VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Sedici squadre si giocano la Champions League: chi è la favorita?
  Barcellona
  Basilea
  Bayern Monaco
  Besiktas
  Chelsea
  Juventus
  Liverpool
  Manchester City
  Manchester United
  Paris Saint-Germain
  Porto
  Real Madrid
  Roma
  Siviglia
  Shakhtar Donetsk
  Tottenham

Editoriale

Fidejussioni Milan: senza parole. Inter: il ruggito di Suning. Napoli: Balo e ordine pubblico

05.08.2017 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 32909 volte

Il giorno dell'esondazione del presidente Pallotta, erano stati necessari quattro minuti con un cellulare per vincere il duello mediatico e giungere alle scuse politicamente corrette del numero uno giallorosso. Nel giovedì delle fidejussioni, non sono stati necessari nemmeno quelli. Senza comunicare nulla perchè l'ovvio non si comunica, il Milan ha presentato quanto doveva stupendosi di chi si stupisce. Ma fosse solo stupore quell'attenzione costantemente puntata sul Milan, di cui ha parlato Marco Fassone alla fine di Milan-Craiova...Il peccato è che dentro discorsi vuoti di chi non ci vuole stare su problemi inesistenti, c'è dell'altro. C'è il livore per le continue smentite con cui i fatti soverchiano le "sentenze", c'è l'incapacità di accettare che un grande rivale si sta rialzando dopo anni duri e difficili, c'è l'ignoranza del negazionismo tifoideo. Milioni di non milanisti si alzano ogni mattina pensando a cosa tastierare contro il Milan. E' un po' contradditorio perchè se il Milan è quella poca cosa destinata a fallire il mattino dopo, perchè ossessionarsi a minimizzarla, a denunciarla, a cercare di imbrattarla? In attesa che il disturbo di stagione passi, il Milan si tiene stretta l'unica vera garanzia per il proprio futuro. E cioè, i 65.000 del 3 Agosto. Una invasione che non mente e che nessun profeta di sventura ha convinto del contrario. Il tifoso del Milan sa precorrere e anticipare i tempi, come al Palatrussardi, come al Camp Nou, come contro il Lens e come contro la Stella Rossa. Sono tornati tutti e aspirano ad essere, come nei momenti migliori, belli come il sole, il pubblico più generoso del mondo. E a chi ci accusa di aver diviso o accusato negli anni scorsi, ogni critica è legittima quando fatta senza volgarità, rispondiamo che bisogna saper stare a guardia del forte nel momento bello come in quello brutto, nella buona e nella cattiva era. Ma non è questo il problema, mancherebbe. La cosa vera, l'unica davvero importante, è che il Milan oggi è fra il forte e il molto forte. Da qui a fine Agosto potrebbe anche diventare fortissimo. Sta al Milan stesso decidere se, quando e come.

Abbiamo già ammesso il nostro errore sul ruggito di Huarong, perchè in realtà erano ruggiti. Ma da un sito interista che si occupa di Inter molto più di altri che si concedono costantemente "licenze poetiche" rossonere, è nata una simpatica suggestione. Il ruggito di Suning. Che dovrebbe essere rappresentato dall'arrivo di Arturo Vidal, per il quale la proprietà nerazzurra sarebbe disposta a investire 120 milioni di euro. Difficile impressionare il Bayern Monaco, ma l'ipotesi fa testo anche se nelle proprie dichiarazioni il ds Ausilio ha smentito e allontanato l'eventualità. La sensazione generale sull'Inter di inizio Agosto è abbastanza chiara: Spalletti sta facendo un buon lavoro. Credibile e di sostanza. Destinato alla costruzione di una squadra. Cosa che all'Inter è totalmente mancata la scorsa stagione. Fra una dichiarazione un giorno sì e l'altro pure da parte del presidente Thohir, che grazie al Milan è tornato a segnalare la propria posizione di numero uno del Club, è proprio quella del tecnico la garanzia più importante per la stagione. Molto più dei distinguo dal Milan, molto più di tante parole sugli avversari. Anche l'Inter in ogni caso è arbitro del proprio destino nel mese di Agosto. Non soltanto per il mercato in entrata, ma anche per il dosaggio rispetto al mercato in uscita con qualche muso lungo che deve necessariamente venir destinato altrove.

Napoli-Nizza significa Mario Balotelli che torna a Napoli da Pia. Ma anche una sfida fra il calcio all'avanguardia di Maurizio Sarri e quello altrettanto piacevole ed evoluto di Lucien Favre. Si affronteranno due squadre che fanno molto sul campo senza fare follie sul mercato. C'è già un piccolo precedente a livello di andata e ritorno fra partenopei e nizzardi, anche se in amichevole e anche se in stagioni diverse fra loro. Estate 2015, Nizza-Napoli 3-2, con tanti scontri fra tifosi. Estate 2016, Napoli-Nizza 3-0, una delle prime uscite senza Higuain e con prezzi bassissimi per i tifosi azzurri. Per un motivo o per l'altro quando Mario Balotelli è atteso da gare da protagonista a Napoli, non riesce a dare il massimo. Tanto che l'unico gol Supermario al San Paolo lo ha segnato quando non era l'uomo-copertina, con la maglia rossonera del Manchester City. La prima in casa rischia di far tornare sul Napoli l'incubo di Bilbao e del ritorno in trasferta, ma la guida sicura di Sarri e il calcio a memoria della squadra dovrebbero scongiurare tutto questo. Certo è che alla luce di un abbinamento così duro, bene ha fatto il Napoli a rimanere per così tanto tempo in montagna. L'Audi Cup è stata giocata al posto giusto al momento giusto e anche se con un risultato diverso in Roma-Juventus dello scorso Campionato il Club di ADL avrebbe potuto evitare lo spauracchio nizzardo, non c'è tempo per le recriminazioni in casa partenopea. Bisogna giocare, come il Napoli sa fare.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Caso Donnarumma e Voluntary Agreement bocciato, una brutta settimana al Milan. L'Inter piange sulla prima sconfitta, Spalletti deve tenere la barca. Giacomelli horror, ma certi pianti... Complimenti a Massimo Oddo che ha già fatto nove punti 17.12 - Una settimana da Dio. Quella di Marco Fassone è stato a mercato ancora chiuso, perché l'amministratore delegato del Milan aveva già gettato le basi per il Milan del 2017-18, trovando accordi con praticamente tutti i giocatori poi acquistati in estate. Il mercato iniziava a luglio,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Tra voluntary Milan e rating BB- Inter. Gigio, la prova del nove. ADL: Ounas? No, Donnarumma! 16.12 - Certo che al Milan non si fanno salti di gioia. Sul piano industriale presentato a Nyon e sulle successive integrazioni in base alle richieste di documentazione UEFA, il Club rossonero aveva puntato molto. In ogni caso il tono del comunicato europeo, come tutti hanno potuto verificare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Lo scandalo Donnarumma. Il portiere contro il suo procuratore Raiola: “Mai subito violenza psicologica”. Raiola contro Mirabelli: “E’ lui il male”. Mirabelli: “Tanto non lo cediamo”. Ma il Milan ora può solo vendere il giocatore 15.12 - Dopo due giorni di polemiche, striscioni e lacrime, ieri sera a tarda ora è arrivata la versione di Gigio Donnarumma: “Non ho mai scritto o detto di aver subito violenza morale da parte del Milan durante la firma del contratto”. Una presa di posizione netta, chiarissima, del giocatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Donnarumma, sempre Donnarumma, ancora Donnarumma 14.12 - Donnarumma torna al centro della polemica. E ancora una volta, una parte della tifoseria organizzata del Milan, esprime il proprio dissenso. Di sicuro il rapporto, ora, è di nuovo teso. Per via di quanto è successo nelle ultime settimane. Proviamo a fare allora un riassunto (naturalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Donnarumma-Raiola, che pasticcio! Il VAR va migliorato non demonizzato… Lazio, incubo Barcellona! 13.12 - Un mio vecchio amico mi ripete, alla noia, questa frase: “Ai miei tempi il calcio era un gioco semplice fatto da persone semplici”. Avendo superato la settantina, è evidente il suo riferimento ad un calcio, quello degli anni ’60 e 70’ che ben poco ha a che fare con il calcio d’oggi…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri e la "grana" Dybala. Inter: il senso delle parole di Spalletti. Milan: Gattuso non è solo "grinta". Occhio agli Euro-sorteggi... 12.12 - Ciao. Oggi c’è Inter-Pordenone di Coppa Italia. La Coppa Italia è molto considerata dai nostri capi del calcio: fanno giocare l’ottavo di finale in casa della più forte. Di martedì. Alle nove antelucane. Con -12 gradi e l’incubo “gelicidio”. Il gelicidio fa paura a tutti. Tutti ne...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, uno spot per poveri. Roma e Napoli, siamo alle solite. Crotone, con Nicola hai perso un patrimonio tecnico ed umano 11.12 - Quando aspetti una settimana intera un big match, lo carichi con titoloni e speciali e poi vedi (o meglio non vedi) una partita priva di emozioni, capisci che questo campionato è aperto ad ogni pronostico. L'Inter è la vera anti-Juve? Difficile pensarlo se ci ricordiamo da dove arriva...

EditorialeDI: Marco Conterio

Juventus-Inter: altro che partita perfetta e spot del calcio italiano. Nei bianconeri ci sono due casi ma molto diversi tra Allegri e Mourinho. Icardi, l'esame Mundial e la corte di Florentino Perez 10.12 - Zero a zero sarà pure la partita perfetta ma Juventus-Inter è stata la fotografia della noia. Un ben noto e ascoltato incipit della gara, spiegava che sarebbe dovuta essere lo spot per il calcio italiano. Purtroppo, lo è stata del calcio italiano. Dove contano tanto i giocatori di...

EditorialeDI: Mauro Suma

La Cavese e il Povero Diavolo. Il Milan 2012-2017. I doveri dei Club channels. Juve, vigilia violenta 09.12 - I giocatori del Milan devono capire, compatibilmente con il lavoro di carico atletico che stanno mettendo nelle gambe, che in questo momento hanno un dovere doppio. Non solo quello di giocare e fare punti. Sarebbe troppo banale. Ma anche e soprattutto di tenere il Milan come simbolo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Un giallo: il Milan accerchiato. Bocciato o no il piano finanziario, l’Uefa non si fida di Li Yonghong. E Montella non andava esonerato adesso. Napoli, resta solo lo scudetto: De Laurentiis investa a gennaio e fuori subito dall’Europa League 08.12 - E’ l’anno del Milan, l’anno nero intendo. Il nuovo corso cinese che doveva riportare i rossoneri al vertice del calcio mondiale, in realtà sta portando soltanto enormi problemi. In campo e fuori. “Aridatece il Berlusca”, urla il popolo milanista e chissà lui quanto starà godendo. L’ultimo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.