VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Musacchio, Kessiè, Ricardo Rodriguez e André Silva. Quale nuovo acquisto del Milan vi piace di più?
  Mateo Musacchio
  Franck Yannick Kessié
  Ricardo Rodriguez
  André Silva

TMW Mob
Editoriale

Evviva Insigne, un italiano vero

Nato a Sassocorvaro il 31 maggio 1939, allievo di Gianni Brera, Severo Boschi, Aldo Bardelli ed Enzo Biagi. Collabora con la Rai come opinionista/editorialista sportivo.
04.05.2014 00:00 di Italo Cucci   articolo letto 19293 volte
© foto di Federico De Luca

Nella notte della vergogna solo le squadre in campo hanno riabilitato l'evento tricolore, esprimendo vigore e passione dove fino a qualche minuto dall'inizio della partita avevano spadroneggiato il furore degli ultrà facinorosi e l'impotenza dei tutori dell'ordine. Il Napoli ha vinto con merito il suo trofeo, esprimendo una volta di più la potenza offensiva che avrebbe meritato miglior esito anche in campionato; la Fiorentina si è battuta più con abilità che con forza, confermando le qualità tattiche dei suoi condottieri - Montella in panchina e Borja Valero in campo - e la povertà di un attacco che non riesce a tradurre in gol una manovra spesso brillante. Come spesso gli è riuscito in una carriera di successo, Benitez s'è confermato Re di Coppe riuscendo a mostrare anche un assetto difensivo finalmente sicuro, soprattutto perché minacciato soltanto dai cross viola puntualmente respinti da Albiol e compagni con la collaborazione dell'onnipresente Callejon, fra i migliori in campo insieme all'implacabile Martens. Un segnale finalmente chiaro e preciso per un Napoli che avrebbe potuto competere anche nella lotta per lo scudetto se avesse curato a dovere la fase difensiva.
Questa finale resterà negli annali della Coppa Italia innanzitutto per gli incidenti che ne hanno ritardato l'inizio di quarantacinque minuti: il presidente del Senato Pietro Grasso, chiamato a premiare i protagonisti, vinti e vincitori, ha dovuto prender nota che il match - preceduto da gravi episodi di cronaca nera - s'è giocato per volontà di un capo ultrà e sicuramente si rifiuterà, in futuro, di farsi testimone illustre di tanta vergogna; per sua fortuna ha potuto consolarsi rituffandosi nella grande festa del suo Palermo tornato trionfalmente in Serie A qualche ora prima. Gli appassionati ricorderanno, invece, di avere assistito alla finalissima tricolore interpretata da una trentina di pedatori stranieri, sfacciata dimostrazione del male che affligge il calcio italiano anche sulla scena internazionale. Continuo a sentir parlare di fatturati e di superstar inavvicinabili dai nostri modesti mercanti, ma la vera crisi è rappresentata proprio dalla progressiva invadenza di stranieri raramente di valore (per sua fortuna il Napoli ne possiede almeno cinque), generalmente bufale che mortificano i frutti dei vivai. Un momento d'orgoglio italiano è rappresentato da Insigne, il vero vincitore della sfida alla faccia dei tanti detrattori che di recente ne chiedevano anche la cessione. Lorenzo è il piccolo grande eroe per tutti noi che dall'azzurro napoletano traiamo lo spunto per pensare all'azzurro mondiale. Prandelli sa di avere un altro nome sicuro nel suo taccuino, un pensiero positivo proprio nella notte che ha forse allontanato la speranza di riavere Pepito Rossi, rientrato in gioco dopo cinque mesi di inattività senza aver potuto mostrare uno scampolo della sua risaputa bravura: Montella è stato generoso con lui ma ha sicuramente sottratto alla Fiorentina - proprio quando era in superiorità numerica - una fonte di energia e la qualità che serviva per frenare e metter sotto un Napoli occasionalmente allo sbando. Mentre De Laurentiis promette tre grandi rinforzi, Della Valle - più che mai desideroso di vincere qualcosa - dovrà pensare molto più in grande. La sfortuna ha demolito una Fiorentina promettente, la ricostruzione è un dovere per la società, un diritto del grande popolo viola.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Gigio firma subito ed esci dal tritacarne! Mercato Juventus, adesso tocca alla difesa. Città in rivolta: Borja Valero come Hernanes? Roma e Napoli: Milan e Inter snobbate 24.06 - La visita di Vincenzo Montella a Castellammare di Stabia ha riportato la vicenda nel suo ambito, quello della casa e della famiglia. Il PSG e il Real Madrid sono stati una tentazione, drenata e gestita da Mino Raiola, e possiamo comprenderlo. Ma oggi che anche il presidente del Senato...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Bonucci non è incedibile. Se vuole può partire. Douglas Costa o Bernardeschi? Iniesta con Cuadrado al Barça. Agnelli rimane presidente. Milan, Donnarumma resta 23.06 - Dalla notte di Cardiff sta nascendo il mercato della Juventus e neppure le liti (presunte o vere), i lunghi coltelli (veri o presunti) dello spogliatoio, potranno far cambiare idea a Marotta e Paratici. Avanti con questo gruppo, anche se i ritocchi saranno pesanti. E se qualcuno pensa...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Gli incastri della Juve, le mosse dell'Inter, le attese del Milan. E tutte le trattative di giornata... 22.06 - La Juventus comincia a muoversi per sostituire Dani Alves. E per farlo deve stare attenta agli incastri. Perché i nomi su cui si è concentrata in queste ore sono Darmian (che per il Manchester non è più incedibile) e Danilo (che però è extracomunitario). E soprattutto i dirigenti...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan-Donnarumma, la soluzione c’è! Roma, le idee (giuste) di Monchi… Juve, ansia Alex Sandro! Ma Ibra? 21.06 - Ogni estate ha il suo tormentone calcistico… Il 2017 lo ricorderemo, a parte per il caldo asfissiante, per le “bizze” legate a Gigio Donnarumma. Neanche i sceneggiatori di Beautiful (soap opera che va in onda, in Italia, dal 1990) potevano creare un intrigo simile… Dal bacio alla...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: c’è un nome per sostituire D.Alves (ma fa a “pugni” con D.Costa…). Milan: attenti alla novità “per forza” su Donnarumma (e Conti…).  Inter: tutto quello che Spalletti ha chiesto dal mercato. Napoli: Raiola ci ha fatto un regalo 20.06 - Per iniziare salutiamo tutti assieme Luigi di Sciacca, filibustiere siciliano incontrato sabato sera a Como. “Ciao, tu scrivi chilometri di robe su tmw. Ti leggo per addormentarmi”. Gli ho offerto un birrone bello fresco perché mi sembrava un complimento. A mente fredda rivorrei...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Raiola non è una minaccia ma una condanna: Tavecchio vigili per il bene dei vivai. Juve, multa Dani Alves. Sabatini prepara i colpi. Serie C, final four "format" da rivedere 19.06 - Quello che in molti non capiscono, dirigenti e tifoserie lontane dai colori rossoneri, che la battaglia sul caso-Donnarumma non riguarda solo il Milan o solo Donnarumma. E' una battaglia di sistema. I tifosi, invece, la racchiudono frettolosamente nel colore sociale e si perdono nel...

EditorialeDI: Marco Conterio

E' il calciomercato più bello del nuovo millennio. Casi shock e trasferimenti record: la top ten dei tormentoni ma siamo solo all'inizio 18.06 - E' un'estate calda, ma questo non è certo una novità. Solo che quest'anno, sotto l'ombrellone, ci stiamo già godendo la più bella e divertente sessione di mercato da anni a questa parte. In ordine sparso: la bomba Cristiano Ronaldo con il Real Madrid. L'avvento dei cinesi del Milan...

EditorialeDI: Mauro Suma

Donnarumma: costi quel che costi. Suning tra ex juventini ed ex milanisti. Da Cardiff a Castellammare 17.06 - Non l'ha ordinato nessuno ai tifosi del Milan di innamorarsi di Donnarumma. Nemmeno ai bambini ai quali, come per Kakà, e torneremo su questa nemesi, è particolarmente difficile spiegare cos'è successo. Ma non è il tempo del pistolotto moralistico: solo analisi e solo dettagli. Era...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma, ecco perché va via. Una storia scandalosa. Il Real lo aspetta, ma anche la Juve. Tornerà in Primavera o andrà in tribuna. Piace Neto. Inter, via Perisic. Nel mirino Bernardeschi e Borja Valero. Allegri aspetta Iniesta 16.06 - Donnarumma, una storia scandalosa. Una società investe sul settore giovanile, fa crescere un bambino, lo lancia in serie A, gli offre cinque milioni di ingaggio per cinque anni (una follia) e lui che fa? A diciotto anni dice no, vuole andar via per più soldi e forse più gloria. Una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter colpo a centrocampo, Juve passi avanti per N'Zonzi (e non solo), Milan il giorno di Donnarumma 15.06 - Si presenta Spalletti e spiega la sua filosofia. E mentre si presenta i suoi direttori lavorano per consegnargli una squadra che possa ricalcare più possibile le sue idee. Ecco perché è partita l'offensiva per Borja Valero. Il giocatore era già in cima alla lista dei desideri di Spalletti...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.