VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

Giocano tutti per la Juventus. Gennaio, mese della verità per tutti. Traballa l'impero di Lotito. Ecco il nuovo Presidente della Lega Pro! Samp, una società alla deriva. In B, arbitri allo sbando...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
07.12.2015 11:22 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 74600 volte
© foto di Federico De Luca

L'Inter ha fatto l'abbonamento all'1-0 e con una difesa accorta riesce a dare continuità di risultati. Mancini vuole arrivare fino in fondo e allo scudetto ci crede davvero. Fa bene perché Napoli e Roma, alla lunga, rischiano di pagare le pressioni delle loro piazze e chi non è abituato a vincere rischia scivoloni improvvisi. Il Napoli ha una grande squadra e organizzazione societaria per poter arrivare fino alla bandiera a scacchi. La Roma non ha nulla. Non ha un allenatore capace, ha un Direttore Sportivo che più c'è confusione e più va in confusione e un Presidente che vive dall'altra parte del mondo. Giocano tutti per la Juventus. Il Napoli si sveglia a Bologna solo quando hanno già servito a tavola i tortellini, la Roma non vince più e la Juve torna da Roma con un carico di aspettative elevatissimo per gennaio. Il mese più importante, ormai, si avvicina. C'è chi cerca la svolta e chi la consacrazione. Gennaio è fondamentale per tutti. Il Milan deve comprare almeno un difensore e un centrocampista. La gestione di Rodrigo Ely è stata pessima da parte di Mihajolovic. Doveva essere il nuovo che avanza e invece l'ha affossato al primo errore: adesso si cerca una sistemazione in serie B. Vie di mezzo mai. L'Inter potrà essere la protagonista del mercato di riparazione mentre la Juventus probabilmente preferisce aspettare i mesi caldi. La Lazio è allo sbando e l'impero di Claudio Lotito traballa seriamente. Aveva e ha il controllo del calcio italiano ma dai piani alti dello sport hanno deciso che Lotito ha stufato. Gli stanno preparando il piattino da servire con il capitone e la voce è arrivata anche a lui. Qui il calcio lascia spazio e tempo alla politica. A Roma Lotito è forte ma stanno aumentando i poteri del Nord che con Lotito non hanno insaturato un gran feeling. La forza del presidente biancoceleste è che il calcio lo sa, comunque, fare e quest'anno non gliene va bene una. Pioli sta mollando e anche i piani della Salernitana sono diversi da quelli di inizio campionato. Lotito, dal canto suo, è convinto che il potere è ancora nelle sue mani e ha ragione ma inizia a sentire puzza di bruciato. Due politici gli hanno già voltato le spalle e il Coni ha idee diverse da lui. Con le elezioni presidenziali capiremo che fine faranno i capi di oggi. Ad esempio, si sta decidendo per il nuovo Presidente della Lega Pro. Sempre i potenti e non i capi hanno deciso che quello che fu il ruolo di Mario Macalli dovrà essere di Raffaele Pagnozzi, colui che perse per 5 voti la Presidenza del Coni nel 2013. Il mondo è piccolo e i protagonisti sono sempre gli stessi. Roma ha deciso che Pagnozzi dovrà guidare la Lega Pro. Così sarà. Lotito perde amici e consensi. L'impero di Claudio è sotto attacco e questa volta rischia di finire male. Bisognerebbe far intervenire il Presidente del Coni, Malagò, sulle società di comodo e le fiduciarie che gestiscono i club di serie A ma il silenzio è sempre l'unica forza dei deboli. Non abbiamo ancora capito come il Verona, negli anni, sia stato rimesso in piedi. Non abbiamo capito cosa avesse a che fare Volpi con il rilancio del Verona, la figura di Sogliano che per un po' ha fatto da tramite sull'asse Spezia-Verona e oggi non otteniamo una risposta da Ferrero su chi sia davvero il proprietario della Samp. Il closing si avvicina e giustamente "er viperetta" prova a racimolare più soldi possibili dal suo ritorno all'ombra. Il calcio gli ha dato visibilità ma gli ha fatto anche perdere credibilità. A volte il ritorno di immagine può essere anche un boomerang che ti finisce dritto in fronte. Da questa storia il vero colpevole, tuttavia, non è Massimo Ferrero che prima non era nessuno e oggi lo fermano per strada a chiedergli l'autografo per i suoi balletti e la sua sciarpa in testa mentre fa le corna al mondo. Il vero colpevole è Garrone che non ha mai fatto chiarezza sui soldi lasciati in eredità a Ferrero e non ha mai spiegato perché ha scelto proprio Ferrero come suo erede. Ora dovrebbe spiegare anche quanto e cosa manca per portare dentro alla Samp Volpi e gli amici di Volpi. Tutti sappiamo ma nessuno scrive. Nel frattempo c'è una società che naviga a vista e un Direttore Sportivo che prende schiaffi a destra e sinistra. Proprio perché parliamo liberamente di amici e meno amici, non capiamo la figura di Carletto Osti. I tifosi più scaramantici staranno pensando che Osti era il DS del Treviso fallito e del Lecce scomparso in serie C, noi non siamo scaramantici e ci limitiamo ad osservare che un vero Direttore Sportivo dovrebbe prendere decisioni di mercato e gestire lo spogliatoio insieme all'allenatore. A Genova tutto ciò non succede. Un peccato che un Direttore si accontenti di lavorare senza svolgere la professione. Osti ha grandi capacità ma sono anni che non le mette in evidenza. Persona seria e preparata non avrebbe bisogno della balia di Walter il magnifico. Nel mondo del calcio lo definiscono "il prete", insieme a "er viperetta" formano una coppia ambigua. Chi avalla i folli è più folle del folle stesso. Il Sassuolo non ha vinto a Genova, ha passeggiato. Lo scorso anno Ferrero faceva ridere, adesso fa piangere.
In chiusura una parentesi dedicata alla serie B: il Presidente Abodi è da apprezzare quando organizza gli incontri tra giornalisti e designatore a Coverciano ma al prossimo incontro dovrebbero partecipare anche gli arbitri stessi. I promossi dalla C alla B sono un disastro. Si salva Rapuano, giovane e bravo. Dopo le prime due giornate avevo eletto i miei peggiori arbitri della categoria: Illuzzi di Molfetta e Ros di Pordenone. Questo week end hanno confermato di essere assolutamente inadeguati. Illuzzi oltre che scarso è anche presuntuoso. Corre male, non segue il gioco e vuole fare il protagonista a tutti i costi. Il classico ragazzo che vive in famiglia fino ai 40 anni, quando andava al bar da ragazzino avrà preso gli schiaffetti dietro la testa e con gli amici non poteva giocare a calcio perché scarso e lo hanno messo a fare l'arbitro. Uno così difficilmente si vede sui campi. Se bisogna rovinare una partita il designatore manda Illuzzi e va sul sicuro. Una garanzia. E' ancora in tempo per trovarsi una professione seria. Ros a Cagliari ha fatto danni veri. Un altro che con la categoria ha poco da condividere. Intervengano Abodi e la Can, perché gente così non rovina solo un campionato ma rovina le aziende. Ben vengano arbitri non bravissimi ma almeno umili ed educati. Quello che più dà fastidio è il loro essere protagonisti in un mondo dove dovrebbero essere il più invisibili possibile. Arbitri in B bravi ce ne sono ma purtroppo sono ancora in minoranza. Tutti dovrebbero prendere esempio da Rizzoli; ha conquistato il mondo ed è più umile dei due sopracitati.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
L'Inter e i giovani di qualità, la Juve e le trattative ad oltranza, la rosa degli attaccanti del Milan. Roma: non solo Defrel 20.07 - Cominciano ad intrecciarsi le strade di Inter e Juve. Non poteva esser altrimenti, non possono rimanere lontane. E allora mentre si definiscono i dettagli per l'operazione di Vecino con la Fiorentina e il suo agente (la Fiorentina dovrebbe far sapere come preferisce che venga pagata...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Bonucci in due giorni, per Dalbert sono due mesi. Fassone e Mirabelli, scudetto al mercato ma in campo serve tempo. Branchini, c'era una volta il Re del mercato... E c'è ancora! 17.07 - I tifosi del Milan hanno lasciato, lo scorso maggio, San Siro delusi e stanchi dell'ennesimo campionato mediocre del diavolo. Si facevano due domande: "Il prossimo anno ci abboniamo? Ma questi cinesi che razza di cinesi sono?". Sembra passata una vita e, invece, sono solo due mesi....

EditorialeDI: Marco Conterio

Dalla Juventus al Milan, dall'Inter alla Roma e non solo: i retroscena sui colpi che preparano adesso le grandi d'Italia. E' anche il mercato dei procuratori: tutti gli affari già a segno 16.07 - E' una splendida estate. Inattesa. Il Milan s'è preso la copertina ma mica è finita. Già, perché adesso la premiata coppia Fassone-Mirabelli cerca la ciliegina in attacco e non è da escludere che per il centrocampo arrivi pure un altro colpo con Suso possibile partente. E' da Scudetto?...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri: da Pirlo a Bonucci. Donnarumma: nessuna reciprocità. Napoli: l'esperimento del non mercato 15.07 - Quando c'è una diaspora che scuote le pareti dello stomaco di una tifoseria, Massimiliano Allegri si trova nel mezzo. Andrea Pirlo nel Milan del 2012, Leonardo Bonucci nella Juventus del 2017. Max cozza senza volerlo con i caratteri di alcuni big: loro non si aspettano in un uomo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci capitano del Milan: tutti i retroscena sul divorzio dell'anno. Episodi inquietanti. Ha vinto Allegri. Epurazione, anche Cuadrado e Mandzukic in partenza. In arrivo Manolas. Viola, caos Kalinic 14.07 - Bonucci al Milan è il divorzio dell’anno e forse anche di più. Non siamo infatti solo davanti a un semplice trasferimento a sorpresa, questa vicenda racconta di una Juventus in ebollizione e trasformazione che sta cercando di porre fine a un evidente strappo di spogliatoio iniziato...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan grandi idee (Bonucci), Juve-Schick, Roma e gli attaccanti... 13.07 - L'idea è ambiziosa, esattamente come il Milan del nuovo corso. Finora nessun contatto, neanche ufficioso, fra le società. Ma i rossoneri pensano a Bonucci. Hanno cominciato a sondare il terreno, a parlare con il procuratore del ragazzo (l'altro ieri Lucci era a casa Milan anche per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, ora un addio eccellente… Milan-Gigio, tutto dimenticato? Roma-Nainggolan, resa dei conti! Inter, quanti sogni. E intanto Roberto Carlos fa 9… 12.07 - Ancora una volta, la Juventus sta mostrando gli artigli. Dopo un inizio di calciomercato soporifero, Marotta e compagni hanno deciso di inserire le marce alte. Douglas Costa è un fenomeno. In un calcio molto tattico come quello italiano, avere uno, come il brasiliano, che salta l’uomo...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, non solo Douglas: altri 2 colpi “da Champions” (uno nascosto). Inter: la strategia su Nainggolan, il patto con Dalbert e la “tecnica-Spalletti”. Milan: dietro al super-mercato c’è un piano preciso (e occhio al Gallo…) 11.07 - (A fine editoriale mi lascio andare a un delirio da ricovero coatto. Non fateci caso, è il caldo). Buondì. Oggi volevo ragionare con voi di emoticon. Le faccine che sorridono, che piangono, il simbolo della merda col sorriso, il dito all’insu, le corna, l’omino che corre, il vecchio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.