VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Juve ko in Supercoppa: di chi le colpe?
  Massimiliano Allegri e le sue scelte
  Il mercato di Marotta e Paratici
  I giocatori fuori forma come Higuain
  Nessuna crisi: ad agosto può starci

TMW Mob
Editoriale

Fidejussioni Milan: senza parole. Inter: il ruggito di Suning. Napoli: Balo e ordine pubblico

05.08.2017 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 32568 volte

Il giorno dell'esondazione del presidente Pallotta, erano stati necessari quattro minuti con un cellulare per vincere il duello mediatico e giungere alle scuse politicamente corrette del numero uno giallorosso. Nel giovedì delle fidejussioni, non sono stati necessari nemmeno quelli. Senza comunicare nulla perchè l'ovvio non si comunica, il Milan ha presentato quanto doveva stupendosi di chi si stupisce. Ma fosse solo stupore quell'attenzione costantemente puntata sul Milan, di cui ha parlato Marco Fassone alla fine di Milan-Craiova...Il peccato è che dentro discorsi vuoti di chi non ci vuole stare su problemi inesistenti, c'è dell'altro. C'è il livore per le continue smentite con cui i fatti soverchiano le "sentenze", c'è l'incapacità di accettare che un grande rivale si sta rialzando dopo anni duri e difficili, c'è l'ignoranza del negazionismo tifoideo. Milioni di non milanisti si alzano ogni mattina pensando a cosa tastierare contro il Milan. E' un po' contradditorio perchè se il Milan è quella poca cosa destinata a fallire il mattino dopo, perchè ossessionarsi a minimizzarla, a denunciarla, a cercare di imbrattarla? In attesa che il disturbo di stagione passi, il Milan si tiene stretta l'unica vera garanzia per il proprio futuro. E cioè, i 65.000 del 3 Agosto. Una invasione che non mente e che nessun profeta di sventura ha convinto del contrario. Il tifoso del Milan sa precorrere e anticipare i tempi, come al Palatrussardi, come al Camp Nou, come contro il Lens e come contro la Stella Rossa. Sono tornati tutti e aspirano ad essere, come nei momenti migliori, belli come il sole, il pubblico più generoso del mondo. E a chi ci accusa di aver diviso o accusato negli anni scorsi, ogni critica è legittima quando fatta senza volgarità, rispondiamo che bisogna saper stare a guardia del forte nel momento bello come in quello brutto, nella buona e nella cattiva era. Ma non è questo il problema, mancherebbe. La cosa vera, l'unica davvero importante, è che il Milan oggi è fra il forte e il molto forte. Da qui a fine Agosto potrebbe anche diventare fortissimo. Sta al Milan stesso decidere se, quando e come.

Abbiamo già ammesso il nostro errore sul ruggito di Huarong, perchè in realtà erano ruggiti. Ma da un sito interista che si occupa di Inter molto più di altri che si concedono costantemente "licenze poetiche" rossonere, è nata una simpatica suggestione. Il ruggito di Suning. Che dovrebbe essere rappresentato dall'arrivo di Arturo Vidal, per il quale la proprietà nerazzurra sarebbe disposta a investire 120 milioni di euro. Difficile impressionare il Bayern Monaco, ma l'ipotesi fa testo anche se nelle proprie dichiarazioni il ds Ausilio ha smentito e allontanato l'eventualità. La sensazione generale sull'Inter di inizio Agosto è abbastanza chiara: Spalletti sta facendo un buon lavoro. Credibile e di sostanza. Destinato alla costruzione di una squadra. Cosa che all'Inter è totalmente mancata la scorsa stagione. Fra una dichiarazione un giorno sì e l'altro pure da parte del presidente Thohir, che grazie al Milan è tornato a segnalare la propria posizione di numero uno del Club, è proprio quella del tecnico la garanzia più importante per la stagione. Molto più dei distinguo dal Milan, molto più di tante parole sugli avversari. Anche l'Inter in ogni caso è arbitro del proprio destino nel mese di Agosto. Non soltanto per il mercato in entrata, ma anche per il dosaggio rispetto al mercato in uscita con qualche muso lungo che deve necessariamente venir destinato altrove.

Napoli-Nizza significa Mario Balotelli che torna a Napoli da Pia. Ma anche una sfida fra il calcio all'avanguardia di Maurizio Sarri e quello altrettanto piacevole ed evoluto di Lucien Favre. Si affronteranno due squadre che fanno molto sul campo senza fare follie sul mercato. C'è già un piccolo precedente a livello di andata e ritorno fra partenopei e nizzardi, anche se in amichevole e anche se in stagioni diverse fra loro. Estate 2015, Nizza-Napoli 3-2, con tanti scontri fra tifosi. Estate 2016, Napoli-Nizza 3-0, una delle prime uscite senza Higuain e con prezzi bassissimi per i tifosi azzurri. Per un motivo o per l'altro quando Mario Balotelli è atteso da gare da protagonista a Napoli, non riesce a dare il massimo. Tanto che l'unico gol Supermario al San Paolo lo ha segnato quando non era l'uomo-copertina, con la maglia rossonera del Manchester City. La prima in casa rischia di far tornare sul Napoli l'incubo di Bilbao e del ritorno in trasferta, ma la guida sicura di Sarri e il calcio a memoria della squadra dovrebbero scongiurare tutto questo. Certo è che alla luce di un abbinamento così duro, bene ha fatto il Napoli a rimanere per così tanto tempo in montagna. L'Audi Cup è stata giocata al posto giusto al momento giusto e anche se con un risultato diverso in Roma-Juventus dello scorso Campionato il Club di ADL avrebbe potuto evitare lo spauracchio nizzardo, non c'è tempo per le recriminazioni in casa partenopea. Bisogna giocare, come il Napoli sa fare.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Allarme Juve: il rinforzo di Marotta e la scelta (complicata) di Allegri. Inter: la decisione su Schick. Bomber Milan? Un silenzio "studiato". Napoli: ecco la mossa giusta 15.08 - E ben ritrovati a tutti. Questo editoriale va in onda in forma ridotta per ovviare a una questione di "ferie del sottoscritto iniziate giusto ieri". Questo non significa che non si possa toccare il fondo anche questa settimana: ci riusciremo, solo in maniera più concentrata. Vi...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

5 giorni al via della nuova serie A: ecco la griglia di partenza… e di arrivo aspettando il 31 Agosto 14.08 - Ovviamente preferiamo tutti la grigliata di Ferragosto alla griglia di partenza della serie A, però, è giusto parlare prima anziché dopo quando sarà tutto più facile per tutti. Certamente ci sono ancora due settimane piene per cambiare obiettivi e per spostare gli equilibri, con un...

EditorialeDI: Marco Conterio

L'anno zero del calcio mondiale. Il risveglio dal sogno Leicester, la lezione di Rooney, i milioni del PSG e le grandi d'Italia in cerca degli ultimi botti 13.08 - Il Leicester City di Claudio Ranieri aveva risvegliato, in tutti noi, una parola antica. Fanciullesca. Favola. Aveva riportato alla mente i racconti di un calcio che fu, le pagine polverose del pallone delle leggende, di quanto la televisione era un miraggio, o di quanto Davide aveva...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve, Milan e Inter: cosa manca. Biglia e Kondo: casi di Ferragosto. Kolarov: l'ovvio del derby 12.08 - Alla Juventus manca un centrocampista, al Milan un centravanti, all'Inter un colpo. Quello del centrocampista inizia ad essere un caso per i bianconeri. Sempre vincenti e sempre leader, ma nel corso degli anni il reparto-chiave, la sala macchine, ha perso irreversibilmente qualità....

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve allarme, il mercato e’ in ritardo. Per la Champions serve di più. Non poteva prendere Strootman con la clausola? Serve un altro Bonucci. Ma anche l’Inter e’ ferma. Milan, occhi su Cavani. Fiorentina, Simeone e Jese’ 11.08 - Guardo la casella degli acquisti su un giornale qualsiasi, conto i giorni che mancano alla fine del mercato (soltanto venti) e comincio a pensare che la Juventus sia in netto ritardo. Magari oggi Marotta mi smentira’ presentando in un colpo solo i tre-quattro giocatori che servono...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juve un 10 in attesa del centrocampista, la Roma insiste, l'Inter dribbla. Il Torino scatenato a centrocampo, Schick rifa le visite e ora? 10.08 - La Juve, sebbene non abbia più piazzato la zampata del centrocampista, la notizia della giornata l'ha comunque tirata fuori: Dybala sarà il nuovo 10 bianconero. Voi direte: col mercato non c'entra niente. Vero ma intanto possiamo sgombrare il campo da qualsiasi tipo di voce che continuava...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Bacca & Gabigol, noie milanesi! Juve-Strootman, impossibile… Napoli quanti esuberi! Ibra, dacci una gioia… 09.08 - Lo ammetto: sono anni che non vedevo tanto entusiasmo, a Milano, attorno ad entrambe le squadre della città. Il Diavolo è tornato a dettar legge (almeno d’estate), con un mercato faraonico… L’Inter, con calma e raziocinio, sta plasmando una squadra “alla Spalletti”. Tutti felici ma...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, non solo Matuidi: Marotta prepara il botto di ferragosto. Inter: la richiesta di Spalletti (non solo sul mercato...). Milan: un'altra battaglia mediatica in attesa del bomber. Napoli: ecco l'Europa 08.08 - Ciao. Ho solo un’ora di tempo. “Per fortuna”, direte voi. Vado con 11 sinapsi a caso. 1) C’è l’ondata di caldo. Ad agosto. La gente si sorprende e dice “dove andremo a finire”. Perché fa molto caldo. Ad agosto. Io non capisco. 2) La canzone dei Thegiornalisti “Riccione”...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, nessun allarme ma quest'anno occhi aperti. L'Inter prepara il gran finale. Milan, raggiunto il primo grande obiettivo stagionale. Tommasi e la solita minaccia ma l'AIC non tutela i calciatori 07.08 - Il calcio di agosto non conta nulla. Lo scriviamo ogni anno, in questo mese. Anzi, se fossimo razionali ci dovremmo autoaugurare le sconfitte estive per ogni nostra squadra. Se vinci ad agosto credi che siano tutte rose e fiori e che la strada sarà in discesa, poi inizia la stagione...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Da Jeppson a Neymar: la storia si ripete. Dembélé, Coutinho, Mbappé: ora tutte le valutazioni sono sfalsate. La vera sconfitta dell'UEFA e il vero affare (nel rapporto qualità/prezzo) dell'estate: complimenti al Monaco 06.08 - I 100 milioni di lire per 'o Banc 'e Napule Hasse Jeppson, i due miliardi per il bomber Giuseppe Savoldi, i 13 per Diego Armando Maradona, i 150 per Zinedine Zidane. Poi, passando ai milioni di euro, i 94 per Cristiano Ronaldo, i 105 per Paul...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.