VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Higuain alla Juve, ecco tutti i retroscena del colpo dell'anno. Il giocatore ha detto si. Pronti 94 mln per il Napoli o 35 più Rugani, Pereyra e Sturaro. Allegri vuole anche Hamsik

15.07.2016 08:47 di Enzo Bucchioni   articolo letto 198169 volte
© foto di Federico De Luca

Higuain ha detto sì alla Juve, la più grande bomba di calciomercato dell'anno è scoppiata ieri sera poco dopo le venti. Che nell'aria ci fosse qualcosa di grosso, che la Juve stesse per fare il colpo dei colpi, era da giorni qualcosa di più di una sensazione. E adesso tutto è più chiaro. La Juventus vuole provare a vincere la Champions e dopo gli ingaggi di Dani Alves, Benatia, Pjanic e quasi Pjaca, serviva anche un grandissimo centroavanti in grado di portare la Signora al livello delle grandi d'Europa. L'operazione è scattata un mese fa quando Marotta ha capito definitivamente che Morata sarebbe rimasto al Real e quasi contemporaneamente il fratello manager di Higuain annunciava la volontà di lasciare Napoli.

In questi casi si punta dritto sul giocatore e Marotta ha ottenuto il sì di Higuain dopo una lunga trattativa. All'argentino, per la Juve, andranno 7.5 milioni di euro l'anno per quattro anni con bonus legati ai gol e ai trofei vinti che potrebbero facilmente alzare la cifra attorno ai dieci milioni. A Higuain piace l'Italia e il campionato italiano, voleva provare a vincere qualcosa e con la Juve è assai più probabile che con il Napoli.

La Juve, del resto, ha capito che dopo cinque scudetti era inevitabile puntare a vincere la Champions, primo perché il sesto scudetto non sarebbe poi così entusiasmante per i tifosi ormai abituati ai trionfi italiani, secondo perché la conquista della Champions o un percorso positivo in Europa, potrebbero portare prestigio, entusiasmo e risorse economiche. Insomma, puntare su Higuain è un esborso importante, ma potrebbe diventare un affare. Tanto più che la Juve ha ottimi bilanci e liquidità, ha in cassa da spendere i soldi incassati per Morata, e Higuain potrebbe diventare anche uno straordinario colpo per il marketing e il merchandising.

La Juventus ha fatto talmente bene i suoi conti che se non dovesse trovare un accordo con De Laurentiis, è disposta a pagare la clausola da 94 milioni scaduta il 30 giugno.

La trattativa con Adl non si preannuncia semplice. E' vero che incassato l'ok del giocatore la Juve ha molta forza, ma Adv è un tipo capace di tutto. Higuain ha un contratto per altri due anni e in teoria, se nessuno paga la clausola, dovrebbe restare a Napoli. Conviene?

Non crediamo. Un giocatore demotivato, con la testa da un'altra parte, potrebbe diventare un autogol e fra due anni Adv rischierebbe di perdere tutto senza incassare un euro.

L'incontro fra le società dovrebbe esserci lunedi': De Laurentiis ha in mano un contratto con il giocatore, la Juve ha l'accordo per il futuro.

Come finirà? I bianconeri sono pronti a offrire Rugani (valutato 30 milioni), Pereyra (18) e Sturaro (15) più una cifra attorno ai trenta milioni. I giocatori piacciono a Sarri, ma De Laurentiis potrebbe arroccarsi sul no. In tal caso la Juve sarebbe comunque pronta a fare il colpo cash proponendo la clausola da 94 milioni, soldi in parte recuperabili dalla cessione di Morata e da quella di Zaza (al Wolfsburg) per 25 milioni.

Da oggi saranno giorni caldissimi. Se Adl è il furbo, gattopardesco dirigente conosciuto sugli affari Cavani e Lavezzi, capirà che comunque la Juve, con Higuain o senza, è ben al di sopra del Napoli. Tanto vale cercare di colmare il gap attraverso altre strade. Certe offerte sono irrinunciabili. Con 94 milioni si possono comprare diversi grandi giocatori. Il pacchetto offerto dalla Juve non è male.

Poi, l'acquisto di Higuain, secondo l'idea della Juve, non comporterebbe necessariamente la cessione di uno fra Pogba e Bonucci, anzi la Signora farà di tutto per tenere entrambi. Le dichiarazioni d'amore di ieri di Pogba verso Mourinho e il Manchester hanno allarmato, ma non più di tanto, il francese è giovane, proveranno a farlo partire l'anno prossimo con la Champions in mano. Certo che una Juve con Buffon, Barzagli (Benatia) Bonucci,Chiellini; Dani Alves, Khedira, Pjanic, Pogba, Evrà; Dybala e Higuain con Mandzukic, Pjaca, Marchisio e tanti altri in panchina pronti al turn over, farebbe davvero paura.

Ma non è tutto. Nell'incontro con Adl (quando ci sarà) la Juve ha intenzione di chiedere anche Hamsik che già l'anno scorso è stato vicinissimo alla Signora. Se Adl è furbo potrebbe comunque sperare che una Juve distratta dalla Champions potrebbe essere un ostacolo meno forte in campionato. Vedremo.

Fra le altre, Mancini si è arreso. Da ieri ha capito che Tourè non glielo compreranno mai. Suning ha in testa una grande squadra, ma non quella di Mancini. Vedremo cosa succederà. Prima conferenza stampa stagionale di Paulo Sousa e perplessità anche per la panchina viola. Gli hanno detto che deve pensare solo ad allenare i giocatori che ha a disposizione senza criticare il mercato della società come l'anno scorso. Mi sembra un allenatore dentro una camicia di forza. Triste.

E legato a Firenze solo in virtù di un contratto, senza entusiasmo. Forse, se avesse potuto, se ne sarebbe andato. Spero di sbagliare per la Fiorentina, ma se così fosse non mi sembra un buon inizio. Animo Sousa, animo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il mercato “tedesco” dei bianconeri. Inter: le tre mosse di gennaio e la rabbia di Spalletti. Napoli: il nodo Verdi e la scelta-scudetto. Milan: auguri Ringhio... e occhio alla sorpresa. Giù le mani dal Var! 09.01 - Buondì. “Auguri a te e famiglia” va in vacanza. Lo rispolvereremo a inizio dicembre 2018. Fine delle feste. Siamo tornati tutti. Non si trova parcheggio. Molti sono incazzati. Qualcuno ha smontato l’albero, l’ha messo in cantina. Altri no, lo lasciano lì “perché in fondo arreda”...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Qualcuno aiuti Spalletti: ecco di cosa ha bisogno l'Inter a gennaio. Milan, DNA Gattuso ma non credete ai miracoli. Tommasi in FIGC? Ha già distrutto la sua categoria. Gravina, unica soluzione credibile 08.01 - Spalletti se ne va in vacanza sbattendo la porta. Per uno come lui è stato già un miracolo aver aspettato il 5 gennaio prima di sbottare. Lo hanno preso, in estate, facendogli credere in una campagna acquisti che a Roma avrebbe potuto solo sognare. Gli hanno preso 4 rinforzi, di cui...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.