HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Calciomercato di Serie A in chiusura: qual è il vostro flop tra le big?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Inter
  Lazio
  Milan

La Giovane Italia
Editoriale

Gattuso ha un alleato inaspettato per conservare il posto: eccolo. Antonio Conte sarebbe pronto, ma… La Juventus si gioca tutto per la Champions: ma se non parte nessuno, i conti rischiano

25.07.2018 00:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 54434 volte

Mai Rino Gattuso avrebbe pensato che al 25 luglio 2018 il suo maggiore alleato per tenersi il posto in panchina sarebbe stato non Marco Fassone, non Massimo Mirabelli, e nemmeno nessuno del consiglio di amministrazione, visto che sono tutti andati.
No, si chiama Roman Abramovich l’uomo che Gattuso deve ringraziare a tutt’oggi se è ancora l’allenatore del Milan. Nessuna mancanza di rispetto verso Ringhio, impossibile da non amare, ma una nuova proprietà ha il diritto di partire con gli uomini che preferisce, e non c’è niente di peggio che iniziare una stagione con un allenatore che non ha il massimo appoggio da parte della società. Non se lo possono permettere i grandi club con fondamenta tecniche solide, figuriamoci quelli che arrivano da stagioni incerte.
Il Milan che ha scelto Ivan Gazidis amministratore delegato dall’Arsenal, Umberto Gandini direttore generale dalla Roma, Leonardo direttore sportivo dal buen retiro, e forse Paolo Maldini come trait d’union con la squadra, il nuovo Milan di Elliott ha scelto Antonio Conte come nuovo allenatore.
E forse è la scelta migliore: per quello che c’è su piazza, ma in fondo a prescindere anche se altri più prestigiosi fossero a disposizione, perché Conte ha quell’istinto assassino per le stagioni da azzannare che si adatta perfettamente a questo Milan né carne né pesce, con vario potenziale inespresso e troppa poca personalità e intensità tattica per poterlo esprimere.
E forse ad Antonio Conte la sfida calzerebbe perfettamente: come nella Juve 2011, nell’Italia 2016, o il Chelsea seguente, Conte ha bisogno di una truppa semi sfiduciata da motivare e con la fame per tornare in alto e la rabbia per tenere la testa bassa.
Ma Roman Abramovich vuole bene a Rino Gattuso: o quantomeno vuole bene al suo conto in banca, guardato a vista dalla plenipotenziaria Marina Granovskaja e sistematicamente dissanguato dai periodici allenatori. E Roman Abramovich non regalerà mai a Conte gli 11 milioni di € che mancano ancora da saldargli (il contratto scadeva nel 2019) solo per fargli un favore e lasciarlo libero di inseguire il suo destino, tanto più che Conte minaccia di adire vie legali per l’esonero a ritiro iniziato.
Così come Conte non rinuncerà allo stipendio dovuto, primo perché provateci voi a rinunciare a 11 milioni, e secondo perché sapete bene come le questioni di orgoglio contino particolarmente per Andonio.
Ma per lui conta ancora di più allenare, per non parlare della sfida impossibile di rovinare la festa all’ex datore di lavoro avvelenato, nell’anno che si preannuncia il più glorioso possibile per la Juventus. E quindi una piccola ragionevole buonuscita dal Chelsea potrebbe girare il chiavistello di Milanello - e fare perdere l’ultimo alleato a Rino Gattuso.

Ma l’anno più glorioso possibile per la Juventus e Andrea Agnelli vuol dire anche eliminare le ultime possibili incognite nella via verso la Champions e verso il Triplete. Per intenderci, Bonucci non sarà più quello di 2 anni fa, ma rimane e a ragione ancora il centrale titolare della Nazionale, con Chiellini, e l’anno scorso la tenuta mentale di Benatia nei pochi momenti decisivi è costata 2 trofei e stava per costare il terzo. Dunque la Champions vale bene un perdono - tanto più che è Bonucci ad aver bussato alla porta, non certo la Juve ad essere andata a cercarlo.
Il Milan lo scambierebbe per soldi con Higuain, offrendo magari più anni di contratto al Pipita ma al 60% dello stipendio. Higuain preferibbe il Chelsea, i proprietari milanisti preferirebbero Morata, ma per ora quelle due piste non si sbloccano, e allora tutto può avvenire. Anche perché la Juve deve dare via Higuain. E non solo: guardando ai conti, dovrebbero partire almeno altri due big (o un big e due di seconda linea, se davvero la Juve è così brava a farsi dare 50 milioni per Rugani).
Perché signori non prendiamoci in giro: è vero che Cristiano Ronaldo fa aumentare fatturato e entrate, ma non esiste credere che un Cristiano si ripaghi da solo, o solo vendendo Higuain, in una società così attenta ai conti come la Juventus.
Poi certo, tutto è possibile: è possibile che Andrea Agnelli abbia deciso di giocarsi il bluff quest’anno, uscire secco dai parametri per poi rientrarci in tromba il prossimo anno ottimizzando la vendita di un altro big magari il cui prezzo è stato alzato dalla vittoria di una Champions. Tutto è possibile.
E in fondo, una Champions val bene un anno vissuto pericolosamente (finanziariamente).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Ancora 48 ore e tutti si affannano: anche chi sembra aver chiuso tutto. 48 ore da vivere con il fiato sospeso... 16.08 - Siamo ormai alle battute finali e tutti si affannano per rifinire la squadra. Il Milan, è naturalmente, la big più attiva visto che per i problemi societari si è potuta muovere concretamente soltanto un paio di settimane fa. Sono arrivati a Milano Castillejo e Laxalt, entrambe operazioni...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Promosse e bocciate del calciomercato a 72 ore dalla fine: Juventus e Inter regine assolute. Segue il Milan. Solo sufficienti Napoli, Roma e Lazio. E in coda, in bocca al lupo all'Udinese, ne ha bisogno... 15.08 - A 72 ore dalla fine del calciomercato, andiamo con il pagellone sospeso della Serie A, con le squadre divise tra promosse, rimandate e bocciate. Ma con una premessa fondamentale: qua non si giudica il conto economico, e nemmeno soltanto gli acquisti. E nemmeno della squadra costruita...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: mercato con (doppia) sorpresa, ma occhio a Nedved... Inter: dopo il settimo (Keita) c'è una certezza. Milan: 2 colpi in 4 giorni, l'impresa di Leonardo. Napoli: il "complesso" di De Laurentiis 14.08 - Ciao. C'è il fuso. Son dall'altra parte del mondo. Al mare. È un posto strano. Qui, per dire, è nuvoloso da 4 giorni. Sapete quando sono arrivato? Quattro giorni fa. Il fuso è devastante. Soprattutto se vuoi stare al passo con le robe del mercato. Per questo metto tanti punti. Almeno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

De Laurentiis, 5 giorni per dare un senso a questo mercato. Milan, sessione intelligente. L’Inter dietro la Juve. Volevate il Commissario? Era meglio Montalbano… 13.08 - Cinque giorni e poi sarà tutto finito. L’assurdità di chiudere il calciomercato il 17 agosto, alle ore 20.00, lascerà tanti cadaveri sulla riva del fiume. Lo scriviamo da mesi, adesso, molti club di serie A iniziano a capire la fesseria di seguire Marotta nell’unica sciocchezza fatta,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il mondo dorato di CR7 e quello sommerso dei Tribunali, dove vige il tutti contro tutti. Tra udienze, sentenze e ricorsi B e C sono in pieno caos. E anche la Serie A non può dirsi tranquilla 12.08 - E' un'estate strana, particolare. Senza dubbio unica quella che tra meno di una settimana - per gli operatori di calciomercato - chiuderà i battenti. Non sono mancate le notizie, né i colpi di scena. Sono stati mesi che hanno riportato una manciata di club italiani a sedere di nuovo...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Ore decisive per il futuro di Modric. Inter, fatta per Keita. Il Milan pronto a chiudere per Bakayoko. Ochoa in pole per il Napoli, occhio anche a Tatarusanu. 11.08 - Luka Modric, l’Inter e il Real Madrid. Sono ore decisive per il futuro del centrocampista croato vice campione del mondo, che vorrebbe andare all’Inter, anche se non è intenzionato ad arrivare ai ferri corti con Florentino Perez. Il numero uno del Real non cede. Anzi in Spagna sono...

EditorialeDI: Luca Serafini

I colpi di Leo, il ruolo di Paolo, il lavoro di Rino: notte prima degli esami 10.08 - Tra una settimana è campionato. Possiamo davvero dire che l’estate è volata, sotto questa cappa di afa con ventate di grande ottimismo. Di meritato sollievo. Mi fanno ridere i censori del ruolo di Paolo Maldini, come se avere una figura di riferimento così autorevole non fosse già...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Modric ancora attesa, Keita si tratta ad oltranza. Bakayoko convinto ora si fa sul serio. Portieri Napoli e quello del Chievo. Ultima settimana... 09.08 - Doveva essere il Modric-day, nel bene o nel male, ma si è trasformato in un altro giorno di attesa. Tutto rinviato a data da destinarsi, forse venerdì, visto che le prossime ore saranno quelle di Cortouis e che Florentino non vorrà togliere la scena al suo portiere con la grana Modric....

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Modric-Inter: è il D-Day. Ecco perché tutti i fattori esterni sono contro l’Inter (diversamente da come erano stati tutti a favore della Juve con Cristiano). Pogba-Barcellona: dipende da Lotito… 08.08 - E’ arrivato il giorno in cui l’Inter saprà se può tornare a sognare l’impossibile, come non le accadeva dai tempi del Triplete. Nonché in cui la Serie A può scoprire se davvero le cose hanno già cominciato a cambiare a livello sistemico, o se il locomotore Juventus tira ancora il...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: in attesa del "miracolo Modric" si punta a Keita! Juve: altro tassello in arrivo al centro. Milan: attenzione, Leonardo ha un segreto... Napoli: 10 giorni per risolvere un equivoco 07.08 - Ciao. Mancano 10 giorni alla chiusura del mercato poi, purtroppo, inizierà il campionato. Il campionato non interessa a nessuno. A tutti interessa il mercato. “Chi arriva?”. “Ne prendiamo due?”. “La pista è calda?”. Queste cose qui. Pochissimi si chiedono “dove giocherà?” o “ha senso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy