VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Gagliardini Inter ecco che succede, gli incontri della Juve. Le strategie del Milan. Genoa che colpi! Sorpresa Pescara

05.01.2017 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 51727 volte
© foto di Federico De Luca

Il mercato è bello perché ogni giorno succede qualcosa. E se invece non succede potrebbe comunque essere una notizia. È i caso di Gagliardini all'Inter. Operazione sulla quale (probabilmente) noi giornalisti siamo andati più veloci dei diretti interessati. Ma c'è sempre un motivo. L'affare non è chiuso, è in fase di definizione. Non significa che è saltato: significa che tutti stanno lavorando per completarlo, in mezzo a difficoltà normali in una situazione dle genere., ovvero alcune dinamiche obbligate della trattativa.
L'Inter, come sapete, non può fare operazioni a titolo definitivo. Ma anche la cifra del prestito non può essere a discrezione dell'Inter (o dell'Atalanta) ma ha un limite. Tutto questo sempre secondo le regole del FFP, di cui l'Inte vuole e deve tener conto. Questo comporta una serie di vincoli sui quali si sta discutendo e che portano via tempo.
Sgombriamo il campo da equivoci: tra Inter e Atalanta c'è sintonia. Ma ora l'Atalanta potrebbe non sentirsi garantita dai due milioni di prestito senza alcun obbligo di riscatto. Per questo la trattativa si amplia perché a questi vengono agganciate altre esigenze. Ed ecco che potrebbe essere decisivo incontro tra proprietà (quando torneranno i cinesi in Italia, quindi all'inizio della prossima settimana) per far capire ancora meglio le intenzioni dell'Inter e sgombrare il campo da qualsiasi perplessità.
La situazione ancora non definita chiaramente potrebbe indurre altre squadre a non sentirsi tagliate fuori. E magari proporre le stesse condizioni per chiudere l'operazione. Ma al momento le telefonate di altri ds o intermediari sono solo azioni di disturbo (anche se non possiamo sapere quanto disturbo realmente creano) visto che la volontà di Inter e Atalanta è quella di chiudere il prima possibile e con soddisfazione reciproca. È in corso una trattativa complessa, ma le parti sono comunque fiduciose. Insomma la fumata bianca ancora non c'è stata ma all'orizzonte (ancora) non si vedono nubi...
L'Inter nel frattempo continua a lavorare sulle uscite: Jovetic sempre più ai margini del progetto Pioli sta per andare al Siviglia, Banega secondo il suo procuratore sta per ricevere offerte importanti dalla Cina (Hebei Fortune e Bejing Guoan): appena arriveranno verranno valutate dall'Inter ma la cessione non è affatto scontata.
E avendo già parlato di Verratti (attenzione al Bayern) e di Bernardeschi per giugno, aggiungiamo un altro nome per il prossimo mercato nerazzurro: Rodriguez, terzino del Wolfsburg, che ha una clausola da 22 milioni ma si può prendere anche con meno. Sul ragazzo c'è anche il PSG, ma lui preferirebbe l'Italia e l'Inter vorrebbe bloccarlo.
Vorrebbe sognare in grande anche il Milan, ma nelle prossime ore a tenere banco non saranno colpi di mercato ma le carte che sono state pubblicate da calcioefinanza che testimonierebbero come i soldi della caparra del secondo slittamento del closing provengano da un conto corrente delle Isolve Vergini. Se sia una mossa per aggirare il blocco dei capitali imposto dal governo cinese o che invece serva ad altro noi non lo sappiamo. Di sicuro sarà oggetto di illazioni. L'altra cosa sicura è che al momento il mercato del Milan deve essere fatto a saldo zero. Attesa allora per Deulofeu per il quale non ci sono molte chanches, nonostante il Milan abbia modificato la propria offerta: prestito con diritto di riscatto. Galliani sa di poter far leva sulla volontà del ragazzo, ma l'Everton pare irremovibile.
Giornata di incontri invece per la Juventus a Milano. Intanto incontro con l'agente di Orsolini, attaccante esterno dell'Ascoli. Non è stata l'unica squadra incontrata da Di Campli: una chiacchierata è stata fatta anche con il Napoli e con l'Atalanta. Poi visita del Perugia per chiudere il prestito di Brignoli. In seguito nel pomeriggio una chiacchierata per risolvere la situazione di Zaza con il suo entourage. Il West Ham al momento non garantisce l'obbligo di riscatto, dunque è necessario trovare una soluzione, soprattutto dopo che è saltato l'affare Valencia. Poi incontro con l'Empoli per definire il prestito di Thiam.
Chi ha fatto il colpo ieri è stato il Genoa. È tutto ok per Pinilla. Già da un paio di giorni con l'Atalanta, mancava l'ok del giocatore alla proposta di un anno e mezzo di contratto. Ora è arrivata anche quella e nelle prossime ore Pinilla farà le visite mediche, ma non è finita qui perché sempre il Genoa sta chiudendo per Taarabt, in prestito per 18 mesi dal Benfica. Manca da sistemare soltanto la differenza economica sull'ingaggio. Anche in questo caso i club sono già d'accordo e il giocatore potrebbe tornare in Italia (dove è già stato per trovare l'accordo un paio di settimane fa) per chiudere definitivamente.
Il Napoli aspetta che arrivi un'offerta per Gabbiadini per poi decidere se effettivamente cederlo o meno, considerato che la sua valutazione ora è leggermente scesa rispetto a questa estate: 20 milioni potrebbero bastare e Wolfsburg e Southampton ci stanno seriamente pensando.
Alla Roma Jese rimane l'obiettivo numero uno, ma si stanno facendo delle valutazioni anche sulla personalità del giocatore che in realtà vorrebbe tornare addirittura a dove è nato anche a costo di abbassarsi ingaggio. Per questo rimangono delle perplessità proprio dal punto di vista caratteriale.
Ma da tenere sempre in considerazione il nome di Musonda del Chelsea cheperò potrebbe anche rimanere a Londra dove potrebbe trovare Kessie, valutato 30 milioni dall'Atalanta e sul quale Conte ha messo gli occhi (più però per l'estate che per ora). Il Torino ha chiesto Donsah al Bologna, ma al momento la risposta è stata negativa. Il Leicester invece insiste per Acerbi (va convinto il Sassuolo che reputa tutti i suoi giocatori incedibili, ma che ha già sondato Ranocchia per qualsiasi evenienza). Il Bologna aspetta che Cerci abbassi le pretese e ha chiesto informazioni su Capradossi (sul quale c'è anche il Torino). La Samp può chiudere per Oikonomu del Bologna non appena esce Krajnc diretto a Frosinone. Il Palermo valuta Stefan Silva, svedese dello Sundsvall, attaccante e insiste per Carmona, Dramé e Grassi. A Pescara è in arrivo Andres Cubas, ventenne centrocampista argentino del Boca Juniors. L'operazione, che si chiuderà fra pochi giorni, sarà in prestito con diritto di riscatto fissato a 5 milioni.
In B il Trapani lavora per Maracchi della Feralpi Salò, l'Entella è interessata a Machin, centrocampista offensivo della Roma ora proprio a Trapani, a Terni è arrivato Pagni come direttore sportivo, a Pisa si punta tutto su Blanchard (difensore del Carpi) e su Del Luca (attaccante del Bari), a Novara sta per arrivare Chiosa dal Perugia (per lui tre anni di contratto), Perugia interessatissimo a Scozzarella (lo cerca anche il Novara). Tenetevi forte abbiamo appena iniziato.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.