VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Gigio e il fratellone di Castellammare. Dal salva-banche al salva-Perisic. Allegri, ma Dani Alves? Cardiff avvantaggerà il Napoli?

01.07.2017 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 21665 volte

Con Gigio Donnarumma siamo rimasti al suo post su Instagram. Quello che diceva finalmente la verità sul suo rapporto con il Milan e con i colori rossoneri. Una verità che ha le gambe lunghe e che non si può nè ingabbiare e nemmeno oscurare. Poi sono successe tante cose, molte delle quali scandite ancora da silenzi e da attese. Non sappiamo cosa accadrà perchè la vicenda ci ha insegnato ad essere prudenti e cauti. Non sappiamo se Gigio resterà o andrà via. L'Europeo Under 21 ha dimostrato a chi gli vuol bene davvero e pensa a lui con senso di responsabilità che è sacrosanto che rimanga ancora a Milanello, a lavorare, a migliorarsi, a strutturarsi tecnicamente e mentalmente. Ma non tocca a noi scrivere sentenze. Quello che è emerso, con tanta sostanza e lontano dalla luce dei riflettori, nella domenica allucinante dei social, domenica 25 Giugno, è il ruolo di Antonio Donnarumma. Rispetto a mamma e papà, Antonio oltre ad amare Gigio, conosce il calcio, i modi e i toni di un mondo tutto particolare. E' stato Antonio a marcare la differenza fra sostenere Gigio e pressare Gigio, fra tutelare Gigio e incombere su Gigio. Non sappiamo, come hanno scritto molti, se potrà entrare anche lui nella rosa dei portieri rossoneri. Se Gigio restasse e dovesse arrivare anche Antonio, lo diciamo subito alto, forte, chiaro e preventivo: giù le mani dal fratellone di Castellammare. E' troppo giusto e orgoglioso per chiedere qualcosa, se così dovesse essere non sarà stato deciso da lui. Giù le mani da Antonio e nessuno perda tempo con il precedente del buon Digao. Altra storia e altri tempi. Questa non è una questione di addendi o di soldi, ma di affetto e tutela di un ragazzo che nessuno può permettersi di bruciare. Nessuno.

Nemmeno fossero Gentiloni e Padoan alle prese con la conversione in decreto del provvedimento di salvataggio delle banche venete, Sabatini e Ausilio hanno messo insieme un reticolo di cessioni a prezzi molto particolari, allo scopo di evitare la cessione di Ivan Perisic. Sui social, dopo i 4 milioni del buon Dimarco, c'è stato il passaggio di testimone dai tifosi interisti che erano pronti a chiedere interpellanze parlamentari sulla disponibilità economica del Milan sul mercato, ai tifosi milanisti che hanno sgranato gli occhi rispetto al decreto nerazzurro salva-Perisic, ai suoi prezzi e alle sue doti da dribblomane rispetto al Fair Play dell'Uefa. Dopo aver messo a segno il colpo Milan Skriniar e dopo aver rischiato di perdere il derby con il Milan per Andrea Conti, il salva-Perisic consentirà all'Inter un mese di Luglio da grande potenza Suning. Auguri.

I trasformismi social hanno riguardato anche i tifosi juventini. Più realisti del re nella vicenda Raiola-Donnarumma, freddi interpreti della realtà del calcio e dei suoi numeri, al fianco di Raiola e contro il Milan, hanno cambiato pelle sulla questione Dani Alves. Qui è semplicemente accaduto che il Manchester City ha fatto la sua offerta e il brasiliano l'ha accettata. Tutto molto lineare e molto realistico. Eppure i toni bianconeri sui siti e su twitter sono stati da abbandono del reietto: Dani Alves? Meglio perderlo che trovarlo, tanti insulti, ingratudine etc. Eppure di Dani Alves, quello che si era percepito dall'esterno, è stato un ruolo decisivo nella stagione dei 2 trofei e della Finale di Cardiff. Dopo l'infortunio di Genova, ha recuperato e rimontato con decisione, si è tolto la soddisfazione di eliminare il Barcellona, ha segnato gol pesanti nella Semifinale Champions e nella Finale di Coppa Italia. Perchè allora questa ruggine? Cosa c'è che non sappiamo? Cos'è successo fra Allegri e Dani Alves o fra lo spogliatoio e Dani Alves? Che non fosse uno spogliatoio facile quello juventino lo si è capito, e capita spesso quando ci sono tanti campioni, ma la virulenza bianconera non official sull'abbandono di Dani Alves è sospetta.

E' proprio sul post Cardiff che fa leva e fa conto il Napoli. Certo, è un paradosso. La Juventus si ritrova con una atmosfera ambientale interna slabbrata e tenuta faticosamente sotto traccia pur avendo vinto due trofei. Ma è  implosa nel secondo tempo di Cardiff, non è stata cementata dall'alzata della Coppa. Ecco allora la scelta opposta del Napoli. La squadra partenopea, nel complesso e nei singoli, si vede e si percepisce in costante crescita, al di là di un terzo posto in Campionato che è poco rispetto all'ultima stagione bianconera. A favore del Napoli però resta il blocco unico e unito,  fra allenatore e giocatori, fra spogliatoio e resto del mondo. Terzi ma compatti, piuttosto che vice-campioni d'Europa ma divisi. Il Napoli è tutto un blocco, mentre lo zoccolo duro italiano della Juventus sta perdendo gioventù e compattezza anche al suo interno. Il patto per rimanere del Napoli è di prospettiva, mentre il patto per rimanere degli juventini ha subito una brusca ridimensionata nel secondo tempo con il Real Madrid. A proposito, la miglior prestazione italiana dell'anno contro CR7 e compagni è stata proprio quella del Napoli nel primo tempo del San Paolo. Qualcosa vorrà pur dire...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.