HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

Fabregas al Milan, manca solo l’ok di Abramovich. Ibra già fatto. Juve punta i giovani Ndombelè e Gedson Fernandes, Ramsey più vicino, Isco nel mirino. Inter, Marotta vuole Martial. Perisic può partire per Chiesa

30.11.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 25570 volte
© foto di Federico De Luca

Il Milan ha buone possibilità di portare a casa a gennaio Cesc Fabregas, 31 anni, panchinaro di lusso del Chelsea. Il centrocampista spagnolo con Sarri gioca pochissimo ed ha capito che il progetto di rilancio dei rossoneri può allungargli una straordinaria carriera. All’inizio della trattativa il Chelsea ha sparato dodici milioni di euro per liberare il giocatore a gennaio, ma la cifra è assurda visto che Fabregas è in scadenza di contratto. Ora si aspetta soltanto il sì di Abramovic che deve dare via libera ad un indennizzo molto inferiore proposto dal Milan, attorno ai cinque milioni. Il giocatore guadagna 4,5 milioni, è d’accordo per spalmarsi l’ingaggio fino al 2021 a 3,5 milioni. I giornali inglesi danno l’affare per fatto, ma le prossime ore saranno decisive. Fabregas sa fare tutti i ruoli del centrocampo, porterebbe carisma, esperienza e la mentalità vincente acquisita in anni di trionfi. A proposito di carisma e mentalità, è chiuso l’accordo per Ibra. Il Milan continua a negare e tergiversare, ma dal tre gennaio Ibra sarà a Milanello. Sei mesi di contratto con opzione per la prossima stagione. Non basta, nel caso dovesse saltare Fabregas, ma anche no, nel mirino resta Paredes dello Zenit che piace molto a Gattuso. Raffreddata la pista Sensi, il Sassuolo non vuole vendere a gennaio.

A gennaio non farà niente la Juve, ha soluzioni interne e rosa abbondante nonostante qualche infortunio. Paratici guarda al futuro e il reparto da ringiovanire in prospettiva è il centrocampo dove Khedira (soprattutto) e Matuidi anche se validissimi, hanno un’età non più verde. Ci sono due binari paralleli sui quali la Juve lavora, uno che porta a grandi giocatori pronti subito, un altro a giovani talenti emergenti. La lista è lunga.

Per i campioni, c’è sempre Pogba nel mirino, ma la situazione non è semplice come più volte scritto. Isco in rotta con Solari è tornato ad attrarre l’attenzione dei bianconeri che l’avevano già cercato quando giocava poco con Zidane. Nel Real a fine stagione ci sarà un’autentica rivoluzione e Isco si è dimostrato sensibile alla corte della squadra di Ronaldo. L’affare che però sembra più avanti è quello che porta a Ramsey, 28 anni, in scadenza con l’Arsenal. Lo vogliono anche Everton e altre società, il Bayern sembrava favorito, ma l’offerta della Juve (undici netti a stagione) lo sta facendo vacillare. Nei piani della Juve c’è sempre anche James Rodriguez, il fantasista che il Bayern non riscatterà dal Real.

Fra gli emergenti, invece, gli obiettivi più importanti sono due, Ndombelè del Lione e Gedson Fernandes del Benfica.

Ndombelè ha 22 anni, è corteggiato anche dal City di Guardiola che lo prenderebbe già a gennaio. Il Lione lo valuta fra i 40 e i 50 milioni, la Juve resta sull’obiettivo.

Grandissimo interesse ha suscitato la prestazione di Gedson Fernandes l’altra sera contro il Bayern. Gli osservatori della Juve a Monaco per vedere il terzino Grimaldo, in realtà hanno poi dirottato l’attenzione di Paratici sul diciannovenne centrocampista portoghese del Benfica che è entrato nella ripresa da veterano. Grande qualità e quantità. I riflettori sono accesi, non c’è solo la Juve, ha una clausola rescissoria da 120 milioni. Fra i giovani, anche se già esperto, c’è anche Rabiot, 23 anni, che non vuole rinnovare con il Psg. La Juve c’è, ma non in pole position.

E l’Inter? Modric mancato per un soffio l’estate scorsa, arriverà a giugno e questo sembra ormai un fatto assodato visto che il Real non lo fermerà più. Marotta non ha ancora preso le redini, ma sta mettendo a punto la strategia che dovrebbe prevedere anche qualche uscita di giocatori tipo Perisic che convincono sempre a metà e hanno comunque un grande mercato. Marotta vuole più certezze, più continuità di rendimento. Su Perisic da mesi c’è il Manchester, Mou stravede. E allora perché non proporre Perisic per avere Martial? Canale aperto. Al posto di Perisic sulla fascia Marotta vorrebbe mettere quel Federico Chiesa che già corteggiava per la Juve e, come già scritto qualche settimana fa, Enrico Chiesa babbo-manager sarebbe felice di mettere il figlio in mano a Spalletti. Per il centrocampo resta l’idea Barella, ma il Cagliari non vuole vendere a gennaio e allora le attenzioni sono concentrate su giocatori già pronti per fare qualche altro step di crescita.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Conte non prende l’Inter in corsa. Il piano di Marotta per convincerlo. Da Pogba a Chiesa, da Milinkovic Savic a Modric, tutte le piste. Via Icardi per fare cassa? Spalletti si salva se arriva terzo e vince in Europa. Di Francesco, ultima chiamata 14.12 - Beppe Marotta si è presentano con un’idea impegnativa: Sono qui per un progetto vincente. E già. E’ dal 2010 che i tifosi dell’Inter aspettano qualcosa di vincente e per riprovarci i nerazzurri hanno scelto non a caso, ma il numero Uno, quello che ha riportato in alto la Juventus...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le incertezze della Champions: la cura non è solo il mercato... 13.12 - Possiamo dirlo senza mezzi termini: peggio di così difficilmente poteva andare. Martedì sera le due italiane non sono riuscite a qualificarsi nonostante avessero avuto tutto a disposizione, non soltanto in questo turno di Champions, ma anche i precedenti. Mercoledì Juve e Roma si...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Spalletti il grande imputato: il limite di carattere dell’Inter dell’ultimo mese rispecchia il valore della squadra o i limiti del tecnico? Napoli a testa alta, pagato solo il rodaggio iniziale di Ancelotti.Europa League: perché fa per il Napoli 12.12 - Cos’è peggio nella vita: un due di picche, o rimanere con il dubbio che sarebbe potuta andare bene se ci avessi provato? L’Inter esce dalla Champions manco fosse un adolescente impacciato, che si intreccia le mani mentre cerca in tasca il coraggio per rivolgere la parola alla ragazzina...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->