VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Gigio e il fratellone di Castellammare. Dal salva-banche al salva-Perisic. Allegri, ma Dani Alves? Cardiff avvantaggerà il Napoli?

01.07.2017 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 21590 volte

Con Gigio Donnarumma siamo rimasti al suo post su Instagram. Quello che diceva finalmente la verità sul suo rapporto con il Milan e con i colori rossoneri. Una verità che ha le gambe lunghe e che non si può nè ingabbiare e nemmeno oscurare. Poi sono successe tante cose, molte delle quali scandite ancora da silenzi e da attese. Non sappiamo cosa accadrà perchè la vicenda ci ha insegnato ad essere prudenti e cauti. Non sappiamo se Gigio resterà o andrà via. L'Europeo Under 21 ha dimostrato a chi gli vuol bene davvero e pensa a lui con senso di responsabilità che è sacrosanto che rimanga ancora a Milanello, a lavorare, a migliorarsi, a strutturarsi tecnicamente e mentalmente. Ma non tocca a noi scrivere sentenze. Quello che è emerso, con tanta sostanza e lontano dalla luce dei riflettori, nella domenica allucinante dei social, domenica 25 Giugno, è il ruolo di Antonio Donnarumma. Rispetto a mamma e papà, Antonio oltre ad amare Gigio, conosce il calcio, i modi e i toni di un mondo tutto particolare. E' stato Antonio a marcare la differenza fra sostenere Gigio e pressare Gigio, fra tutelare Gigio e incombere su Gigio. Non sappiamo, come hanno scritto molti, se potrà entrare anche lui nella rosa dei portieri rossoneri. Se Gigio restasse e dovesse arrivare anche Antonio, lo diciamo subito alto, forte, chiaro e preventivo: giù le mani dal fratellone di Castellammare. E' troppo giusto e orgoglioso per chiedere qualcosa, se così dovesse essere non sarà stato deciso da lui. Giù le mani da Antonio e nessuno perda tempo con il precedente del buon Digao. Altra storia e altri tempi. Questa non è una questione di addendi o di soldi, ma di affetto e tutela di un ragazzo che nessuno può permettersi di bruciare. Nessuno.

Nemmeno fossero Gentiloni e Padoan alle prese con la conversione in decreto del provvedimento di salvataggio delle banche venete, Sabatini e Ausilio hanno messo insieme un reticolo di cessioni a prezzi molto particolari, allo scopo di evitare la cessione di Ivan Perisic. Sui social, dopo i 4 milioni del buon Dimarco, c'è stato il passaggio di testimone dai tifosi interisti che erano pronti a chiedere interpellanze parlamentari sulla disponibilità economica del Milan sul mercato, ai tifosi milanisti che hanno sgranato gli occhi rispetto al decreto nerazzurro salva-Perisic, ai suoi prezzi e alle sue doti da dribblomane rispetto al Fair Play dell'Uefa. Dopo aver messo a segno il colpo Milan Skriniar e dopo aver rischiato di perdere il derby con il Milan per Andrea Conti, il salva-Perisic consentirà all'Inter un mese di Luglio da grande potenza Suning. Auguri.

I trasformismi social hanno riguardato anche i tifosi juventini. Più realisti del re nella vicenda Raiola-Donnarumma, freddi interpreti della realtà del calcio e dei suoi numeri, al fianco di Raiola e contro il Milan, hanno cambiato pelle sulla questione Dani Alves. Qui è semplicemente accaduto che il Manchester City ha fatto la sua offerta e il brasiliano l'ha accettata. Tutto molto lineare e molto realistico. Eppure i toni bianconeri sui siti e su twitter sono stati da abbandono del reietto: Dani Alves? Meglio perderlo che trovarlo, tanti insulti, ingratudine etc. Eppure di Dani Alves, quello che si era percepito dall'esterno, è stato un ruolo decisivo nella stagione dei 2 trofei e della Finale di Cardiff. Dopo l'infortunio di Genova, ha recuperato e rimontato con decisione, si è tolto la soddisfazione di eliminare il Barcellona, ha segnato gol pesanti nella Semifinale Champions e nella Finale di Coppa Italia. Perchè allora questa ruggine? Cosa c'è che non sappiamo? Cos'è successo fra Allegri e Dani Alves o fra lo spogliatoio e Dani Alves? Che non fosse uno spogliatoio facile quello juventino lo si è capito, e capita spesso quando ci sono tanti campioni, ma la virulenza bianconera non official sull'abbandono di Dani Alves è sospetta.

E' proprio sul post Cardiff che fa leva e fa conto il Napoli. Certo, è un paradosso. La Juventus si ritrova con una atmosfera ambientale interna slabbrata e tenuta faticosamente sotto traccia pur avendo vinto due trofei. Ma è  implosa nel secondo tempo di Cardiff, non è stata cementata dall'alzata della Coppa. Ecco allora la scelta opposta del Napoli. La squadra partenopea, nel complesso e nei singoli, si vede e si percepisce in costante crescita, al di là di un terzo posto in Campionato che è poco rispetto all'ultima stagione bianconera. A favore del Napoli però resta il blocco unico e unito,  fra allenatore e giocatori, fra spogliatoio e resto del mondo. Terzi ma compatti, piuttosto che vice-campioni d'Europa ma divisi. Il Napoli è tutto un blocco, mentre lo zoccolo duro italiano della Juventus sta perdendo gioventù e compattezza anche al suo interno. Il patto per rimanere del Napoli è di prospettiva, mentre il patto per rimanere degli juventini ha subito una brusca ridimensionata nel secondo tempo con il Real Madrid. A proposito, la miglior prestazione italiana dell'anno contro CR7 e compagni è stata proprio quella del Napoli nel primo tempo del San Paolo. Qualcosa vorrà pur dire...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.