l'operazione, in Italia siamo più cauti. A noi per esempio non risulta che siano già così avanti le chiacchierate. Ma questo non significa che non ci pensino anzi.
Dall'altra parte non può che esserci un solo nome Blaszczykowski. Lo confesso: per scrivere bene il nome ho fatto copia e incolla. Forse lo fa anche lui. Ma Kuba (ecco, così è meglio) non copia nessuno in campo. Sembrava una scommessa troppo difficile da vincere. Lui invece ci ha messo al massimo due settimane per far capire che l'infortunio è alle spalle e che i numeri li ha conservati tutti nei suoi piedi. Prezzo? Un milione per il prestito 6 per il riscatto. Un gol e due assist. Ma soprattutto subito inserito negli schemi di Sousa.
Poi in mezzo. Un posto è preso. Senza dubbio Baselli. Il Torino nei giovani ci crede e per 10 milioni di euro lo ha portato a casa, ma insieme a Zappacosta. Si parlava del Milan per lui e chissà, probabilmente qualcuno dalle parti di Milanello si sta mordendo le mani, anche perché al Milan ha segnato pure. L'inizio di stagione di Baselli è stato folgorante. Quattro gol in campionato e uno in coppa Italia. Il suo prezzo è letteralmente raddoppiato, se non di più, in questo avvio di stagione. Si candida per la Nazionale dei grandi, e il posto nella nostra nazionale del mercato non glielo toglie nessuno. E' una delle vittorie di Petrachi che insieme a Cairo e Ventura ha messo in piedi una "fabbrica" perfetta. Compra a poco, lancia e vende. Dimostrando che il calcio può essere anche profitto: a patto di avere pazienza, fiuto e costanza.
L'altro posto lo assegno a Felipe Melo. Perché è stata una delle trattative più lunghe dell'estate. Perché nessuno credeva (Mancini a parte) che avrebbe avuto un impatto così positivo con il campionato italiano. Perché sembra essere davvero il riequilibratore del centrocampo nerazzurro. Pagato pochissimo: e ha pesato tantissimo la sua volontà: nonostante avesse rinnovato il contratto con il Galatasaray ha comunque forzato per tornare in Italia. Mancini lo ha stregato, lui ha stregato Mancini. E nonostante il passato juventino è subito entrato in sintonia con gli interisti. E non molti ci avrebbero creduto all'inizio.
In attacco cominciano le scelte difficili. E allora la prima la faccio anche grazie al mercato. Salah è stata una telenovela. Che probabilmente non è ancora finita, soprattutto ad ascoltare le parole di Mencucci. La vicenda fra Inter, Fiorentina e Roma ci ha fatto divertire per mezza estate. A metà strada fra la soap opera, la sitcom (visti i tweet del procuratore dell'egiziano, sempre salaci e provocatori) e lo spionaggio. A raccontarla in tre righe non ci si riesce proprio. Peraltro domenica c'è proprio lo scontro diretto e Salah non potrà che essere protagonista, a questo punto!
L'altro è Kalinic. Non per par condicio con Salah, ci mancherebbe. Ma perché obiettivamente rapporto prezzo/gol credo che sia fra i migliori di sempre. Lo conoscevano in pochi, ma lui in finale di Europa League c'era arrivato lo scorso anno, mica 10 anni fa. Attaccante moderno, attacca lo spazio, crea la sponta, non ha paura a fare la giocata. Quando è arrivato a Firenze sembrava dovesse essere un comprimario: diteglielo ora.
Il terzo attaccante è più difficile da scegliere. E mi vengono in mente due nomi, sopra tutti. Uno è Bacca. Perché Bacca, nonostante il Milan non stia andando affatto bene, non si discute. Pagato un bel po', la clausola, giusto per non avere problemi. Ha risposto come doveva: con i gol. Segna anche dopo le trasferte transoceaniche, sa muoversi come pochi, sente la porta. E' uno da top team e in questo il Milan ha visto giusto. L'altro è Defrel. Scelta diversa: aveva la fila in estate e alla fine l'ha spuntata il Sassuolo, con la forza del progetto. E lui ha risposto alla sua maniera: spaccando le difese avversarie. Alla fine sono costretto a scegliere, altrimenti che formazione sarebbe? Dico Bacca, per una questione di pedigree. Ma il futuro è di Defrel. Me ne ricorderò per la prossima formazione!


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Napoli, Inter, Roma: mercato pro-Juve, ma fanno notizia le ombre del Milan 19.01 - Non cadete nelle trappole propagandistiche. La politica italiana ha così pochi argomenti propositivi che l’unico esercizio remunerativo appare la distruzione verbale dell’avversario. Insulti, minacce, dubbi e sospetti, così l’operazione Berlusconi-Milan cinese è diventato (dopo il...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter avanti per Rafinha, ma spuntano le alternative, le mosse (segrete) del Napoli e quelle (clamorose) delle spagnole: da CR7 a Griezmann... 18.01 - Il primo incontro con il Barcellona ora deve maturare. L'Inter, con il suo direttore sportivo, ha allacciato ufficialmente i rapporti (fra società importanti come Inter e Barca è molto meglio, anche diplomaticamente, parlarne di persona) e ha "lanciato" l'ultima offerta. 35 milioni...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.