HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Roma e Juventus ce la faranno a qualificarsi ai quarti di finale?
  Si, entrambe
  Solo la Roma
  Solo la Juventus
  No, nessuna delle due

La Giovane Italia
Editoriale

Fabregas al Milan, manca solo l’ok di Abramovich. Ibra già fatto. Juve punta i giovani Ndombelè e Gedson Fernandes, Ramsey più vicino, Isco nel mirino. Inter, Marotta vuole Martial. Perisic può partire per Chiesa

30.11.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 25703 volte
© foto di Federico De Luca

Il Milan ha buone possibilità di portare a casa a gennaio Cesc Fabregas, 31 anni, panchinaro di lusso del Chelsea. Il centrocampista spagnolo con Sarri gioca pochissimo ed ha capito che il progetto di rilancio dei rossoneri può allungargli una straordinaria carriera. All’inizio della trattativa il Chelsea ha sparato dodici milioni di euro per liberare il giocatore a gennaio, ma la cifra è assurda visto che Fabregas è in scadenza di contratto. Ora si aspetta soltanto il sì di Abramovic che deve dare via libera ad un indennizzo molto inferiore proposto dal Milan, attorno ai cinque milioni. Il giocatore guadagna 4,5 milioni, è d’accordo per spalmarsi l’ingaggio fino al 2021 a 3,5 milioni. I giornali inglesi danno l’affare per fatto, ma le prossime ore saranno decisive. Fabregas sa fare tutti i ruoli del centrocampo, porterebbe carisma, esperienza e la mentalità vincente acquisita in anni di trionfi. A proposito di carisma e mentalità, è chiuso l’accordo per Ibra. Il Milan continua a negare e tergiversare, ma dal tre gennaio Ibra sarà a Milanello. Sei mesi di contratto con opzione per la prossima stagione. Non basta, nel caso dovesse saltare Fabregas, ma anche no, nel mirino resta Paredes dello Zenit che piace molto a Gattuso. Raffreddata la pista Sensi, il Sassuolo non vuole vendere a gennaio.

A gennaio non farà niente la Juve, ha soluzioni interne e rosa abbondante nonostante qualche infortunio. Paratici guarda al futuro e il reparto da ringiovanire in prospettiva è il centrocampo dove Khedira (soprattutto) e Matuidi anche se validissimi, hanno un’età non più verde. Ci sono due binari paralleli sui quali la Juve lavora, uno che porta a grandi giocatori pronti subito, un altro a giovani talenti emergenti. La lista è lunga.

Per i campioni, c’è sempre Pogba nel mirino, ma la situazione non è semplice come più volte scritto. Isco in rotta con Solari è tornato ad attrarre l’attenzione dei bianconeri che l’avevano già cercato quando giocava poco con Zidane. Nel Real a fine stagione ci sarà un’autentica rivoluzione e Isco si è dimostrato sensibile alla corte della squadra di Ronaldo. L’affare che però sembra più avanti è quello che porta a Ramsey, 28 anni, in scadenza con l’Arsenal. Lo vogliono anche Everton e altre società, il Bayern sembrava favorito, ma l’offerta della Juve (undici netti a stagione) lo sta facendo vacillare. Nei piani della Juve c’è sempre anche James Rodriguez, il fantasista che il Bayern non riscatterà dal Real.

Fra gli emergenti, invece, gli obiettivi più importanti sono due, Ndombelè del Lione e Gedson Fernandes del Benfica.

Ndombelè ha 22 anni, è corteggiato anche dal City di Guardiola che lo prenderebbe già a gennaio. Il Lione lo valuta fra i 40 e i 50 milioni, la Juve resta sull’obiettivo.

Grandissimo interesse ha suscitato la prestazione di Gedson Fernandes l’altra sera contro il Bayern. Gli osservatori della Juve a Monaco per vedere il terzino Grimaldo, in realtà hanno poi dirottato l’attenzione di Paratici sul diciannovenne centrocampista portoghese del Benfica che è entrato nella ripresa da veterano. Grande qualità e quantità. I riflettori sono accesi, non c’è solo la Juve, ha una clausola rescissoria da 120 milioni. Fra i giovani, anche se già esperto, c’è anche Rabiot, 23 anni, che non vuole rinnovare con il Psg. La Juve c’è, ma non in pole position.

E l’Inter? Modric mancato per un soffio l’estate scorsa, arriverà a giugno e questo sembra ormai un fatto assodato visto che il Real non lo fermerà più. Marotta non ha ancora preso le redini, ma sta mettendo a punto la strategia che dovrebbe prevedere anche qualche uscita di giocatori tipo Perisic che convincono sempre a metà e hanno comunque un grande mercato. Marotta vuole più certezze, più continuità di rendimento. Su Perisic da mesi c’è il Manchester, Mou stravede. E allora perché non proporre Perisic per avere Martial? Canale aperto. Al posto di Perisic sulla fascia Marotta vorrebbe mettere quel Federico Chiesa che già corteggiava per la Juve e, come già scritto qualche settimana fa, Enrico Chiesa babbo-manager sarebbe felice di mettere il figlio in mano a Spalletti. Per il centrocampo resta l’idea Barella, ma il Cagliari non vuole vendere a gennaio e allora le attenzioni sono concentrate su giocatori già pronti per fare qualche altro step di crescita.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: la pressione della Champions e una montagna da scalare Icardi: tra visite e fascia è iniziata la partita a scacchi 21.02 - La montagna da scalare più alta di quanto si possa immaginare. Nulla è impossibile nel calcio e i record sono fatti per essere battuti... però i numeri ti aiutano a capire quanto sia pesante il risultato arrivato ieri. Simeone non è mai uscito dalla Champions League dopo aver vinto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Icardi-Inter: forse non è solo ciò che ci hanno detto, e forse non è colpa di Marotta. Ecco la lotta di potere in cui si sono trovati in mezzo dirigente e giocatore. E ci sono già Chelsea e Juventus. Dybala a Madrid, e non giocherà nell’Inter 20.02 - Dire qualcosa che non sia stato ancora detto, scritto e pensato sul caso Icardi è quasi impossibile. E quasi tutti rimarranno della loro opinione, colpevolisti o innocentisti. Personalmente, penso che la società abbia sbagliato a togliere la fascia da capitano, a creare una frattura...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la mossa di Allegri per l’Atletico, quella di Paratici sul mercato. Inter: il ritorno di Icardi, il “metodo Marotta” e… la situazione Conte. Milan: Leonardo, gran doppietta. E su Cuneo-ProPiacenza… 19.02 - Buondì, la Roma sta giocando contro il Bologna, nel frattempo Wanda Nara brucia in un camino le foto di lei con Icardi. Pare sia un’usanza per scacciare le maledizioni. Io insisto: meglio i gin-tonic. Comunque, è stata una settimana molto intensa e tutti hanno parlato di un “caso”...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

A Cuneo, il funerale del calcio italiano. Leonardo, su Piatek a 35 milioni hai avuto ragione tu. Su Gattuso ti sei ricreduto. Caso Icardi, Wanda-Nera e, forse, Maxi Lopez non era così matto... 18.02 - Voi, giustamente, vorreste parlare della Juventus che si gioca la Champions, del Milan che sogna il ritorno nell'Europa che conta, del caso Icardi e del Napoli che prepara tre colpi per l'estate. Vi devo deludere. Non fregherà niente a nessuno ma sappiate che ieri c'è stato il funerale...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Icardi è il caso dell'anno, anche se tutti vorrebbero il rinnovo... ma il problema è Higuain. Mercoledì tocca (davvero) a Cristiano Ronaldo, il Napoli deve affidarsi al suo Re di Coppe 17.02 - Ci sono tre assunti nella vicenda Icardi. Sia Mauro che il club vorrebbero il rinnovo, ognuno alle sue condizioni. Nessuno ha mai avuto intenzione di pagare i 110 milioni della clausola rescissoria anche se potrebbero farlo nella prossima estate per via del giro di centravanti che...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Zaniolo, la Juve c’è ma la Roma è pronta a blindarlo fino al 2024. Anche il City su Dybala, il Real tratta Hazard. Per la difesa il Manchester United guarda in Italia. Nel mirino Koulibaly e Milenkovic. Il Napoli insiste per Lozano e Fornals 16.02 - La prima doppietta in Champions League ha solo confermato quello che è evidente da tempo. Nicolò Zaniolo ha tutto per diventare un grande giocatore. Ed inevitabilmente è già diventato uomo mercato. La Roma sta cercando di blindarlo anche perché sa bene che le sirene sono in agguato....

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Icardi andrà via, ma ora l’Inter punta al rinnovo. Chi paga 110 milioni? Tutte le colpe di Wanda. Punito dalla società, scaricato dallo spogliatoio. I tifosi contro l’argentino. Avanti con Lautaro. Le idee di Marotta per l’attacco 15.02 - E adesso come finirà? E’ questa la domanda delle domande che ruota e rimbalza fra l’Inter, Icardi, Wanda Nara, i compagni e i tifosi. Dopo la decisione della società di togliergli la fascia, degradare Maurito, e per reazione il suo rifiuto di seguire la squadra a Vienna, si sta...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Capitani, fasce, rinnovi e cessioni: Icardi e Hamsik 14.02 - La notizia in casa Inter è di quelle che tengono l’attenzione alta per tutta la giornata, forse per tutta la stagione. Icardi non è più il capitano dell’Inter, Icardi non è convocato per la partita di Europa League contro il Rapid Vienna. Anzi di più: Icardi ha scelto di non andare...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Roma padrona, adesso le scuse a Di Francesco e Monchi. Quello che Paratici non dice: l’asse di scambio Isco-Dybala è più di una possibilità per la Juventus. Lo spogliatoio vuole Sarri fuori: Inter, Roma o Milan se lo prenderebbero? 13.02 - Roma padrona, in Champions non perdona. Visto che bisogna adeguarsi a chi c’è al governo, allora si può riattare uno slogan politico usato da quella parte nell’epoca Tangentopoli per fotografare i giallorossi in Europa. Tanto parlare, tanto condannare, e poi la Roma è stata una potenza...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Ramsey e non solo! Inter: Marotta e la rivoluzione di giugno (nomi e modalità). Milan: Gattuso non va celebrato oggi. E su Sanremo… 12.02 - Uè, ciao. Son tornato da Sanremo. Non potere capire, sembrava l’inferno. Cioè, noi pensiamo sempre che il mondo del calcio sia il più complicato e fetente in assoluto e invece c’è chi prova a competere. C’è stata questa cosa del vincitore Mahmood che ha scatenato il tutti contro tutti...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510