HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?
  Barcellona
  Juventus
  Manchester United
  Liverpool
  Manchester City
  Ajax
  Porto
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

Gattuso ha un alleato inaspettato per conservare il posto: eccolo. Antonio Conte sarebbe pronto, ma… La Juventus si gioca tutto per la Champions: ma se non parte nessuno, i conti rischiano

25.07.2018 00:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 54553 volte

Mai Rino Gattuso avrebbe pensato che al 25 luglio 2018 il suo maggiore alleato per tenersi il posto in panchina sarebbe stato non Marco Fassone, non Massimo Mirabelli, e nemmeno nessuno del consiglio di amministrazione, visto che sono tutti andati.
No, si chiama Roman Abramovich l’uomo che Gattuso deve ringraziare a tutt’oggi se è ancora l’allenatore del Milan. Nessuna mancanza di rispetto verso Ringhio, impossibile da non amare, ma una nuova proprietà ha il diritto di partire con gli uomini che preferisce, e non c’è niente di peggio che iniziare una stagione con un allenatore che non ha il massimo appoggio da parte della società. Non se lo possono permettere i grandi club con fondamenta tecniche solide, figuriamoci quelli che arrivano da stagioni incerte.
Il Milan che ha scelto Ivan Gazidis amministratore delegato dall’Arsenal, Umberto Gandini direttore generale dalla Roma, Leonardo direttore sportivo dal buen retiro, e forse Paolo Maldini come trait d’union con la squadra, il nuovo Milan di Elliott ha scelto Antonio Conte come nuovo allenatore.
E forse è la scelta migliore: per quello che c’è su piazza, ma in fondo a prescindere anche se altri più prestigiosi fossero a disposizione, perché Conte ha quell’istinto assassino per le stagioni da azzannare che si adatta perfettamente a questo Milan né carne né pesce, con vario potenziale inespresso e troppa poca personalità e intensità tattica per poterlo esprimere.
E forse ad Antonio Conte la sfida calzerebbe perfettamente: come nella Juve 2011, nell’Italia 2016, o il Chelsea seguente, Conte ha bisogno di una truppa semi sfiduciata da motivare e con la fame per tornare in alto e la rabbia per tenere la testa bassa.
Ma Roman Abramovich vuole bene a Rino Gattuso: o quantomeno vuole bene al suo conto in banca, guardato a vista dalla plenipotenziaria Marina Granovskaja e sistematicamente dissanguato dai periodici allenatori. E Roman Abramovich non regalerà mai a Conte gli 11 milioni di € che mancano ancora da saldargli (il contratto scadeva nel 2019) solo per fargli un favore e lasciarlo libero di inseguire il suo destino, tanto più che Conte minaccia di adire vie legali per l’esonero a ritiro iniziato.
Così come Conte non rinuncerà allo stipendio dovuto, primo perché provateci voi a rinunciare a 11 milioni, e secondo perché sapete bene come le questioni di orgoglio contino particolarmente per Andonio.
Ma per lui conta ancora di più allenare, per non parlare della sfida impossibile di rovinare la festa all’ex datore di lavoro avvelenato, nell’anno che si preannuncia il più glorioso possibile per la Juventus. E quindi una piccola ragionevole buonuscita dal Chelsea potrebbe girare il chiavistello di Milanello - e fare perdere l’ultimo alleato a Rino Gattuso.

Ma l’anno più glorioso possibile per la Juventus e Andrea Agnelli vuol dire anche eliminare le ultime possibili incognite nella via verso la Champions e verso il Triplete. Per intenderci, Bonucci non sarà più quello di 2 anni fa, ma rimane e a ragione ancora il centrale titolare della Nazionale, con Chiellini, e l’anno scorso la tenuta mentale di Benatia nei pochi momenti decisivi è costata 2 trofei e stava per costare il terzo. Dunque la Champions vale bene un perdono - tanto più che è Bonucci ad aver bussato alla porta, non certo la Juve ad essere andata a cercarlo.
Il Milan lo scambierebbe per soldi con Higuain, offrendo magari più anni di contratto al Pipita ma al 60% dello stipendio. Higuain preferibbe il Chelsea, i proprietari milanisti preferirebbero Morata, ma per ora quelle due piste non si sbloccano, e allora tutto può avvenire. Anche perché la Juve deve dare via Higuain. E non solo: guardando ai conti, dovrebbero partire almeno altri due big (o un big e due di seconda linea, se davvero la Juve è così brava a farsi dare 50 milioni per Rugani).
Perché signori non prendiamoci in giro: è vero che Cristiano Ronaldo fa aumentare fatturato e entrate, ma non esiste credere che un Cristiano si ripaghi da solo, o solo vendendo Higuain, in una società così attenta ai conti come la Juventus.
Poi certo, tutto è possibile: è possibile che Andrea Agnelli abbia deciso di giocarsi il bluff quest’anno, uscire secco dai parametri per poi rientrarci in tromba il prossimo anno ottimizzando la vendita di un altro big magari il cui prezzo è stato alzato dalla vittoria di una Champions. Tutto è possibile.
E in fondo, una Champions val bene un anno vissuto pericolosamente (finanziariamente).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Inter, Politano sarà riscattato, c’è anche l’idea Bergwjin. Roma, per la panchina il favorito è Sarri. Senza Champions Under e Manolas potrebbero partire. Napoli, riflettori accesi su Lazzari, ma piace anche Lazaro dell’Hertha Berlino 23.03 - La sosta ci riporta inevitabilmente a parlare di mercato. Le grandi manovre stanno cominciando. L’Inter ha in mente di fare molte operazioni. È chiaro che tanto dipenderà anche dalle uscite. In attacco Politano verrà sicuramente riscattato dal Sassuolo. Perisic potrebbe invece partire....

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

La Juve prova il grande colpo: Salah in cambio di Dybala. Paratici ha in mano Chiesa e Zaniolo. Una cena col romanista. Marotta punta Andrè Gomes. Icardi accordo per l’addio. Veretout al Napoli 22.03 - In Inghilterra svelano una nuova, clamorosa pista del mercato della Juventus: i bianconeri hanno offerto Dybala al Liverpool per avere Salah. L’indiscrezione è forte, ma anche consistente e ci conferma che l’estate prossima la Juventus farà grandi cose, soprattutto ha in cantiere...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Icardi-Inter: telenovela finita? E un altro cambio in panchina: le difficoltà di un progetto 21.03 - Potremmo essere arrivati alla fine. Sicuramente alla fine delle cure. Icardi scende dal lettino delle cure fisioterapiche al ginocchio (day35) e dovrebbe essere guarito. Si allenerà con il gruppo, salvo sorprese. Si allenerà in realtà con quello che rimane del gruppo visto che molti...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Dybala ha detto no all’Inter! Ecco i dettagli. La Juventus può perderlo, ma ecco le squadre in Premier per Paulo. Real Madrid insiste per Icardi, e venerdì è lcardi-day: quello che succederà, da cui dipende il futuro 20.03 - Essere interista non è mai normale, come recita lo stesso inno nerazzurro. E così può capitare che al giovedì ti umilino in casa in Europa League, e poi alla domenica tu giochi uno dei derby più gagliardi degli ultimi anni e in una delle condizioni più difficili. Allo stesso modo,...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve vs. Uefa: la decisone su Ronaldo (e quella già presa a prescindere). Inter: i 5 segreti di una battaglia vinta col cuore (e l'incontro pre-derby di Icardi). Milan: su Gattuso il solito banco degli imputati (con un’incredibile compagnia) 19.03 - Complimenti per la trasmissione. La differenza tra la pausa per la nazionale e la pausa per la nazionale dopo una vittoria è che ti rompi le balle lo stesso, ma con una bella faccia di tolla stampata sul volto. Il qui scrivente c’ha la faccia di tolla, perché temeva di essere suonato...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Le scuse ad Allegri e le scuse di Spalletti: trova la differenza. Napoli, la strada per essere grande si fa in salita. Bologna, Sinisa ha smontato la testa. Gravina-Brunelli-De Siervo, asse contro Di Maio che vuole far perdere al calcio 2 miliardi 18.03 - La Toscana non è uguale in tutte le sue città. Firenze non è Livorno, Siena non è Pisa e Forte dei Marmi non è Grosseto. Ognuna di queste ha le sue bellezze. Anche i toscani sono diversi tra di loro. Ci sono quelli simpatici che fanno ridere e quelli che vogliono fare i simpatici...

Editoriale DI: Marco Conterio

Il Mondo capovolto: la Juve clamorosamente tra le grandi favorite Champions. Ajax, talenti e delusioni cocenti. Messi o Cristiano Ronaldo? Lo scontro possibile e il derby di oggi. Tutto di un altro pianeta 17.03 - Adesso che il cerchio si stringe, su Tuttomercatoweb.com abbiamo aperto il sondaggio che di per se ha poco d'originale, tanto di banale ma che ha il gran dubbio della risposta finale. "Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?". Otto opzioni, di fatto i lettori ne stanno votando,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli: Insigne, Koulibaly e Allan restano. Per il centrocampo c’è Fornals, in attacco Lozano prima scelta. Per il futuro di Allegri bisogna aspettare ancora, Conte e Deschamps nomi da monitorare. Il Real ripensa a Milinkovic Savic 16.03 - I motori si stanno scaldando. La Primavera in arrivo sta accendendo il mercato. Il Napoli è sempre molto attivo. Ancelotti e la società sono convinti di poter crescere ancora e per questo l’obiettivo è tenere tutti i big. Non c’è alcuna volontà di prendere in considerazione offerte...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter fuori dall’Europa paga caro il caso-Icardi. Un capitano vero avrebbe giocato. Zhang furioso lo vuole sul mercato. Derby ad alto rischio. Spalletti via, Conte ha chiesto tempo. Il caso Mourinho. 15.03 - L’Europa League era uno degli obiettivi stagionali, ora per non fallire completamente la stagione, all’Inter non resta che la caccia alla Champions, con il Derby alle porte, in un momento complicatissimo. Questa situazione drammatica è il frutto amaro del caso Icardi che da oltre...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Una Champions da sballo e il dominio inglese. L’orgoglio italiano di Napoli e Inter e la rivoluzione in casa Real 14.03 - Ora abbiamo le favolose 8 d’Europa. E nei giorni in cui si discute tantissimo della Brexit, le squadre della Premier danno un chiaro indirizzo: in Champions vogliono dettare loro la legge. L’ultima volta che si era verificato un evento del genere era esattamente 10 anni fa: Arsenal,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510