VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Genova protagonista, gli attaccanti (tutti) ancora di più. Scenari e trattative, incastri e strategie

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
22.01.2015 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 39229 volte
© foto di Federico De Luca

Ancora le genovesi protagoniste del mercato. Ma ora il tempo comincia a stringere anche per le altre.
Per un giorno non è stato l'Hilton o il Principe di Savoia l'albergo intorno al quale gravitava il mercato, ma il Visconti. Sempre a Milano, zona corso Lodi.
Da sempre il quartier generale di Walter Sabatini, ieri casa Samp. Di tutta la Samp. Dei nuovi (Muriel si è incontrato lì per firmare finalmente il contratto ), del presidente e naturalmente della squadra (visto che avrebbe giocato con l'Inter di lì a poche ore). Insomma c'erano davvero tutti. Ma andiamo per ordine.
Firma di Muriel, e trattativa ad oltranza per Eto'o. Ma cosa è successo veramente con il camerunese? Ferrero prima dice 50 e 50, poi dice che basta poco. La verità? La verità è che bisogna aver pazienza. Intanto l'Everton non ha un attaccante con cui sostituire Eto'o, poi non gli è piaciuta la trattativa mediatica, e inoltre ci sono alcune pendenze fra gli inglesi e Samuel. Ci vogliono un po' di giorni, ma Eto'o vuole tornare in Italia e ha scelto. Questa è la forza dei blucerchiati. Che nel frattempo sempre al Visconi hanno abbracciato Frison e praticamente "ricomprato" Okaka, con cui tutto è rientrato.
In campo la Samp non ce l'ha fatta. Icardi ancora una volta protagonista: gol e rigore sbagliato, sempre nel vivo dell'azione. E sempre nel vivo dell'Inter, anche nelle intenzioni. Incontro con gli agenti: è andato abbastanza bene, soprattutto per essere il primo. Ce ne saranno altri, ma sicuramente cordiali. Il nodo potrebbe essere sulla gestione dei diritti di immagine, ma tutto sommato le parti non sono divise da un abisso. Insomma c'è margine per continuare a parlarsi serenamente. Anche se molto potrebbe dipendere dal piazzamento dell'Inter a fine campionato. Osvaldo invece nell'Inter non c'è più: sospeso, dopo che per due giorni ad Appiano Gentile non si è fatto vedere. Lui vorrebbe trasferirsi in un grande club: Juve, Milan, Fiorentina. Anche Boca. Bisogna capire chi lo andrà a chiedere da qui a fine mercato. Osvaldo sa aspettare, devono nascere le condizioni. E potrebbero nascere per ognuna delle squadre nominate.
Intanto al Visconti arriva la Roma con Walter Sabatini. E dentro c'è il Cagliari. Vi avevamo detto che era una giornata interessante no? E infatti si parla fitto. Di sicuro di Nainggolan e Astori. I due giocatori che la Roma deve riscattare dal Cagliari. Si prendono i discorsi da lontano, ma prima o poi deve arrivare un accordo. Le grandi manovre sono iniziate, ballano molti milioni di euro. Che magari possono servire al Cagliari per tentare l'assalto alla punta: Gilardino o Pavoletti.
Su Gila c'è anche il Parma che preme, su Pavoletti è il Sassuolo che tentenna. Perché la vicenda attaccanti sfiora anche Sassuolo. Come? Semplice, anche se lungo. Giovinco con l'accordo con il Toronto ora potrebbe incontrare la Juve per capire come gestire il futuro. Si libera prima? Come? E allora se va via a Torino c'è bisogno di una punta. Osvaldo nella lista (come detto), Pazzini nella lista, Zaza nella lista. E se Zaza va a Torino (ma attenzione: il Sassuolo non è proprio d'accordo e anche Zaza a quanto sappiamo magari preferirebbe finire l'anno in Emilia) a Sassuolo o prendono un altro attaccante oppure non cedono nessuno. Né Floccari (chiesto anche dal Bologna), né appunto Pavoletti. E se tante volte la Juve decidesse di "buttarsi" su Pazzini, ecco che potrebbero aprirsi le porte di Milanello per Osvaldo. Naturalmente molto dipende anche dalla volontà degli attaccanti. Bisogna essere accorti, attenti. Saper cogliere le sfumature. E soprattutto non perdere la concentrazione, in questi ultimi giorni di mercato.
A proposito di attaccanti. C'è anche Borriello. Lui twitta dicendo che non l'ha cercato nessuno. Ma al Genoa interessa eccome. Forse interessava, perché Niang ha colpito Gasperini, potrebbe metterlo come prima punta, in attesa di Matri. E così non ci sarebbe un bisogno impellente di Borriello. Che se arriva però è il ben accetto: ma a questo punto la danza la conduce Preziosi. Meglio concentrarsi sulla difesa: piacciono Feddal (del Parma, ma ora al Palermo) magari in uno scambio con De Maio (che nel frattempo interessa molto all'Anderlecht) e Moisander dell'Ajax (sul quale c'è anche la Samp, soprattutto se dovesse cedere Gastaldello al Bologna). Ah a proposito di difensori centrali: la Lazio ha chiuso Mauricio (prestito con diritto di riscatto dallo Sporting Lisbona) e ha fatto firmare il contratto a Hoedt: ora la palla passa all'AZ. Se vogliono essere pagati 1 milione di euro per questi sei mesi bene, altrimenti il giocatore arriverà lo stesso.
Il Genoa non finisce qui: cerca un vice Antonelli. E allora offerta fatta per Benito (del Benfica, l'acchiappa-faine): prestito per 18 mesi a 500 e diritto di riscatto a 5. Oppure la pista Mbaye che può giocare sia come terzino che come difensore centrale a 3. Attenzione perché però il giocatore dell'Inter interessa anche a Cesena e Bologna (che spinge molto).
Siamo rimasti indietro con il centrocampista dell'Inter. Per Suarez la pista sembra essere più in salita, dopo le dichiarazioni del presidente dell'Atletico. Su Diarra si attende a ore la risposta della Fifa sulla vertenza contro la Lokomotiv. Ed eravamo rimasti indietro pure sul Visconi e sulle mosse della Roma: Sabatini a Milano non si è visto solo con il Cagliari ma anche con gli emissari della vicenda Salah. Il giocatore interessa eccome e si è deciso di correggere il tiro, magari alzando l'offerta economica. Nelle prossime ore conosceremo la posizione del Chelsea. Che a Cuadrado è interessata eccome. Anche se per il momento tentativi ufficiali con la Fiorentina non ne sono stati fatti.
E il Milan? Intanto la trattativa per Douglas si arena: nulla da fare per questo giocatore. Rimane vivo Siqueira e Pasqual. Essien ha ricevuto un'offerta da Dallas, ma per il momento non è affatto convincente. Ma ora, sinceramente, i problemi del Milan non son di mercato.
A Udine invece pensano a Hugo Almeida, a Torino hanno rescisso il contratto con Ruben Perez che torna a Madrid, a Verona sponda Hellas hanno ufficializzato l'arrivo di Fernandiho e sono su Neto (ex Siena, ora allo Zenit), sponda Chievo hanno invece presentato Chistiansen. A Sassuolo seguono Sbrissa (1996, del Vicenza) e a proposito di B. Intanto a Bologna è arrivato di nuovo Di Vaio, con incarico dirigenziale e continuano la trattativa con la Samp per Gastaldello e Krsticic, più quella con Boakye e l'Atalanta. Il Catania continua la sua rivoluzione: ufficiale Ceccarelli, presi anche Sciaudone e Mazzotta. Il Bari vorrebbe prendere Di Cesare dal Brescia, lo Spezia prova per Cascione del Cesena e per Terzi del Palermo, il Trapani Milanovic, sempre del Palermo. Non sarà magari tutto, ma è tanto!


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.