HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

Gattuso: il Milan dice la verità. Mazzarri: infierire est diabolicum. Sarri: su Ghoulam si gioca lo Scudetto. Mancini: la Nazionale la vuole davvero

10.02.2018 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 10524 volte

Gattuso non si conta. Gattuso si pesa. Senza sapere quanto dureranno e a dove porteranno i miglioramenti della squadra in campionato, senza sapere se il Milan andrà in finale di coppa Italia e senza sapere se supererà zero, uno o più turni di Europa League, Rino ha già convinto. Per la passione nel suo lavoro, per la sintonia con il suo gruppo e per le idee del suo calcio. Le parole che la società spende nei suoi confronti, non sono di circostanza. E non sono nemmeno coniate per tener buono Gattuso. A parte che la sua squadra è in un buon momento per cui non c'è bisogno di coprirlo o tutelarlo, ma non si tiene buono uno che ha sempre detto di voler essere l'ultimo dei problemi e di essere a disposizione di qualsiasi decisione della società. Le parole di Massimiliano Mirabelli in settimana non vanno minimizzate o sottovalutate. Così come si sono rivelate vere (ricordate?) quando parlava dell'esistenza di un tempo limite per un allenatore, sono vere anche adesso quando parla di un Gattuso che merita di restare al Milan per dieci anni. Quindi anche l'anno prossimo. Ne riparleremo.

Quelle due giornate a Mazzarri gridavano obiettivamente vendetta. La Juventus è straforte ed è favorita lo stesso per il derby, la presenza o meno di Mazzarri in panchina non è che sposti gli equilibri. Ma almeno si è sgomberato il campo da una prepotenza, proprio per questo inutile. Quante volte si sono visti allenatori, anche delle grandi squadre, imprecare a più non posso ed essere o multati o al massimo diffidati pochi giorni dopo dal giudice sportivo. Mazzarri e il Toro no, due giornate. Ma perchè il Torino, al cospetto della Juventus, "deve" sempre finire sotto? Dall'espulsione di Acquah al fallo di Khedira, tanto per citare gli ultimi episodi, il florilegio è diventato davvero crudele. Insistito, cattivo. E non raccontateci per piacere che il dimezzamento della squalifica è una soluzione all'italiana. Se è vero come vero che l'arbitro ha sbagliato a non intervenire per la testata subita da De Silvestri, si può ammettere che anche se ha ecceduto nelle proteste, Mazzarri ha protestato per un errore sacrosanto ai suoi danni? O il pre, il durante e il post di un derby per il Torino deve essere per forza il massimo della pena?

A ridosso del primo grave infortunio di Ghoulam, il Napoli è stato eliminato dalla Champions League, ha pareggiato con il Chievo, ha vinto con il Milan anche grazie ad un gol in fuorigioco di Insigne, ha perso con la Juventus. C'è stato quindi un contraccolpo. Come la mettiamo con il secondo? Con il brutto ko ai danni del fortissimo e sfortunatissimo giocatore azzurro perso definitivamente per tutta la stagione, sarà un Napoli ancora da corsa? Il mercato delle incompiute, delle polemiche e delle recriminazioni del Napoli rischia a questo punto di pesare ancor di più sulle spalle della squadra partenopea. Sarri ha ragione quando dice che il calcio italiano è vittima degli eccessi del mercato e dell'eccessiva importanza che si dà al mercato. Ma è  sbagliata anche l'assenza totale del mercato. Affidarsi soprattutto e forse solo alle idee è cosa buona e giusta quando si plasma, quando si costruisce. Non nella stagione dell'oggi o mai più. Quando bisogna vincere, bisogna fare di tutto per vincere. A gennaio bisognava puntare meno fiches sul  recupero dei big e andare sul mercato non da squadra da vorrei ma non posso, non da squadra di metà classifica, ma da capolista. Al  mercato non si va con le freccette o le frecciatine, si va tosti e duri per rafforzare il primato. Il Napoli non lo ha fatto e l'onda d'urto del nuovo stop del buon Ghoulam rischia adesso di costare cara.

Tra i big che hanno allenato grandi squadre all'estero e che fanno parte della fascia più alta in Europa a livello di ingaggi, Roberto Mancini è quello che sta dimostrando di volerla di più la Nazionale azzurra. La voleva già dopo Conte, ma vecchi contenziosi con Lotito lo hanno impedito. Ancelotti e Conte in questo momento non stanno sgomitando per la panchina azzurra, la stanno occhieggiando, la tengono un po' a bagnomaria, ma non la puntano con ferocia. Quello che invece la vuole e la sogna è proprio Mancini. Che spera di togliersi sulla panchina quelle soddisfazioni azzurre che il campo gli ha sempre negato. Dovrà essere meno divisivo, più lucido e più ispirato delle sue precedenti esperienze italiane da allenatore, ma la grinta e la continuità con cui sta inseguendo la patente di Ct depongono a suo favore. Se sarà Mancini, sarà un passo sensato e coerente. Anche per togliere la Nazionale quattro volte campione del mondo dall'angolo: lei insegue tutti e nessuno se la piglia. No, il Mancio la vuole. E così sia.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Spalletti il grande imputato: il limite di carattere dell’Inter dell’ultimo mese rispecchia il valore della squadra o i limiti del tecnico? Napoli a testa alta, pagato solo il rodaggio iniziale di Ancelotti.Europa League: perché fa per il Napoli 12.12 - Cos’è peggio nella vita: un due di picche, o rimanere con il dubbio che sarebbe potuta andare bene se ci avessi provato? L’Inter esce dalla Champions manco fosse un adolescente impacciato, che si intreccia le mani mentre cerca in tasca il coraggio per rivolgere la parola alla ragazzina...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incredibile "fame" bianconera e un solo dubbio. Inter: su Spalletti bisogna darsi una regolata. Milan: altalena Gattuso, da "inadatto" a "mister modello". Tutte le rogne del Var... 04.12 - Il problema del Var che fa incazzare tutti come delle bestie (giustamente) è un non-problema, nel senso che non dipende mica dal Var. Prendersela col Var è come prendersela col semaforo che “questo rosso dura troppo! Maledetto!”. Oh, mica lo decide lui. Ecco, qui la questione...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

La Juventus non ammazza il campionato ma tutto il sistema. L'inutilità del Var. Milan, serve la svolta a gennaio. Serie B e C, quando le decisioni? 03.12 - Non è un discorso di essere tifosi della Juventus oppure no. Quelli che leggerete sono solo complimenti verso la società, i tifosi, la squadra, Allegri, i magazzinieri, la segreteria, l'ufficio stampa e l'autista della Juventus. Però il problema non è la Juve, il vero problema è che...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->