VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Fassone in tre mesi ha fatto quello che il Milan doveva fare da 5 anni. La trappola per "Topo Gigio". Firenze, le "non colpe" del Corvo. Inter, count down partito per Walter (People from Ibiza)

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
26.06.2017 13:53 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 87676 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Sta arrivando una bufera dalla Procura Federale che i venti dell'Est a novembre, in confronto, sono cicloni provenienti dal Marocco. Adesso bisognerà capire se la Procura andrà avanti o, come spesso accade, deciderà di fermarsi per questioni politiche. Nel mirino degli uomini di Tavecchio sono finiti alcuni procuratori che hanno abusato della loro professione e che credevano, o forse credono, di essere immortali e intoccabili. Ne dovremmo sapere di più ad ottobre ma, ripeto, molto dipenderà dalla volontà di andare fino in fondo. Cosa non scontata. Chi ha la coda di paglia si inizi a preoccupare, altrimenti, dorma sonni tranquilli.
Parliamo di altro, parliamo di calcio e di mercato. In Italia se parli bene di un dirigente è perché è tuo amico, se ne parli male è un tuo nemico. Non può esserci la semplice volontà di fare chiarezza o il famoso diritto ad avere una opinione e ad esprimerla. Poi se merita considerazione lo deciderà il lettore, nessuno ci obbliga a leggere o a guardarci in tv. Marco Fassone, nella mia vita, l'ho incontrato di persona una sola volta. Ospite a Sportitalia, quando era senza squadra. Quando non si chiudeva l'affare siamo stati critici: "Fassone, adesso mettici la faccia". "Fassone devi parlare, ma chi sono questi cinesi?". Poi ha condotto la barca in porto e ha ottenuto un grande risultato manageriale. Da quando è arrivato al Milan, con il passare dei giorni, ha acquistato sempre più punti in classifica. Roba da 8 vittorie consecutive! Poi, certo, i soldi non sono i suoi come i soldi della Fiat non sono di Sergio Marchionne. Definizione esatta: Manager d'azienda. Il Fassone del Milan è dieci volte più avanti rispetto al Fassone di Napoli, Juve e Inter. Qui è tutto nelle sue mani e, finora, non ha sbagliato una mossa. Poche chiacchiere e molti fatti. E' più facile costruire una casa ex novo o buttare giù quella vecchia e costruirne una nuova? Sicuramente è preferibile prendere il terreno e iniziare da zero. Purtroppo Fassone ha dovuto demolire in 10 giorni e costruire in 50. 50 sfumature di rossonero. Fassone ha il merito di aver conquistato tutti i tifosi del Milan che non erano così legati a questa società da circa 5-7 anni. Si è trovato tre patate bollenti dalla vecchia gestione. Un rosso di 75 milioni di euro, un parco calciatori che vale meno di quello del Sassuolo (almeno lì vendi Berardi e Acerbi e fai i soldi) e l'unico calciatore utile per fare cassa lasciato andare, misteriosamente, in scadenza nel 2018. O polli o in malafede. Scegliete la busta A o la busta B? Fassone ha subito fatto gli acquisti utili per il ritiro del 5 luglio, ha infiammato la piazza, ha reso social il mercato e il momento delle firme, ha blindato l'unico che era da blindare (Montella), non è sceso a patti col Diavolo (Mino da Angri) e ha difeso il suo Direttore Sportivo come avrebbe dovuto fare un top manager di azienda (chi tocca Mirabelli tocca il Milan). Inoltre ha azzerato il settore giovanile, dove prendeva acqua, e ha rinforzato l'ufficio stampa, già forte, inserendo la professionalità di Guadagnini che ha reso il Milan ancor più compatto.
Donnarumma andrebbe multato, però, caro Guadagnini. Perché essendo un tesserato non può scrivere quello che vuole senza autorizzazione, anche se in Nazionale, visto che parla del suo futuro. Un bel cinquantello di multa ci starebbe. Ormai Donnarumma ha avuto un crollo presso l'opinione pubblica che per riconquistare credito dovrebbe vincere scudetto, Champions e Mondiale da protagonista nei prossimi 12 mesi. La famiglia chiede rispetto ma poi il cognato definisce il Milan una società di pagliacci (e va tutto bene), il fratello interviene, lui non dice mezza parola sul Milan e quando apre la bocca, o meglio l'account, scrive l'unica cosa che non avrebbe dovuto scrivere. Vi chiediamo scusa ma il giochino della tutela nei suoi confronti perché è un bambino non regge proprio. Sarà anche un bambino ma se vuole guadagnare 6 milioni di euro dovrà assumersi anche le sue responsabilità e, al 2017, dovrà saper anche comunicare. Vedete Bernardeschi e Caldara: hanno parlato dopo la sfida con la Germania che sembravano dei premi Nobel. Donnarumma non apre bocca e quando comunica fa solo danni. Certamente se continua così la sua carriera rischia di finire come quella di Balotelli. Ricco sicuramente ma senza gioie professionali. Le famiglie devono educare i baby calciatori e se mancano le famiglie manca tutto.
Scendiamo da Milano a Firenze e poi risaliamo a Milano. I tifosi della Fiorentina sono critici, fanno bene, sono stanchi perché vorrebbero essere protagonisti come Roma e Napoli, li capiamo, ma quando contestano sbagliano l'obiettivo. Pantaleo Corvino è un dipendente, non la proprietà. Non sappiamo quali siano le linee guida del club ma sicuramente Corvino vorrebbe prolungare Bernardeschi (offerto rinnovo a 2.7 a stagione), vorrebbe rinnovare a vita Chiesa, tenere Kalinic e Borja Valero... Avete mai visto un Direttore Sportivo che vuole perdere? Io no. Corvino è un gran conoscitore di giovani, come tutti gli esseri umani ha commesso degli errori e in passato glieli abbiamo anche sbattuti in faccia, ma oggi Corvino è una risorsa della Fiorentina. I tifosi viola devono stare attenti a non perdere un Direttore che garantisce il futuro con soldi e con calciatori da lanciare. Al massimo qualcuno dovrebbe dire a Corvino che l'obiettivo è la Champions e non un campionato da primi 8 posti. Il Corvo non può guardarsi allo specchio e dirsi da solo: Pantaleo, quest'anno devi puntare alla zona Champions.
In chiusura torniamo a parlare dell'Inter. A Milano-Nanchino è sbarcato Walter Sabatini e siamo sicuri che Sabatini farà bene. Dalla prossima settimana inizierà a sparare i colpi. Il fucile è già puntato e, state certi, che farà buoni acquisti. Così come prenderà dei granchi clamorosi. Sabatini è questo: prendere o lasciare. Siamo sempre curiosi di come gestirà il club e restiamo convinti che uno tra Walter ed Ausilio sia di troppo. Non fate paragoni sbagliati con Juve e Milan. Paratici è uomo di Marotta e viaggiano insieme. Mirabelli l'ha voluto Fassone e, purtroppo per le mogli, sono una coppia di fatto. Ausilio e Sabatini si sono trovati per sbaglio e l'uno non digerisce l'altro. Direi, giustamente. Fanno lo stesso mestiere e la macchina la deve guidare uno solo: chiamasi rispetto dei ruoli. L'Inter non ci sta sulle scatole perché adesso è arrivato Sabatini, figuratevi. Siamo onesti nel riconoscere a Walter le sue qualità, come quando era a Palermo e per vedere le partite estere veniva negli studi di Sportitalia perché eravamo vicini agli hotel del mercato. Walter è così: prendere o lasciare. Non siamo neanche offesi con Walter perché ha messo il veto sui tesserati dell'Inter per le presenze a Sportitalia. Ausilio dice di non sapere, Walter lancia la pietra e nasconde la mano e l'ufficio stampa dice "ordini dalla direzione... beh, capite". Certo che capiamo e continuiamo a vivere. L'Inter, sicuramente, arriverà tra le prime 4 perché Spalletti non vince i campionati ma si avvicina sempre. E' molto bravo ed è un ottimo motivatore, oltre ad essere un buon tecnico. Sabatini è alla svolta della sua carriera. Ora o mai più. Adesso deve vincere, non fare plusvalenze. Deve pensare solo al campo. Ci hanno passato alcune veline: roba di Ibiza, società con amici degli amici ma questo non ci interessa. Giudicheremo Walter solo per il lavoro che svolgerà sul campo. A fine sigaretta butteremo la cenere, sperando di trovare un posacenere pulito.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.