VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Giorni di riflessione in casa Juve: rinnovamento in corso. All'Inter rimane Mazzarri a prescindere, situazione opposta in casa Milan. La Roma ha un nemico in più: il tetto ingaggi...

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
08.05.2014 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 31736 volte
© foto di Federico De Luca

Cosa succede ora alla Juventus? Antonio Conte, dopo la vittoria, come è successo anche negli anni passati dice due cose sacrosante: ho spremuto i ragazzi (implicito: bisogna cambiarne un po') è difficile continuare a vincere (non vorrebbe avere l'assillo, ma uno come lui è "costretto" da se stesso a vincere).

Per questo vuole parlare con il presidente Agnelli e con gli uomini mercato Marotta e Paratici. Per farsi tranquillizzare. In questo momento, è vero, ci potrebbero essere molte panchine importanti libere. Ma sebbene Conte possa essere tentato da qualcuno (anche se al momento non risultano incontri approfonditi) ancora a Torino sono convinti che rimarrà anche per la prossima stagione, anzi, per le prossime. Sul piatto c'è la continua crescita della Juventus. Intanto ieri incontro con il procuratore di Kolarov: il contratto in scadenza nel 2015 ingolosisce, il suo ingaggio no (3,5 netti). Si riaggiorneranno, ma in quel ruolo piace anche Adriano del Barcellona. Ma quello che può spingere la Juventus ancora più avanti è il giocatore di qualità sull'esterno. E' vero: il procuratore di Kolarov è lo stesso di Cerci, ma sebbene l'azzurro piaccia molto, difficilmente cambierà maglia nella stessa città. In lizza per il ruolo di esterno ce ne sono un bel po', nessuno di questi semplice da prendere. Alexis Sanchez (che ieri è pure andato a trovare Vidal in ospedale), Nani, Cuadrado e il sogno di Conte Angel Di Maria. Quattro giocatori da salto di qualità. Da prendere: ma con quali soldi visto che la Juve deve praticamente autofinanziarsi sul mercato? Innanzi tutto aiuteranno molto i vari giocatori in giro per l'Italia: su tutti Ciro Immobile che piace tantissimo al Borussia Dortmund (che sarà a breve in Italia). Lui può essere ceduto, altri possono tornare alla base per lasciar andare chi in questi anni ha dato molto: Quagliarella, Vucinic e Giovinco, tanto per dirne 3. E poi da seguire con grande attenzione le evoluzioni dei gioielli Pogba (su tutti, anche il Barcellona è venuto a vederlo contro l'Atalanta) e Vidal. La Juve vorrebbe tenerli, ma molto dipende dalle offerte. Fossero davvero da capogiro bisognerà valutarle con attenzione: per poi capire come reinvestire i soldi. La possibilità di cambiare molto c'è, bisognerà valutare bene le opportunità. Come i vari parametri zero tenuti sotto controllo: da Drogba (monitorato anche di recente) a Evra (che però dovrebbe rinnovare con lo United), passando per Menez (che non infiamma).

Non cambierà in panchina invece l'Inter. Mazzarri rimane, anche se non dovesse centrare la qualificazione in Europa. Questo filtra da corso Vittorio Emanuele. Quasi a sorpresa, visto l'umore della tifoseria. Sono pronti anche i nuovi acquisti: Vidic ormai l'ha annunciato anche in campo, la punta la stanno cercando tra le big d'Europa, idem per il centrocampista (Mikel o Nilton), e dall'Inghilterra potrebbe tornare Ince. Tom Ince, il figlio di Paul. In scadenza di contratto. Almeno così sono convinti in Oltremanica! E come colpo ad "effetto" ci starebbe tutto.

Ci vorrebbe un vero colpo ad effetto invece per vedere ancora Seedorf sulla panchina del Milan anche per la prossima stagione. E questa è una cosa quasi paradossale: 6 partite vinte nelle ultime 7 ma Seedorf sicuro di rimanere non è affatto. I rapporti con la società sono molto tesi, ma sarà (eventualmente) un lungo ballo. Chi è in corsa per la panchina del Milan? I soliti nomi: Inzaghi, Donadoni, Spalletti e perché no anche Montella. Non è facile leggere nel futuro di Milanello, ma non necessariamente dipenderà dall'Europa. Intanto si lavora per il riscatto di Taarabt, mentre invece Rami potrebbe non essere confermato visto che ci si sta muovendo con grande decisione su Alex, fresco campione di Francia con il PSG. A proposito di francesi: il Monaco cambia allenatore, non ci sarà più Ranieri. Contattato Ancelotti (che ha detto no) ora i nomi più caldi sono Pochettino (Southampton) e Jardim (Sporting Lisbona).

Al Genoa si pensa al prossimo anno (dopo che Preziosi ha celebrato in Lega la salvezza tranquilla): nel mirino D'Alessandro del Cesena. E per sostituire Gilardino ci sono due nomi Derdyok e Matri. E Gilardino dove potrebbe andare? Magari al Napoli che cerca un vice Higuain e che concederà a Zapata la possibilità di andare a giocare. A centrocampo i nomi sono sempre quelli: Gonalons (nonostante i soliti problemi con il Lione), Sandro del Tottenham, M'Vila e anche Javi Martinez, che però è il più difficile da prendere perché è costato tantissimo e guadagna altrettanto. Ma siccome molto probabilmente andranno via Behrami e Dzemaili arriverà anche qualche giovane dalle belle speranze come Obiang, della Samp.

Alla Roma i due contratti che pesano di più sono quelli di Garcia e Pjanic. Entrambi da rinnovare. Ma se per l'allenatore non dovrebbero proprio esserci problemi (pronta la firma fino al 2017), per il bosniaco c'è da rispettare il tetto ingaggi: non si può salire sopra i 3 e mezzo netti. Ci vuole quindi un piccolo passo indietro da parte del giocatore.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella, questo Milan ha bisogno di identità. Verona, in "Pecchiata" verso il baratro. Baroni, è stato bello... Juve e Napoli, avanti così! 25.09 - Quest'ultima giornata di campionato ci consegna diverse cartoline. Una da Milano: una volta l'Inter queste partite non le avrebbe mai vinte, invece, anche se non indovina la domenica giusta Spalletti fa punti. Nel calcio si dice: sono segnali. Seconda cartolina da Torino: Mihajlovic...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic. 24.09 - I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.