VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Garcia: alla Roma al posto di Allegri. Suso-Montolivo: il Milan guarda avanti. Viola e Napoli: le cessioni sono finite. Conte: Palermo, Belotti merita la chiamata. Mazzarri e Sarri fuochi d'artificio

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
27.09.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 31348 volte
Garcia: alla Roma al posto di Allegri. Suso-Montolivo: il Milan guarda avanti. Viola e Napoli: le cessioni sono finite. Conte: Palermo, Belotti merita la chiamata. Mazzarri e Sarri fuochi d'artificio

Chi ha osservato il siparietto fra Massimiliano Allegri e Rudi Garcia al termine delle partite di mercoledì, erano collegati in simultanea dagli spogliatoi delle rispettive partite, non può non aver pensato all'estate 2013. Non una vita fa, in fondo stiamo parlando di una quindicina di mesi orsono. Beh, è presto detto: se Allegri non fosse stato fedele alla "preghiera" di Adriano Galliani di non lasciare il Milan prima del playoff da 30 milioni di euro con il PSV Eindhoven, oggi sarebbe lui l'allenatore della Roma. E alla Juventus ci sarebbe chissà chi. E' un fatto che, per due estati consecutive, lo stesso allenatore, Allegri, è stato cercato dalle due superpotenze del nostro campionato: Roma e Juventus. La Roma lo ha solo sfiorato e ha ripiegato su Garcia. La Juventus, a sorpresa, lo ha messo sotto contratto a Luglio inoltrato. Nel siparietto di cui sopra, era Garcia che cercava la battutina sorridente, che tentava di stanare Allegri. Lo abbiamo trovato eccessivo. Allegri, invece, è rimasto sulle sue, sobrio e rispettoso. La gazzarra dialettica non sarebbe spiaciuta a Garcia. Che se ha bisogno di metterla su quel piano, la Roma non parte benissimo nel lungo duello con i bianconeri...

Prima o poi gli errori sulle palle inattive (zero con Alex in campo) cesseranno. E non si trasformeranno più in palle attive. Quelle dei tifosi...Sarà quello il momento in cui il Milan potrà dedicarsi a sfruttare il suo enorme potenziale offensivo, per nulla intaccato dai topolini che la montagna della malafede partorisce sempre più piccoli e sempre più asfittici. Ma non basterà ancora. Perché il centrocampo ha bisogno dell'arrivano i nostri. Gli infortuni si sono concentrati lì. E quindi si guarda avanti. Capitolo Montolivo. Non è lontano il momento dell'inizio della preparazione per lui. Nessuna pressione sul Capitano e nessuna fretta. Ma la speranza di un Monto in campo dopo la sosta di Novembre non è remotissima. Quindi, Suso. Gli esperti di mercato danno già tutto fatto. Intanto, massimo rispetto. Ma ci permettiamo di eccepire. Con Suso il Milan sembra a buon punto, ma non ha chiuso. E potrebbe arrivare a Gennaio, in caso di accordo con il giocatore, ammesso e non concesso che si raggiunga, solo se il Liverpool convergerà sull'idea di non pagare da Gennaio a Giugno l'ingaggio ad un giocatore sul punto di passare ad un'altra squadra. Siamo nel campo delle probabilità. Speriamo bene in ogni caso, perché Suso sarebbe un bel rinforzo in quella zona del campo.

Fiorentina e Napoli non stanno facendo la voce grossa. La squadra viola ha meno problemi rispetto al Napoli. Problemi di campo e non ambientali. Ma nessuno pensava, dopo 4 giornate, di vedere le due milanesi davanti alla terza e alla quarta forza dello scorso Campionato. Il fatto è che i soldi delle cessioni sono finiti. Una volta reinvestiti i proventi delle cessioni di Jovetic, Ljaijic, Cavani e Lavezzi, i circoli da virtuosi sono diventati viziosi. La Fiorentina si è incartata sulla mancata cessione di Cuadrado. Il Napoli sulla mancata qualificazione ai playoff di Champions League. E' il destino delle squadre italiane che dipendono dalle cessioni, un anno bene e un altro anno meno bene. Inventarsi altro nell'Italia della recessione e della crisi, in cui il calcio è sugli stessi livelli del Paese e non al di sopra come è accaduto per tanti anni, è praticamente impossibile.

Complimenti Palermo. Andrea Belotti è proprio bravo. Chi lo accosta a Casiraghi, chi rivede in lui il Vialli giovane. In ogni caso Antonio Conte è stato compagno di squadra di entrambi. Con tutto il rispetto per Simone Zaza, ci sembra che Andrea Belotti sia una sintesi più corretta, una mediazione più adeguata fra la fame e la fama. Se Zaza incarna la potenza e l'energia di chi ha lottato duro per emergere, Belotti dà la sensazione di avere più colpi e più talento. Per dirla tutta, se Zaza e Balotelli sono un po' agli antipodi, Belotti ci sembra una bella via di mezzo. E crediamo sia giusto che Antonio Conte la esplori fino in fondo, senza arroccarsi sulla sua prima, comunque rispettabile, scelta.

Mazzarri e Sarri. L'avversario cittadino del Milan e l'avversario di martedì del Milan. Mamma mia che prospettive oblique. Mazzarri: poteva essere convalidato l'1-2 di Icardi a Palermo. Ma: sempre a Palermo è stato annullato proprio a Belotti un gol che poteva essere convalidato in maniera altrettanto legittima. E poi: in Inter-Atalanta, il rigore è stato concesso a gioco fermo; Osvaldo si libera di Dramè al momento del gol in maniera più energica (e De Marco aveva ragione, basta pregiudizi su Sport Mediaset!) di quanto aveva fatto Belotti su Nagatomo a Palermo. Non solo: la punizione da cui è nato il gol del 2-0 di Hernanes non c'era, preso netto il pallone. L'elenco non è né livoroso, né doloso. Ci sono stati casi in cui l'Inter è stata obiettivamente penalizzata e sono stati ricordati da tutti. Sacrosanto ricordare anche gli altri di episodi, giusto per scaricare l'indicatore. E Sarri: per un rigore inesistente con il braccio di Bonera attaccatissimo al corpo, ha apostrofato l'arbitro per un secondo giallo mezzo e mezzo, che poteva essere dato ma anche no, su Muntari. Per così poco, il tecnico empolese ha scomodato la secolare sudditanza psicologica del nostro calcio. Forse sapeva, e quindi ha cercato giustamente di approfittarne, che quando c'è il Milan di mezzo se è l'avversario a lamentarsi apriti cielo, se è invece il Milan stesso a segnalare lo sgambetto di Marchisio in area, allora è Menez che cade...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.