VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Grinta, cul e un piano segreto: ecco dove andrà a finire il Milan di Inzaghi. L'Inter vola, ma Mazzarri ora è di fronte a un bivio senza ritorno.

16.09.2014 00:00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 50427 volte
© foto di Federico De Luca

Domenica ero a San Siro. Non capita spesso perché A) Sono pigro. B) Anche a tre chilometri di distanza il parcheggio costa minimo 7 euro. C) Trovi sempre qualcuno che ti urla "Biasin coglione" e tu puoi fare finta di niente ma un po' ci rimani male.

Domenica però potevo usufruire di due clamorosi "bigliettoni omaggio". Non avevo scuse, insomma. E poi era la prima della nuova Inter, c'era un bel sole e nella "zona hospitality" servivano lasagnette ai due ragù e pasta casereccia in quantità.

Parcheggio la macchina a tre chilometri di distanza: il cartello dice "1,20 euro all'ora". Penso: "Metto grattaesosta per 4,80 euro e sono a posto". Trovo la gentile signorina provvista dei tagliandi: "Me ne dà quattro per favore?". Risposta: "No, deve prenderne uno da 7 euro". E io: "Ma come scusi, c'è qualcosa di profondamente illogico in tutto ciò". Da lontano uno urla: "Biasin coglioneeee!!!". E la tizia: "O mi dà 'sti 7 euro o partecipo al coretto". Pago senza colpo ferire ma ho la seria intenzione di rifarmi con le lasagnette ai due ragù. In zona buffet è il solito vergognoso carnaio: c'è chi magna a quattro palmenti, chi per non rifare la fila due volte tenta il colpo del campione: "Posso avere tre bicchieri di rosso per favore?". "Ma lei è da solo". "C'è una mia zia di primo grado laggiù in un angolo". "Lei dice cazzate". "Allora mi dia un bicchiere solo ma molto grosso. Una tazza se possibile". Cose così. A un'ora dall'inizio del match sono sbronzo come una pigna. Alterno i carboidrati della lasagna agli zuccheri dei pasticcini e delle frolle. Nel mio stomaco si rivive la battaglia di Waterloo. E ovviamente io sono Napoleone. Decido che è ora di occupare gli spalti, prima scelgo lucidamente di accedere al cesso reale per non avere problemi di plin-plin durante il match. In zona pisciatoi uno mi osserva: lo vedo, capisco che ce l'ha con me. Me ne vado. All'uscita tendo l'orecchio. Il tizio parla a un amico: "E' quello che scrive su Tmw". E l'altro: "Bel coglione". E sono due. Penso: "Almeno questo non l'ha urlato sulla pubblica piazza". E in un amen sono sugli spalti.

All'altoparlante danno le formazioni e lì capisco di essere totalmente in balia dei tannini: mi sembra di capire che Mazzarri schiererà Kovacic assieme a Hernanes e Osvaldo vicino a Icardi. E' chiaro che vivo uno stato di delirio. E invece no, è tutto vero. Walter stupisce tutti quanti dimostrando coraggio leonino. E l'Inter gioca una partita all'altezza pur contro un Sassuolo dopolavoristico. In conferenza stampa Mazzarri è giustamente soddisfatto, se la tira un po' ma in fondo chi non lo farebbe dopo cotanta vittoria? Ora siamo al bivio: Walter ha la possibilità di diventare finalmente "nerazzurro", i tifosi sono dispostissimi ad assecondarlo. Per meritare gli osanna, però, deve confermare "l'Inter alla bersagliera" anche a Palermo, su un campo difficile dove però ha il dovere di aggredire: così devono fare tutte le squadre che ambiscono alla zona Champions. La sensazione è che il tecnico combatta una personalissima battaglia personale tra quello che vorrebbe fare (modulo a una punta per non rischiare troppo) e modulo a due punte che tanto piace alla gente e a patron Thohir (oltre a Moratti, ieri in tribuna dopo la "pace ritrovata" con l'Indonesiano).

Le certezze intanto sono in campo: Medel ha muscoli e fosforo sufficienti per essere anche solo accostato al Gattuso dei bei tempi. Se anche valesse la metà di Ringhio sarebbe comunque un acquisto azzeccato. Icardi ha movimenti da prima punta illuminata: certe cose non te le insegna nessuno, te le regala mammà. Per Kovacic vale lo stesso ragionamento, ma a differenza dell'argentino il baby gioiello deve dimostrare di essere in grado di fare la differenza anche nelle partite più difficili. Insomma, da San Siro tante buone indicazioni e qualche certezza: A) Non basta un 7-0 per parlare di "squadrone" (in fondo finì con lo stesso risultato anche l'anno scorso). B) Mazzarri ha "svoltato" ma ora deve dimostrare di sapere gestire il doppio impegno campionato-Europa League. C) Se due indizi fanno una prova, sono un coglione.

Lo stesso volgarissimo epiteto non vale per il vero protagonista della seconda giornata e cioè il francesino Menez. In quanto "coglione" confesso di aver ampiamente toppato il mio giudizio sul giovanotto venuto da Parigi. Pensavo in buona sostanza che si trattasse del solito parametro zero senza arte né parte, destinato a venire a Milano a mangiare pane a tradimento e senza dare nulla in cambio. Ebbene, dopo due sole partite possiamo affermare con ragionevole sicurezza che Galliani questa volta ha pescato il jolly: il ragazzo corre, si sacrifica, ha doti non comuni e rientra ampiamente nel "cerchio magico di Pippo". Ecco, Pippo. Chi ha visto il match bestiale di Parma non può non aver notato lo spettacolo nello spettacolo che va in scena sulla panchina del Diavolo: Inzaghi è senza dubbio il 12° giocatore del Milan e - non si offenderà - ha il culo tipico dei grandi allenatori. Sacchi, per dire. Anche in campo sembra che i rossoneri possano volgere prima o poi verso un 4-4-2 camuffato con Bonaventura/El Sharaawy e Honda sugli esterni e Torres e Menez davanti.

Lusso vero che però non può non far dimenticare certi obbrobri visti al Tardini. La fase difensiva del Milan non funziona, la riproposizione costante di Bonera sa di "accanimento terapeutico", per un Abate che risorge c'è un De Sciglio davvero sotto tono, e poi tocca ancora una volta trattare la faccenda portiere, Diego Lopez in questo caso, presentato con peana e orpelli che neanche Yashin e ora già completamente in discussione. Per intenderci: alla notizia "Diego Lopez è infortunato: salta certamente la Juve" in certi Milan Club hanno acceso ceri di ringraziamento per il miracolo compiuto da San Abbiati da Abbiategrasso. E' la solita faccenda dei parametri zero o giù di lì: una volta ti va bene, quell'altra ti dice male.

Questione Napoli. In questo caso c'è poco da fare i pirla. Da un paio di settimane, chi scrive, fa notare che è ora di uscire allo scoperto. De Laurentiis o chi per lui (magari non il figlio, già ribattezzato "la tocco piano Edoardo") ha il dovere (l'obbligo?) di parlare alla sua gente. Dove sono finiti i tweet, le interviste, le presentazioni in pompa magna, gli appelli anche un filo arroganti ma capaci di creare entusiasmo nella piazza? Che fine hanno fatto le fughe in motorino, gli attacchi al sistema e tutto il corollario di "apparizioni" che hanno trasformato il produttore in uno dei re del nostro calcio? Il De Laurentiis "normalizzato" ci piace poco. Ancor meno il Napoli confuso e svogliato che ha perso con il Chievo. Higuain è parso svogliato, sicuramente meno "in palla" di Maxi Lopez, uno che ha un centesimo del talento dell'argentino ma compensa col sudore. Il Napoli ha prodotto molto ma a tratti sembrava in vacanza come il suo allenatore durante la sosta per le nazionali (l'ha fatto anche l'anno scorso? Ha sbagliato due volte). Il pubblico di Napoli non merita di essere "abbandonato" e la già povera Serie A non può perdere così presto la terza in ordine di pronostico per lo scudetto.

Chi resta in vetta alle quote è la Juve: la squadra di Allegri vince in modo diverso da quella di Conte. Più organizzata e meno furiosa, più manovriera e meno aggressiva: il risultato non cambia. Anche in questo caso personalmente ero scettico, e invece il toscanaccio sta davvero bruciando i tempi nel suo processo di "juventinizzazione".

Ora Max dovrà esibirsi nella sua specialità: il superamento del girone di Champions. Con il Milan ce l'ha fatta quattro volte su quattro, contro avversari spesso alla portata e senza mai mettere insieme più di 10 punti. Come dire: massimo risultato con il minimo sforzo. Proprio quello che serve ai bianconeri per dimenticare Istanbul. A Milanello in passato hanno dimostrato di sapersi liberare degli incubi della capitale turca, ora tocca a Max.

P.s. Chiudo con l'argomento più interessante e centrale della settimana, la discussione che ha tenuto svegli tutti gli italiani: ma la nuova Miss Italia è buonacomeilpane o è un ferro da stiro? Dopo lunga, lunghissima, straziante e personalissima riflessione sono arrivato a una conclusione davvero profonda: mi son fatto di peggio (E voi? Vi siete fatti di peggio? Dite dite... Twitter: @FBiasin).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.