HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi tra le italiane passerà il girone di Champions League?
  Tutte
  Juventus, Inter e Roma
  Juventus, Inter e Napoli
  Juventus, Napoli e Roma
  Inter, Napoli e Roma
  Juventus e Roma
  Juventus e Inter
  Juventus e Napoli
  Inter e Roma
  Inter e Napoli
  Roma e Napoli
  Solo la Juventus
  Solo la Roma
  Solo l'Inter
  Solo il Napoli
  Nessuna

La Giovane Italia
Editoriale

Gattuso: il Milan dice la verità. Mazzarri: infierire est diabolicum. Sarri: su Ghoulam si gioca lo Scudetto. Mancini: la Nazionale la vuole davvero

10.02.2018 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 10495 volte

Gattuso non si conta. Gattuso si pesa. Senza sapere quanto dureranno e a dove porteranno i miglioramenti della squadra in campionato, senza sapere se il Milan andrà in finale di coppa Italia e senza sapere se supererà zero, uno o più turni di Europa League, Rino ha già convinto. Per la passione nel suo lavoro, per la sintonia con il suo gruppo e per le idee del suo calcio. Le parole che la società spende nei suoi confronti, non sono di circostanza. E non sono nemmeno coniate per tener buono Gattuso. A parte che la sua squadra è in un buon momento per cui non c'è bisogno di coprirlo o tutelarlo, ma non si tiene buono uno che ha sempre detto di voler essere l'ultimo dei problemi e di essere a disposizione di qualsiasi decisione della società. Le parole di Massimiliano Mirabelli in settimana non vanno minimizzate o sottovalutate. Così come si sono rivelate vere (ricordate?) quando parlava dell'esistenza di un tempo limite per un allenatore, sono vere anche adesso quando parla di un Gattuso che merita di restare al Milan per dieci anni. Quindi anche l'anno prossimo. Ne riparleremo.

Quelle due giornate a Mazzarri gridavano obiettivamente vendetta. La Juventus è straforte ed è favorita lo stesso per il derby, la presenza o meno di Mazzarri in panchina non è che sposti gli equilibri. Ma almeno si è sgomberato il campo da una prepotenza, proprio per questo inutile. Quante volte si sono visti allenatori, anche delle grandi squadre, imprecare a più non posso ed essere o multati o al massimo diffidati pochi giorni dopo dal giudice sportivo. Mazzarri e il Toro no, due giornate. Ma perchè il Torino, al cospetto della Juventus, "deve" sempre finire sotto? Dall'espulsione di Acquah al fallo di Khedira, tanto per citare gli ultimi episodi, il florilegio è diventato davvero crudele. Insistito, cattivo. E non raccontateci per piacere che il dimezzamento della squalifica è una soluzione all'italiana. Se è vero come vero che l'arbitro ha sbagliato a non intervenire per la testata subita da De Silvestri, si può ammettere che anche se ha ecceduto nelle proteste, Mazzarri ha protestato per un errore sacrosanto ai suoi danni? O il pre, il durante e il post di un derby per il Torino deve essere per forza il massimo della pena?

A ridosso del primo grave infortunio di Ghoulam, il Napoli è stato eliminato dalla Champions League, ha pareggiato con il Chievo, ha vinto con il Milan anche grazie ad un gol in fuorigioco di Insigne, ha perso con la Juventus. C'è stato quindi un contraccolpo. Come la mettiamo con il secondo? Con il brutto ko ai danni del fortissimo e sfortunatissimo giocatore azzurro perso definitivamente per tutta la stagione, sarà un Napoli ancora da corsa? Il mercato delle incompiute, delle polemiche e delle recriminazioni del Napoli rischia a questo punto di pesare ancor di più sulle spalle della squadra partenopea. Sarri ha ragione quando dice che il calcio italiano è vittima degli eccessi del mercato e dell'eccessiva importanza che si dà al mercato. Ma è  sbagliata anche l'assenza totale del mercato. Affidarsi soprattutto e forse solo alle idee è cosa buona e giusta quando si plasma, quando si costruisce. Non nella stagione dell'oggi o mai più. Quando bisogna vincere, bisogna fare di tutto per vincere. A gennaio bisognava puntare meno fiches sul  recupero dei big e andare sul mercato non da squadra da vorrei ma non posso, non da squadra di metà classifica, ma da capolista. Al  mercato non si va con le freccette o le frecciatine, si va tosti e duri per rafforzare il primato. Il Napoli non lo ha fatto e l'onda d'urto del nuovo stop del buon Ghoulam rischia adesso di costare cara.

Tra i big che hanno allenato grandi squadre all'estero e che fanno parte della fascia più alta in Europa a livello di ingaggi, Roberto Mancini è quello che sta dimostrando di volerla di più la Nazionale azzurra. La voleva già dopo Conte, ma vecchi contenziosi con Lotito lo hanno impedito. Ancelotti e Conte in questo momento non stanno sgomitando per la panchina azzurra, la stanno occhieggiando, la tengono un po' a bagnomaria, ma non la puntano con ferocia. Quello che invece la vuole e la sogna è proprio Mancini. Che spera di togliersi sulla panchina quelle soddisfazioni azzurre che il campo gli ha sempre negato. Dovrà essere meno divisivo, più lucido e più ispirato delle sue precedenti esperienze italiane da allenatore, ma la grinta e la continuità con cui sta inseguendo la patente di Ct depongono a suo favore. Se sarà Mancini, sarà un passo sensato e coerente. Anche per togliere la Nazionale quattro volte campione del mondo dall'angolo: lei insegue tutti e nessuno se la piglia. No, il Mancio la vuole. E così sia.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

L’Inter ha il cuore, ma la testa? Ecco l’errore più grosso che sembra non vedere. Le ragioni per cui la Juventus è la favorita per la Champions. Il Napoli può aver già compromesso la qualificazione. Mentre per la Roma a Madrid è facile 19.09 - Forse il Tottenham aveva creduto di vincerla. E forse poteva anche avere ragione. Ma aveva sottovalutato un aspetto: mai dare per finito chi ha mangiato merda per 7 anni, ed adesso è disperato per uscire dalla sua condizione. Eppure, a prescindente dalla folle rimonta, l’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve e Douglas: il suo errore e quello "degli altri". Inter: ecco chi ha fretta di seppellire i nerazzurri. Milan: la ricetta di Gattuso (in barba alle "ombre"). Ridateci il Var, per carità. E su Barella... 18.09 - L’ombra di Conte. L’ombra di Conte è devastante. È su tutti. Su Spalletti. Su Gattuso. Su Di Francesco. Ma anche su di te. Al lavoro sei stato rimbrottato? C’è l’ombra di Conte. La tua ragazza ultimamente ti tratta male? Pensaci, potrebbe essere l’ombra di Conte. Sei pallido? Per...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Si scrive Inter, si legge crisi. Ronaldo e il gol: adesso via ai titoloni. Allarme Roma mentre Gattuso deve prendere una decisione 17.09 - Parlare di crisi dopo 4 giornate è prematuro. Non si possono lanciare allarmi e non si possono fare funerali ad uno che ha solo il raffreddore. Se è vero che abbiamo forzato un pò la mano per il titolo è altrettanto vero che l'Inter non ha solo il raffreddore ma la diagnosi è piuttosto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il Var così è inutile, parte seconda. Ci hanno rotto il calcio: è tutto più che ridicolo. E il campionato sembra già finito 16.09 - In due settimane di pausa si sono sviluppati tre macrotemi: la Nazionale, il campionato dei tribunali e quello che sembra già finito, cioè la A, perché provate a pensare quando si sbloccherà Cristiano Ronaldo. Ieri si è aggiunto in maniera prepotente, ma in realtà è così dalla prima...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter ancora Modric nel mirino e si lavora per il rinnovo di Skriniar, Juve occhi su Marcelo, il Napoli vuole blindare Milik. Milan, oltre Rabiot piacciono Paquetà e Paredes 15.09 - Siamo appena a metà settembre eppure gennaio sembra così vicino, perché il mercato è sempre in movimento. E allora parto dall’Inter che ha cullato per alcuni giorni il sogno Modric. Il no netto di Florentino Perez ha chiuso ogni possibilità, ma ancora il rinnovo con il Real Madrid...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Dybala al Real, Pogba alla Juve, Griezmann allo United: si prepara un grande giro forse già a gennaio. Molto dipende da Zidane. E l’Inter non molla Modric. Sta per finire lo strapotere dei procuratori. Stop ai prestiti selvaggi 14.09 - Visto che il mercato non si ferma mai, le ultime che arrivano soprattutto dalla Spagna vale davvero la pena di cercare di intercettarle e valutarle. Da tempo i giornali spagnoli parlano di Dybala al Real, l’estate scorsa ci furono anche annunci ufficiali con relative smentite. Che...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il mercato internazionale ai raggi X: l'Italia spende e gli affari sono sempre fra i soliti... 13.09 - La FIFA ha fatto la fotografia del mercato internazionale. Ovvero dei trasferimenti provenienti dalle federazioni estere. Un lavoro complesso, reso possibile dal TMS (il Transfer Matching Sistem): quindi non si tratta di proiezioni o di valutazioni, ma di dati certi. Sono dati aggregato...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Cristiano Ronaldo ha distrutto la Spagna e il suo Mondiale dal di dentro, e Allegri lo ha aiutato. Ecco come. Mancini poteva avere ragione, ma c’è un particolare fondamentale che lui e la Figc hanno dimenticato su Euro2020 12.09 - E’ stato un piano perfetto. E noi distratti dal passaggio di Cristiano Ronaldo alla Juventus. Altroché. Diabolico CR7, che arrivando ai Mondiali con il Portogallo campione d’Europa, e avendo nel proprio gruppo la Spagna, ha usato tutte le armi per farla fuori, anche se non è bastato...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Italia: un anno senza vittorie (ma non diamo la colpa agli stranieri). In arrivo la quarta giornata, ma c’è già chi parla “del mercato di gennaio” (pietà…). Inter: per il rinnovo di Icardi… non c’è fretta 11.09 - Siamo in piena pausa per la Nazionale. Ma il peggio è passato. Da oggi smetteremo di far finta che ce ne freghi qualcosa della Nations League (“La Nations League è importante!”) e torneremo a creare nuovi casi mediatici: perché Ronaldo non ha segnato durante la pausa? (“perché è bollito!”)....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Raiola, Sacchi ha fatto la storia, tu i soldi in Italia e vivi nel Principato. Rischio concreto di un campionato a senso unico. Sentenza B tra oggi e domani: una macchia eterna in un sistema che salva solo Gravina e Sibilia 10.09 - Volevo ringraziare pubblicamente Mino Raiola. Non sapevo proprio cosa scrivere questo lunedì, in assenza di notizie, campionato e mercato. Ho ragionato per giorni ma cose originali e sensate non me ne venivano in mente. Poi leggo le dichiarazioni di Mino e lo ringrazio perché anche...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy