VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Gli agenti di certi calciatori del Napoli sembrano i greci in fila davanti ai bancomat. Milan, Inter e Roma: si continua ad investire nonostante il deficit. Mentre a Napoli c'è un uomo solo al comando

21.06.2015 08:22 di Raffaele Auriemma   articolo letto 147699 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Fare di necessità-virtù quando non si hanno più le possibilità. Sta succedendo al Napoli in questa fase gestionale molto simile al Grexit: fuori dall'Europa che conta, niente più finanziamenti Uefa e via con il ridimensionamento. A quest'ultimo aspetto va associato anche il fenomeno della fuga di quelli che hanno, o pensano di avere, un ottimo mercato e talento da vendere al prossimo, miglior offerente. Sembra di vederla la fila di alcuni procuratori, come quei greci davanti ai bancomat per prelevare tutti i loro averi e poi, via, in fuga verso altre realtà di cui approfittare finchè la buona sorte e la salute dei loro assistiti glielo permette. Questa scena di scarso attaccamento alla professione e di pochissimo rispetto per chi ti ha beneficiato di un contratto che in pochi altrove ti avrebbero riconosciuto, si sta verificando sotto gli occhi dei tifosi del Napoli, sconcertati dal ridimensionamento provocato dal doppio binario della cessione richiesta in maniera più o meno ufficiale dagli agenti di alcuni big e dalla conseguente necessità di pescare nell'ambito di quelli bravi, ma che non tutti ancora hanno avuto la capacità di accorgersene. Perché siamo arrivati a questo? Lo sanno anche nelle culle: una società come il Napoli non può permettersi di restare due anni fuori dalla Champions, se vuole tenere alto il livello di competitività della squadra. E la responsabilità di Benitez, in questo tracollo tecnico-economico del club, ci sta tutta. Con lui in panchina il Napoli ha perso almeno 80 milioni di euro dalla Champions ed ha speso 135 milioni di euro in cartellini di calciatori, molti dei quali appartenenti all'agenzia di Manuel Quilon, l'agente-socio di Benitez. In più, il monte ingaggi è stato innalzato del 40 per cento, fino alla somma di 146 milioni nel biennio ultimo, di cui, quasi 20 milioni sono finiti nelle tasche del coach spagnolo e del suo staff. Le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti, con quel ridimensionamento anagrafico che in altre realtà non si sta vivendo, nonostante gli ultimi risultati negativi. Questo perché nel Napoli c'è un uomo solo al comando, De Laurentiis, mentre altrove gli americani investono fior di quattrini per la squadra e lo stadio (Pallotta alla Roma), un indonesiano sta comprando Kondgobia, Imbula e Miranda (Thohir all'Inter) e un thailandese sta portando al Milan Jackson Martinez o Bacca, oltre al fiume di dollari che arriverà dalle borse asiatiche (mister Bee al Milan). Al cospetto di un quadro simile il tifoso del Napoli non è autorizzato a volare con la fantasia, ma deve solo avere fede e sperare che le scelte rivolte verso il basso, producano gli stessi effetti che si registrarono all'epoca del tanto vituperato Mazzarri. Ora in panchina è arrivato uno simile, perché toscano (anche se nato per caso a Napoli) e perché non è un errore definirlo Ma...Sarri. Un tecnico di alta qualità, pur se con un anno appena di serie A e con il difetto di lavorare molto sul gruppo, quotidianamente ed a più riprese, come farà nelle tre settimane consecutive di ritiro, un periodo così lungo non lo si viveva dall'epoca di Brusson. Sarri ha spesso ripetuto a chi gli è vicino che il Napoli attuale gli basterebbe eccome per poter puntare a pieno diritto per un posto in Champions. Ma De Laurentiis gli ha spiegato che ci sarà rivoluzione, un po' perché il fatturato stagionale del club non può permettere un monte ingaggi tanto elevato e poi perché i big pretenderebbero vetrine oggi più luminose di quella partenopea. Beh, che vadano, purché arrivi nelle casse del Napoli il giusto prezzo, senza sconti alcuno. Nemmeno per Higuain. Poi ci penserà Sarri a riorganizzarsi con una formazione che tornerà a parlare soprattutto l'italico idioma e con una formazione che ha già in mente. Volete sapere qual è? Eccola. Napoli con il 4-3-1-2: Reina; Vrsaljko, Rugani, Romagnoli, Darmian; Allan, Valdifiori, Hamsik; Saponara; Gabbiadini, Higuain oppure Immobile o Zaza. Non vi piace? Vi sentite ridimensionati? Probabilmente è così, ma se leggete bene i nomi, vi accorgerete che sono tutti elementi che fanno parte del giro delle Nazionali. Poco celebrati forse, ma scarsi certamente no.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Rivoluzione? Invoco il Commissario… Juve, c’è un problema! Roma? Ha ragione Falcao… 22.11 - Sto ancora elaborando il lutto (l’esclusione dal Mondiale) ma mi sta anche salendo quella sana rabbia di chi pretende un cambiamento, non di facciata ma reale!!! Il popolo ha avuto il sangue che bramava: le teste di Ventura e Tavecchio sono rotolate sul selciato… Purtroppo, il resto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.