VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Evviva Insigne, un italiano vero

Nato a Sassocorvaro il 31 maggio 1939, allievo di Gianni Brera, Severo Boschi, Aldo Bardelli ed Enzo Biagi. Collabora con la Rai come opinionista/editorialista sportivo.
04.05.2014 00:00 di Italo Cucci   articolo letto 19293 volte
© foto di Federico De Luca

Nella notte della vergogna solo le squadre in campo hanno riabilitato l'evento tricolore, esprimendo vigore e passione dove fino a qualche minuto dall'inizio della partita avevano spadroneggiato il furore degli ultrà facinorosi e l'impotenza dei tutori dell'ordine. Il Napoli ha vinto con merito il suo trofeo, esprimendo una volta di più la potenza offensiva che avrebbe meritato miglior esito anche in campionato; la Fiorentina si è battuta più con abilità che con forza, confermando le qualità tattiche dei suoi condottieri - Montella in panchina e Borja Valero in campo - e la povertà di un attacco che non riesce a tradurre in gol una manovra spesso brillante. Come spesso gli è riuscito in una carriera di successo, Benitez s'è confermato Re di Coppe riuscendo a mostrare anche un assetto difensivo finalmente sicuro, soprattutto perché minacciato soltanto dai cross viola puntualmente respinti da Albiol e compagni con la collaborazione dell'onnipresente Callejon, fra i migliori in campo insieme all'implacabile Martens. Un segnale finalmente chiaro e preciso per un Napoli che avrebbe potuto competere anche nella lotta per lo scudetto se avesse curato a dovere la fase difensiva.
Questa finale resterà negli annali della Coppa Italia innanzitutto per gli incidenti che ne hanno ritardato l'inizio di quarantacinque minuti: il presidente del Senato Pietro Grasso, chiamato a premiare i protagonisti, vinti e vincitori, ha dovuto prender nota che il match - preceduto da gravi episodi di cronaca nera - s'è giocato per volontà di un capo ultrà e sicuramente si rifiuterà, in futuro, di farsi testimone illustre di tanta vergogna; per sua fortuna ha potuto consolarsi rituffandosi nella grande festa del suo Palermo tornato trionfalmente in Serie A qualche ora prima. Gli appassionati ricorderanno, invece, di avere assistito alla finalissima tricolore interpretata da una trentina di pedatori stranieri, sfacciata dimostrazione del male che affligge il calcio italiano anche sulla scena internazionale. Continuo a sentir parlare di fatturati e di superstar inavvicinabili dai nostri modesti mercanti, ma la vera crisi è rappresentata proprio dalla progressiva invadenza di stranieri raramente di valore (per sua fortuna il Napoli ne possiede almeno cinque), generalmente bufale che mortificano i frutti dei vivai. Un momento d'orgoglio italiano è rappresentato da Insigne, il vero vincitore della sfida alla faccia dei tanti detrattori che di recente ne chiedevano anche la cessione. Lorenzo è il piccolo grande eroe per tutti noi che dall'azzurro napoletano traiamo lo spunto per pensare all'azzurro mondiale. Prandelli sa di avere un altro nome sicuro nel suo taccuino, un pensiero positivo proprio nella notte che ha forse allontanato la speranza di riavere Pepito Rossi, rientrato in gioco dopo cinque mesi di inattività senza aver potuto mostrare uno scampolo della sua risaputa bravura: Montella è stato generoso con lui ma ha sicuramente sottratto alla Fiorentina - proprio quando era in superiorità numerica - una fonte di energia e la qualità che serviva per frenare e metter sotto un Napoli occasionalmente allo sbando. Mentre De Laurentiis promette tre grandi rinforzi, Della Valle - più che mai desideroso di vincere qualcosa - dovrà pensare molto più in grande. La sfortuna ha demolito una Fiorentina promettente, la ricostruzione è un dovere per la società, un diritto del grande popolo viola.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La Champions non ci tira su, Malagò a piedi uniti e i giovani veramente giocano? 23.11 - Se il campionato ci aveva ritirato su il morale, riconsegnandoci la voglia di calcio, la Champions un po' ce ne toglie. Insigne, è vero, ci ha fatto vedere che sta arrivando a dei livelli internazionali (e questo fa aumentare il rammarico) Juve e Roma invece non riescono a utilizzare...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Rivoluzione? Invoco il Commissario… Juve, c’è un problema! Roma? Ha ragione Falcao… 22.11 - Sto ancora elaborando il lutto (l’esclusione dal Mondiale) ma mi sta anche salendo quella sana rabbia di chi pretende un cambiamento, non di facciata ma reale!!! Il popolo ha avuto il sangue che bramava: le teste di Ventura e Tavecchio sono rotolate sul selciato… Purtroppo, il resto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.