HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Editoriale

Finalmente un’Inter credibile: la squadra c’è, ma la società dov’è? La Juventus invece rimane incredibile: sicuri che le serva davvero giocare bene? Ecco perché a Napoli devono stare calmi. Roma, perché attaccare Monchi?

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
26.09.2018 07:03 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 32769 volte

Se il calcio è folle, l’Inter di più. Ma non è che questo non lo sapessimo. Una squadra sconclusionata e snervante solo fino a 10 giorni fa, e in capo a tre partite ha ribaltato non solo il trend dei risultati, ma soprattutto la fiducia in sé stessa e la propria credibilità.
Al di là delle tre vittorie, la credibilità te la dà soltanto la continuità di prestazione, e l’Inter è proprio là che è cresciuta: la solidità difensiva e il carattere contro il Tottenham, a cui si è aggiunta la continuità contro la Sampdoria, a cui si è finalmente aggiunta la creatività offensiva contro la Fiorentina.
Per ora Spalletti ha 60 minuti di autonomia dentro la partita, ma di nuovo: pensando alla banda allo sbando contro il Parma di nemmeno 2 settimane fa, sembra allora incredibile vedere che l’Inter sta riguadagnando partita dopo partita sempre più terreno dentro il campo e verso la porta.
Contro la Fiorentina si è visto per larghi tratti quello che si era apprezzato solo per mezza partita quest’anno: il primo tempo contro il Torino, con una manovra offensiva avvolgente e armonica, senza concretezza magari ma con continue proposte di gioco, una qualità che era rimasta figlia unica nella stagione.
La squadra adesso c’è (per ora). Ma siccome parafrasando l’inno interista, per questa società niente è mai normale, allora l’Inter ha dovuto assistere a una surreale contestazione di episodi arbitrali a favore, pur se giustamente assegnati: su tutte le proteste paradossali per Il rigore per fallo di mano dovuto a un braccio tenuto largo, con la palla che cambia traiettoria e velocità. La Fiorentina addirittura ha inviato Antognoni in area interviste per protestare.
E se l’Inter squadra c’è, allora dov’è la società? Com’è possibile che subisca decisioni incomprensibili contro Sassuolo e Parma, a cui si aggiunge l’espulsione ridicola di Spalletti, a cui fanno da corollario le proteste in questa partita per delle decisioni giuste ma ritenute troppo giuste da alcuni, e nessuno della società vada a fare da controparte, lasciando tutto il peso sulle spalle di Spalletti, che già ha i suoi bei problemi da risolvere?
Hai voglia a chiedere alla squadra di crescere, se poi la società non ha il suo Marotta che va a presidiare regolarmente l’area comunicazione quando c’è da farsi rispettare.

Se l’Inter adesso sembra credibile, la Juventus invece incredibile lo era e lo rimane. Quando gioca da grande se non grandissima squadra in Champions, o quando gioca con piglio sicuro a Frosinone, sapendo che prima o poi la sbloccherà. E il poi è arrivato poi, all’80’: ma davvero c’era qualcuno che avesse un dubbio guardando la partita? Nonostante il ticchettare del cronometro, mai la Juve s’è fatta prendere dalla frenesia, o si è costretta ad andare al tiro affrettato, e non è certo un’anomalia. Forse non sarà esteticamente affascinante: ma non è anche questo un giocare bene?
Contro il Bologna ci si aspetta una partita simile, del resto l’obiettivo è il Napoli. C’è un Bernardeschi in crescita esponenziale, e serve un Dybala che finalmente dimostri di valere il terzo stipendio più alto in Italia. Ma giocare bene adesso non serve, è una stagione da sessanta partite, bisogna vincere e la Juve lo fa più di tutte.

Quella stessa calma che devono trovare a Napoli. Non nel Napoli, ma proprio a Napoli città. E dategli un po’ di tempo ad Ancelotti, e misericordia! E una settimana tutto va bene, e un’altra tutto va male, ma è un progetto tecnico all’inizio, e le premesse sono ottime. Semplicemente a Napoli devono dimenticarsi di Sarri: basta, è partito, e non tornerà indietro. Fare le vedove inconsolabili significherà fare il male del Napoli. Non sarà più la squadra di Sarri, ma questo non significa non possa essere bella in maniera diversa. E si direbbe che Ancelotti sia un tipo che si meriti un minimo di fiducia - e la squadra di cui dispone, idem.

Una calma che probabilmente a Roma mai avranno, e adesso ancora meno. Ma le critiche - si fa per dire: la lapidazione! - a Monchi puzzano di preconcetto da lontano un miglio. Vero: sono stati venduti dei capisaldi della squadra, e mancano delle certezze quando si scende in campo. Tuttavia però:
a) Strootman e Nainggolan l’anno scorso avevano indiscutibilmente giocato la loro peggiore stagione alla Roma;
b) quelli che stanno fallendo in questo momento tra i giallorossi sono proprio i veterani, ancora prima dei giovani: rendimento sprofondato per Manolas, Kolarov e Dzeko, praticamente le colonne dell’anno scorso.
Per carità, nessuno è incolpevole, includendo allenatore e direttore sportivo. Ma il “dagli al Monchi” sembra più una disciplina sportiva che viene da lontano, con una rincorsa fuori dal campo. Quanto è importante essere ben rappresentati dalla società...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Berlusconi e il Milan di Gattuso. Ad Allegri manca solo un tetto. Marotta-Inter, non avrebbe senso. Io voto Gravina perché.... 15.10 - Quando c'è la pausa campionato è un disastro. Non sai cosa scrivere e devi inventare storie, raccogliere notizie e parlare di mercato anche quando non c'è. Per fortuna, in questa domenica pomeriggio, Silvio Berlusconi su Sportitalia (durante Monza-Triestina) ci ha dato diversi spunti...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La pausa degli esoneri e dei primi acquisti per gennaio. Pungiball Ventura, ma il Chievo ha fatto benissimo. Finalmente c'è la formazione: ora Mancini segua il consiglio di Sarri 14.10 - Lo sport Nazionale degli ultimi undici mesi è stato insultare Gian Piero Ventura. Non è stato solo il colpevole dell'eliminazione dell'Italia dal Mondiale, ma dallo scorso 13 novembre di qualsivoglia problema. L'aumento dello spread? E' colpa di Ventura. Il surroscaldamento globale?...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Conte ipotesi concreta per il Real, Florentino pronto a tutto per avere anche Hazard. Milan, che colpo Paquetà. Under verso il rinnovo fino al 2023. Napoli a breve l’accordo con Zielinski, per gennaio non sono previste operazioni in entrata 13.10 - Lopetegui, Conte, Real e Chelsea. Il mese di ottobre potrebbe regalarci un’altra interessante rivoluzione in panchina. Florentino Perez non è soddisfatto del rendimento del suo allenatore, fortemente voluto in estate dopo l’addio di Zidane e ora sta pensando in maniera concreta ad...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ronaldo, una vergogna. In certi casi è vietato tifare. Juve su James Rodriguez e Rabiot. Milan, dopo Paquetà tutto su Barella. Derby con l’Inter per Ramsey 12.10 - Attorno alla vicenda personalissima che coinvolge Cristiano Ronaldo stiamo scrivendo un’altra pagina imbarazzante. E dico poco. Fatevi questa domanda: avete elementi seri che vi possano far pensare che Cristiano Ronaldo sia colpevole di stupro? La risposta sensata, quasi obbligata,...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Milan: un colpo in Brasile. Leicester: in arrivo un italiano, faceva il cameriere! E una Nazionale che non decolla... 11.10 - Il Milan ha praticamente preso Paquetà, il primo colpo di Leonardo. Nella notte italiana, Globo Esporte aveva lanciato l'indiscrezione. Nel corso della giornata le conferme. Accordo raggiunto tra Milan e Flamengo per il centrocampista offensivo brasiliano classe '97. Il ragazzo arriverà...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Incredibile Cristiano! Si sente perseguitato dalla Uefa, e ha deciso di boicottare la Nations League! Come se al momento non ci fossero altre preoccupazioni. L’Italia e Mancini invece devono considerarla priorità, per non finire come Ventura 10.10 - La faccenda ha dell’incredibile, e sarebbe da farci una risata sopra se non apparisse assurda. E terribilmente fuori luogo, visto il momento estremamente delicato. Cristiano Ronaldo, e insieme con lui il suo entourage familiare e lavorativo (che nel caso di Cristiano si mischiano),...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri sta vincendo l'ultima sfida (e Ronaldo...). Inter: Spalletti ha un muro insuperabile da battere (e c'entra Icardi). Milan: il mercato e la memoria corta. Arriva il derby, con le solite balle... 09.10 - C’è la sosta. Porca malora. La sosta non piace a noi, ma neppure ai giocatori: Mancini ne ha convocati 28 e sono tornati a casa in 29 (anche il giardiniere di Coverciano si è dato malato). Ma non è questo il punto: le soste ci sono e ce le teniamo. Parliamo piuttosto di Temptation...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Serie A senza emozioni. La Juve cala subito il sipario. Ventura-Chievo? La sua giusta dimensione. Gattuso, numeri da... Conte! E Ancelotti si sta prendendo il Vesuvio 08.10 - Il problema della serie A non sono gli stadi, i diritti tv, il mercato o il marketing. Il vero problema sta diventando la Juventus. E non è una battuta. Vuole essere un'analisi semiseria. La, quasi, ossessione dei bianconeri di vincere questa maledetta Champions sta aumentando il...

Editoriale DI: Marco Conterio

L'assurdo processo mediatico per Ronaldo già prima delle sentenze. In campo Fenomeno e Juve pazzesca. L'Italia finalmente si accorge di Pellegrini mentre è in cerca di un 9. Solo che Cutrone è in panchina e il Milan pensa a Ibra 07.10 - Giustizialisti e innocentisti. Accecati dalla voglia di una soluzione, prima che il tempo faccia il suo corso. Scrivere di Cristiano Ronaldo in queste delicate ore non è certo facile. Perché pende su di lui una scure importante, un'accusa grave. Però non c'è null'altro da aggiungere....

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Marotta, il futuro è ancora un rebus. Dybala che momento, ma non paragoniamolo a Messi e  Ronaldo. Ancelotti e il capolavoro con il Liverpool. Icardi in area di rigore è tra i primi 3 attaccanti al mondo. Italia, è l’ora di cominciare a vincere 06.10 - Il futuro di Beppe Marotta resta ancora un rebus. La separazione con la Juventus è troppo fresca per avere certezze su quello che sarà il domani. Di sicuro gli 8 anni di successi sono un biglietto da visita che nessuno ha in Italia. Credo che bisognerà attendere qualche mese prima...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy