VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Già fallita la moviola, rispettiamo gli arbitri. Juve ora tratta per Witsel, N'Zonzi stallo. Caldara e Gagliardini non subito. Inter, il regista per Pioli. Gabigol, 30 milioni buttati

16.12.2016 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 32059 volte
© foto di Federico De Luca

Con buona pace di Biscardi, ho sempre pensato che la moviola sia un aggeggio da manovrare con cura. Quelli che pensano di risolvere tutto con la televisione e vorrebbero ridurre il calcio a una scienza esatta, non hanno capito l’essenza di questo sport o non gli vogliono bene. I primi due interventi della Var ai mondiali per club sono stati disastrosi. L’arbitro con la moviola ha fatto peggio dell’arbitro in campo, è riuscito a confondere le acque e a turbare le partite. Cosa diranno i soliti noti? Si comprano anche la moviola? Più semplicemente l’aggeggio deve essere testato molto bene, gli esperimenti dovranno dare delle certezze. Soprattutto viene rivalutata la figura dell’arbitro che deve rimanere centrale. Il calcio deve pretendere di avere arbitri più bravi, più preparati e più liberi, ma il calcio non può esistere senza l’autonomia in campo del direttore di gara. Quelli della Fifa dovranno essere bravi a codificare esattamente la sfera di intervento, per me la Var dovrebbe entrare in azione soltanto per i casi eclatanti, per tutti quegli errori evidenti che falsano le partite. Mi viene in mente il gol di Klose in Bayern-Fiorentina con fuorigioco di cinque metri. Ma sarebbe anche l’ora di semplificare la regola del fuorigioco per dare all’arbitro più certezze e meno incertezze. Insomma, i complottisti sono stati serviti in due partite. Spero che la vicenda riesca a far riflettere e a far crescere la cultura sportiva nel nostro paese. Discutere fa bene, è l’essenza del calcio, ma credo sia venuto il momento di cominciare a pensare positivo dieci anni dopo Calciopoli.

Anche la Juventus ha ricominciato a pensare positivo dopo un paio di vittorie, e una bella crescita, ma nessuno si nasconde la mancanza di un centrocampista di un certo tipo, fisico e dinamico allo stesso tempo. Di buono c’è che lo Zenit ha ricominciato a trattare Witsel dopo una chiusura che durava da mesi. I russi ora vogliono dieci milioni, Marotta non si muove dai sei offerti già in estate. Ricordo che il belga può giocare in Champions visto che con lo Zenit ha fatto l’Europa League e che a giugno comunque sarà della Juve a parametro. E proprio in Champions, se Allegri continua a pensare di far giocare assieme Higuain, Mandzukic e Dybala, serve un centrocampo più robusto. La trattativa su Witsel ha raffreddato la pista N’Zonzi. Il giocatore vuole restare a Siviglia per chiudere la stagione, si farà un altro tentativo, ma è dura. E’ vero che c’è la clausola (15 subito, 15 fra un anno) ma senza l’ok del giocatore l’operazione non si può fare. Ovvio. Questo dimostra però che la Juve vuole spendere, si cercherà fino all’ultimo anche un secondo centrocampista e i nomi sono i soliti meno Kessie. Un mese fa, come avevamo scritto, Marotta ha fatto un’offerta per prendere i tre baby d’oro dell’Atalanta, ma i nerazzurri hanno preferito spacchettare visto che l’Everton è pronto a sborsare 25 milioni solo per Kessie. L’accordo si sta per chiudere per Caldara e Gagliardini che resteranno un altro anno a Bergamo, come successe con Rugani e l’Empoli.

La società che dovrebbe fare di più sul mercato, però è l’Inter. Pioli ha chiesto la cessione di 4-5 giocatori in esubero, in particolare quelli che soffrono per non giocare e portano negatività. Parlo di Jovetic, Kondogbia, Melo, Gnoukouri, ma è in bilico anche la posizione di Banega. L’allenatore vuole un regista e nonostante le difficoltà e il silenzio, c’è sempre la speranza di portare prendere Biglia. Fari accesi anche su Badelj, dichiarato incedibile dalla Fiorentina, ma un’offerta da 15 milioni potrebbe far cambiare idea. Il giallo vero, però, è quello di Gabigol. Ma è possibile che un giocatore pagato 30 milioni non sia in grado di giocare neanche dieci minuti a partita? Lo hanno bocciato nell’ordine Mancini (non lo voleva), De Boer e adesso anche Pioli. E’ una sola? Il sospetto comincia a venire, possibile che in una squadra dove ha giocato anche Vampeta non ci sia spazio per Gabigol?

Se è così, fossi uno di Suning, caccerei immediatamente chi l’ha preso. Anche per Kondogbia, qualora l’Inter accettasse i 20 milioni del Marsiglia, pagato 40, si profila una minusvalenza di 20 milioni. Non noccioline. Nell’operazione potrebbe entrare Lassana Diarra, 31 anni, che a Pioli piace molto.

Comunque questa squadra va rivista, è stata costruita male. Per l’esterno Darmian era vicino, ora che nel Manchester gioca di più pare abbia cambiato idea.

Non cambio idea sul mercato del Milan. I cinesi hanno altri problemi, Berlusconi anche di più. Non ci saranno a gennaio acquisti importanti e Galliani dovrà dimostrare di avere ancora qualche idea per scambiare qualche pezzo inutile (Sosa ad esempio) e trovare un centrocampista vero. Per Badelj servono soldi veri e in questo momento non ci sono.

Un grosso colpo l’ha fatto la Roma andando a prendere Monchi, direttore sportivo artefice del miracolo Siviglia. Arriverà a giugno, ma sta già progettando la nuova squadra.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il mercato “tedesco” dei bianconeri. Inter: le tre mosse di gennaio e la rabbia di Spalletti. Napoli: il nodo Verdi e la scelta-scudetto. Milan: auguri Ringhio... e occhio alla sorpresa. Giù le mani dal Var! 09.01 - Buondì. “Auguri a te e famiglia” va in vacanza. Lo rispolvereremo a inizio dicembre 2018. Fine delle feste. Siamo tornati tutti. Non si trova parcheggio. Molti sono incazzati. Qualcuno ha smontato l’albero, l’ha messo in cantina. Altri no, lo lasciano lì “perché in fondo arreda”...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Qualcuno aiuti Spalletti: ecco di cosa ha bisogno l'Inter a gennaio. Milan, DNA Gattuso ma non credete ai miracoli. Tommasi in FIGC? Ha già distrutto la sua categoria. Gravina, unica soluzione credibile 08.01 - Spalletti se ne va in vacanza sbattendo la porta. Per uno come lui è stato già un miracolo aver aspettato il 5 gennaio prima di sbottare. Lo hanno preso, in estate, facendogli credere in una campagna acquisti che a Roma avrebbe potuto solo sognare. Gli hanno preso 4 rinforzi, di cui...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Dall'aperitivo allo Zero, passando per Donnarumma, Pulcinella e Kondogbia. L'alfabeto del mercato di gennaio, per evitare delusioni 07.01 - A come Aperitivo Pare un refrain che ogni anno va consolidandosi. Gli affari migliori si fanno davanti a un bicchiere di vino, magari in un bar con terrazza che guarda Milano. Per il resto ci sono Ipad, Whatsapp e le PEC. I locali oramai vietano pure l'entrata ai giornalisti, come...

EditorialeDI: Mauro Suma

Mercato: il patrimonio del Milan. Siviglia-Innaurato: e Marra? Pellò e Corsaro: juventini, che succede? Roma, Ninja paga per tutti 06.01 - Non c'è nessun bisogno disperato di soldi nel Milan. E non ci sono nemmeno limiti e restrizioni. Questi sono solo luoghi comuni autoreferenziali fra loro: triti, ritriti, ruminati, stressati. Considerando una parte e non il tutto. A inizio 2018, vale la pena tirare le file di tutte...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.