VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Fiorentina-Juve, la gara dei rigori mancati. Okaka: Inter in vantaggio. Milan: le tre priorità. Napoli: se arriva Lavezzi, torna anche Hamsik

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
06.12.2014 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 26669 volte

La discussione ruotera attorno ai due mezzi rigori in uno di Chiellini e al braccio largo di Pizarro. Era più rigore il mio, no lo era di più il mio. C'è spazio per tutti. In ogni caso Allegri non è mai fortunato con Rizzoli. Di Fiorentina - Juventus resta anche dell'altro. Ovvero l'esclusione di Morata che a questo punto rischia di diventare un caso. Al contrario di Conte che un anno fa ha sacrificato l'Europa League sull'altare del Campionato, Allegri ha privilegiato l'Europa togliendo risorse alla formazione schierata a Firenze in vista dell'Atletico. Fra derby e Firenze, poche occasioni per la squadra bianconera, il pensiero è all'Europa. Della partita di ieri sera resta anche l'amarezza pre partita per certi versi legittima di Marotta, ma questo è un altro discorso. Che ci trascineremo per molto tempo. E i viola? Stratosferico Borja Valero, ancora lontano dall'essere competitivo in certe partite Mario Gomez. Dopo il 4-2 dell'anno scorso, in ogni cado, la viola non ha mai rischiato davvero di perdere contro la Juventus.

E' il momento delle firme mancate, dei prolungamenti che non arrivano. La fase dei procuratori che nicchiano e delle società che devono comportarsi di conseguenza. In questo senso le vicende di Stefano Okaka e Mauro Icardi sono gemelle. E non solo, sarebbe banale, perché tutto nasce dalla Sampdoria, nel 2012 per l'argentino e adesso per l'attaccante di Ferrero. Intanto non c'è nulla che in questo momento lasci presagire un rinnovo di Okaka a Genova. Il ragazzo sembra orientato a tenere duro e a proseguire per la sua strada. Né servono a fargli cambiare idea quelle che possono anche sembrare velate minacce a mezzo stampa di ritorsioni come la collocazione in tribuna. Okaka ha entusiasmo e prospettiva, ha il diritto di dare tutto in campo e al tempo stesso di guardare come meglio crede al suo futuro. Più sfumata, più ovattata, più sotto traccia la vicenda di Icardi. Il filo d'Arianna dei procuratori e degli addetti ai lavori dà per certa la ricerca di un acquirente in Premier League per l'attaccante argentino. Che, come Okaka, tutto sembra tranne che sull'orlo di un prolungamento contrattuale in Italia con l'Inter. Ecco perché i nerazzurri sono in vantaggio su Okaka: se ricavano denaro dalla cessione di Icardi, il gioco sarebbe presto fatto per Stefano. Del resto l'Inter, se dovesse mai cedere Icardi, non avrebbe un centravanti di proprietà, visto che Osvaldo è in prestito. E lo stesso Roberto Mancini voleva già Okaka ai tempi del Galatasaray.

Tifosi in subbuglio per Nigel De Jong. Rinnova o non rinnova? Chi frena e chi accelera fra lui e il Milan? Domande destinate a rimanere inevase fino a fine stagione. Il Milan ha ben 8 giocatori in scadenza di contratto e fra di loro non ci sono figli e figliastri. Tutti con gli stessi tempi e tutti con lo stesso riguardo. Materia da maneggiare con cura, questa. La posta in palio è l'equilibrio dello spogliatoio. Del resto l'esercizio è ozioso. Fino a che non si sa se a quale competizione parteciperà il Milan la prossima stagione (Champions League? Europa League? Nessuna delle due?), non può esistere budget, valutazione del numero e del profilo dei giocatori necessari per la prossima stagione. Quindi, tempo al tempo. Con buona pace di tutti. E il mercato di Gennaio? Intanto, le prese di posizione ufficiali del Milan fino ad oggi sono state due: nessuno entra se nessuno esce e Pazzini non è sul mercato. Nessuno rinnega nulla. Ma è giusto tener presente che il mercato è l'arte del vediamo. Il mercato è il non plus ultra del luogo comune: quello che diciamo oggi, può non essere vero domani. Questo vale per ogni tipo di mercato, sia quello estivo che quello di Gennaio. Off records e fuori dall'ufficialità: se il Milan fosse in condizione di fare operazioni di mercato senza rischiare di avere una rosa di 50 giocatori per 4 mesi di stagione, le priorità potrebbero essere il centrocampista centrale e il terzino sinistro. Ecco perché l'Inter è praticamente da sola per Okaka, il centravanti in questo momento non è priorità rossonera.

Higuain, Callejon e Martens sono fior di giocatori. Ognuno di loro ha picchi e colpi importanti. Senza discussioni. Ma ogni rosa ha le sue spine. E sembra che i nuovi petali dei fiori partenopei abbiamo come soffocato Hamsik. Sembra che Marek sia fuori dal tempo. La sensazione è che lui navighi ancora nel mare di Lavezzi e Cavani, che sono però due giocatori che non ci sono più dalle parti di Fuorigrotta. Sembra avere nostalgia il campione slovacco, quasi non connesso con i nuovi califfi dell'attacco azzurro. Questione di feeling, di abitudini, di meccanismi sottili. Ecco perché se il Napoli entrasse nell'ordine di idee di sostituire il lungodegente Insigne con, massì, Lavezzi, ecco che il primo a trarne beneficio potrebbe essere proprio Hamsik. Tornerebbe a sentire l'aria di casa dei suoi anni migliori. Di Lavezzi si dice che il suo legame con Napoli è ancora forte, anche a due anni dalla sua partenza. Il ritorno di Ezequiel Lavezzi in azzurro potrebbe essere uno dei tormentoni del mercato invernale, vista anche quella che appare come la necessità del Psg: vendere alcuni pezzi pregiati e risanare il deficit. In questo caso il futuro di Lavezzi sarebbe in bilico tra Psg e Napoli, senza escludere Wolfsburg, Liverpool, Chelsea e Inter.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il PSG e il fair play finanziario, sempre più aggirato. L'Inter imbrigliata, la Juventus parte in prima fila. Il Milan punta su altri mercati e modelli esteri, ma senza sponsor rischia di star dietro 10.09 - Il Paris Saint Germain, in settimana, ha presentato Kylian Mbappé. Sula carta uno degli investimenti più onerosi di sempre, secondo solo a quello per Neymar Jr. 180 milioni di euro che, però, sono ancora da investire, perché il Monaco lo ha ceduto in prestito con diritto di riscatto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.