HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?
  Barcellona
  Juventus
  Manchester United
  Liverpool
  Manchester City
  Ajax
  Porto
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

Finalmente un’Inter credibile: la squadra c’è, ma la società dov’è? La Juventus invece rimane incredibile: sicuri che le serva davvero giocare bene? Ecco perché a Napoli devono stare calmi. Roma, perché attaccare Monchi?

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
26.09.2018 07:03 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 32964 volte

Se il calcio è folle, l’Inter di più. Ma non è che questo non lo sapessimo. Una squadra sconclusionata e snervante solo fino a 10 giorni fa, e in capo a tre partite ha ribaltato non solo il trend dei risultati, ma soprattutto la fiducia in sé stessa e la propria credibilità.
Al di là delle tre vittorie, la credibilità te la dà soltanto la continuità di prestazione, e l’Inter è proprio là che è cresciuta: la solidità difensiva e il carattere contro il Tottenham, a cui si è aggiunta la continuità contro la Sampdoria, a cui si è finalmente aggiunta la creatività offensiva contro la Fiorentina.
Per ora Spalletti ha 60 minuti di autonomia dentro la partita, ma di nuovo: pensando alla banda allo sbando contro il Parma di nemmeno 2 settimane fa, sembra allora incredibile vedere che l’Inter sta riguadagnando partita dopo partita sempre più terreno dentro il campo e verso la porta.
Contro la Fiorentina si è visto per larghi tratti quello che si era apprezzato solo per mezza partita quest’anno: il primo tempo contro il Torino, con una manovra offensiva avvolgente e armonica, senza concretezza magari ma con continue proposte di gioco, una qualità che era rimasta figlia unica nella stagione.
La squadra adesso c’è (per ora). Ma siccome parafrasando l’inno interista, per questa società niente è mai normale, allora l’Inter ha dovuto assistere a una surreale contestazione di episodi arbitrali a favore, pur se giustamente assegnati: su tutte le proteste paradossali per Il rigore per fallo di mano dovuto a un braccio tenuto largo, con la palla che cambia traiettoria e velocità. La Fiorentina addirittura ha inviato Antognoni in area interviste per protestare.
E se l’Inter squadra c’è, allora dov’è la società? Com’è possibile che subisca decisioni incomprensibili contro Sassuolo e Parma, a cui si aggiunge l’espulsione ridicola di Spalletti, a cui fanno da corollario le proteste in questa partita per delle decisioni giuste ma ritenute troppo giuste da alcuni, e nessuno della società vada a fare da controparte, lasciando tutto il peso sulle spalle di Spalletti, che già ha i suoi bei problemi da risolvere?
Hai voglia a chiedere alla squadra di crescere, se poi la società non ha il suo Marotta che va a presidiare regolarmente l’area comunicazione quando c’è da farsi rispettare.

Se l’Inter adesso sembra credibile, la Juventus invece incredibile lo era e lo rimane. Quando gioca da grande se non grandissima squadra in Champions, o quando gioca con piglio sicuro a Frosinone, sapendo che prima o poi la sbloccherà. E il poi è arrivato poi, all’80’: ma davvero c’era qualcuno che avesse un dubbio guardando la partita? Nonostante il ticchettare del cronometro, mai la Juve s’è fatta prendere dalla frenesia, o si è costretta ad andare al tiro affrettato, e non è certo un’anomalia. Forse non sarà esteticamente affascinante: ma non è anche questo un giocare bene?
Contro il Bologna ci si aspetta una partita simile, del resto l’obiettivo è il Napoli. C’è un Bernardeschi in crescita esponenziale, e serve un Dybala che finalmente dimostri di valere il terzo stipendio più alto in Italia. Ma giocare bene adesso non serve, è una stagione da sessanta partite, bisogna vincere e la Juve lo fa più di tutte.

Quella stessa calma che devono trovare a Napoli. Non nel Napoli, ma proprio a Napoli città. E dategli un po’ di tempo ad Ancelotti, e misericordia! E una settimana tutto va bene, e un’altra tutto va male, ma è un progetto tecnico all’inizio, e le premesse sono ottime. Semplicemente a Napoli devono dimenticarsi di Sarri: basta, è partito, e non tornerà indietro. Fare le vedove inconsolabili significherà fare il male del Napoli. Non sarà più la squadra di Sarri, ma questo non significa non possa essere bella in maniera diversa. E si direbbe che Ancelotti sia un tipo che si meriti un minimo di fiducia - e la squadra di cui dispone, idem.

Una calma che probabilmente a Roma mai avranno, e adesso ancora meno. Ma le critiche - si fa per dire: la lapidazione! - a Monchi puzzano di preconcetto da lontano un miglio. Vero: sono stati venduti dei capisaldi della squadra, e mancano delle certezze quando si scende in campo. Tuttavia però:
a) Strootman e Nainggolan l’anno scorso avevano indiscutibilmente giocato la loro peggiore stagione alla Roma;
b) quelli che stanno fallendo in questo momento tra i giallorossi sono proprio i veterani, ancora prima dei giovani: rendimento sprofondato per Manolas, Kolarov e Dzeko, praticamente le colonne dell’anno scorso.
Per carità, nessuno è incolpevole, includendo allenatore e direttore sportivo. Ma il “dagli al Monchi” sembra più una disciplina sportiva che viene da lontano, con una rincorsa fuori dal campo. Quanto è importante essere ben rappresentati dalla società...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Dybala ha detto no all’Inter! Ecco i dettagli. La Juventus può perderlo, ma ecco le squadre in Premier per Paulo. Real Madrid insiste per Icardi, e venerdì è lcardi-day: quello che succederà, da cui dipende il futuro 20.03 - Essere interista non è mai normale, come recita lo stesso inno nerazzurro. E così può capitare che al giovedì ti umilino in casa in Europa League, e poi alla domenica tu giochi uno dei derby più gagliardi degli ultimi anni e in una delle condizioni più difficili. Allo stesso modo,...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve vs. Uefa: la decisone su Ronaldo (e quella già presa a prescindere). Inter: i 5 segreti di una battaglia vinta col cuore (e l'incontro pre-derby di Icardi). Milan: su Gattuso il solito banco degli imputati (con un’incredibile compagnia) 19.03 - Complimenti per la trasmissione. La differenza tra la pausa per la nazionale e la pausa per la nazionale dopo una vittoria è che ti rompi le balle lo stesso, ma con una bella faccia di tolla stampata sul volto. Il qui scrivente c’ha la faccia di tolla, perché temeva di essere suonato...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Le scuse ad Allegri e le scuse di Spalletti: trova la differenza. Napoli, la strada per essere grande si fa in salita. Bologna, Sinisa ha smontato la testa. Gravina-Brunelli-De Siervo, asse contro Di Maio che vuole far perdere al calcio 2 miliardi 18.03 - La Toscana non è uguale in tutte le sue città. Firenze non è Livorno, Siena non è Pisa e Forte dei Marmi non è Grosseto. Ognuna di queste ha le sue bellezze. Anche i toscani sono diversi tra di loro. Ci sono quelli simpatici che fanno ridere e quelli che vogliono fare i simpatici...

Editoriale DI: Marco Conterio

Il Mondo capovolto: la Juve clamorosamente tra le grandi favorite Champions. Ajax, talenti e delusioni cocenti. Messi o Cristiano Ronaldo? Lo scontro possibile e il derby di oggi. Tutto di un altro pianeta 17.03 - Adesso che il cerchio si stringe, su Tuttomercatoweb.com abbiamo aperto il sondaggio che di per se ha poco d'originale, tanto di banale ma che ha il gran dubbio della risposta finale. "Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?". Otto opzioni, di fatto i lettori ne stanno votando,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli: Insigne, Koulibaly e Allan restano. Per il centrocampo c’è Fornals, in attacco Lozano prima scelta. Per il futuro di Allegri bisogna aspettare ancora, Conte e Deschamps nomi da monitorare. Il Real ripensa a Milinkovic Savic 16.03 - I motori si stanno scaldando. La Primavera in arrivo sta accendendo il mercato. Il Napoli è sempre molto attivo. Ancelotti e la società sono convinti di poter crescere ancora e per questo l’obiettivo è tenere tutti i big. Non c’è alcuna volontà di prendere in considerazione offerte...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter fuori dall’Europa paga caro il caso-Icardi. Un capitano vero avrebbe giocato. Zhang furioso lo vuole sul mercato. Derby ad alto rischio. Spalletti via, Conte ha chiesto tempo. Il caso Mourinho. 15.03 - L’Europa League era uno degli obiettivi stagionali, ora per non fallire completamente la stagione, all’Inter non resta che la caccia alla Champions, con il Derby alle porte, in un momento complicatissimo. Questa situazione drammatica è il frutto amaro del caso Icardi che da oltre...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Una Champions da sballo e il dominio inglese. L’orgoglio italiano di Napoli e Inter e la rivoluzione in casa Real 14.03 - Ora abbiamo le favolose 8 d’Europa. E nei giorni in cui si discute tantissimo della Brexit, le squadre della Premier danno un chiaro indirizzo: in Champions vogliono dettare loro la legge. L’ultima volta che si era verificato un evento del genere era esattamente 10 anni fa: Arsenal,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Attenzione Icardi: contatto e offerta Real Madrid! E nel frattempo l’Inter proibisce l’incontro con Zhang Hanno ucciso Allegri. Allegri è vivo! Come può non essere la Juventus la favorita della Champions? 13.03 - Juve da Champions negli occhi di tutti, ma c’è la precedenza al notizione su Icardi. E anche se incombe il derby e l’attualità, attenzione alla novità. Nella giornata di lunedì il Real Madrid (proprio nelle stesse ore dell'arrivo di Zidane) ha contattato l’entourage di Icardi. Un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la scelta di Zidane e il futuro di Allegri… nel giorno del giudizio. Inter: la pace solo a parole tra Icardi e Spalletti. Roma: c’è un vero, grande acquisto 12.03 - La prima cosa che mi viene da scrivere è che Zidane è tutto tranne che rincoglionito. I rincoglioniti non sanno scegliere il momento giusto, lui ha mollato Madrid un anno fa, ha capito che questa per gli amici spagnoli sarebbe stata una stagione fetente, si è fatto l’anno sabbatico...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve, la notte verità. Inter, basta frecciatine. Spalletti-Marotta chiudetevi nello spogliatoio. Roma, follia pura. Foggia, “Nember One” Venezia, da Vecchi-Zenga a Cosmi la gondola non gongola 11.03 - Potete raccontarci quello che volete. La cena tra Agnelli e Allegri, la Champions che è un’ossessione della stampa e non del club, che la partita di domani sera con l’Atletico Madrid sarà una come tante altre. Sappiamo e sapete che non è così. Domani, a Torino, ci sarà un bivio. Se...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510