VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Ecco promossi e bocciati dal mercato. Il Milan batte tutti. Juve ok, ma senza il grande colpo. Inter, due vuoti. Napoli da scudetto. Roma, Lazio e Fiorentina piu’ deboli. Toro la sorpresa

01.09.2017 06:35 di Enzo Bucchioni   articolo letto 71432 volte
© foto di Federico De Luca

E’ finita senza il grande colpo, ce ne faremo una ragione. Chi ha avuto ha avuto e chi ha dato ha dato, diceva il filosofo dell’ovvio. E allora chi ha avuto davvero e chi ha dato davvero in tre mesi di mercato? Chi si è rafforzato?

A quale squadra il titolo di Regina del Mercato e viceversa qual è la Regina del Mancato.

MILAN

VOTO OTTO

Il mio primo premio con bacio accademico incorporato, va alla strana coppia Fassone-Mirabelli. Se pensiamo che è toccato a due ex interisti ricostruire il Milan, evochiamo situazioni pirandelliane. Non è il caso. Venendo al concreto, mi direte che è facile comprare undici giocatori nuovi con duecento milioni. Falso. Ho visto gente buttare via duecento milioni fra doppioni, gente bollita e illusioni. Questo Milan non so quali risultati otterrà, non è mai facile assemblare una squadra ex novo, ma è stato costruito bene, con logica calcistica. E i giocatori sono stati presi per tempo, quasi tutti pagati il giusto per i prezzi folli che circolano.

Vogliamo parlare di Bonucci a 40 milioni? L’anno scorso ne offrivano settanta e la Juve non ha ceduto. Ma oltre agli acquisti dobbiamo mettere sul conto positivo di Fassone e Mirabelli anche il rinnovo di Donnarumma. Tutto perfetto, dunque? Non voglio parlare della situazione economica, ne abbiamo detto mille volte. Se il signor Yanghong non restituirà i soldi al fondo Elliott perderà il Milan, in questo momento fatemi dire uffa, affari suoi. I suoi uomini hanno fatto bene, non c’è che dire. Da scudetto? Non ancora, ma la zona Champions è alla portata. Per lo scudetto sarebbe servito un bomber da venti gol, un Belotti o un Aubameyang inseguiti a lungo. Ma spendere altri settanta milioni ha fatto fatica a tutti…Forse giustamente

JUVENTUS

VOTO SETTE

Alla fine quella vecchia volpe di Marotta l’ha rimediata portando a casa Matuidi e Howedes, ma fino a qualche settimana fa la Juventus mi sembrava costruita male, con qualche lacuna difficile da colmare. Parlo, naturalmente, in chiave Champions. In Italia la Juve per me è ancora la più forte anche se le altre (Napoli e Inter soprattutto) si sono avvicinate. Facciamo il conto della serva: via Bonucci, Dani Alves, Rincon e Lemina arrivano Howedes, Matuiti, Douglas Costa, Bernardeschi, Bentancur (è molto forte) e De Ciglio. Anche uno che non capisce di calcio (e in giro ne vedo molti) faticherebbe a dire che la Juve non è più forte. Poi ci sono le motivazioni, la fame, l’usura, tutto quello che volete, ma sulla carta la campagna acquisti è giusta. Purtroppo sui giocatori da 100 e più milioni, i top-top players, per ora non ci può arrivare neppure la Juve. L’hanno fatto l’anno scorso con Higuain perché hanno venduto Pogba. Insomma, Marotta il suo l’ha fatto ancora con il fido Paratici che non sono Don Chisciotte e Sancho Panza. Caso mai li vedo in altre società….

NAPOLI

VOTO SETTE

So già che tanti miei amici napoletani non sono d’accordo, speravano che De Laurentiis cacciasse un po’ di grana. Ma quando mai? Far spendere Adl è come far volare un ciuccio. Però, calcisticamente parlando, sarebbe stato un errore toccare qualcosa di un gruppo quasi perfetto. I rinnovi di Insigne e Mertens sono i veri acquisti. Li volevano in mezza Europa. Ma anche i rinnovi di tutti gli altri, fino a Ghoulam, e la linea dura con Reina che resterà a Napoli per amore, ma anche per forza. Tutte cose giuste e funzionali. Questo Napoli è fatto dai computerini di Sarri, giocano a memoria un calcio meraviglioso, mettere dentro qualcuno di più forte o di maggior personalità era possibile, ma avresti alterato gli equilibri tecnici e umani. Anche la panchina ora è all’altezza e i vari Zielinsky, Rog, Diawara e compagnia l’hanno già dimostrato. Si poteva prendere un difensore? Vero, ma Sarri punta sull’alternativa Maksimovic che (mi dicono) è recuperato e sta tornando. Ricordiamo poi che Milik l’anno scorso ha giocato per due mesi e il suo recupero è tanta roba. Una strategia conservativa rischiosa, ma anche l’unica. Dopo tre anni di sarrismo o la va o la spacca. Secondo voi?

INTER

VOTO SETTE MENO

Anche qui sento dei buuuuu in sottofondo. Diranno che sono amico di Spalletti e di Sabatini…I buuuu li faccio io. Per me l’Inter ha fatto quello che ha potuto con intelligenza. Intanto la squadra era da correggere e non da rifare. L’aver puntato su un leader della panchina è stata la prima mossa giusta e anche questa è strategia di mercato. Spalletti è uno che sposta gli equilibri. Eccome se li sposta. Vecino è un gran giocatore e lo dico a quelli che hanno storto la bocca. Si ricrederanno tutti, gli sistemerà il centrocampo. Borja Valero lo conoscevate vero? Non dico altro. Presi entrambi a poco. Skriniar è buono, con Cancelo e Dalbert qualcosa sulle fasce è arrivato. Molti giocatori-zavorra sono stati ceduti. Tutto bene? Ma no, non sono mica matto. Chiaramente a questa squadra mancano almeno due pedine, un centrale difensivo e un vice Icardi (Eder ha altre caratteristiche), e di sicuro anche un uomo di raccordo fra centrocampo e attacco che Spalletti avrebbe voluto. Sabatini e Ausilio avevano già tutti i piani, la cautela di Suning e il fair play finanziario hanno bloccato le operazioni per questo esercizio finanziario. Ma sono arrivate le pedine giuste, già così l’Inter c’è. Quando fai il mercato con intelligenza e rinforzi la tua squadra sei bravo

TORINO

VOTO SETTE MENO

Ecco un’altra squadra che mi sembra costruita con grande intelligenza. Non pensate alla cessione di Zappacosta al Chelsea, è un bel colpo in uscita. Pensate a chi è rimasto.

Intanto Cairo è stato di parola. Non ha fatto niente per vendere Belotti e per tenere un giocatore così servono forza, idee e convinzione. Attorno è stata sistemata la difesa (ottimo N’Koulu, nome a parte), c’è un portiere affidabile (Sirigu), Rincon è il tipico uomo-Toro, Berenguer mi intriga, gli arrivi di ieri (Niang e Ansaldi) completano i programmi e il lavoro.

Per me il Torino sarà la sorpresa della stagione e toccate pure ferro. La macchina ha fatto un bel tagliando, vediamo dove riuscirà a portarla Mihajlovic che a volte mi piace e a volte no.

ROMA

VOTO SEI

Se vanno via il portiere (Szczesny), il difensore più forte (Rudiger), uno insostituibile come Salah, ma anche Paredes. De Rossi ha un anno in più e Totti ha smesso, possono bastare un giovane interessantissimo (Schick), due del Sassuolo (con rispetto) e il vecchio Kolarov? Per me la Roma è meno forte, meno compatta, l’allenatore ha meno soluzioni di quelle che aveva Spalletti. E poi proprio Di Francesco dovrà avere il tempo per inserirsi e cambiare il modo di giocare della squadra. Non automatico e non facile. Ma anche qui nessun mistero: vige l’autofinanziamento.

LAZIO

Voto sei

Tutti a dire che Lotito è stato un fenomeno. Certo, ha venduto a trenta milioni un giocatore in scadenza come Keita, ma sarebbe stato un fenomeno se li avesse reinvestiti. E invece a fronte dell’esplosività e della voglia di un talento come Keita che cambiava le partite, ecco un Nani. Nomen omen? Non lo so. Certo non un giocatore in ascesa. E poi via Biglia ecco Lucas Leiva. Anche qui, se permettete, il segno è meno. Fidarsi del lavoro di Inzaghi, della vittoria con la Juve in supercoppa, del gruppo dell’anno scorso è giusto, ma la sensazione che gestire il secondo anno con i suoi allenatori per Lotito sia sempre difficile, mi resta addosso.

FIORENTINA

Voto cinque e mezzo

Una squadra intera venduta (sono rimasti solo Astori, Badelj e Chiesa), cento milioni incassati. Cosa resta della Fiorentina? Alcuni giovani interessanti come Simeone e Benassi, tanti giocatori da inserire e lanciare, molte scommesse corviniane. Una squadra da reinventare, ricostruire, rilanciare. Una operazione rischiosa, oggi c’è molta inesperienza e fragilità. La palla a Pioli, ma quando ti rimangono in cassa 35 milioni alla domanda , è facilissimo rispondere sì

SAMPDORIA

Voto sei e mezzo

Con Zapata e Strinic, gli ultimi colpi, la Samp ha messo dentro muscoli e qualità. Scopriamo così una squadra con il giusto mix gioventù-esperienza, grande qualità in mezzo al campo e trequarti (Ramirez e Caprari), difesa sistemata (Ferrari) e con Zapata ora Quagliarella non è più solo

ATALANTA

Voto sei

Non sarà facile ripartire dopo una stagione straordinaria e dopo l’addio di tanti degli uomini migliori. Ma l’Atalanta è abituata e gente come De Roon, Ilicic, Palomino e Orsolini fanno pensare a un Gasperini pronto a rimescolare senza rimetterci troppo. Unico neo la vicenda Spinazzola. Il rischio di perdere psicologicamente il giocatore è fortissimo. A chi è stato utile un braccio di ferro così?

LE ALTRE

Per il resto, il Genoa. Devo dire che questa volta Preziosi ha venduto meno del solito (aveva già dato a gennaio) e gli arrivi di Bertolacci, Lapadula, Centurion, Rossettini e Zukanovic danno solidità. Sono tentato di dare sei anche se incombe la vicenda-cessione che turba.

Per il resto vedo un Bologna in difficoltà, cinque e mezzo al suo mercato. Squadra leggera, Palacio che può fare? Se non recupera Destro saranno problemi. Buone cose per i suoi mezzi ha fatto il Cagliari con Pavoletti, Cigarini e Andreolli (voto sei). Il Sassuolo lo vedo incartato attorno alla mancata cessione di Berardi, Acerbi e Politano. E’ un ciclo finito, una squadra da rinnovare e non l’hanno fatto (5,5).

Per il resto regalo un grande sei di incoraggiamento a tutte le altre, soprattutto alle neopromosse, che senza risorse hanno cercato fra ricicli, prestiti e scambi, di mettere in piedi formazioni dignitose. Almeno sulla carta.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Insigne non deve mancare. Ventura imita Maldini. Milan, no al blocco del mercato. Ottimismo per i conti. Donnarumma verso il Psg che pensa anche a Conte. Juve, preso Barella. Napoli, Quagliarella per Milik 10.11 - Cari amici, lo so che della Nazionale non ve ne può fregar di meno. Azzurro Tenebra, scriveva Arpino. Azzurro pallido oggi. Ma stasera il tifo positivo di tutta l’Italia deve accompagnare la Nazionale nello storico spareggio con la Svezia che venti anni dopo ricorda quello di Cesare...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.