VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

I calciatori del Napoli devono prendere spunto da Bacca e Adriano: sono sempre i campioni a fare la differenza per vincere partite insidiose contro formazioni di livello medio basso

Laureato in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
30.08.2015 00:00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 93373 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Bacca e Luiz Adriano tolgono le castagne dal fuoco al Milan imbrigliato a San Siro dall'Empoli che ha fatto del pressing la sua arma migliore: è la sintesi perfetta di ciò che dovrebbe essere il Napoli per uscire dall'impasse di una fase di crescita che stenta a decollare. Servono i campioni, quelli acquistati a suon di milioni per risolvere le partite contro le formazioni di rango inferiore, ma che quest'anno strapperanno via non pochi punti alle big di serie A. La comparazione con il Napoli attuale è presto fatta e ci riporta direttamente alla squadra di Sarri, con una lista bella lunga di calciatori che possono fare la differenza, alzando il tasso di qualità degli azzurri. Dalle parole di Maurizio Sarri ("E' come se fossimo passati dall'iphone al Samsung: serve un po' di tempo per capire la differenza di sistema") si intuisce che servirà ancora un po' di tempo per constatare il livello di diversità rispetto al Napoli delle ultime due stagioni e, nel frattempo, toccherà ai big della squadra caricarsi sulle spalle il gruppo per fare fronte a tutte le difficoltà che si sono intraviste durante la prima giornata di campionato. Higuain e Callejon, Mertens e Reina sono i calciatori superiori alla media nella massima serie e solo con il loro ritorno al miglior rendimento, si riuscirà a fare la differenza dall'interno di un Napoli che sta soffrendo non poco la metodologia di lavoro, ben più dura rispetto al recente passato. Inutile pensare e poi rammaricarsi, quest'anno sarebbe decisivo per un prosieguo esaltante, che soprattutto i calciatori ipervalutati non siano considerati "come palle al piede". Lo dico perché questo è il momento che Higuain e Mertens, Callejon e Insigne, Albiol, Gabbiadini e Reina prendano coscienza del parziale ridimensionamento del progetto tattico e tracciare la strada si' da permettere ai compagni meno blasonati di maturare determinazione e personalità tali da evitare il calo agonistico e tattico espresso dalla formazione azzurra col Sassuolo. Ormai il mercato è finito e chi voleva rimanere è rimasto, mentre chi voleva partire ha preso coscienza che può essere divertente anche un'altra stagione a Napoli, nel corso di un campionato che finora ha visto solo il Sassuolo avere una continuità di rendimento che gli ha permesso di arrivare in testa alla classifica. Per carità, stiamo parlando di un campionato in cui quelle che hanno valori tecnici superiori, prima o poi risaliranno la china. Tra le big c'è anche il Napoli, protagonista finora di un mercato al di sotto delle aspettative e con la necessità di trasmettere nuovamente le motivazioni a quei calciatori rimasti scottati dal quinto posto scorso. Non sarà semplice ed è forte il rischio di rivedere una squadra scarsamente motivata al cospetto di avversarie dal nome non altisonante. Ecco perché sarà fondamentale che Sarri e Giuntoli riescano a scuotere il Pipita, a creare per lui un sistema di gioco che gli permetta di essere devastante nei panni del bomber. Solo così, vedendo il sacrificio dei pezzi da novanta, i giovani potranno lavorare sodo ancor di più. Fino ad arrivare ad un livello di preparazione tale che permetterà alla squadra di essere asfissiante per quasi tutta la partita e piegare le altrui resistenze per l'esaltazione del reparto offensivo che, sulla carta, è il migliore dell'intero campionato italiano. E' un lavoro certosino, massacrante, in cui la psicologia diventa la chiave d'accesso per passare da una stagione ad oggi incerta, fino ad un'altra in cui la pericola scommessa sottoscritta, possa essere vinta da De Laurentiis.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.