VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Garcia al capolinea: rinnovare il grande errore della Roma, serve cambiare subito perché nulla è perduto. Mihajlovic stanco degli attacchi, sarà un week-end decisivo. Juventus: la rivincita del progetto ma a gennaio serve investire

Nato a Firenze il 05/05/1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker e conduttore per Radio Sportiva, oltre che editorialista e vicedirettore di Firenzeviola.it.
20.12.2015 09:38 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 49712 volte
© foto di Federico De Luca

Destinato all'addio. Comunque vada col Genoa. Walter Sabatini, direttore sportivo della Roma, ha già iniziato ad avere contatti con altri allenatori e non potrebbe esserci segnale più eloquente di un rapporto che s'è spezzato tra il francese e la piazza giallorossa. L'errore, a monte, è stato quello di mettergli sul piatto un rinnovo pesante, lungo, importante. Ad un tecnico che dopo lo splendido exploit iniziale non ha mai mostrato e dimostrato di sapere essere diverso da sè stesso. Pallotta e Sabatini pensano anche in grande, lo dimostra il sondaggio per Josè Mourinho. Sì, fallito, ma le mire della Roma sono grande, importanti. E che poco collimano con il gioco di un tecnico contropiedista, che non valorizza un centravanti di spessore internazionale come Dzeko, che ha resto Nainggolan e Pjanic due geni quasi prevedibili. Se il perno del tuo gioco è un corridore come Gervinho, significa che forse non sei riuscito a diventare grande come avresti voluto, sperato. La Roma vuole e deve cambiare, assolutamente. Perché l'errore della società, insieme al contratto di Garcia, è stato solo quello di non prendere un difensore centrale di spessore internazionale. Poi i giocatori ci sono: quale centrocampo, se non quello della Juventus, è migliore di quello giallorosso? Ha una bocca di fuoco invidiabile in mezza Europa davanti come Dzeko, ha Digne e Manolas che sarebbero degni delle migliori retroguardie del globo ed uno come Florenzi che il Barcellona prenderebbe ad occhi chiusi. Non è una questione (solo) di giocatori. E' una colpa di Pallotta e di Sabatini, già, ma principalmente di Garcia. I contatti con gli altri allenatori sono segnale chiaro: la Roma vuole cambiare, altrimenti che senso avrebbe chiamare Lippi, Mourinho, Bielsa e poi pure Spalletti e Mazzarri? E non è neanche troppo tardi, stupisce solo che Pallotta non abbia avuto la forza decisionale di Abramovich. "Fai male? Ti mando via, anche se mi costa un occhio della testa".

L'Italia è spesso terra d'eccessi, soprattutto nei giudizi. Certo, quando arrivano dall'interno, però, devono far riflettere. Le parole di Silvio Berlusconi su Sinisa Mihajlovic raccontano che forse, pure il Milan, è poco soddisfatto del suo allenatore. Sul club rossonero, però, è giusto aprire una parentesi. Perché spesso si addossano le colpe, e pure i meriti, agli stessi protagonisti. Il tutto, senza considerare che quella di Berlusconi è società con struttura complessa: un presidente decisionista, un amministratore delegato, la figlia Barbara, per il settore economico ed investimenti, uno per il reparto sportivo come Adriano Galliani. Lady B discuteva mesi, anni or sono, correva il novembre 2013, di una mancanza di rete capillare di osservatori del club. Beh, il Milan si è da sempre attrezzato, solo che da struttura societaria preferisce mettere davanti ai riflettori i capisaldi del progetto. Però, ad esempio, c'è un direttore sportivo come Rocco Maiorino che costantemente è all'opera ed insieme alla squadra. Che, con Galliani e per il Milan, segue il mercato rossonero. Nel bene e nel male, appunto. Perché gli errori non sono certo mancati e l'assenza di un regista vero, per il gioco di Mihajlovic, è la lacuna più pesante nel gioco che latita del tecnico serbo. Da lì la lunga catena di lamentele, dai tifosi fino a Berlusconi, fino a quella fiducia che latita da parte del presidente e che mette gioco forza in bilico anche la posizione di Sinisa. Detto per inciso, anche lo stesso Mihajlovic filtra come discretamente stufo degli attacchi e delle critiche. E non è da escludere nessuna decisione clamorosa, dopo il week-end, soprattutto se non arriverà un risultato importante. Dall'una e dall'altra parte.

Discutevamo prima del poco equilibrio dei giudizi, giusto? Bene. In primis, quelli sulla Juventus. E' una squadra vera, rinata e ritrovata. Bastava avere pazienza, bastava non gridare 'al fallimento' per il rinnovamento globale del progetto Marotta-Paratici. Che i loro errori li hanno fatti, vedi l'acquisto di Hernanes o la mancanza di un centrocampista di grande spessore che si alterni ai tre titolari. Però la squadra c'è, eccome se c'è. Gennaio, però, dovrà essere il mese del salto di qualità. La Juventus non può più permettersi di regalare punti alle piccole ed ha davanti, in Champions League, un Bayern Monaco nettamente superiore. Il centrocampista serve, magari uno capace di fare la mezzala e pure il trequartista. Magari anche un esterno per il 4-3-3, un attaccante, anche perché la gestione dei conti è da sempre giusta ed oculata (il titolo di regina dei bilanci non arriva per caso). E quest'anno le altre paiono vicine a colmare il gap. Chi gridava appunto 'allo sperpero' per i milioni di Mandzukic, si è già ricreduto. Chi lo faceva per il 'caso Dybala', idem. Resta il dubbio Alvaro Morata, però. La sensazione è che, in estate, il suo futuro sia al Real Madrid, come punta del dopo Karim Benzema.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella, questo Milan ha bisogno di identità. Verona, in "Pecchiata" verso il baratro. Baroni, è stato bello... Juve e Napoli, avanti così! 25.09 - Quest'ultima giornata di campionato ci consegna diverse cartoline. Una da Milano: una volta l'Inter queste partite non le avrebbe mai vinte, invece, anche se non indovina la domenica giusta Spalletti fa punti. Nel calcio si dice: sono segnali. Seconda cartolina da Torino: Mihajlovic...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic. 24.09 - I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.