HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi sarà il capocannoniere del Mondiale?
  Cristiano Ronaldo
  Lionel Messi
  Neymar
  Romelu Lukaku
  Harry Kane
  Antoine Griezmann
  Denis Cheryshev
  Sergio Aguero
  Gabriel Jesus
  Diego Costa
  Timo Werner
  Dries Mertens
  Luis Suarez
  Kylian Mbappé
  Artem Dzyuba
  Edinson Cavani
  Falcao
  Mario Mandzukic
  Thomas Muller
  Altro

Editoriale

Gigio e il fratellone di Castellammare. Dal salva-banche al salva-Perisic. Allegri, ma Dani Alves? Cardiff avvantaggerà il Napoli?

01.07.2017 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 21840 volte

Con Gigio Donnarumma siamo rimasti al suo post su Instagram. Quello che diceva finalmente la verità sul suo rapporto con il Milan e con i colori rossoneri. Una verità che ha le gambe lunghe e che non si può nè ingabbiare e nemmeno oscurare. Poi sono successe tante cose, molte delle quali scandite ancora da silenzi e da attese. Non sappiamo cosa accadrà perchè la vicenda ci ha insegnato ad essere prudenti e cauti. Non sappiamo se Gigio resterà o andrà via. L'Europeo Under 21 ha dimostrato a chi gli vuol bene davvero e pensa a lui con senso di responsabilità che è sacrosanto che rimanga ancora a Milanello, a lavorare, a migliorarsi, a strutturarsi tecnicamente e mentalmente. Ma non tocca a noi scrivere sentenze. Quello che è emerso, con tanta sostanza e lontano dalla luce dei riflettori, nella domenica allucinante dei social, domenica 25 Giugno, è il ruolo di Antonio Donnarumma. Rispetto a mamma e papà, Antonio oltre ad amare Gigio, conosce il calcio, i modi e i toni di un mondo tutto particolare. E' stato Antonio a marcare la differenza fra sostenere Gigio e pressare Gigio, fra tutelare Gigio e incombere su Gigio. Non sappiamo, come hanno scritto molti, se potrà entrare anche lui nella rosa dei portieri rossoneri. Se Gigio restasse e dovesse arrivare anche Antonio, lo diciamo subito alto, forte, chiaro e preventivo: giù le mani dal fratellone di Castellammare. E' troppo giusto e orgoglioso per chiedere qualcosa, se così dovesse essere non sarà stato deciso da lui. Giù le mani da Antonio e nessuno perda tempo con il precedente del buon Digao. Altra storia e altri tempi. Questa non è una questione di addendi o di soldi, ma di affetto e tutela di un ragazzo che nessuno può permettersi di bruciare. Nessuno.

Nemmeno fossero Gentiloni e Padoan alle prese con la conversione in decreto del provvedimento di salvataggio delle banche venete, Sabatini e Ausilio hanno messo insieme un reticolo di cessioni a prezzi molto particolari, allo scopo di evitare la cessione di Ivan Perisic. Sui social, dopo i 4 milioni del buon Dimarco, c'è stato il passaggio di testimone dai tifosi interisti che erano pronti a chiedere interpellanze parlamentari sulla disponibilità economica del Milan sul mercato, ai tifosi milanisti che hanno sgranato gli occhi rispetto al decreto nerazzurro salva-Perisic, ai suoi prezzi e alle sue doti da dribblomane rispetto al Fair Play dell'Uefa. Dopo aver messo a segno il colpo Milan Skriniar e dopo aver rischiato di perdere il derby con il Milan per Andrea Conti, il salva-Perisic consentirà all'Inter un mese di Luglio da grande potenza Suning. Auguri.

I trasformismi social hanno riguardato anche i tifosi juventini. Più realisti del re nella vicenda Raiola-Donnarumma, freddi interpreti della realtà del calcio e dei suoi numeri, al fianco di Raiola e contro il Milan, hanno cambiato pelle sulla questione Dani Alves. Qui è semplicemente accaduto che il Manchester City ha fatto la sua offerta e il brasiliano l'ha accettata. Tutto molto lineare e molto realistico. Eppure i toni bianconeri sui siti e su twitter sono stati da abbandono del reietto: Dani Alves? Meglio perderlo che trovarlo, tanti insulti, ingratudine etc. Eppure di Dani Alves, quello che si era percepito dall'esterno, è stato un ruolo decisivo nella stagione dei 2 trofei e della Finale di Cardiff. Dopo l'infortunio di Genova, ha recuperato e rimontato con decisione, si è tolto la soddisfazione di eliminare il Barcellona, ha segnato gol pesanti nella Semifinale Champions e nella Finale di Coppa Italia. Perchè allora questa ruggine? Cosa c'è che non sappiamo? Cos'è successo fra Allegri e Dani Alves o fra lo spogliatoio e Dani Alves? Che non fosse uno spogliatoio facile quello juventino lo si è capito, e capita spesso quando ci sono tanti campioni, ma la virulenza bianconera non official sull'abbandono di Dani Alves è sospetta.

E' proprio sul post Cardiff che fa leva e fa conto il Napoli. Certo, è un paradosso. La Juventus si ritrova con una atmosfera ambientale interna slabbrata e tenuta faticosamente sotto traccia pur avendo vinto due trofei. Ma è  implosa nel secondo tempo di Cardiff, non è stata cementata dall'alzata della Coppa. Ecco allora la scelta opposta del Napoli. La squadra partenopea, nel complesso e nei singoli, si vede e si percepisce in costante crescita, al di là di un terzo posto in Campionato che è poco rispetto all'ultima stagione bianconera. A favore del Napoli però resta il blocco unico e unito,  fra allenatore e giocatori, fra spogliatoio e resto del mondo. Terzi ma compatti, piuttosto che vice-campioni d'Europa ma divisi. Il Napoli è tutto un blocco, mentre lo zoccolo duro italiano della Juventus sta perdendo gioventù e compattezza anche al suo interno. Il patto per rimanere del Napoli è di prospettiva, mentre il patto per rimanere degli juventini ha subito una brusca ridimensionata nel secondo tempo con il Real Madrid. A proposito, la miglior prestazione italiana dell'anno contro CR7 e compagni è stata proprio quella del Napoli nel primo tempo del San Paolo. Qualcosa vorrà pur dire...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: il giorno di Golovin e la mossa “in serbo”. Milan: le scelte di Fassone per l’udienza a Nyon e la mossa (in attacco) di Mirabelli. Inter: ecco i tempi di Nainggolan (per Icardi si va in “zona clausola”). E su Roma-Pastore… 19.06 - Son stato in Russia tre giorni. A Mosca. La prima cosa che ho capito appena sbarcato a Mosca è che dell’Italia del calcio se ne fottono. Pensavamo che senza di noi non ce l’avrebbero fatta e invece no, ce la fanno eccome. A Mosca era pieno di Fifa, l’organismo maximo del calcio Mondiale:...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, no allo scambio Higuain-Morata. Sì alla cessione secca. Frosinone in A: polemiche e controsensi. Seconde squadre e mercato, la nuova FIGC è già in confusione. C di Cosenza... non di Juve B 18.06 - Il mercato, quello vero, dovrebbe entrare nel vivo solo questa settimana. Saranno i giorni di Sarri al Chelsea, di Ancelotti che inizia a chiudere qualche affare per il Napoli e del Milan che saprà di che morte morire. E' un modo di dire, lo specifichiamo. La Juventus, come sempre,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Un mercato ancora senza rinforzi. Solo la Juve è migliorata, Inter a metà tra acquisti e mancati riscatti. Roma: i giovani basteranno per sostituire i grandi in uscita? Napoli, effetto Ancelotti ma ora i colpi 17.06 - Scrivere di calciomercato col Mondiale che scorre in sottofondo. Con la Francia che sfida l'Australia, con Marocco e Iran che corrono, sudano. Con l'Arabia Saudita che crolla, con le giocate di spagnoli, portoghesi, argentini. Mette una nostalgia dannata dei ricordi più belli perché...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Nainggolan all’Inter si farà. Alisson-Real pista caldissima. Napoli: Politano se esce Callejon. Cancelo e Darmian, la Juve prova il doppio colpo 16.06 - L’Inter è pronta a piazzare il colpo Nainggolan. I contatti con la Roma sono sempre più intensi e la sensazione è che alla fine l’operazione si farà. Con un anno di ritardo, Radja approderà alla corte di Spalletti. E questo è un grande acquisto, che permetterà al tecnico di Certaldo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, avanti su Golovin già star dei mondiali: il Cska alza il tiro. Offerto anche Pjaca. Sarri (e Zola) col Chelsea bloccano Higuain, Icardi, Savic e Rugani. Il Napoli vuole Courtois per liberare l’allenatore. Roma, via Allison e Nainggolan 15.06 - Se qualcuno avesse avuto ancora dei dubbi, la prima partita dei mondiali li ha spazzati via: la Juventus ha visto bene su Aleksandr Golovin, 22 anni, centrocampista del Cska Mosca. Due assist e mezzo, un gol, Golovin è stato il migliore in campo nel cinque a zero dei russi contro...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juve Cancelo e non solo, Inter incontra Dembele, il FFP e il nuovo socio rossonero 14.06 - Ha parlato Allegri, in casa Juve. E con la consueta leggerezza non ha fatto un dramma per eventuali partenze di big, Higuain in testa. “Il 9 luglio vedròsarà in ritiro: generalmente ho sempre avuto una buona squadra”. Chissà che non ci sia Cancelo visto che il Valencia è a Milano...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: perché è un Mondiale come non si vedeva da Argentina 78? Dalla Russia ecco cosa sta succedendo nel e attorno al Mondiale. Di cosa deve avere paura il Brasile, in cosa deve sperare l’Argentina 13.06 - Qui Radio Mosca: benvenuti in Russia. Da oggi e per il prossimo mese ogni mercoledì proverò a portarvi le sensazioni che si vivono qui al Mondiale, provando a dirvi quello che non si vede davanti alle telecamere o sulla carta stampata. Doverosa promessa: in questo spazio saranno banditi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: c’è un belga a centrocampo! Inter: la strategia per Nainggolan-Rafinha e l’appuntamento con Icardi. Milan: il mercato “oltre l’Uefa” passa dalla Spagna. Roma: che meraviglia il piano-Monchi. Napoli: Verdi e... 12.06 - Ciao. Penso da una settimana alla storia del gambero cinese. L’avete letta? Il gambero cinese era dentro la zuppa, stava per crepare di morte orrenda, nella broda bollente. Ma il gambero cinese è come Rambo 3 e decide di uscire dalla zuppa oleosa: si trascina sul bordo del piatto,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, Perin non è la scelta giusta. Monchi sta ricostruendo il Colosseo. "Caso Parma" e regole da riscrivere. Squadre B, così non ci siamo... 11.06 - Parte la settimana che darà lo slancio definitivo al calciomercato. Fin qui poco o nulla. Sarà la settimana dell'inizio del Mondiale ma è una cosa che non ci riguarda e rosichiamo di brutto a pensare che aspettiamo 4 anni e poi non ci presentiamo neanche. Grazie Ventura. Ogni tanto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Morata vuole solo la Juve, ma l'idea è quella di un centrocampo d'assalto. Folle dire di no a 50 milioni per Jorginho, così come allo scambio Icardi-Higuain. Ma chi è il presidente del Milan? 10.06 - È iniziato con le bombe, il calciomercato 2018. Più scritte che non realizzate, eccezion fatta per l'arrivo di Cristante alla Roma - con Coric e Marcano - e i parametri zero: dell'Inter, da de Vrij ad Asamoah, oppure della Juventus, con Emre Can. Latita però il grande acquisto, quello...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy