VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Finalmente Milan, ora palla alla difesa. Bufera Salah, Fiorentina approssimativa. Napoli, Allan non è bello ma piace. Che bello il nuovo Friuli! Caso Catania, punite i delinquenti non la città

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
06.07.2015 06:28 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 109078 volte
© foto di Federico De Luca

Non sono arrivati Ancelotti, Kondogbia, Martinez e Ibrahimovic ma almeno il Milan sta facendo un mercato con dignità e di valore, a dispetto delle ultime due stagioni disastrose. Sta seguendo un filo conduttore e, se non avesse sventolato ai sette venti gli obiettivi, successivamente persi, gli ultimi acquisti avrebbero avuto anche maggior valore e risalto. Bacca e Luiz Adriano sono caviale e champagne rispetto a Destro e Pazzini. Mihajlovic è un allenatore autoritario e non un tecnico che nello spogliatoio canta, su indicazione del Presidente, come se fossimo al coro dell'asilo. Inzaghi è uscito devastato dalla stagione in panchina; mi permetto di dire, più sotto il profilo gestionale che tecnico. Succube di Berlusconi (andava a prenderlo alle scalette dell'elicottero) e in balìa di Galliani. Risultato: esonero e tanto di cazziata davanti al nuovo allenatore "Se non fosse stato per l'affetto che ci legava a lui, andava esonerato molto prima". Ora il Milan sta provando a fare una squadra valida, sperando nel colpo finale che possa far aumentare il gradimento della tifoseria. Mancano due difensori, questa è la prima cosa. Costruire una squadra partendo dall'attacco è sempre rischioso. A Sinisa manca gente di qualità e rapida dietro. Oggi il mercato di Galliani è da 6, già un valore positivo se consideriamo che due settimane fa si assestava esattamente alla metà. Può solo migliorare. Un grande merito va riconosciuto al club: la libertà di informazione. Sembra una barzelletta e potremmo essere facili bersaglio di satira ed ironia, come spesso succede quando c'è di mezzo una società di Berlusconi, ma in questi due anni abbiamo sparato con i cannoni sul Milan e la società non ha mai posto alcun tipo di veto/minaccia. Anzi. Per molto meno, società come Roma, Napoli, Genoa, Sampdoria e tante altre fanno scrivere dagli avvocati (quando va bene e sono sereni). Dipende dalla cultura dei rispettivi club. Il Milan ha una grande comunicazione e da top club europeo ragiona. In questi giorni si è scatenato il putiferio attorno all'operazione Salah. Parliamo di un grande calciatore che, comunque, ha giocato a grandi livelli per sei mesi in Italia; non di più. Riconoscendo grandi qualità all'attaccante, dobbiamo ammettere che la Fiorentina ha fatto un pasticcio prima durante e dopo. La famosa clausola incastra la società e da lì non ne usciamo. Il comportamento di Salah può anche essere considerato poco professionale ma, diciamocela tutta, la Fiorentina quando va in tilt inizia a fare comunicati, interviste senza senso e minacce ad altre società. Un delirio per coprire le ingenuità societarie. Siccome i Della Valle possono permettersi avvocati e consulenti a 5 stelle sarebbe il caso che parlassero prima con loro e poi sferrassero gli attacchi al calciatore e alle squadre interessate a Salah. La lettera all'Inter è un ennesimo segnale di debolezza a tutto il mondo del calcio. Se l'obiettivo è tenere il calciatore, allora, l'obiettivo è stato già ampiamente fallito perché è impossibile ripartire da Salah. Quindi già averlo perso è un grande smacco. Se adesso per consolarsi si passa alla ripicca, la Fiorentina perde due volte. Cadute di stile di questo tipo da una società di valore europeo non ce le aspettiamo.
Sarà la settimana del trasferimento di Allan al Napoli. L'Udinese vende i suoi gioielli a caro prezzo anche quando l'annata non è stata delle migliori. Allan al Napoli per 12 milioni di euro più Inler e Britos al Watford e Zapata all'Udinese per due anni, sarebbe un capolavoro da manuale del mercato. Così come in passato per Sanchez, Isla, Asamoah, Inler e Armero. Giusto per citare i casi più recenti e per non scomodare il Signor Marcio Amoroso da Udine a Parma. Aspettiamo di capire se Inler accetterà Watford e Zapata Udine. Allan al Napoli andrà. De Laurentiis lo vuole e fa bene. Stiamo parlando di un calciatore brasiliano-napoletano. Non è uno che incanta per la qualità delle giocate ma è costantemente il principale "ladro" di palloni in ogni partita. Ne recupera una quantità clamorosa e concede alla squadra di ripartire. Nell'ultimo anno si è avvicinato molto anche alla porta avversaria e - se migliorerà anche nella mira - potrebbe togliersi grandi soddisfazioni. Ragazzo pacato e tranquillo, uomo silenzioso e sempre pronto a far gruppo. Il Napoli acquisterebbe un calciatore di grandissimo livello, umano e professionale. Sarri conosce bene le sue qualità e, per come gioca il nuovo tecnico azzurro, uno come Allan è fondamentale. Il brasiliano firmerà per 4 anni a 1.5 a stagione. Se fossi in Allan sarei dispiaciuto di lasciare Udine, soprattutto, per un motivo: non poter giocare nel nuovo Friuli. Mercoledì scorso ho fatto un giro nel campo e ho pensato che se in Italia avessimo tutti stadi così saremmo a cavallo per i prossimi 30 anni. I tifosi dell'Udinese saranno dei privilegiati. Vedere la propria squadra in una bomboniera così non ha eguali. Puoi anche acquistare 4 top player ma se non te li puoi godere ha poco senso. Manto erboso morbido da poterci fare un pic nic, i nuovi spalti sono colorati e talmente vicini alla porta che se il primo della fila allunga il braccio accarezza la testa di Buffon, quando ci sarà Udinese-Juventus. Sediolini per tutti, bar e comfort per gli abbonati. Sembra un villaggio e, invece, è uno stadio. In Italia bastano un sindaco sano di mente ed un presidente pronto ad investire sul mattone e non buttare soldi in un calciatore per cambiare la vita di questo sport. E pensare che anche ad Udine c'erano assessori che criticavano il progetto-stadio: quei folli non dovrebbero neanche avvicinarsi ora che si inaugura. Lavori alla velocità della luce. Costo totale 26 milioni di euro, 26 mila posti. Stadio pronto alla prima giornata del prossimo campionato, fatta eccezione di una delle due curve che aprirà a dicembre.
Caso Catania - Quando ci sono gli arresti ne parliamo a tutte le ore del giorno, poi vengono scarcerati e il caso passa in secondo piano. Nel frattempo la giustizia sportiva procede alla velocità della luce e le città, dalla sera alla mattina, si ritrovano per anni senza un patrimonio: la squadra di calcio. Figuriamoci al Sud, dove la maggior parte delle volte c'è solo quello, come valvola di sfogo sociale. Sapete, oggi, che fine abbia fatto Semeraro? Io no. Però so bene che il Lecce sono anni che è stato spedito, giustamente, in serie C e non riesce a risalire. Il rischio del Catania è lo stesso, per questo dobbiamo vigilare. La grande vittoria, se di vittoria giornalistica si può parlare, è che Catania si è liberata dei suoi "diavoli". Abbiamo, negli ultimi due anni, gridato al cielo che qualcuno doveva intervenire per fermare questo scempio. Ci ha pensato la Procura della Repubblica quando, ormai, era troppo tardi. Inizialmente venivamo etichettati come i "nemici" del Catania per poi rivelarci i veri amici della città. Adesso attenzione a non distruggere la passione della città. I tifosi non hanno colpe. Erano le istituzioni che avrebbero dovuto vigilare e fermare Pulvirenti e Cosentino. I tifosi più di contestare cosa avrebbero dovuto fare? Pulvirenti e Cosentino sono liberi. Una settimana a casa e tutto passa. Un'influenza ti tiene più tempo in casa. Pulvirenti passerà e tornerà ad occuparsi dei suoi hotel a Taormina, Cosentino tornerà a Miami a fare la bella vita e a trattare sudamericani, forse questa volta non più per l'Italia, ma ai tifosi del Catania non restituiranno mai più la loro squadra di calcio se oggi la spedite in Eccellenza. La giusta punizione è una: radiare i 3 tesserati, mandare il Catania in Lega Pro, farlo partire con una penalizzazione di 5 punti ma non cancellarlo dal calcio professionistico. In attesa della relazione di Palazzi, ci auguriamo che vengano smascherati anche gli altri furbetti del quartierino perché, noi tutti sappiamo, che non c'era solo il Catania.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.