HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

Giuntoli imita Marotta: è la strada giusta. Ma a gennaio? L'Inter paga adesso gli errori del passato. Donnarumma, Milinkovic-Savic, Icardi e Dybala: in estate capiremo la forza del nostro movimento

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
31.12.2017 09:43 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 46197 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Arrivare al giro di boa al primo posto vuol dire tutto e nulla. Il Napoli è campione d'Inverno, ma fanno bene squadra, allenatore e dirigenza a sminuire questo traguardo. Perché non è un trofeo, trattasi di un titolo del tutto platonico, e per i partenopei il difficile arriva adesso. Numeri alla mano, quella azzurra è stata in Serie A la squadra più vincente del 2017. Ma le vittorie non arrivano al termine di un anno solare, bensì alla fine di una stagione che quando sei al vertice porta con sé proprio nella seconda parte tensioni e pressioni. Soprattutto se non sei abituato a vincere Scudetti tutti gli anni. Il Napoli non può festeggiare adesso, non deve accontentarsi e per farlo serve restare sul pezzo. Restare concentrato fino alla fine per non perdere mai di vista il reale obiettivo.
Chi ha ben chiaro il suo obiettivo è Cristiano Giuntoli. Il direttore sportivo del Napoli è ben proiettato al futuro, ha preso Machach e chiuso un accordo sia con Ciciretti che con Younes per la prossima estate. Tutti a parametro zero, tutti affari dal punto di vista economico. Era giusto prenderli viste le loro attuali condizioni contrattuali? Senza dubbio. Saranno tutti al centro del progetto Napoli in futuro? Probabilmente no. E qui si arriva al punto saliente: l'importante per Giuntoli è aumentare il numero di tesserati con giocatori sicuramente promettenti che potranno aiutare la squadra in futuro. O, se non dovesse essere così, risultare comunque utili per altre trattative. E' una strategia non nuova, che da anni – con disponibilità economiche più importanti – adotta Giuseppe Marotta, amministratore delegato della Juventus. I campioni d'Italia hanno costruito il loro attuale impero anche mettendo sotto contratto tanti giovani a condizioni economiche vantaggiose: non tutti sono poi sbarcati a Vinovo, ma operando così la Juve ha sbloccato tante trattative, soprattutto con club più piccoli. Perché vincere o perdere un duello di mercato è questione di dettagli e quando in un affare oltre ai soldi puoi offrire contropartite tecniche allettanti hai sicuramente un'arma in più a disposizione.
Ma lo sguardo al futuro non può far smarrire l'attenzione sul presente. Roberto Inglese non basta e non può bastare. Il Napoli gioca meglio della Juve, la prima rivale per lo Scudetto, ma ha una rosa nettamente più corta e questo aspetto alla lunga fa la differenza, soprattutto se sei in corsa su tanti fronti. Servono un terzino e un esterno alto, servono giocatori pronti e abituati a lottare per obiettivi così importanti. Perché le condizioni favorevoli di questo campionato non ti capitano certo tutti gli anni e chissà quando torneranno.

Un passo indietro alle prime due c'è l'Inter, e non solo per quello che dice la classifica. A dicembre alcuni nodi sono giunti al pettine e mai come adesso Luciano Spalletti dovrà essere bravo per non perdere ulteriore terreno e restare in scia della coppa di testa.
Nonostante le recenti sconfitte, il lavoro del tecnico di Certaldo resta comunque eccezionale. E' riuscito a coprire falle evidenti di una rosa squilibrata, che ha un paio di limiti chiari e che lo stesso Spalletti – leggendo tra le righe i suoi castelli di parole – ha evidenziato.
Eppure, assecondare le richieste dell'allenatore per Sabatini e Ausilio sarà operazione tutt'altro che semplice. Anche per questo gennaio Suning ha imposto l'autofinanziamento: prima vendere e poi acquistare con quei soldi.
Molto più facile a dirsi che a farsi, soprattutto nella situazione in cui versa l'Inter perché sul mercato ci sono giocatori strapagati e che guadagnano tanto. João Mário e Gabigol sono costati 70 milioni di euro e oggi, anche se li metti dichiaratamente sul mercato, o li cedi in prestito o metti in conto una pesante minusvalenza. Stesso discorso per Marcelo Brozovic: chi ti garantisce 15-20 milioni di euro per un centrocampista potenzialmente completo che fa della discontinuità il suo marchio di fabbrica? La domanda è retorica e racimolare soldi in queste condizioni è operazione quasi proibitiva.

La scorsa estate ha rimarcato con chiarezza qual è la tendenza generale del calciomercato. C'è stata una impennata del prezzo dei cartellini e non si tornerà più indietro, come evidenziato dal Liverpool che per Van Dijk ha speso 85 milioni di euro.
I migliori giocatori vanno via a prezzi mai visti, e più sono giovani e più costano. A Mbappé, ad esempio, sono bastati 10 mesi in prima squadra per diventare il secondo giocatore più pagato di sempre proprio perché è un classe '98.
Di giovani e giovanissimi che già oggi hanno grande appeal a livello europeo ne abbiamo anche in Italia. E proprio grazie a loro si capirà se la Serie A sarà di nuovo al top o resterà un passo indietro rispetto alle prime leghe al mondo. Perché resistere alle avances del Real Madrid per Mauro Icardi o alla corte del PSG per Donnarumma e Milinkovic-Savic vuol dire non perdere i migliori Under-25 della Serie A dopo esser riusciti a portarli a un livello così alto. Così come evitare che Paulo Dybala – talento cristallino nonostante qualche défaillance – possa incantare a Barcellona o a Manchester. I migliori giocatori bisogna trattenerli, evitare di fare come l'Eredivisie o la Primeira Liga. Altrimenti, pur con tutti gli acquisti del caso, faremo sempre un passo avanti e due indietro. E nelle competizione europee ne pagheremo le conseguenze.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Le incertezze della Champions: la cura non è solo il mercato... 13.12 - Possiamo dirlo senza mezzi termini: peggio di così difficilmente poteva andare. Martedì sera le due italiane non sono riuscite a qualificarsi nonostante avessero avuto tutto a disposizione, non soltanto in questo turno di Champions, ma anche i precedenti. Mercoledì Juve e Roma si...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Spalletti il grande imputato: il limite di carattere dell’Inter dell’ultimo mese rispecchia il valore della squadra o i limiti del tecnico? Napoli a testa alta, pagato solo il rodaggio iniziale di Ancelotti.Europa League: perché fa per il Napoli 12.12 - Cos’è peggio nella vita: un due di picche, o rimanere con il dubbio che sarebbe potuta andare bene se ci avessi provato? L’Inter esce dalla Champions manco fosse un adolescente impacciato, che si intreccia le mani mentre cerca in tasca il coraggio per rivolgere la parola alla ragazzina...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incredibile "fame" bianconera e un solo dubbio. Inter: su Spalletti bisogna darsi una regolata. Milan: altalena Gattuso, da "inadatto" a "mister modello". Tutte le rogne del Var... 04.12 - Il problema del Var che fa incazzare tutti come delle bestie (giustamente) è un non-problema, nel senso che non dipende mica dal Var. Prendersela col Var è come prendersela col semaforo che “questo rosso dura troppo! Maledetto!”. Oh, mica lo decide lui. Ecco, qui la questione...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->