HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

Finalmente un’Inter credibile: la squadra c’è, ma la società dov’è? La Juventus invece rimane incredibile: sicuri che le serva davvero giocare bene? Ecco perché a Napoli devono stare calmi. Roma, perché attaccare Monchi?

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
26.09.2018 07:03 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 32795 volte

Se il calcio è folle, l’Inter di più. Ma non è che questo non lo sapessimo. Una squadra sconclusionata e snervante solo fino a 10 giorni fa, e in capo a tre partite ha ribaltato non solo il trend dei risultati, ma soprattutto la fiducia in sé stessa e la propria credibilità.
Al di là delle tre vittorie, la credibilità te la dà soltanto la continuità di prestazione, e l’Inter è proprio là che è cresciuta: la solidità difensiva e il carattere contro il Tottenham, a cui si è aggiunta la continuità contro la Sampdoria, a cui si è finalmente aggiunta la creatività offensiva contro la Fiorentina.
Per ora Spalletti ha 60 minuti di autonomia dentro la partita, ma di nuovo: pensando alla banda allo sbando contro il Parma di nemmeno 2 settimane fa, sembra allora incredibile vedere che l’Inter sta riguadagnando partita dopo partita sempre più terreno dentro il campo e verso la porta.
Contro la Fiorentina si è visto per larghi tratti quello che si era apprezzato solo per mezza partita quest’anno: il primo tempo contro il Torino, con una manovra offensiva avvolgente e armonica, senza concretezza magari ma con continue proposte di gioco, una qualità che era rimasta figlia unica nella stagione.
La squadra adesso c’è (per ora). Ma siccome parafrasando l’inno interista, per questa società niente è mai normale, allora l’Inter ha dovuto assistere a una surreale contestazione di episodi arbitrali a favore, pur se giustamente assegnati: su tutte le proteste paradossali per Il rigore per fallo di mano dovuto a un braccio tenuto largo, con la palla che cambia traiettoria e velocità. La Fiorentina addirittura ha inviato Antognoni in area interviste per protestare.
E se l’Inter squadra c’è, allora dov’è la società? Com’è possibile che subisca decisioni incomprensibili contro Sassuolo e Parma, a cui si aggiunge l’espulsione ridicola di Spalletti, a cui fanno da corollario le proteste in questa partita per delle decisioni giuste ma ritenute troppo giuste da alcuni, e nessuno della società vada a fare da controparte, lasciando tutto il peso sulle spalle di Spalletti, che già ha i suoi bei problemi da risolvere?
Hai voglia a chiedere alla squadra di crescere, se poi la società non ha il suo Marotta che va a presidiare regolarmente l’area comunicazione quando c’è da farsi rispettare.

Se l’Inter adesso sembra credibile, la Juventus invece incredibile lo era e lo rimane. Quando gioca da grande se non grandissima squadra in Champions, o quando gioca con piglio sicuro a Frosinone, sapendo che prima o poi la sbloccherà. E il poi è arrivato poi, all’80’: ma davvero c’era qualcuno che avesse un dubbio guardando la partita? Nonostante il ticchettare del cronometro, mai la Juve s’è fatta prendere dalla frenesia, o si è costretta ad andare al tiro affrettato, e non è certo un’anomalia. Forse non sarà esteticamente affascinante: ma non è anche questo un giocare bene?
Contro il Bologna ci si aspetta una partita simile, del resto l’obiettivo è il Napoli. C’è un Bernardeschi in crescita esponenziale, e serve un Dybala che finalmente dimostri di valere il terzo stipendio più alto in Italia. Ma giocare bene adesso non serve, è una stagione da sessanta partite, bisogna vincere e la Juve lo fa più di tutte.

Quella stessa calma che devono trovare a Napoli. Non nel Napoli, ma proprio a Napoli città. E dategli un po’ di tempo ad Ancelotti, e misericordia! E una settimana tutto va bene, e un’altra tutto va male, ma è un progetto tecnico all’inizio, e le premesse sono ottime. Semplicemente a Napoli devono dimenticarsi di Sarri: basta, è partito, e non tornerà indietro. Fare le vedove inconsolabili significherà fare il male del Napoli. Non sarà più la squadra di Sarri, ma questo non significa non possa essere bella in maniera diversa. E si direbbe che Ancelotti sia un tipo che si meriti un minimo di fiducia - e la squadra di cui dispone, idem.

Una calma che probabilmente a Roma mai avranno, e adesso ancora meno. Ma le critiche - si fa per dire: la lapidazione! - a Monchi puzzano di preconcetto da lontano un miglio. Vero: sono stati venduti dei capisaldi della squadra, e mancano delle certezze quando si scende in campo. Tuttavia però:
a) Strootman e Nainggolan l’anno scorso avevano indiscutibilmente giocato la loro peggiore stagione alla Roma;
b) quelli che stanno fallendo in questo momento tra i giallorossi sono proprio i veterani, ancora prima dei giovani: rendimento sprofondato per Manolas, Kolarov e Dzeko, praticamente le colonne dell’anno scorso.
Per carità, nessuno è incolpevole, includendo allenatore e direttore sportivo. Ma il “dagli al Monchi” sembra più una disciplina sportiva che viene da lontano, con una rincorsa fuori dal campo. Quanto è importante essere ben rappresentati dalla società...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incredibile "fame" bianconera e un solo dubbio. Inter: su Spalletti bisogna darsi una regolata. Milan: altalena Gattuso, da "inadatto" a "mister modello". Tutte le rogne del Var... 04.12 - Il problema del Var che fa incazzare tutti come delle bestie (giustamente) è un non-problema, nel senso che non dipende mica dal Var. Prendersela col Var è come prendersela col semaforo che “questo rosso dura troppo! Maledetto!”. Oh, mica lo decide lui. Ecco, qui la questione...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

La Juventus non ammazza il campionato ma tutto il sistema. L'inutilità del Var. Milan, serve la svolta a gennaio. Serie B e C, quando le decisioni? 03.12 - Non è un discorso di essere tifosi della Juventus oppure no. Quelli che leggerete sono solo complimenti verso la società, i tifosi, la squadra, Allegri, i magazzinieri, la segreteria, l'ufficio stampa e l'autista della Juventus. Però il problema non è la Juve, il vero problema è che...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Dai mecenati al FFP, dai crac alla noia. Così non va: come ripensare la Serie A? O si vara la Superlega o si cambiano le regole, guardando a modelli molto diversi come quello NBA 02.12 - È appena iniziato il mese di dicembre, non siamo ancora al giro di boa della Serie A e tra gli italiani che vivono di pane e pallone ci sono due correnti di pensiero. Ci sono coloro che considerano il discorso Scudetto già concluso, chi dice che raggiungere una Juventus che finora...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Di Francesco merita ancora fiducia, a gennaio 2 acquisti. L’Inter si inserisce nella corsa a Tonali, per Gabigol spunta l’ipotesi Premier. Milan per la difesa uno tra Christensen e Cahill. Fabregas più di un’idea ma costi alti 01.12 - Di Francesco e il futuro. Un futuro ancora giallorosso. Merita fiducia anche se la sconfitta con il Real ha fatto riemergere i soliti problemi, soprattutto la mancanza di continuità. La partita di martedì sera va analizzata bene. Il primo tempo è stato molto buono. Casomai è inspiegabile...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->