HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

Emre Can e il mercato dei colpi di scena della Juventus. Milan, altra rivoluzione in vista e occhio ai tanti cambi in panchina in Serie A. Seconde squadre: a chi servono?

Nato a Firenze nel 1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com e speaker di RMC SPORT. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato voce e conduttore per Radio Sportiva.
13.05.2018 08:38 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 80545 volte
Emre Can e il mercato dei colpi di scena della Juventus. Milan, altra rivoluzione in vista e occhio ai tanti cambi in panchina in Serie A. Seconde squadre: a chi servono?

Emre Can sarà un giocatore della Juventus. Che ha deciso, per la prima volta, di optare per una clausola rescissoria nel contratto di un giocatore, pur di farlo sbarcare a Torino. Quello dei Campioni d'Italia, al quarto meritato poker consecutivo e al settimo Scudetto di fila, è certo un precedente che potrà avere chiaramente ripercussioni anche sulle operazioni che verranno. Ne è conscia, la Juventus, che a differenza delle altre società italiane parte da una posizione di forza e di vittoria. Ha più appeal, più fascino e, perché no, pure più denaro da investire. Quella formata da Giuseppe Marotta e Fabio Paratici, che a breve ratificheranno insieme a tutto il resto della preziosa squadra mercato bianconera il futuro insieme, è coppia che già si sta muovendo sul mercato e in modo importante. A Emre Can seguirà un altro innesto in mediana ma lì non sarà colpo di scena: sarà semmai possibile e potenziale grande acquisto per il futuro, perché Lorenzo Pellegrini è tra i migliori giovani del calcio italiano e ha una clausola rescissoria a poco più di 30 milioni che la Juve può permettersi.

Juve: i colpi di scena davanti I colpi di scena, però, riguarderanno l'attacco. Perché di fatto, a fronte di un'offerta economica monstre, la sensazione è che nessuno sia incedibile. Chiaro, la Juventus vorrebbe, e pure vorrà, costruire il progetto tecnico attorno a Douglas Costa e Paulo Dybala. Per età e potenzialità, è legittimo pensarlo mentre dall'altra parte quelle di Mario Mandzukic e, sorprendentemente, pure di Gonzalo Higuain, potrebbero portare a un duplice addio. In soldoni: la Juventus non vuole cederli. Non ha bisogno, necessità. Per questo non 'scenderà' ad aste, ma è pronta viceversa a farli partire al miglior offerente perché la carta d'identità racconta per il club torinese ma anche per i giocatori che il prossimo potrebbe essere l'ultimo grande contratto della carriera. E' per questo che la Juventus sta trattando con forza Alvaro Morata dal Chelsea. A volte ritornano, magari dall'Inghilterra, dove gioca anche l'altro obiettivo Anthony Martial, lui al Manchester United. Che segue con forza Alex Sandro, in un reparto dove la Juventus cambierà tantissimo e non è da escludere che possa arrivare qualche altra cessione deluxe sempre nel reparto arretrato. E tra i pali? Occhio a Mattia Perin: sceglierà tra Juventus e Napoli, sfida Scudetto anche per il portiere.

Milan: rivoluzione tra scrivania e panchina Il Milan, poi. Che rischia una nuova rivoluzione, con l'Europa mica certa, col futuro nebuloso e con la proprietà che verrà ancora misteriosa. Lo stallo sui diritti tv italiani e la scalata di Elliott a Tim, spiegano i beninformati, non sarebbero così distanti come tematiche di fondo. Certo, in ottica futura, il presente racconta invece di una stagione totalmente fallimentare dove, tra i protagonisti, ha pagato finora soltanto Vincenzo Montella. Finora. I sussurri societari spiegano che il domani di Massimiliano Mirabelli sarebbe appeso a un filo, con oltre 200 milioni spesi senza un attaccante di peso e per calciatori che, ad oggi, non hanno portato neanche una plusvalenza. Chi, degli acquisti estivi, vale di più che allora? Nessuno. Ecco perché il suo è stato un fallimento su tutta la linea e non è un caso se la società ha preso tempo per decidere il futuro. La prima strada porta al complicatissimo sogno Cristiano Giuntoli ds e Maurizio Sarri come tecnico, ma la clausola da 8 milioni blocca per il momento tutto. Quella meno difficile, dunque più praticabile, a Walter Sabatini che affronterebbe così la seconda avventura milanese. Il tempo racconterà quale delle vie sceglierà il Milan che, difficilmente, ripartirà da Mirabelli. E Gennaro Gattuso? E' stato una scelta di Mirabelli, poi di Fassone, il rinnovo. E pure in questo caso, la conferma è tutt'altro che scontata, anzi.

Il folle valzer delle panchine: coinvolta tutta la Serie A Il valzer delle panchine non riguarda solo lui, solo Maurizio Sarri. Che il Chelsea segue, forse seguiva. Piace per stile di gioco, per gestione dei campioni, ma non per quella mediatica e degli scontenti che, si sa, sono due tematiche delicate e sensibili in Premier League. Per questo i Blues vireranno su Luis Enrique, con Sarri che vede sfumare anche il Borussia Dortmund che è andato su Lucien Favre oramai ex Nizza. E Massimiliano Allegri? La verità è che l'allenatore deciderà tutto con la proprietà e con la dirigenza a bocce ferme, a Scudetto alzato al cielo. Per adesso, tutto rimandato. Cresce, però, la percentuale della conferma mentre le alternative sarebbero due: Andrea Agnelli vorrebbe Carlo Ancelotti (che è rivale di Allegri proprio per l'Arsenal insieme a Zeljko Buvac, ex vice di Jurgen Klopp, e Mikel Arteta). Le frasi di Carletto sulla finale di Tim Cup ("la vedrò con la maglia milanista"), non è piaciuta però ai tifosi. Vedremo. Paratici e Marotta, intanto, 'votano' Simone Inzaghi che, se dovesse lasciare la Lazio, avrebbe Gian Piero Gasperini come potenziale erede (e al suo posto, all'Atalanta, Roberto Donadoni). Il valzer è una cascata. Confermati Luciano Spalletti all'Inter, Stefano Pioli alla Fiorentina, Eusebio Di Francesco alla Roma, Walter Mazzarri al Torino, pure Marco Giampaolo alla Sampdoria e Davide Ballardini al Genoa. Poi, tutto può succedere, come Jorge Mendes che oltre a Rui Patricio tra i pali riesce, semmai, a 'piazzare' anche Paulo Fonseca dallo Shakthar Donetsk sulla panchina del Napoli.

Seconde squadre: a chi servono? Alessandro Costacurta, al di là dei complimenti che vanno fatti ai colleghi di Undici a cui ha spifferato la rivoluzione, non ha certo scelto la più istituzionale delle vie per comunicare la novità delle seconde squadre. Anzi. Le qualità del dirigente non sono in discussione, il problema è che non è ancora entrato nel ruolo e spiegare una novità simile a mezzo stampa prima di discuterne ufficialmente coi club è errore, non ce ne voglia, da dilettanti. La Serie B ha tuonato, minacciando addirittura la serrata. In Serie C abbondano i pareri contrastanti, il governo della terza serie italiana ha aperto ma non par gradire troppo le tempistiche affrettate. A chi servono, le seconde squadre? Le reazioni degli alti piani del pallone sono positive. Perché poter controllare alcuni talenti promettenti, senza prestarli alla qualunque, è certamente soluzione migliore per le grandi società. Anzichè tirare a campare coi prestiti, le società delle categorie inferiori riprenderanno a puntare sui giovani. E' un progetto a lungo termine, non certo l'acqua calda ma qualcosa che al calcio italiano serve. Che permetterà alle grandi di non disperdere talenti ma bensì di aumentarne l'acquisto. Che costringerà chi ha sfruttato i prestiti più per vizio che per necessità a rimboccarsi le maniche. O a chiudere la saracinesca e a lasciar spazio a virtuosi e meritevoli.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Su Piatek il Milan accontenta il Genoa, ma su Higuain la colpa è anche di Gattuso. Juventus vicina a De Ligt! Non c’è l’offerta che il Napoli vuole per Allan. E il Barcellona adesso compra Doumbia? 23.01 - E’ andata come doveva andare. Esattamente 14 giorni fa vi avvisavamo che il triangolo Higuain-Morata-Piatek era impigliato intorno alla policy del Chelsea del non fare contratti pluriennali agli ultratrentenni, e che se Higuain si fosse incaponito su quell’aspetto, allora sarebbe...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan: l'esempio Gattuso contro i nemici del Diavolo (Higuain-Piatek e altre acrobazie). Inter: l'arma in più non arriva dal campo (e Barella...). Da Ancelotti a De Zerbi: finalmente c'è chi ha voglia di parlare di calcio 22.01 - Ieri era il compleanno di mio padre. Ne ha fatti 83, tipo mummia. È tifoso accanito del Milan. Ha visto la sua squadra vincere, ha mangiato la pizza alla diavola, ha bevuto una birra media, due fette di torta con su scritto "Auguri Celso", tre grappe Berta per le quali va matto e,...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, così non va. Da Gonzalo a Piatek, segnale di debolezza. Visto Muriel? Balata e una Lega B allo sfascio. Lecce, esempio di mercato. Si scrive Juve, si legge Stabia 21.01 - Se la scorsa estate Leonardo e Maldini avessero portato al Milan Piatek al posto di Higuain avrebbero preso 3 su tutte le pagelle del mondo. Arrivò Gonzalo e si sprecarono i 7 per il grande affare fatto con la Juventus, ridando indietro quel pacco vecchio di Bonucci prendendo il futuro...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Leonardo non conosceva Higuain? Il Milan ha sopravvalutato il Pipita. Troppa ipocrisia su Wanda Nara: l'unico errore sarebbe quello di non comportarsi come gli altri procuratori 20.01 - Gonzalo Higuain è stato il miglior centravanti visto in Italia dopo Zlatan Ibrahimovic. Ha riscritto la storia dei cannonieri della Serie A battendo nel 2016 il record di Nordhal che resisteva da 65 anni. Diciassette, poi 18, 36, 24 e 16 gol in cinque stagioni di Serie A, 111 in cinque...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain al Chelsea e Piatek al Milan ormai ci siamo. Nell’operazione anche il ritorno di  Bertolacci al Genoa. Su Barella per giugno l’Inter di nuovo in pole position. Napoli, Lozano se in estate parte uno tra Mertens e Callejon 19.01 - Higuain al Chelsea, Piatek al Milan, Morata all’Atletico Madrid, Il gioco è fatto. Tutti gli incastri al posto giusto per un grande valzer di attaccanti. E allora andiamo a ricostruire quello che accadrà a breve. Higuain presto volerà a Londra per le visite mediche e si metterà a...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve-Milan falsata, l’ultimo scandalo. Con questo VAR aumentano solo le polemiche e non si fa giustizia. Banti, che delusione. Higuain, che vergogna. Piatek al Milan, che rischio. Icardi rinnoverà 18.01 - Gli arbitri italiani stanno diventando dei piccoli Tafazzi: sono riusciti nell’impresa ciclopica di falsare perfino una gara tutto sommato non complicata come la Supercoppa italiana e farsi ancora una volta travolgere dalle polemiche. Autolesionismo puro, incredibile ma vero, come...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Higuain-Chelsea, ci siamo. Le alternative del Milan per sostituirlo: Piatek ma non solo... Iniziano a muoversi gli attaccanti... attenzione! 17.01 - Era sicuramente uno dei temi più intressanti da analizzare in questo mercato invernale. Dopo la giornata appena finita è diventata una vera e propria telenovela, con dei colpi di scena (più mediatici che reali) che starebbero bene in una sceneggiatura da soap opera. Higuain, è evidente,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510